Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 420)

Il Sindaco di Casteltermini Gioacchino Nicastro a seguito della cerimonia e la ricorrenza del 51° anniversario della scomparsa del carabiniere ausiliario Nicolò Cannella,Medaglia d’Oro al Valor Civile alla memoria,caduto a Gibellina durante il sisma del ’68 mentre prestava soccorso alle popolazioni del Belìce devastate dal tragico evento,ringrazia il Colonnello Giovanni Pellegrino (Comandante Provinciale dei Carabinieri di Agrigento),per la perfetta e straordinaria giornata che ha vissuto la comunità tutta.

“Una bella pagina che i castelterminesi tutti vanno molto orgogliosi per la figura coraggiosa e valente di questo concittadino che ha perso la propria vita per aiutare i belicini colpiti dal terribile terremoto.

Ringrazio il Colonnello Pellegrino e tutte le autorità civili,militari e religiose oltre i parenti del nostro valoroso Nicolò Cannella per essere intervenuti e aver portato alla luce soprattutto delle nuove generazioni e delle scolaresche il gesto eroico di questo uomo che ha lasciato una testimonianza indelebile per il suo gesto altruistico e incurante del pericolo per salvare vite umane ed è un esempio fulgido che è a disposizione dei giovani che credono nei valori dello Stato e delle virtù civiche.”

Nell’intento di assicurare il benessere dei pazienti dializzati del comprensorio di Ribera, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento ha provveduto ad inoltrare alla Diaverum Italia srl una diffida per non interrompere le prestazioni di reperibilità, disponibilità e consulto telefonico svolte durante le ore di non operatività del centro di Ribera, anche nei giorni festivi. Rivolgendosi alla struttura privata che, da quasi un decennio, svolge il servizio in regime di convenzione con l’Asp, il commissario straordinario, Giorgio Giulio Santonocito, ha richiamato l’importanza di dover garantire la continuità delle prestazioni sinora offerte, al fine di assicurare ai pazienti un indispensabile supporto medico-consulenziale in grado di aggiungersi con efficacia alle cure che gli ospedali limitrofi erogano nei casi di criticità o emergenza.

Inoltre, valutando le esigenze dell’utenza per l’intero bacino provinciale, la Direzione strategica Asp ha anche istituito il Comitato tecnico provinciale per le attività di  nefrologia e dialisi. Il comitato sarà composto dai direttori delle unità operative ospedaliere di nefrologia e dialisi, dai rappresentanti delle associazioni a tutela degli interessi dei pazienti e dal direttore sanitario o suo delegato. Il provvedimento mira ad assicurare livelli ottimali di assistenza agli utenti e dà attuazione al decreto assessoriale 1676 del 20/8/2009.

Il grande teatro surreale ed arguto di Achille Campanile sarà presentato all’Empedocleo di Agrigento: quinto appuntamento della terza fortunata ed apprezzata Stagione Teatrale di Teatro da Camera. Si tratta di una piece tra arguzie,furbizie, surrealismi logici ed illogici che aprirono la strada ad un nuovo modo e diverso di fare letteratura. Un modo nuovo apprezzato da Pirandello e Montale. Un eccezionale e unico appuntamento teatrale. Protagonisti assoluti:ROSARIA LETO,pungente,intelligente,ironicamente irritante. ANTONIO GARUFO vittima e padrone, furbo e dubbioso, contraddittorio e determinato, reale e irreale , in un intreccio umoristico per pubblico intelligente. LILLO D’ALEO maggiordomo sagace che regola il traffico intricato degli umoristi italiani e il potente Tonino Migliaccio,funambolo del canto narrativo e coinvolgente. Regia Leto-Garufo. Direzione artistica Giuseppe Adamo e Mario Gaziano.

Saletta teatro Empedocleo 22 febbraio 2019 h 18e15. Ingresso libero per soci e appassionati di teatro da camera

 

L’assessore comunale all’Ecologia, Nello Hamel comunica che il flusso di pagamento per il mese di Dicembre-Gennaio 2019 che consentirà la liquidazione degli stipendi agli operai del servizio Ecologia, sarà in banca nelle prossime ore..Precisa inoltre che il Comune di Agrigento da oltre un anno ha onorato il pagamento di tutti gli emolumenti dovuti con assoluta puntualità e che il ritardo verificatosi a gennaio di soli pochi giorni, è dovuto ad un errore contabile nella fatturazione delle aziende e alle lungaggini delle procedure di Tesoreria.Appare incomprensibile che pur essendo uno dei Comuni più puntuale di tutta la provincia, in una situazione nella quale altri Comuni hanno ritardi fino a cinque mesi nei pagamenti, si sia sollevata una polemica sproporzionata ed ingenerosa come sproporzionate ed ingenerose sono state le indizioni di due Assemblee con astensione dal lavoro che hanno provocato gravi disagi alla popolazione e problemi al ciclo della differenziata. L’assessore Hamel avvisa infine che domani, mercoledì 30, unitamente all’umido, si procederà alla raccolta della carta che è rimasta non eseguita in alcune strade della città nella giornata di lunedì.

Ad Agrigento i Carabinieri hanno compiuto un blitz all’interno del poligono di tiro al volo e dinamico in contrada Pietrarossa. La struttura è stata sequestrata. Infatti, durante l’ispezione è emerso che il poligono, gestito da un’Associazione sportiva, non è in possesso delle necessarie autorizzazioni di Pubblica Sicurezza, della certificazione in materia antincendio e del piano di sicurezza del poligono. Inoltre i Carabinieri hanno scoperto oltre 1.100 cartucce per pistola e fucile, di vari calibri, risultate illegalmente detenute. In particolare, si tratta di munizioni realizzate e confezionate artigianalmente. Dunque, una sorta di deposito abusivo di cartucce “fai da te”. Il gestore del poligono, un uomo di 59 anni di Agrigento, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.

L’amministrazione comunale di Agrigento informa che è stato prorogato il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione per la manifestazione di interesse ai fini dell’istituzione della Consulta comunale per il turismo. Gli interessati hanno tempo fino al prossimo 15 febbraio, entro le ore 12. Il destinatario delle istanze di partecipazione è l’indirizzo di posta elettronica certificata:
servizio.protocollo@pec.comune.agrigento.it .

Durante la serata di ieri lunedì 28 Gennaio la Sala Operativa dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Lampedusa è stata informata dalla locale Stazione dei Carabinieri che, a causa delle avverse condizioni meteo marine nel Canale di Sicilia che hanno caratterizzato gli ultimi giorni del mese, causando la momentanea sospensione del servizio di navigazione di linea per l’isola di Linosa, stavano per terminare i farmaci atti a curare l’influenza in corso e
diffusa tra gli abitanti, soprattutto bambini, dell’isola pelagica.
Avviate prontamente le operazioni di assistenza, è stato disposto l’intervento della dipendente motovedetta CP 324 che, una volta imbarcati i farmaci affidati dal personale di servizio del Poliambulatorio di Lampedusa, ha provveduto al trasporto a Linosa incontrando, durante la navigazione, copiosi piovaschi, vento con raffiche di circa 30 nodi di
velocità, nonché mare agitato ed onde alte fino a 4 metri.

A pochi giorni dal 51esimo anniversario del terremoto del Belìce del 1968 il Coordinamento dei sindaci della valle, rappresentato dal primo cittadino di Partanna Nicolò Catania, scrive al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per chiedere un incontro urgente per discutere del completamento della ricostruzione con i rappresentanti dell’attuale Governo nazionale.

 “È da poco trascorso il 15 gennaio – scrive Nicolò Catania – data del tragico ‘terremoto’ che per noi rappresenta pietra miliare della nostra storia, tanto da relazionarci con il trascorrere del tempo con ‘prima e dopo’ quell’evento catastrofico. Ma in stridente contrasto con l’anniversario dello scorso anno in cui abbiamo avuto il grande onore di poterLa accogliere con orgoglio, quale simbolo di un Paese forte e presente, quest’anno invece rimbomba sonoro l’assordante silenzio di uno Stato che, ancora una volta, a distanza di 51 anni, non fa conseguire propri e doverosi atti che assicurino il rispetto di leggi ancora vigenti, ma mai completamente applicate”.

Il Coordinamento non smette di ricordare e celebrare con fierezza il 51° anniversario “ma questo terremoto – precisa Catania – continua a piegarci quando siamo chiamati a fare i conti con la mancata presenza dello Stato, quando siamo costretti a scendere, ancora, dopo 51 lunghissimi anni, in piazza a protestare contro uno Stato che ci nega diritti già riconosciuti”. I sindaci evidenziano come la ricostruzione a distanza di mezzo secolo “sia imbrigliata nelle pastoie burocratiche che impediscono la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria: strade, fognature, condotte idriche, un’impensabile assenza di infrastrutture fondamentali che siamo costretti ad elemosinare oggi come se fosse trascorso solo un giorno dal sisma”. Alla luce di questo “dobbiamo esprimerLe il nostro profondo rammarico per una situazione che, a distanza di un anno dalla Sua venuta, non solo non è mutata, ma tende a peggiorare”.

Il Coordinamento si rivolge dunque direttamente al Presidente perché “possa intercedere con gli organismi governativi affinché l’incontro risolutivo, che abbiamo più volte richiesto senza riscontro, possa avvenire, così da permettere che questa drammatica e dolorosa pagina della nostra storia conosca un giusto e doveroso epilogo e sia assicurato il completamento della nostra ricostruzione”.

Si trasmette una nota dell’assessore comunale con delega alle politiche sociali e giovanili, dott. Giovanni Riolo sulla governante del CUA di Agrigento. Ecco il testo:

Esprimo viva soddisfazione per la favorevole soluzione della governance del CUA di Agrigento con la conseguente proposizione di nuovi corsi di laurea, che daranno a questa Città la possibilità di diventare polo di attrazione per tanti studenti non solo di Agrigento e dell’hinterland, ma anche di tutta la Sicilia e del sud dell’Italia, essendo alcuni di essi di esclusiva presenza ad Agrigento.

 Infatti il Consorzio, che sarà rinominato in: “Empedocle – Consorzio Universitario di Agrigento”, dall’anno accademico 2019/2020 vedrà aperti i nuovi corsi di Laurea di Economia e Scienze ambientali, di Scienze dell’educazione e di Architettura e Ambiente costruito, che si andranno ad aggiungere al corso di Laurea di Servizi Sociali e ai corsi in esaurimento.

 E’ un grande risultato, che fa seguito alla positiva e fattiva interlocuzione avuta con il Rettore Prof. Micari per chiedere di sbloccare e aumentare l’offerta formativa universitaria ad Agrigento, con l’apertura di nuovi corsi di Laurea.

 La soluzione trovata garantirà nuovamente il diritto allo studio anche ad Agrigento e darà finalmente respiro economico alle tante famiglie agrigentine, non solo perché potranno evitare le ingenti spese della permanenza fuori sede, ma soprattutto perché ci sarà un rilancio dell’economia della città di Agrigento e del suo centro storico. L’Amministrazione comunale di Agrigento infatti metterà a disposizione del nuovo CUA il Palazzo Tommasi, in pieno centro storico, come sede dei corsi di laurea e questo permetterà il riutilizzo di tanti appartamenti come alloggi per gli studenti, la nascita di tante iniziative imprenditoriali e il riuso e la rifunzionalizzazione dei quartieri ora in preda al degrado.

E’ quello che ci si aspettava e che ci aspettiamo e che finalmente potrà trovare realizzazione.

 Un vivo ringraziamento va al Rettore dell’Università di Palermo, che ha mantenuto gli impegni che aveva assunto con la Città di Agrigento, al Governo regionale, che ha sostenuto il rilancio del CUA, al Sindaco di Agrigento, che ha sempre mantenuto una posizione di fermezza nella volontà di rilancio del CUA e a tutti gli altri soci dello stesso CUA, che hanno sostenuto e approvato il progetto”.