Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 448)

Da oggi in vigore i nuovi provvedimenti decisi dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Ecco le novità:

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 24,00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

E’ fatto obbligo per gli esercenti di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo

Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8,00 alle ore 21,00. Restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso. Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto.

Le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti. Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di evitare feste, nonché di evitare di ricevere persone non conviventi di numero superiore a sei.

Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale.

I sindaci potranno disporre la chiusura al pubblico dopo le ore 21, le chiusure di vie e piazze dove si creano assembramenti.

Le attività scolastiche continueranno in presenza. Per le scuole secondarie di 2° grado verranno favorite modalità ancora più flessibili dell’organizzazione delle attività didattiche.

Vietato lo sport da contatto a livello amatoriale. Non sono consentite gare e competizioni delle gare agonistiche di base. Consentite attività individuali e attività sportive professioniste.

Per quanto riguarda le palestre ci sarà  una settimana per adeguare i protocolli di sicurezza e per verificarne il rispetto.

Novantasette casi positivi al Covid accertati attraverso il tampone molecolare e altri sessanta con quello rapido: un vero cluster territorializzato è stato individuato a Randazzo, in provincia di Catania.
Per questo motivo, da domani (lunedì 19 ottobre) alle 9 nel Comune etneo scatterà la “zona rossa”. Un provvedimento preso dal presidente della Regione Nello Musumeci, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, per contrastare la diffusione del Coronavirus.
L’ordinanza, appena firmata, resterà in vigore fino alle 24 del 26 ottobre.

Il direttivo nazionale SGB Sindacato Generale di Base  si unisce al coro che si leva da più parti e fa sentire la propria vicinanza alle famiglie degli 8 pescatori mazaresi sequestrati da oltre 40 giorni in Libia. Fanno parte del gruppo dei 18 marinai componenti dell’equipaggio dei pescherecci Antardine e Medinea, trattenuti nel porto di Bengasi. Il nostro pensiero va alle 18 famiglie e di una comunità. Occorre essere solidale con chi in questo momento soffre per una sorte incerta. La nostra vicinanza e solidarietà va a tutta la comunità di Mazara del Vallo, che vive questi giorni con il fiato sospeso legato alla drammatica vicenda. Il mestiere del pescatore è già piuttosto difficile e faticoso, ma la sicurezza dei lavoratori deve essere garantita dallo Stato, soprattutto quando intervengono controversie territoriali su scala internazionale. L’Italia deve compiere ogni sforzo per convincere Haftar a liberare i nostri pescatori tenuti in ostaggio.

Anche quest’anno, durante il periodo della molitura delle olive, qualche oleificio disonesto si è già liberato delle proprie acque di vegetazione, che inevitabilmente sono arrivate nel fiume Naro ed anche nel mare di Cannatello.
Giova ricordare che queste acque sono 200 volte più inquinanti delle fogne!
A segnalare il grave problema ambientale l’associazione Mareamico guidata da Claudio Lombardo.

Ecco il bollettino diramato nel ministero della Salute e della protezione Civile. Nelle ultime 24 ore in Sicilia ci sono 548 nuovi casi positivi al Covid 19. Nelle ultime 24 ore sono stati anche registrati tre decessi che portano il totale delle vittime a quota 365 da inizio pandemia. Secondo quanto si legge nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile, i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 6.390, per un totale 595.469 da inizio emergenza.

Il numero degli attualmente positivi segna quota 6.790 (+509), mentre le persone ricoverate con sintomi sono 493 (+14) e i ricoverati in terapia intensiva 70 (+9). In isolamento domiciliare ci sono 6.227 persone. I guariti/dimessi dall’inizio dell’emergenza sono a oggi 5.137 (+36).

I numeri dei contagi sono alti, specie dopo il focolaio alla Ras di Sambuca di Sicilia. Purtroppo, sono trascorsi mesi dalla prima ondata e promesse e parole sono riamasti tali. A Ribera, l’ospedale covid non è pronto. Siamo alla seconda ondata, prevista, ma ancora dal punto di vista delle strutture sanitarie si è indietro e in ritardo.

Ieri sera, hanno trasferito 3 pazienti da Sambuca di Sicilia a Sciacca e 6 ad Agrigento.  Attualmente, l’ospedale di Agrigento è saturo e 3 dei 6 pazienti verranno oggi trasferiti a Sciacca in sub intensiva. Una sub intensiva che ancora non sarebbe al completo sia dal punto di vista del personale che per i dispositivi di protezione individuale (DPI).

Ieri nella tarda serata nei luoghi della movida agrigentina, in via San Francesco, si è verificata l’ennesima rissa tra due gruppi di persone.

All’arrivo dei Carabinieri i contendenti si sono dati alla fuga.

Questa la vicenda nuda e cruda. Domenica prossima, siamo certi, faremo il copia incolla di questa notizia senza perdere nemmeno il tempo di scriverla. Tanto i luoghi, la via San Francesco, le risse, l’arrivo delle Forze dell’Ordine sono e la conseguente fuga dei gruppi che si bastonano sono ormai una prassi.

 

 

“Lo stop a concorsi e procedure di mobilità durante il periodo elettorale vale per tutti o solo per alcuni?”. A chiederlo al management dell’Asp di Agrigento sono il coordinatore regionale delle Professioni sanitarie Alessandro Farruggia e il responsabile del dipartimento Sanità pubblica e privata Giovanni Farruggia.

“Troviamo oltraggioso e irrispettoso l’atteggiamento da parte dell’amministrazione dell’Asp di Agrigento nei confronti dei propri dipendenti – dicono -. E’ infatti inspiegabile come diversi accordi siglati nel mese di luglio siano oggi congelati a causa del periodo elettorale, in ossequio dell’atto di indirizzo dell’Assessorato regionale, mentre ci risulta che due professionisti sanitari di categoria D provenienti dall’Asp di Caltanissetta siano stati trasferiti presso l’Asp 1 di Agrigento nel polo ospedaliero di Licata, bypassando le indicazioni anzidette. Questo – continuano –  risulta ancor più grave in quanto tali assegnazioni potrebbero comportare la copertura di posti che spetterebbero ad altri lavoratori, rischiando di vanificare il rispetto dell’accordo sottoscritto al tavolo negoziale del 29 luglio sulla mobilità interna”.

La Cisl Fp di Agrigento, Caltanissetta ed Enna ha più volte chiesto all’Azienda la ricognizione di tutto il personale in entrata dall’inizio dell’anno corrente ad oggi, ma, aggiungono Alessandro e Giovanni Farruggia, “Tale ricognizione non è mai pervenuta, e solo quella potrebbe permettere in piena trasparenza di risalire agli eventuali spostamenti, alle assegnazioni e alle operazioni di mobilità, permettendo di garantire la giusta priorità al personale interessato”.

La Cisl Fp, attraverso una lettera formale, ha già chiesto chiarezza rispetto a quanto avvenuto e ha sollecitato l’Azienda a provvedere alla revoca delle assegnazioni al polo ospedaliero di Licata e a prendere atto degli accordi già raggiunti, nel solo interesse dei lavoratori.

A Sambuca da 2 gg si vive una tensione per un focolaio in una casa di riposo individuato dal servizio epidemiologico dell’ASP e relazionato al Governo Regionale, che immediatamente ha dichiarato la zona rossa con tutte le misure di salvaguardia che ne derivano per il resto della popolazione.

La giornata di ieri è stata caratterizzata da un monitoraggio continuo dell’USCA della nostra ASP, la quale si è recata più volte nella casa di riposo, in contatto con il Sindaco di Sambuca, per avere un quadro preciso della condizione clinica degli ospiti. In serata si era nelle giunti alla determinazione di ricoverare le persone con sintomi più accentuati, e di ricoverarli nelle terapie intensive per maggiore prudenza, vista la loro età e la condizione di pluripatologia che presentavano. 

Da sottolineare che nessuno di loro aveva, né ha, necessità di essere intubato.

I ricoveri ovviamente sono avvenuti per le vie routinarie, attraverso il 118, che destina sempre i pazienti in base a loro quadro clinico e alla disponibilità dei posti. La provincia di Agrigento ha la disponibilità di 4 posti letto di terapia intensiva a Sciacca e 6 ad Agrigento; si può ipotizzare che la scelta fatta in urgenza sia stata quella di ricoverarli in un unico presidio per facilità organizzative assistenziali. 

L’ASP è nelle condizioni – e ritiene necessario farlo stamattina stesso – di assistere i 6 pazienti della terapia intensiva nei 2 ospedali di Sciacca e Agrigento, per poter lasciare a ciascun ospedale la disponibilità per ulteriori eventuali urgenze.

La nostra ASP su input del Governo Regionale ha già predisposto un piano di emergenza per il piano dei posti letto per i malati covid che vede una implementazione costante e progressiva dei posti letto, il potenziamento delle USCA nel territorio, già attiva la nostra USCA per l Scuole da 10 gg. e l’assistenza per tutte le chiamate per sospetti casi COVID H24.

Ovviamente trattasi di programmazione ordinaria,se la situazione dovesse precipitare siamo  in grado di spingerci oltre. Riteniamo però doveroso, per una maggiore tranquillità dei cittadini, garantire una assistenza adeguata ai pazienti non covid e essere pronti alla risposta alla pandemia ove e quando si presenti.

Concludo con 2 precisazioni importanti:

I lavori a Ribera sono già iniziati e hanno avuto un ritardo causato principalmente da un sequestro giudiziario di impianti tecnologici dello stesso ospedale. Noi contiamo di avere pronto tutto in un mese, per avere i 10 posti letto di terapia intensiva e i 10 posti letto di sub intensiva. 

Dopo si continuerà con i lavori per i posti letto ordinari – ulteriori 40 posti letto – e per il reparto delle Malattie infettive, per il quale è stata fatta la delibera di individuazione del personale necessario.

Secondo gli accordi di ieri, i pazienti da ricoverare in terapia intensiva, non appena le condizioni cliniche di “non gravità” sarebbero state confermate, saranno trasferiti negli 8 posti letto di ricoveri ordinari COVID di Sciacca – già attivi – e quindi i nostri Ospedali saranno in condizione di poter essere pronti ad accogliere una eventuale nuova emergenza.

Concludo ribadendo che la nostra sanità si sta adoperando con abnegazione, sacrifici e professionalità per fronteggiare la Pandemia, non si sta tralasciando nulla, si sta lavorando in rete con Assessorato, Prefettura, Sindaci e Istituzioni. 

La raccomandazione che abbiamo fatto in tutte le sedi, istituzionali e non, è che tutti noi dobbiamo adoperarci per informare al meglio la popolazione, per incentivare la prevenzione e i corretti stili di vita e di relazione, ma è da evitare assolutamente di ingenerare allarmismi che, oltre che a essere ingiustificati , creano panico, ingenerano paura e quindi in ultima analisi non aiutano in alcun modo né cittadini né istituzioni ad affrontare al meglio la complessità del momento che stiamo vivendo.