Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 61)

Nella controversia di idee sulla regola del divieto del terzo mandato tra Grillo e Conte ha prevalso il dettato di Grillo che non ha voluto sostenere l’ipotesi di deroga avanzata dal nuovo leader dei pentastellati.
In questo modo molti colleghi parlamentari all’Assemblea Regionale non potranno ricandidarsi alla prossima competizione elettorale regionale.
Una regola che non condivido anche in virtù delle qualità che ho avuto modo di trovare in molti dei colleghi dei cinque stelle con cui abbiamo condiviso molte azioni politiche sia in aula che nelle commissioni.
Aldilà delle idee politiche e delle appartenenze sono dispiaciuto e da parte mia un grosso in bocca al lupo a tutti i colleghi Cappello, Ciancio, Siracusa, Trizzino, Zafarana e Zito che non potranno ricandidarsi ma che sono sicuro che continueranno le loro battaglie nel loro percorso politico.
E’ il commento dell’onorevole di “Prima l’Italia” e Presidente della Commissione di verifica e monitoraggio delle leggi Carmelo Pullara.

E’ accaduto la notte scorsa, nei pressi del bivio che porta a Vincenzella, Porto Empedocle. Una 34enne di Favara, a bordo della sua Fiat Punto ha urtato una moto facendo cadere per terra il conducente, un noto avvocato agrigentino. Subito dopo, si sconosce il perchè, invece di soccorrere il ferito è scappata via ma fortunatamente non facendo perdere le sue tracce.

Lanciato l’allarme sul posto i sanitari del 118 che hanno trasferito l’avvocato in ospedale per le cure necessarie. Nel frattempo i Carabinieri intervenuti prontamente, in una brillante operazione hanno rintracciato la fuggitiva che aveva nel frattempo raggiunto il centro empedoclino. E’ stata braccata in via Roma.

Da domani lunedì 1 agosto i suoi effetti inizieranno a farsi sentire con una prima leggera crescita delle temperature, più sensibile da metà settimana quando si aprirà definitivamente una nuova ondata di calore, la numero 6 di questa caldissima stagione 2022.

Le previsioni meteo di lunedì 1 agosto segnalano sole e bel tempo quasi ovunque. Solo nelle ore centrali potrebbero verificarsi dei passeggeri banchi di nuvole nelle zone montuose con possibili piogge e rovesci che interesseranno i rilievi della Calabria e Sicilia.

 

L‘uomo lavorava per una ditta della borgata con la qualifica di frigorista. A quanto si apprende, la vittima stava per rientrare a casa dopo una notte trascorsa con gli amici, alcuni dei quali viaggiavano in auto dietro di lui. Dopo lo schianto è stato subito dato l’allarme e sul posto è arrivata l’ambulanza, ma i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Foto Notiziario Eolie

Le domande riguardo alla prospettiva futura dell’organico Covid pervenute a questa Organizzazione, sono numerose – non solo da parte dei lavoratori,ma anche dai DS e DSGA- anche perché il personale in questione si è dimostrato fondamentale negli ultimi due anni di emergenza sanitaria. I DS sono preoccupati, il Covid è ancora lì, non è andato in vacanza, pronto ad aggredire ancora. La scuola, ha bisogno di tale organico aggiuntivo. Servirà in autunno, in considerazione dell’attuale situazione sanitaria. Senza dimenticare che la scuola del “teorico” ministro Bianchi, è ancora in attesa di urgenti interventi sul dimensionamento scolastico e sulla sicurezza degli edifici e delle aule. La scuola del “teorico” ministro Bianchi, è ancora in attesa di interventi urgenti per contrastare il fenomeno dell’affollamento delle classi e consentire una migliore funzionalità delle istituzioni scolastiche. L’organico Covid, (brutta etichetta) meglio chiamarli lavoratori della scuola, possono risultare utili anche rispetto al numero di alunne e alunni provenienti dall’Ucraina inserito nelle nostre scuole.            

In tema di supplenze ATA non c’è stata da parte del “teorico” ministro Bianchi, la  volontà di risolvere i problemi che puntualmente vengono segnalati dalle scuole, compresa l’indifferenza che mostra rispetto alle richieste di SGB di mettere mano al regolamento delle supplenze antico di oltre  20 anni . Molte sentenze di giudici del lavoro, affermano che il completamento delle supplenze spetta anche al personale che ha accettato una supplenza ai sensi dell’art. 59 CCNL 2006/2009, poiché tale personale si trova nello status giuridico di supplente.

In tema di ex lsu ATA e storici, bisogna inserire delle indicazioni puntuali rispetto ai 590 posti accantonati per la terza procedura di assunzione del personale prevista dall’art. 58, comma 5-septies, DL 69/2013, dal momento che lo slittamento nell’emanazione del bando e delle susseguenti immissioni in ruolo (disposte dalla norma al 1° settembre 2022) avranno delle ricadute anche sulle supplenze ATA. In questo caso occorre precisare che le supplenze sui 590 posti accantonati per la terza fase di assunzione, che slitterà a dopo il 1° settembre 2022 comporterà, dapprima, l’attribuzione di supplenze a termine (ex art. 41 CCNL 2016/2018) su tutti i posti, e successivamente alle assunzioni, supplenze possibilmente fino a fine anno sulle eventuali disponibilità residue. Il governo Draghi “pur caduto” rimane in carica per il disbrigo degli affari correnti quali: emanare decreti legge ed esaminare disegni di conversione. In ogni caso, anche nel più ottimistico degli scenari, ci sono delle scadenze cui il dimissionario governo Draghi dovrà far fronte. Supplenze, ex LSU, organico Covid. A tal proposito, Aldo Mucci dirigente nazionale SGB ha chiesto alla Presidente della VII Commissione Cultura e Istruzione  della Camera dei Deputati, una  audizione.

3.579 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 23.749 tamponi processati. Ieri erano 3.566. Il tasso di positività scende al 15% ieri era al 17,3%. La Sicilia è al settimo posto per contagi fra le regioni italiane. Gli attuali positivi sono 172.563 con un’aumento di 1.119 casi. I guariti sono 3.169 e 21 vittime che portano il totale dei decessi resta 11.656. Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 969, in terapia intensiva sono 53.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Palermo 963 casi, Catania 824, Messina 856, Siracusa 313, Trapani 368, Ragusa 272, Caltanissetta 165, Agrigento 397, Enna 151.

“Mudibus ha un solo obiettivo: aumentare il flusso di coloro che visiteranno il centro storico di Agrigento e il colle in maniera particolare. L’ha progettato Ecclesiva viva con il museo Diocesano, sostenuto dal Mic-Invitalia.

Il servizio stagionale di navette turistiche elettriche, reso possibile dalla collaborazione con il Comune di Agrigento per la stagione estiva 2022 sarà operativo dal 2 agosto, dal lunedì al sabato, e sarà garantito dalle 10 alle 13 e dalle 15,30 alle 19.

I mezzi elettrici attraverseranno le vie del centro storico e centro città, alcune delle quali non servite dal trasporto pubblico urbano. Un servizio con soste presso o vicino siti monumentali. Tale servizio presenta un notevole carattere di innovazione in quanto consente ai turisti, che hanno visitato la Valle dei Templi, lasciando i propri mezzi nei parcheggi pluripiano o in piazza Vittorio Emanuele, di raggiungere il centro città e il colle e percorrere in maniera agevole e flessibile le vie cittadine.

Il servizio permetterà di raggiungere senza fatica i luoghi turisti e della cultura della città: museo diocesano, cattedrale o torre Montaperto, o torre medievale dell’orologio, o sala dei Sarcofagi, o sala dei testi antichi, o ex aula capitolare. Ma anche il palazzo Vescovile, la chiesa di Santa Maria dei Greci o Antiquarium, la chiesa di Santo Spirito, il museo di Santo Spirito, palazzo Filippini, chiesa di San Lorenzo, teatro Pirandello.

Il servizio innovativo sarà green poichè i mezzi sono elettrici. La circolazione della navetta turistica avviene solo su itinerari predefiniti, per la valorizzazione culturale del territorio. Il servizio si presenta come complementare all’attività di fruizione e valorizzazione nei siti di interesse culturale nel centro storico di Agrigento.

Il sig. A.G., nel 2017, ha acquistato il ramo d’azienda concernente la gestione di uno stabilimento balneare sito a Palma di Montechiaro, realizzato su area demaniale marittima con regolare concessione.
Successivamente all’acquisto del complesso aziendale relativo allo stabilimento balneare, il sig. A.G. ha presentato istanza di subingresso nella titolarità della concessione demaniale marittima al competente U.T.A. oggi S.T.A. di Agrigento e Caltanissetta.
Dalla presentazione dell’istanza di sub-ingresso, il sig. A.G. ha avviato regolarmente la gestione del proprio stabilimento balneare senza alcuna obiezione da parte del Demanio Marittimo, provvedendo al regolare pagamento dei canoni concessori.
Nel 2019, peraltro, l’Amministrazione demaniale aveva rilasciato in favore del sig. A.G. anche l’autorizzazione per l’occupazione temporanea di una porzione di arenile antistante lo stabilimento balneare in questione.
Malgrado ciò, a distanza di diversi anni, l’Amministrazione demaniale, all’insaputa del sig. A.G. ha avviato un procedimento di decadenza della concessione marittima nei confronti del precedente titolare dello stabilimento balneare, contestando la presunta abusiva sostituzione dell’originario titolare della concessione demaniale.
Sempre all’insaputa del sig. A.G., l’Amministrazione demaniale, ha altresì disposto l’ordine di rimessa in pristino dei luoghi e sgombero dell’area demaniale occupato dallo stabilimento balneare in questione.
Solo dopo aver avuto conoscenza dei provvedimenti adottati dall’Amministrazione demaniale, il sig. A.G. con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Vincenzo Airo’, ha proposto ricorso al TAR Palermo chiedendo l’annullamento previa la sospensione.
In particolare, gli avvocati Rubino e Airo’ hanno dedotto l’illegittimità del provvedimenti dell’Amministrazione demaniale per essere stati adottati senza il preventivo coinvolgimento del sig. A.G., effettivo gestore dell’attività, e per l’assenza di qualsivoglia ipotesi di condotta abusiva a fronte della presentazione di un regolare istanza di sub-ingresso, non esitata solo per fatto imputabile alla PA, e della notorietà della posizione del ricorrente che da anni pagava regolarmente il canone ed aveva ottenuto dalla stessa Amministrazione provvedimenti concessori funzionali all’attività del proprio stabilimento.
Inoltre, i difensori del sig. A.G., tenendo conto della stagione estiva già avviata, del personale già assunto e degli impegni con fornitori ed utenti, hanno dedotto la sussistenza di ragioni di estrema urgenza, tali da richiedere un pronunciamento monocratico cautelare prima della fissazione della prima udienza utile per la trattazione della domanda cautelare.
Il Presidente del TAR Palermo, Salvatore Veneziano, in accoglimento delle difese degli Avv.ti Rubino e Airo’, con decreto cautelare monocratico, ha ritenuto sussistenti i presupposti di estrema gravità ed urgenza per la sospensione dei provvedimenti impugnati in vista della prima camera di consiglio utile prevista per il mese di settembre.
Per effetto del decreto reso dal Presidente del TAR Palermo, il sig. A.G. potrà mantenere la gestione dello stabilimento balneare fino alla decisione sulla domanda cautelare in sede collegiale, prevista per il mese di settembre.

Il sindaco Fabio Termine, che nei giorni scorsi è stato costantemente impegnato in prima linea nel corso degli incendi che si sono verificati in città, ieri si è reso protagonista di un’iniziativa unica nel suo genere.

Dopo avere appreso che l’unico autista in pianta organica al Comune era in malattia, ha deciso di sostituirlo guidando lui stesso l’auto dell’ente. Termine doveva andare urgentemente a Palermo, per un incontro in un assessorato regionale. Nessun altro impiegato del comune possiede la qualifica di autista, di conseguenza nessuno poteva accompagnarlo.

E così dopo avere chiesto al segretario generale il permesso di potere guidare personalmente la vettura di servizio per le missioni fuori città, si è messo alla guida dell’auto del Comune pur di raggiungere il capoluogo, trasformandosi in autista di se stesso.

Notte di sbarchi a Lampedusa dove sono approdati, con 10 diversi barconi, complessivamente 580 migranti. Tre delle dieci imbarcazioni sono giunte direttamente a terra: 43 bengalesi, eritrei ed egiziani al molo commerciale, altri 45 egiziani a molo Madonnina, e altri 68, di cui parecchi tunisini, sono invece sbarcati in contrada Madonna nei pressi del santuario. A bloccare i primi due gruppi sono stati i militari della Guardia di finanza, e i 68 sono stati intercettati dai Carabinieri. Tutti i migranti sono stati trasferiti nel centro d’accoglienza in contrada Imbriacola.