Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 433)

Il regista Pasquale Scimeca si trova ad Agrigento per presentare il suo film  “ Placido Rizzotto” il sindacalista della Cgil di Corleone ucciso dalla mafia nel 1948.  L’appuntamento è  al Teatro della Posta Vecchia, venerdi 03 dicembre 2021 alle ore 20.30. L’iniziativa è stata voluta dal Direttore del Teatro Aristotele Cuffaro  in collaborazione con la Camera del Lavoro di Agrigento e la partecipazione dello storico  Beniamino Biondi. “ Ringrazio – dichiara Alfonso Buscemi segretario generale della Cgil agrigentina – il Direttore Cuffaro ed il Professore Biondi per aver voluto organizzare questa iniziativa a distanza di poco più di un mese dalla vile aggressione e devastazione della Cgil Nazionale a Roma. Un attacco fascista al cuore del sistema democratico del nostro Paese, che ha voluto ripetere ,nella strategia dei neofascisti, eventi  già sconfitti dalla storia e per cui non ci sarà  più spazio. Un particolare ringraziamento al regista Pasquale Scimeca  per la sensibilità dimostrata nel girare questo film, con il quale ha voluto testimoniare la grande difficoltà del nostro paese a uscire fuori dalla seconda guerra mondiale e ad affrontare un altro nemico non meno pericoloso: la mafia. Il film ci lascia una grande testimonianza del sacrificio di centinaia di sindacalisti ammazzati dalla mafia perché si ribellarono al potere mafioso che, inizialmente al servizio dei latifondisti che non volevano permettere ai contadini di affrancarsi dalla miseria e dalla fame, si mostrò poi  in tutta la sua drammaticità di associazione violenta che non esitava ad ammazzare pur di  affermare il proprio potere. Questo film  – conclude il rappresentante sindacale – è un capolavoro storico anche  perché lascia una grande testimonianza ai giovani di come la libertà va difesa ogni giorno; infine non possiamo nascondere l’orgoglio per la presenza di Franco Catalano, artista agrigentino anch‘esso già dirigente sindacale della Cgil”.

In vista delle regole che entreranno in vigore a partire da lunedì 6 dicembre con decreto del Governo centrale e alla luce dell’ordinanza del presidente della Regione Siciliana del 1° dicembre, il commissario straordinario della Camera di Commercio di Agrigento Giuseppe Termine rivolge un pressante invito a tutti i titolari di attività economiche ricadenti nel territorio affinché collaborino attivamente al rispetto delle normative.

Rispettare le regole sanitarie per evitare che i contagi possano far scattare ulteriori misure restrittive in vista delle prossime festività – afferma il Commissario straordinario della CCIAA di Agrigento Giuseppe Termine – è l’unico modo per salvare il Natale. In questo senso è necessario dal 6 dicembre adeguarsi al piano straordinario disposto dal Comitato per l’Ordine Pubblico e la Sicurezza, coordinato dal Prefetto di Agrigento, e che prevede controlli a tappeto nelle attività commerciali, ristoranti pub e nei locali della movida. Chiediamo per questo la collaborazione di tutti gli esercenti affinché s’impegnino a verificare il possesso del green pass degli avventori e a rispettare le misure di prevenzione imposte dalla normativa. Ricordiamo inoltre che a seguito dell’ordinanza del presidente Musumeci in tutta la Sicilia è stato introdotto l’obbligo dell’uso delle mascherine anche nei luoghi aperti. Infine – conclude il Commissario Termine – confidiamo sul senso di responsabilità degli operatori economici del nostro territorio affinché non si sprechi l’occasione che le prossime festività offrono ai fini di una ripresa dei consumi”.

Anche i commercianti si appellano alla responsabilità e siglano un patto con il Prefetto Maria Rita Ciuccafa.

La stretta del Governo sulle norme anti-Covid, in vista delle festività natalizie, vede ad Agrigento in prima linea la Prefettura in accordo con le diverse realtà coinvolte. Confcommercio condivide le modalità di applicazione delle ultime norme, stabilite dal decreto del Governo. Nell’incontro che si è tenuto tra il prefetto, Maria Rita Cocciufa, e i rappresentanti del commercio, del turismo, della ristorazione e le forze dell’Ordine, Confcommercio presente con il suo presidente provinciale. Giuseppe Caruana,  e la presidente provinciale di Fipe, Gabriella Cucchiara, ha manifestato la volontà di assoluta collaborazione.

“Il mondo del commercio – ha detto Caruana – si approccia alle festività natalizie con un altro spirito rispetto alle chiusure dello scorso anno. Ora ci aspetta un Natale con nuove norme, il super green pass e nuove strategie. All’inizio della quarta ondata e del terzo inverno di epoca Covid, siamo tutti chiamati ad un ulteriore sforzo individuale e collettivo per scongiurare lo spettro di nuove chiusure e un Natale di chiusure  come quello del 2020. Confcommercio condivide la necessità di introduzione delle nuove modalità di applicazione delle ultime norme stabilite dal decreto del Governo, perché bisogna sorreggere la ripartenza già di per sè fragile dell’economia e del Commercio in particolare quindi l’introduzione del green pass rafforzato per salvaguardare e sostenere un andamento dei consumi ancora fragile e incerto. Proprio adesso non possiamo permetterci, né sotto il profilo sanitario, né tanto meno sotto quello economico, l’interruzione di questo cammino di ripresa – spiega ancora Caruana – è importante , dunque,  la collaborazione con le forze dell’ordine e la prefettura per attuare il totale rispetto delle regole a cominciare dai controlli sul green pass. Va ricordato che non ci può essere elasticità e che il mancato controllo ci farebbe incorrere , oltre che a rischi per la salute, a sanzioni e chiusure pesantissime. Per questo motivo invitiamo tutti gli associati a seguire il rispetto delle regole e collaborare senza se e senza ma. Ricordiamo inoltre che la vaccinazione rimane l’unica arma per uscire da questo incubo”.

Dello stesso tenore l’intervento di Gabriella Cucchiara:

“Gestiremo i nostri esercizi nel massimo rispetto delle norme anti-contagio – dice la presidente di Fipe  –. Ci preme, infatti,  la sicurezza sia degli operatori che degli utenti, quindi, certi del rispetto delle regole da parte dei commercianti, confidiamo nel senso di responsabilità della clientela”. Quanto al super green pass, Confcommercio non ha dubbi: “I nostri associati ci riferiscono che i clienti mostrano spontaneamente la certificazione verde prima di entrare nei locali per consumare al tavolo, questo permette più libertà a tutti evitando il rischio delle chiusure. Solo così possiamo augurarci un buon Natale”

L’Archivio di Stato di Agrigento, in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità del 3 dicembre 2021, propone un nuovo percorso finalizzato ad implementare accessibilità e partecipazione, con azioni specifiche riferite alle disabilità sensoriali.
L’ evento “Carte senza barriere. Scoprire la documentazione notarile tra esperienze e percorsi multisensoriali”, fruibile dalle ore 10:30 alle ore 17:30 presso la sede dell’Istituto ubicata in Via Mazzini 185, nel rispetto del protocollo di sicurezza vigente, è un’occasione per conoscere la documentazione notarile attraverso percorsi di comunicazione integrata e con esperienze laboratoriali finalizzate ad approfondire alcuni aspetti del documento antico.
Il progetto si inserisce tra le attività proposte per la IX Edizione della Biennale Arteinsieme – Cultura e culture senza barriere promossa dal Museo Tattile Statale Omero di Ancona e TACTUS Centro per le Arti Contemporanee, la Multisensorialità e l’Intercultura, in collaborazione con la Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali – Servizio I, Ufficio Studi – Centro per i servizi educativi (Sed), la Direzione Generale Musei – Servizio II – Sistema Museale nazionale e la Direzione Generale Creatività Contemporanea.

Nella giornata di ieri, 01 dicembre c.a., in Licata, personale della Polizia di Stato ha eseguito l’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di dimora a carico di un cinquantenne licatese.

L’attuale provvedimento, richiesto tempestivamente dalla Procura della Repubblica di Agrigento a seguito di segnalazione del Commissariato P.S. di Licata ed emesso in dal GIP del Tribunale di Agrigento, è scaturito dalle pericolose condotte dell’odierno indagato che si era reso protagonista di gravi e inammissibili minacce ad agenti di Polizia in servizio presso il predetto Ufficio di P.S.

In particolare l’indagato, in tre distinte occasioni, di cui le ultime due avvenute nel decorso mese di ottobre, al fine di costringere i Poliziotti a non compiere doverosi atti d’ufficio anche per le gravi condotte poste in essere dal predetto, profferiva pesanti minacce ed offese al personale del predetto Ufficio di Licata.

Il GIP del Tribunale di Agrigento, accogliendo pienamente le ipotesi investigative del Commissariato di P.S. e del P.M della Procura della Repubblica di Agrigento, che lo ritiene indagato per tre diverse condotte delittuose integranti il reato di violenza o minaccia ad un pubblico ufficiale, evidenziando la gravità delle condotte, il progredire dello spessore delle minacce e la loro reiterazione ravvicinata, con rischio di ulteriore ripetizione o di commettere reati ancora più gravi nei confronti dei poliziotti, ha emesso l’odierno provvedimento cautelare del divieto di dimora nel territorio del comune di Licata, tempestivamente eseguito dal personale della Sezione Anticrimine locale Commissariato di P.S.

 

Il Commissario Straordinario del Libero Consorzio di Agrigento invita la popolazione della provincia ad immunizzarsi dal Covid-19, per il bene individuale e collettivo.

Con l’arrivo della stagione invernale appare quanto mai opportuno proteggersi dal Covid-19 utilizzando il vaccino fornito gratuitamente dallo Stato, unico strumento in grado di impedire il diffondersi delle forme gravi della pandemia. L’aumento dei casi di contagio in questi ultimi mesi dovrebbe convincere i molti cittadini che ancora non hanno provveduto ad iniziare il ciclo vaccinale. Un invito va, anche, rivolto a coloro che hanno maturato il periodo per la somministrazione della terza dose per diminuire il rischio di gravi complicazioni.

Per il Commissario Straordinario Raffo è un obbligo morale assicurare a tutti cure adeguate, specialmente a coloro che sono affetti da altre patologie che richiedono l’utilizzo delle terapie intensive.

Un ulteriore peggioramento della situazione sanitaria e la chiusura o il blocco delle attività imprenditoriali comporterebbe gravi ripercussioni anche sulla tenuta del tessuto economico e sociale della nostra provincia. Grazie al senso civico della stragrande maggioranza della popolazione in età vaccinale abbiamo potuto riassaporare momenti di convivialità e di aggregazione e svolgere una socialità quasi normale, oltre a consentire la totale riapertura delle attività commerciali. Sarebbe una sciagura, proprio ora che la ripresa dell’economia si sta consolidando, tornare a limitare la libera circolazione delle persone.

Rivolgo quindi un accorato appello a tutti coloro che non si sono ancora recati nei centri vaccinali della provincia per immunizzarsi al più presto affinché tutti possiamo trascorre le festività natalizie in un clima di sicurezza e serenità.

 

Ad Agrigento, domani, venerdì 3 dicembre, nella sede del Comando provinciale dei Carabinieri, alle ore 9:45, nel corso di una conferenza il comandante, colonnello Vittorio Stingo, presenterà le iniziative connesse ai festeggiamenti del Natale, in programma dall’8 dicembre in poi nella stessa sede. Alla conferenza parteciperanno il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, l’artista agrigentino Roberto Vanadia, autore di pregevoli presepi, il pastry–chef Giovanni Mangione, e i rappresentanti del gruppo folkloristico “Val d’Akragas”, oltre al Cappellano Militare della Regione Carabinieri Sicilia, don Salvatore Falzone.

Nell’ambito della prosecuzione delle indagini a seguito dell’omicidio dell’imprenditore di Favara, Salvatore Lupo, 45 anni, ucciso il pomeriggio dello scorso Ferragosto a colpi di pistola in un bar in via Quattro Novembre a Favara, altre tracce di polvere da sparo sarebbero state rinvenute nel marsupio e in una mascherina, sequestrati a Giuseppe Barba, 66 anni, di Favara, ex suocero di Lupo, attualmente detenuto perché ritenuto l’autore del delitto. Tali tracce sarebbero state rilevate dai Carabinieri del Ris (Reparto di investigazione scientifica). In precedenza altre tracce di polvere da sparo sono state rinvenute nell’automobile di Barba, una Fiat Panda, il cui transito nei pressi del bar è stato registrato da telecamere di video-sorveglianza.

Si prospetta un nuovo rinvio delle elezioni Provinciali in Sicilia, già in calendario il prossimo 22 gennaio. Contrarietà esprime il commissario regionale della nuova Democrazia Cristiana, Totò Cuffaro, che afferma: “Facciamo fatica a credere che ancora una volta si voglia rinviare il rinnovo delle ex Province. Per la democrazia siciliana si tratta di un duro colpo. E’ chiaro a tutti i cittadini – soprattutto a quelli che vedono le strade prive di manutenzione, le scuole carenti di servizi e prive di sostegno, nonché la totale assenza di programmazione per interi territori della nostra Isola – che l‘abolizione delle ex Province da parte dell’allora governatore Crocetta si è rilevata una manovra poco riuscita, visto che i costi non sono diminuiti e i disservizi sono aumentati. Ci aspettavamo che il Governo attuale rispettasse quello che aveva inserito nel programma e per il quale aveva chiesto il consenso agli elettori, ma così non è stato. Il mio pensiero, essendo uomo libero dalla ricerca di convenienze elettorali, è che con questa mossa si è voluto mantenere il controllo di alcuni enti attraverso i commissari ed evitare che dal voto si potesse scoprire come i deputati di alcune province abbiano effettivamente perso l’affetto del proprio elettorato con la conseguenza che l’elezione di alcuni nuovi amministratori potesse essere scomodo per i piani di chi questo rinvio lo vuole”.

Un minore è ricoverato in gravi condizioni a Catania dopo essere stato raggiunto alla testa da un proiettile mentre era in automobile con i propri familiari. E’ quanto accaduto a Noto, in provincia di Siracusa. Il colpo sarebbe stato sparato dalla strada: sembra esclusa al momento l’ipotesi di un colpo accidentale partito dall’interno della vettura. Gli investigatori sono impegnati ad interrogare alcuni testimoni e hanno raccolto i video registrati da telecamere di sorveglianza nella zona.

Nel corso delle ultime ore sono giunti in Sicilia 232 nuovi Carabinieri, che rinforzeranno le Stazioni e le Tenenze dell’Isola. Sono provenienti dalle varie Scuole Allievi Carabinieri dislocate sul territorio nazionale, e hanno da poco concluso il 140esimo corso di formazione, intitolato al Carabiniere Alberto La Rocca, medaglia d’oro al valor militare alla memoria. Ai nuovi Carabinieri, destinati alle Stazioni e alle Tenenze nell’ambito dei nove Comandi dell’Arma Provinciali, sarà affidato il delicato compito di garantire la sicurezza dei cittadini, specialmente in questo particolare periodo caratterizzato dall’emergenza sanitaria. Il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ha voluto così potenziare i presidi territoriali, Tenenze e Stazioni, che rappresentano il punto di riferimento certo per la collettività e simbolo pulsante della vicinanza dello Stato ai cittadini, non solo per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica ma anche per garantire prossimità, soccorso e sostegno alle popolazioni, nel solco di quella radicata e riconosciuta capacità di coniugare efficienza operativa e sensibilità umana, che da sempre caratterizza le Stazioni dei Carabinieri.