Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 425)

I Carabinieri della stazione di Mascali e del nucleo Cinofili di Nicolosi, in provincia di Catania, hanno arrestato in flagranza di reato un uomo di 37 anni per spaccio di sostanze stupefacenti, furto aggravato di energia elettrica e detenzione abusiva di munizioni. Nello scantinato dalla sua abitazione, i militari dall’Arma hanno scoperto 25 chili di marijuana, conservata in cinque grosse buste. E poi 40 piante di cannabis indica coltivate con un allaccio abusivo alla rete pubblica di energia elettrica. E poi 24 cartucce calibro 12.

Prosegue l’azione della Guardia di Finanza di Agrigento di contrasto al fenomeno dell’indebita percezione del reddito di cittadinanza. I militari del Nucleo di Polizia economico-finanziaria, su disposizione del Procuratore Capo di Agrigento, Luigi Patronaggio e del Sostituto Gloria Andreoli, hanno eseguito il sequestro preventivo di 8 social card utilizzate per fruire del reddito di cittadinanza, che si aggiungono alle 11 già sequestrate nei giorni scorsi. I titolari delle carte sequestrate sono tutti indagati a piede libero per i reati di indebita percezione di reddito di cittadinanza e falso in autodichiarazione. Nel caso odierno il reddito di cittadinanza è stato indebitamente assegnato ai nuclei familiari di 8 soggetti condannati per associazione di tipo mafioso, omicidio, e traffico di sostanze stupefacenti.

Ad Agrigento si è svolto un incontro al Comune tra il Sindaco Francesco Miccichè e il vice Sindaco Aurelio Trupia con Claudio Lombardo di Mareamico, Fabio Galluzzo di Marevivo, e Filippo Maccari dottore forestale e ambientale. Sono stati trattati diversi argomenti. MareAmico riferisce: “Lo spazio maggiore è stato riservato alla vicenda di Punta Bianca. Il Sindaco Miccichè ritiene che l’area di Punta Bianca, per l’alto valore naturalistico e paesaggistico, meriti maggiore attenzione da parte delle Istituzioni e pertanto intende spendersi per la valorizzazione di questi luoghi. Si è parlato anche dell’erosione costiera di Zingarello e Drasy, del boschetto del viale delle dune, delle spiagge del lungomare Falcone Borsellino, della foce del fiume Akragas, del porticciolo turistico di San Leone e del pericoloso tubo fognario giacente sulla spiaggia di Marenostrum. Le associazioni ambientaliste hanno prospettato diverse soluzioni per questi problemi ed hanno trovato la piena disponibilità da parte del Sindaco Miccichè a trattare e risolvere tali problematiche. Seguiranno altri incontri attraverso i quali saranno modulati gli interventi ambientali nella città di Agrigento”.

Positivo al tampone rapido anche il sindaco di Montallegro Caterina Scalia. Dall’inizio della pandemia, per la prima volta, è un amministratore locale ad essere colpito dal virus. La notizia è stata diffusa in serata, con altri cinque nuovi casi che si sono registrati tra Montevago, Realmonte e Racalmuto.
Il primo cittadino del piccolo centro dell’Agrigentino sui social ha annunciato di essere risultata positiva ad un primo controllo dopo aver avvertito i primi sintomi della malattia. “Siamo in attesa del risultato del tampone molecolare – ha spiegato sui social – ma credo sia giusto condividere con ognuno di voi quello che sta accadendo. Rientro in quella categoria di lavoratori che oggi vive in prima linea la situazione di emergenza, sono giornalmente a contatto con molte persone e nonostante le mille precauzioni sono sempre stata consapevole del rischio a cui andavo incontro. La preoccupazione è tanta, ma ho sempre svolto il mio lavoro con devozione e responsabilità, non mi sono mai tirata indietro dinanzi le difficoltà e mi sono sempre messa al servizio degli altri. Già questa mattina – ha aggiunto il primo cittadino montallegrese – l’ufficio Cup di Ribera, dove giornalmente lavoro, è rimasto chiuso. Domani mattina verranno effettuati gli interventi di sanificazione degli uffici comunali. Invito le persone che sono venute in contatto con me alla prudenza e a mantenere il distanziamento sociale. Nessuno è immune. Ognuno di noi ha la responsabilità di preservare la salute dei propri familiari e amici, vi invito quindi alla prudenza e a rispettare le norme vigenti. Grazie perché so che mi sarete vicino, vi aggiorno presto! Un abbraccio”. Anche Realmonte in ansia.
“Abbiamo appreso in via informale che altre due persone sono risultate positive al Covid-19. Sono in isolamento domiciliare, stanno bene e sono in attesa di verifica da parte dell’Asp”. Ad annunciarlo è il sindaco Sabrina Lattuca. Ad oggi, secondo il primo cittadino,sono 15 i casi totali, di cui un guarito.

Cresce inarrestabile la curva dei contagi in Sicilia.

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.837 nuovi casi di Covid-19, a fronte di 9.479 tamponi effettuati.

44 i morti.

I dati sono nel bollettino diffuso dal Ministero della Salute, aggiornato alle ore 15 di oggi.

Gli attuali positivi sono 32.102, di cui 1.528 ricoverati in ospedale con sintomi, 240 in terapia intensiva, e 30.334 in isolamento domiciliare.

Dall’inizio dell’emergenza sanitari complessivamente in Sicilia registrati 46.528 casi; guariti 13.411, mentre i decessi superano le mille unità, 1.015.

I nuovi casi per province:

Catania 426.

Palermo 478

Messina 324

Ragusa 132

Trapani 291

Siracusa 77

Agrigento 96

Caltanissetta 72

Enna 41

 

Sopralluogo congiunto questa mattina a San Leone, per verificare la funzionalità delle reti fognarie e delle acque bianche. Nello scorso mese c’è stato, infatti, uno sversamento di liquami nei pressi del Lungomare, e in particolare nell’arenile ex Aquaselz. Presenti il sindaco Franco Miccichè, i rappresentanti della Guardia Costiera, di Girgenti Acque, dell’Asp e della Polizia Locale, aliquota Polizia Giudiziaria.
La verifica effettuata da Girgenti acque ha permesso di accertare e risolvere il problema in un pozzetto fognario vicino ad una tubazione delle acque bianche, nelle adiacenze della Chiesa, all’inizio del Lungomare. Nell’occasione è stata accertata una perdita di acqua dalla rete idrica. Queste andavano a confluire nella tubazione di acque meteoriche e quindi nell’arenile. Girgenti acque, individuato il problema, provvederà a sistemare l’inconveniente idrico, e successivamente, a bonificare i luoghi. Al completamento dei lavori, dovrà darne comunicazione alle amministrazioni intervenute. Nel frattempo i campioni raccolti verranno analizzati per avere conferma delle sensazioni avute nel corso della verifica.

I Carabinieri della stazione Ognina di Catania hanno denunciato uno studente 24enne per abbandono di animali. L’uomo aveva lasciato in auto per un paio d’ore il suo cane che è stato trovato sofferente – dicono i militari – per il caldo. Ai militari dell’Arma, intervenuti dopo la segnalazione di un passante al 112, il 24enne ha detto di essersi assentato per andare a sostenere un esame universitario e di essersi poi anche intrattenuto con un’amica a parlare, ma di avere lasciato il cane in auto da poco. Dagli accertamenti dei carabinieri è emerso invece che l’animale era stato notato all’interno della vettura già da un paio di ore

L’assessore comunale di Agrigento Roberta Lala questa mattina ha consegnato 5 mila mascherine chirurgiche al Presidente dell’Associazione Volontari di Strada Anna Marino e al volontario Alfonso Cartannilica che serviranno a tanti agrigentini. Le stesse mascherine attraverso l’Associazione Volontari di Strada saranno distribuite in quota parte alle altre Associazioni presenti in città che faranno richiesta fino ad esaurimento scorte. Per le procedure basta informarsi con i responsabili della stessa Associazione sita al Viale della Vittoria che farà recapitare gli importanti dispositivi di sicurezza ai responsabili delle altre Associazioni riconosciute che a loro volta li consegneranno ai cittadini.
“E’ un piccolo gesto che ho sentito di mettere in campo – spiega Lala – donando ai miei cittadini, sperando che finalmente si possa uscire da questa drammatica situazione che ha sconvolto le nostre vite”

Ancora non sono disponibili i vaccini contro l’influenza, neanche nelle farmacie. E’ una situazione intollerabile. In proposito, a seguito di numerose segnalazioni da parte dei cittadini, Giovanni Principe, del Tribunale per i diritti del malato, e Pippo Spataro, responsabile ad Agrigento dei “Cittadini consumatori e utenti”, hanno scritto una lettera all’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza. Nella missiva tra l’altro si legge: “Ci domandiamo, questo disservizio è dovuto alla mancanza di vaccini nella nostra regione? Oppure ad una cattiva distribuzione del vaccino ai medici e alle farmacie? Chiediamo l’intervento resiliente dell’assessore regionale alla sanità, affinché possa risolvere questo grave problema, che, se dovesse ancora perdurare, peserebbe ancor di più sui nostri ospedali e soprattutto potrebbe causare ulteriori vittime dovuti a infezioni pregresse influenzali. Ci auguriamo, che tale grave carenza sia risolta dalla nostra Regione, in tempi brevissimi, visto che l’influenza e la pandemia covid viaggiano, da uomo a uomo in modo veloce e non si fermano di certo davanti a carenze o disservizi strutturali”.