Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 527)

 

“Il messaggio che passa è che i migranti fanno terrore e gli italiani hanno paura, rischiamo di andare verso una deriva culturale. Qua a Lampedusa non sappiamo cosa fare se dovessero improvvisamente sbarcare 500 migranti, al vecchio governo chiedevo di essere ricevuto e mi dicevano di aspettare il nuovo governo”. Lo ha detto il sindaco dell’isola delle Pelagie, Totò Martello, al convegno “Lampedusa, giornalismo e cultura in un’isola aperta al mondo”, nell’ambito di ‘Lampedus’amore – Premio giornalistico internazionale Cristiana Matano’, la manifestazione dedicata alla giornalista scomparsa tre anni fa che si conclude stasera. “Ho chiesto al ministero per l’Interno più volte di capire cosa si deve fare con l’hotspot di Lampedusa – ha aggiunto il sindaco – che è stato chiuso, e non ho mai ricevuto risposta. Sulle intenzioni del nuovo governo non ho notizie, il ministro Salvini non mi ha risposto forse perché io non ho twitter e quindi non posso avere risposte”. 

Montevago, attacco di peronospora alle vigne: sindaco invita a segnalare i danni per richiesta stato calamità

L’amministrazione comunale presieduta dal sindaco Margherita La Rocca Ruvolo, con un avviso pubblico, invita gli imprenditori e gli operatori del settore vitivinicolo del comune di Montevago a segnalare tempestivamente i danni subiti dai loro vigneti a seguito del propagarsi di un aggressivo attacco di peronospora, determinato dalle forti e copiose piogge registrate nel mese di giugno 2018.

Le eventuali segnalazioni, indirizzate al sindaco e al responsabile del settore Affari generali e Manutenzioni, potranno essere inviate a mezzo email, pec, fax o consegnate brevi mano al protocollo dell’ente. Questi i contatti: protocollo@comune.montevago.ag.it
; protocollo.montevago@pec.it
, fax 092538698.

Dopo aver raccolto le segnalazioni il comune di Montevago inoltrerà alla Regione Siciliana la richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale.

 

Non solo interventi massicci sulla viabilità interna ma anche sulla manutenzione straordinaria e sulla sicurezza degli istituti scolastici. Un Piano di Opere Pubbliche arrivato grazie alla mai cessata attività progettuale del Libero Consorzio Comunale, nonostante la gravissima situazione finanziaria dovuta ai mancati o insufficienti trasferimenti da Stato e Regione che di fatto hanno rallentato, se non addirittura bloccato, gli interventi sul territorio. Il Piano è stato presentato questa mattina nel corso di un’affollata conferenza stampa dal Commissario Straordinario del Libero Consorzio dr. Girolamo Alberto Di Pisa, ed illustrato con l’ausilio di slides dai funzionari tecnici responsabili dei Settori Infrastrutture Stradali ed Edilizia Scolastica. Alla conferenza sono intervenuti anche il Segretario Generale del Libero Consorzio dott.ssa Caterina Moricca, Sindaci e Tecnici dei Comuni, gli Ordini Professionali, la Protezione Civile Regionale e le Associazioni di Categoria.
Sulla Viabilità interna il lavoro instancabile dei tecnici del Settore Infrastrutture Stradali ha permesso di accedere ai finanziamenti indispensabili per migliorare la transitabilità delle strade, secondo un elenco di priorità varato già qualche anno addietro, diverse strade provinciali che rappresentano importanti, se non esclusive, vie di comunicazione tra i paesi dell’entroterra. Le linee di finanziamento di questi progetti esecutivi redatti dai nostri tecnici sono state:
1. la delibera di Giunta Regionale n. 64/2015, che ha riprogrammato le risorse ex FAS 2000/2006 destinate a strade interne di rilevante importanza ma con evidenti criticità tali da non consentire il normale transito dei veicoli e quindi non in grado di assicurare i collegamenti con i servizi primari (scuole, attività lavorative, ospedali, ecc.). Sette progetti per quasi sei milioni di euro, con cinque gare d’appalto già ultimate, contratti firmati o in corso di stipula, mentre due progetti sono stati oggetto di recenti decreti di finanziamento.
2. Il Patto per il Sud, che ha finanziato lavori di manutenzione straordinaria di sei grandi comparti stradali per 19.857.000 euro, gare che sono in attesa di essere espletate all’UREGA (secondo la vigente normativa in materia di appalti)
3. I Fondi della Protezione Civile Regionale, che finanziano quattro progetti
4. la Delibera CIPE-Programma Operativo Complementare, con un importante progetto che interessa la SP n. 17-B Raffadali-Siculiana (6.500.000 euro) in attesa di decreto di finanziamento
5. La Delibera di Giunta Regionale n. 87/2017, che ha ammesso a finanziamento dieci progetti esecutivi riguardanti altrettante strade per oltre 9 milioni di euro. Si tratta di interventi già contenuti nella delibera 64/2015 per i quali erano mancati i fondi. In questi casi, si è in attesa dei decreti di finanziamento.
Efficace ed articolato anche il lavoro dei tecnici del Settore Edilizia Scolastica, con progetti sul miglioramento della sicurezza negli istituti di competenza del Libero Consorzio finanziati grazie all’Utilizzo degli spazi finanziari MEF per l’Edilizia Scolastica (interventi inseriti nella riprogrammazione dei Fondi MIUR con Decreto Ministeriale 607/2017), per oltre 2.500.000 euro di finanziamenti che hanno interessato quattro istituti scolastici (gare aggiudicate o in corso di aggiudicazione). Con lo stesso decreto sono stati finanziati altri due importanti interventi, rispettivamente di completamento del Liceo “Fermi” di Sciacca e di costruzione dell’ITC di Campobello di Licata, per oltre 9.500.000 euro, i cui bandi di gara sono stati pubblicati.
Sono stati richiesti inoltre 287.729 euro per l’esecuzione di indagini diagnostiche e le verifiche tecniche per la valutazione del rischio sismico in otto istituti (graduatoria del 19 giugno 2018, contributi a regia regionale)
Sono state presentate, inoltre, le candidature per l’accesso ai finanziamenti per le verifiche di vulnerabilità sismica e progettazione di eventuali interventi di adeguamento, 29 progetti per un importo di 7.591.000 euro (Registro ufficiale MIUR 00080008 del 28/03/2018, il cui termine per la candidatura è scaduto lo scorso 5 giugno).
Infine, sono state presentate anche le candidature per accedere ai finanziamenti per la messa a norma, secondo (Legge 128/2013, DDG 1448/ISTR del 20/04/2018 dell’Assessorato regionale dell’Istruzione) per interventi di adeguamento antisismico, impiantistico e funzionale e adeguamenti strutturali, per un importo richiesto di oltre 39.000.000 euro (termine scaduto lo scorso 2 luglio).

 

 

Ieri sera la seduta del Consiglio comunale di Agrigento, con all’ordine del giorno l’esame del bilancio consuntivo 2016, è caduta per mancanza del numero legale. E lo stesso è accaduto al mattino di oggi. In proposito interviene la consigliere comunale di “Liberi e uguali”, Angela Galvano, che afferma: “E’ una storia che ormai si ripete frequentemente, a causa della mancanza in aula dei consiglieri della cosiddetta ‘maggioranza’. Infatti, anche oggi erano presenti solo pochissimi di loro e questo non ha permesso l’apertura della seduta. E’ evidente che qualcosa nella maggioranza ‘firettiana’ non va bene, ed è naturale chiedersi se effettivamente esiste e se concretamente sostiene il Sindaco e la sua Amministrazione. Oggi più di ieri Agrigento versa in una situazione di gravissima difficoltà socio-economica, dove primeggia solo la crescita del disagio giovanile e l’aumento del numero di famiglie che non riescono più ad arrivare a fine mese, per non parlare delle carenze di alcuni servizi essenziali, come quello della spazzatura, e il degrado dei quartieri satelliti. Agrigento è stanca di assistere a questi ‘balletti’ che arrecano solo danni ai nostri concittadini. Il Comune rischia un tracollo in un futuro non molto lontano se non si avvia immediatamente una politica di risanamento, non fatta solo di parole, ma di azione concrete e mirate a salvare la nostra città da un triste futuro”.

Il consiglio dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Agrigento, presieduto da Giovanni Vento, esprime compiacimento e plauso per la recente stabilizzazione di oltre settanta medici operata dall’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Lo stesso Ordine dei Medici agrigentino afferma: “Tale piano di assunzioni a tempo indeterminato consente sia il potenziamento in forma stabile dell’organico che assicura servizi sanitari principalmente nell’area ospedaliera, sia l’abbandono dello stato di precarietà occupazionale che hanno avuto fino a pochi giorni fa i medici stabilizzati. Il presidente Vento, nei diversi incontri avuti con i vertici dell’Azienda sanitaria Provinciale aveva già affrontato e aveva sollecitato la questione attinente la stabilizzazione, richiedendone una celere risoluzione, così come avvenuto dallo scorso primo luglio. L’esecutivo dell’Ordine, ancora nell’ambito di una fattiva collaborazione, auspica il recupero sicurezza delle sedi dove è prestato il servizio di continuità assistenziale e nei presidi di Pronto Soccorso”.

Il Tribunale di Agrigento, accogliendo le tesi del difensore, l’avvocato Loretta Severino, ha assolto Vincenza Milioto, 53 anni, di Racalmuto, dal reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni, perchè si sarebbe procurata giustizia da sé, pur potendo ricorrere al giudice, forzando la serratura di accesso di un immobile a Canicattì di cui ha il legittimo possesso. Le due donne contro-parte, che hanno avanzato pretese sullo stesso immobile in ragione di varie evoluzioni giuridiche e notarili legate a un preliminare di vendita, pagheranno le spese di lite.

L’associazione ambientalista MareAmico di Agrigento, coordinata da Claudio Lombardo, rileva che fino a pochi giorni addietro, ad Agrigento, la foce del fiume Akragas a San Leone è stata un pullulare di vita: centinaia di volatili hanno allietato l’atmosfera, rendendo gradevole il soggiorno nella zona. Adesso invece incombe un silenzio spettrale e il bordo del fiume è colmo di volatili morti o agonizzanti. Probabilmente una mano assassina li ha avvelenati. Ecco il video MareAmico…

 
 

Sabato 14 luglio alle ore 18:30 verrà inaugurata, presso lo Spazio Espositivo di Francesco Siracusa, ad Agrigento in via Papa Luciani 52, la mostra dal titolo Antropogonia di Giorgio Pignotti
La mostra, che raccoglie opere dipinte ad olio su tavola di vario formato, è un’indagine sulla nascita dell’uomo.[…]La ricerca si articola come un percorso all’indietro, uno scavo archeologico di una realtà che trovo nomade ed indefinibile, incalpestabile. Che ha tuttavia una radice nella venuta al mondo degli archetipi umani, e si propone di trovare tracce di come il genere umano sia venuto all’esistenza.[…]Giorgio Pignotti
La mostra, accompagnata da un’ intervista con l’autore, sarà visitabile fino al 15 settembre. Orari: lun. – ven. (ore 9-13:00, 17-20:00) e sab. (ore 9:00-13:00).

Giorgio Pignotti, Ascoli Piceno 1979, Diplomato presso Accademia di Belle Arti di Macerata