Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 537)

Via libera in Sicilia, dal 26 maggio, alla vaccinazione per gli studenti maturandi. Lo prevede un’ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci, appena firmata.

Visto l’approssimarsi degli esami negli istituti secondari di secondo grado, gli alunni, volontariamente e senza prenotazione, potranno essere immunizzati. Due le tipologie di vaccino che saranno impiegate, in base all’età. Per i maggiorenni si farà ricorso al siero monodose Janssen o in mancanza AstraZeneca. Ai minorenni, invece, verrà somministrato quello Pfizer.

La vaccinazione anti-Covid coinvolge dunque sempre più i giovani. Da oggi infatti, in tutti gli hub provinciali dell’Isola, ha preso il via l’iniziativa lanciata dalla Regione “Proteggi te e i nonni”. Vengono dunque somministrate dosi ad anziani e giovani, non necessariamente legati da vincoli di parentela, non necessariamente nonni e nipoti, ma che devono recarsi insieme al centro vaccinale.

In sostanza, senza che sia obbligatoria la prenotazione, viene garantita una corsia preferenziale agli over 80 e ai loro accompagnatori, anche più di uno. Ai giovani viene somministrato il monodose Johnson & Johnson o Astrazeneca, agli anziani invece Pfizer o Moderna. Alla Fiera di Palermo ultraottantenni e over 18 possono venire insieme a vaccinarsi solo nel turno 8-24.

Il vaccino Pfizer potrà essere somministrato “esclusivamente” a chi ha prenotato. Lo ha comunicato il dirigente generale dell’osservatorio epidemiologico dell’assessorato alla Salute Mario La Rocca alle Asp. Quindi, nessuno, può scegliere percorsi alternativi pur di avere una dose dello Pfizer. Il documento è stato inviato lo scorso 19 maggio e in questa maniera, il direttore dell’Osservatorio epidemiologico vuole evitare che non ci siano le dosi per chi si è prenotato.

Il prossimo 26 maggio è atteso in Sicilia un nuovo carico di vaccini Pfizer, mentre quelli Moderna e Johnson & Johnson sono arrivati oggi.

Intanto nell’hub vaccinale di Palermo, così come in quelli di altre città siciliane, si sono registrate code di alcune ore per ricevere la somministrazione. E si prevede un week end da tutto esaurito nei centri vaccinali di tutta l’isola, grazie anche alle tante iniziative previste dalle varie province come ad esempio “Proteggi te i nonni” che, a Palermo, ha permesso, da oggi, agli under 18 di accompagnare un anziano a ricevere la dose di vaccino e ricevere a loro volta il siero.

493 i nuovi positivi al Covid19  su 26.335 tamponi processati, con una incidenza quasi del 1,9%, in diminuzione rispetto a ieri che era al 2,5%. La Sicilia è terza per numero di contagi giornalieri. I morti sono stati 11 e portano il totale a 5.720. Il numero degli attuali positivi è di 14.015 con una diminuzione di 998 casi. I guariti oggi sono 1.480. Negli ospedali i ricoverati sono 788, 30 in meno rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 99, 5 in meno rispetto a ieri

 

i nuovi positivi per province:

Catania 145;

Messina 96;

Palermo 90;

Trapani 44;

Agrigento 36;

Ragusa 36;

Siracusa 24;

Caltanissetta 12;

Enna 10.

Grosso rogo si è sviluppato in contrada Chimento bruciando il bosco nei pressi della Mosella. La segnalazione è partita già in mattinata e, per tutto il pomeriggio, sono andate avanti le operazioni di spegnimento. Due canadair si sono alzati in volo, per tentare di spegnere le fiamme.

Sul posto anche l’autobotte della Forestale con due operatori e gli ispettori del distaccamento di Agrigento. In corso le operazioni di bonifica. Proprio ieri si era registrato un altro incendio in contrada Garebici a Siculiana dove ad andare in fiamme sono stati un ettaro di bosco demaniale e ben dieci ettari di macchia Mediterranea.

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, leader del movimento “Sicilia Vera”, rilancia la propria candidatura alla presidenza della Regione, e afferma: “Sono già in campagna elettorale per governare la Sicilia, stiamo definendo l’organizzazione del movimento di ‘liberazione’ dell’Isola, lo presenterò a settembre e ne vedranno delle belle. Giocare d’anticipo è la mia storia. In questo momento il centrodestra sta cercando l’uomo giusto da candidare a presidente della Regione siciliana, perché tutti sanno che Musumeci è improponibile. Io sono già in campo, e in questo momento non mi pongo certamente il tema di chi mi sostiene o meno, non è questo il termometro che mi indica se andare avanti o fare un passo indietro. Il mio slogan è ‘la Sicilia sopra i partiti’, e ricalca quello che mi ha portato a diventare sindaco a Messina. Crocetta è stato una iattura, Musumeci una sciagura perché non ha realizzato in tre anni una sola riforma”.

La pandemia coronavirus: la Sicilia si conferma gialla. Il ministro alla Salute, Roberto Speranza, ha scritto su facebook: “Con il monitoraggio e le conseguenti ordinanze di oggi l’Italia sarà tutta in area gialla. E’ il risultato delle misure adottate finora, del comportamento corretto della stragrande maggioranza delle persone e della campagna di vaccinazione. Continuiamo su questa strada con fiducia, prudenza e gradualità”.

Ad Agrigento, domani, sabato 22 maggio, con partenza alle ore 11 dal Tempio di Giunone, si svolgerà una staffetta podistica non competitiva a sostegno della ricerca contro i tumori infantili. La stessa iniziativa è stata organizzata anche in altre 20 città italiane. Alla staffetta, promossa dalla onlus Run4Hope Italia, ha aderito il gruppo sportivo “Valle dei Templi” di Agrigento. Dal tempio di Giunone si corre lungo la via Sacra, poi verso la statale 115 fino a Piano San Gregorio, poi a Palma di Montechiaro dove il testimone della staffetta sarà posto nelle mani degli atleti appartenenti al gruppo sportivo “Valle dei Templi” di Palma di Montechiaro. Alla manifestazione ha aderito il Lions Club Agrigento Host che sarà presente con la presidente Barbara Capucci e con alcuni soci. Alla partenza sarà inoltre presente la consigliere regionale del Comitato Sicilia e Delegata di Agrigento dell’Associazione per la ricerca contro il cancro, Fina Alongi.

Su richiesta della Procura di Sciacca i Carabinieri della Compagnia di Bagheria hanno arrestato ai domiciliari quattro persone, e ad altre due è stato imposto l’obbligo di dimora. Ai domiciliari sono ristretti tre palermitani e un uomo di Terrasini, indagati di usura, truffa e falso. Anche gli altri due indagati sono di Palermo. Sarebbero parte di un’organizzazione che si sarebbe arricchita sfruttando la disperazione della gente che, pur di accedere al credito, avrebbe accettato di pagare interessi del 20% per l’intermediazione finanziaria. Dell’organizzazione sarebbero stati parte anche alcuni professionisti. Loro avrebbero dialogato con gli istituti finanziari per ottenere prestiti fino a 60.000 euro. A beneficiarne sarebbero state persone prive dei requisiti, con una nuova identità grazie a documenti falsi.

Oggi, venerdì 21 maggio, a Porto Empedocle, all’Hotel Tiziana, dalle ore 16:30 in poi, si svolge, su iniziativa del Comitato civico “Insieme per il futuro di Porto Empedocle”, un incontro sul tema: “Commemorazione della strage di Capaci e di tutte le vittime della violenza”. Intervengono Nicolò Mannino, fondatore e presidente del Parlamento della Legalità, e l’imprenditore Calogero Lattuca, candidato a sindaco alle prossime Amministrative a Porto Empedocle.

Si sono chiuse nella tarda serata di ieri, con lo spoglio delle schede, le consultazioni elettorali per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Architetti di Agrigento, per il prossimo mandato 2021-2025. Alla votazione hanno partecipato 571 architetti, 552 dei quali hanno votato Rino La Mendola, che ha raccolto un consenso pari al 97,55% dei votanti; a seguire, sono stati eletti tutti i componenti della lista che faceva riferimento allo stesso La Mendola. Sono stati eletti: Michele Ferrara, Giuseppe Antona, Giuseppe Mazzotta, Salvatore Porretta, Roberto Campagna, Giacomo Cascio, Mara Collura, Carmelina Drago, Pietro Fiaccabrino, Angela Muratore, Isabella Puzzangaro, Patrizia Russotto, Giuseppe Vita, Raimondo Zambuto.

Concluse le operazioni di spoglio delle schede elettorali, il presidente uscente Alfonso Cimino ha convocato gli eletti per l’insediamento del nuovo Consiglio e, all’unanimità, hanno votato il nuovo Presidente, nella persona di Rino La Mendola.

Nel corso dell’insediamento, sono stati elette anche le cariche istituzionali: Michele Ferrara (vicepresidente), Giuseppe Antona (vicepresidente aggiunto), Giuseppe Mazzotta (consigliere segretario) e Salvatore Porretta (tesoriere).

Durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo Consiglio è intervenuto il Presidente uscente, Alfonso Cimino, che continuerà a rappresentare gli architetti siciliani in senso alla Commissione Tecnico Scientifica dell’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente ed il Presidente neoeletto Rino La Mendola.

“Si chiude oggi un percorso meraviglioso – commenta Alfonso Cimino – Sono stati quattro anni intensi, di lavoro compiuto con grande senso di responsabilità e senso del dovere, durante il quale ho avuto l’onore di rappresentare gli architetti agrigentini e non abbiamo soltanto valorizzato la figura dell’architetto in tutti i campi ma abbiamo anche cercato di stimolare il nostro territorio. Una provincia, la nostra, meravigliosa che ancora stenta a essere motore pulsante della regione nonostante le bellezze architettoniche e ambientalistiche. Il nostro territorio è la vera porta del Mediterraneo e, quindi, deve avere il giusto rispetto. Lascio nella consapevolezza di aver pensato a un nuovo Consiglio che sarà guidato magistralmente dal mio instancabile amico Rino La Mendola. L’Ordine degli architetti è una grande famiglia, un’istituzione forte che, sono certo, continuerà a lavorare per il territorio agrigentino”.

“Torno sul territorio – afferma Rino La Mendola – dopo la proficua esperienza maturata a livello nazionale, nel corso della quale ho avuto la soddisfazione di raggiungere una serie di obiettivi concreti e importanti per rilanciare la centralità del progetto di architettura nei processi di trasformazione del territorio e aprire il mercato del lavoro ai giovani e agli architetti di talento. Cercherò di sfruttare, nel migliore dei modi, l’esperienza maturata in seno a consessi impegnativi come il Consiglio nazionale e il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, per superare le criticità che continuano ad affliggere la professione dell’architetto e per coinvolgere le istituzioni competenti in nuove politiche di gestione del territorio, fondate sulla qualità del progetto che puntino da una lato alla rigenerazione urbana e al recupero dei nostri centri storici e, dall’altro, alla realizzazione di nuove opere pubbliche finalizzato a ridurre il gap infrastrutturale che negli ultimi decenni ha progressivamente isolato la nostra terra. Tutto questo, proseguendo lungo un percorso già brillantemente tracciato dal Consiglio dell’Ordine uscente e dal presidente Alfonso Cimino, che ringrazio per avere consegnato, al nuovo Consiglio, un Ordine efficiente e in piena salute. Sono molto soddisfatto della composizione del nuovo Consiglio che integra la presenza di colleghi di provata esperienza con colleghi molto giovani in grado di apportare nuove idee e garantire nuovi impulsi nella gestione dell’Ordine”.