Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 470)

Cronaca di una morte annunciata. Con due post su Facebook sabato scorso, alle ore 23.36 e alle 23.38, Vanda Grignani, la donna arrestata a Trapani per l’omicidio del convivente Cristian Favara, ha scritto: “Farò qualcosa che non avrei mai pensato, vi amo. Perdonatemi. Scusate, vi voglio bene a tutti, mi manca la mia famiglia, sono sola, questo essere mi ha portato all’esasperazione. La polizia e i carabinieri di Trapani sembrano che vadano d’accordo con lui. Ho chiesto aiuto, questo mi ha distrutto. La polizia e i carabinieri di Trapani difendono lui. Va bene, sono stanca. Non ho più niente da perdere perdonatemi”.

I Carabinieri hanno arrestato ai domiciliari a Realmonte un commerciante di 45 anni e un disoccupato di 24 anni, indagati dei reati di detenzione di sostanze stupefacenti a fine di spaccio. Il commerciante è stato sorpreso, nel corso di una perquisizione domiciliare, in possesso di 8,5 grammi di cocaina e di 5mila euro in contanti, verosimilmente provento dell’attività di spaccio. A casa del giovane di 24 anni sono stati rinvenuti e sequestrati 10 grammi di cocaina, 15 grammi di hashish, un bilancino di precisione e 545 euro in contanti.

Si muoveranno da piazza San Silvestro i sindaci siciliani che il 3 novembre manifesteranno a Roma per denunciare, ancora una volta, le gravi criticità finanziarie e organizzative in cui, ormai da troppo tempo, versano gli enti locali dell’Isola.

L’ANCI Sicilia, nel corso degli incontri istituzionali già programmati, presenterà i dati allarmanti dell’Isola in cui, ad oggi, solamente 152 comuni su 391 hanno approvato il Bilancio di previsione 2021-2023, appena 74 comuni hanno approvato il consuntivo 2020 e circa 100 comuni si trovano già in dissesto o sotto Piano di riequilibrio.

Oltre alle questioni finanziarie i sindaci siciliani evidenzieranno anche le problematiche di carattere organizzativo, partendo da un recente monitoraggio, condotto dall’ANCI Sicilia, in cui spicca un dato relativo ai posti vacanti nelle piante organiche dei comuni siciliani: mancano circa 15 mila unità tra cui circa 4000 fra dirigenti e categorie D.

In queste condizioni, secondo l’Associazione dei comuni siciliani, appare sempre più utopistico pensare di erogare servizi di qualità a cittadini e imprese e sperare di poter utilizzare in maniera efficace le risorse della Programmazione Comunitaria 2021-2027 e del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Per questi motivi i sindaci dell’Isola chiederanno:

I. abbattimento del 50% degli accantonamenti del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità (FCDE);

II. assunzione di figure professionali qualificate all’interno degli enti locali in deroga alle disposizioni vigenti;

III. nell’ambito degli accordi fra Stato e Regione, ristoro per i comuni siciliani dei mancati incassi dei crediti frutto delle inefficienze del gestore regionale Riscossione Sicilia S.p.A., anche in riferimento al processo di acquisizione da parte dell’Agenzia delle Entrate-riscossione.

Infine, in considerazione delle specificità del contesto regionale siciliano i primi cittadini dell’Isola avanzeranno la richiesta di :

a) approvare la norma di attuazione dello Statuto, già deliberata in Commissione paritetica, che prevede, tra l’altro, lo spostamento dei termini per l’approvazione dei Bilanci al 30 novembre;

b) costituire in Conferenza Stato Città e Autonomie Locali di un tavolo permanente con Stato, Regione e ANCI Sicilia per affrontare le ulteriori e specifiche criticità degli Enti locali siciliani (es. stabilizzazione del personale negli enti in dissesto e in piano di riequilibrio).

Il nuovo servizio dell’anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) del Ministero dell’Interno permetterà di scaricare i seguenti 14 certificati per proprio conto o per un componente della propria famiglia, dal proprio computer senza bisogno di recarsi allo sportello: Anagrafico di nascita Anagrafico di matrimonio di Cittadinanza di Esistenza in vita di Residenza di Residenza AIRE di Stato civile di Stato di famiglia di Stato di famiglia e di stato civile di Residenza in convivenza di Stato di famiglia AIRE di Stato di famiglia con rapporti di parentela di Stato Libero Anagrafico di Unione Civile di Contratto di Convivenza Per i certificati digitali non si dovrà pagare il bollo e saranno quindi gratuiti (e disponibili in modalità multilingua per i comuni con plurilinguismo).

Potranno essere rilasciati anche in forma contestuale (ad esempio cittadinanza, esistenza in vita e residenza potranno essere richiesti in un unico certificato). Al portale si accede con la propria identità digitale (SPID, Carta d’Identità Elettronica, CNS) e se la richiesta è per un familiare verrà mostrato l’elenco dei componenti della famiglia per cui è possibile richiedere un certificato. Il servizio, inoltre, consente la visione dell’anteprima del documento per verificare la correttezza dei dati e di poterlo scaricare in formato .pdf o riceverlo via mail.

Grazie ad ANPR le amministrazioni italiane avranno a disposizione un punto di riferimento unico di dati e informazioni anagrafiche, dal quale poter reperire informazioni certe e sicure per poter erogare servizi integrati e più efficienti per i cittadini.
Con un’anagrafe nazionale unica, ogni aggiornamento su ANPR sarà immediatamente consultabile dagli enti pubblici che accedono alla banca dati, dall’Agenzia delle entrate all’Inps, alla Motorizzazione civile. ANPR è un progetto del Ministero dell’Interno la cui realizzazione è affidata a Sogei, partner tecnologico dell’amministrazione economico-finanziaria, che ha curato anche lo sviluppo del nuovo portale. Il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri è titolare del coordinamento tecnico-operativo dell’iniziativa.

Farà tappa ad Agrigento il programma di RAI1 che rivolge una particolare attenzione all’ ecosostenibilità, all’ambiente ed alla salvaguardia del territorio.
“Le Troupes di Linea Verde Life documenteranno, con la Conduzione di Daniela Ferolla, Marcello Masi, e Federica De Denaro, le bellezze paesaggistiche, architettoniche e culturali nonché le tradizioni popolari ed enogastronomiche di Agrigento, illustrandole con immagini di “Cartoline” dei Luoghi più belli e significativi  della Località scelte, traendoli da stralci di vita cittadina.”
3 Troupes più un drone, saranno presenti nel centro storico di Agrigento: Cattedrale, Piazza Pirandello e via Atenea dove è prevista la “Tammurriata di San Calò“.
La puntata, salvo variazioni al palinsesto, andrà in onda Sabato 14 Novembre.
In occasione delle registrazioni di giorno 3 novembre, è stata emanata l’ordinanza dirigenziale n.148 che prevede il divieto di sosta con rimozione in Piazza Pirandello nell’area centrale adibita a parcheggio.

Inizierà sabato prossimo la campagna di raccolta delle olive e dei frutti prodotti all’interno del Giardino Botanico. La raccolta sarà effettuata dai volontari delle associazioni di volontariato che hanno fatto pervenire la loro adesione alla direzione della struttura di proprietà del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, che ha programmato le prime due giornate di raccolta per sabato 6 e domenica 7 novembre. Tutti i prodotti, olive e altri frutti, sono biologici, non avendo subito alcun trattamento nelle varie fasi del ciclo produttivo, e saranno destinati in beneficienza a favore delle famiglie bisognose.

“Siamo soddisfatti per avere contribuito, grazie all’efficienza e alla professionalità dei nostri operatori – afferma il Commissario Straordinario dr. Vincenzo Raffo – ad una concreta azione di solidarietà che conferma l’impegno nel sociale da parte del Libero Consorzio di Agrigento”.

Un bracciante agricolo palmese di 34 anni, Calogero Allegro, con precedenti di polizia, è rimasto ferito ad una gamba da un colpo d’arma da fuoco, esploso da uno sconosciuto, nella tarda serata di sabato, in Corso Sicilia nel centro di Palma di Montechiaro, nelle vicinanze di un bar.

L’uomo è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” di Licata dove attualmente si trova ricoverato nel reparto di Chirurgia. I carabinieri della Compagnia di Licata, e i loro colleghi della Stazione di Palma di Montechiaro hanno avviato le indagini, e ascoltato già alcune persone.
Ancora poco chiara la dinamica dell’agguato. Il palmese, nell’estate di 5 anni fa, fu arrestato dai militari dell’Arma poiché sorpreso a coltivare una maxi piantagione di Canapa indiana composta da oltre tremila piante, poi condannato.

Un cognome conosciuto quello di Calogero Allegro, parente di Rosario, ucciso nel novembre del 1989 insieme ad un’altra persona, Transpadano Anzalone, in piazza Matteotti da due killer che poi riuscirono a fuggire dopo un conflitto a fuoco con i carabinieri che erano giunti sul posto. Anche altri esponenti della famiglia Allegro, in quegli anni contrapposta alla Stidda furono vittime di agguati.

 

21 nuovi positivi, due ricoveri e dieci guariti: sono i principali numeri della pandemia da Covid 19 in provincia di Agrigento, diffusi nel consueto report dell’Azienda sanitaria provinciale.

In strutture ospedaliere ci sono 9 agrigentini. Di questi 8 si trovano in degenza ordinaria e subintensiva. Sette di loro sono ricoverati al “Fratelli Parlapiano” di Ribera, uno in un altro ospedale fuori provincia.

Resta un solo paziente in terapia intensiva.

Questi i dati Comune per Comune: Agrigento: 16 (-1); Aragona: 2 (+1); Burgio: 2 (stabile); Caltabellotta: 1, Cammarata: 5 (stabile); Campobello di Licata: 2 (stabile); Canicattì: 45 (+2); Casteltermini: 1 (stabile), si tratta di un migrante ospitato in un centro di accoglienza; Castrofilippo: 1 (stabile); Cattolica Eraclea: 30 (stabile); Favara: 5 (+3); Grotte: 1 (stabile); Licata: 18 (-1); Lucca Sicula: 2 (stabile); Menfi: 7, Montallegro: 1 (stabile); Naro: 22 (-1); Palma di Montechiaro: 11 (stabile); Porto Empedocle: 6 (+1); Raffadali: 13 (-1); Ravanusa: 3 (stabile); Ribera: 11 (-2); San Giovanni Gemini: 3 (stabile); Santa Margherita di Belice: 3 (+2); Sciacca: 34 (-1); Villafranca Sicula: 6 (stabile).

Sono “Covid free”: Alessandria della Rocca, Bivona, Calamonaci, Camastra, Cianciana, Comitini, Joppolo Giancaxio, Montevago, Racalmuto, Realmonte, San Biagio Platani, Sambuca di Sicilia, Sant’Angelo Muxaro, Siculiana, Santo Stefano Quisquina e Santa Elisabetta.

Sono 39 (+6) i migranti attualmente in quarantena sulle navi di accoglienza in rada dell’Agrigentino.

Un malore improvviso, il ricovero nello stesso ospedale dove ha operato per anni; qualche ora dopo la morte.

E’ stato un infarto che ha decretato la morte del medico Anestesista Benedetto Modica, 63 anni, in servizio al 118 presso l’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca. Dopo essersi sentito male subito si è capito che la situazione era seria. Portato in cardiologia, ha subito un intervento in emodinamica ma non è bastato. Dopo alcune ore il medico si è spento.

Originario di Caltabellotta, Benedetto Modica era conosciuto anche per le sue qualità umane e professionali e per questo apprezzato da tutti. Sconvolti tutti i colleghi dell’ospedale saccense, ancora increduli della triste notizia che ha colpito la sanità di Sciacca.