Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 41)

L’ente Parco Archeologico e il suo direttore, Roberto Sciarratta vieta ai candidati sindaco e consiglieri comunali di usare nei loro spot pubblicitari le immagini dei Templi. “Secondo legge – dice – l’uso del bene culturale deve essere compatibile con la destinazione culturale del bene. L’uso di immagini da parte di partiti e/o dei singoli candidati non rientrano nella fattispecie. Per questo si diffida chiunque ad utilizzare l’uso delle immagini dei monumenti presenti nell’area archeologica e paesaggistica della Valle dei Templi nonché dei siti dipendenti (Museo archeologico, Museo casa natale Luigi Prandello ecc.) per la promozione della propria candidatura alle prossime elezioni amministrative – comunali. Il Parco – conclude la nota – nei confronti dei trasgressori attiverà ogni opportuna iniziativa atta a garantire la piena tutela giuridica dell’Amministrazione che rappresenta”.

Tragedia a largo di Lampedusa. Un peschereccio, il Valeria III è affondato a causa di una falla che si è aperta improvvisamente. A bordo tre persone: Giovanni Bono, esperto pescatore, il quale, però, non ce l’ha fatta. Poi altri due pescatori, Salvatore Palmisano e Giacomo Martorana i quali sono stati tratti in salvo da una motovedetta della Guardia di Finanza. Martorana si trova ricoverato nel poliambulatorio lampedusano, mentre Palmisano è stato dimesso.

Bono era molto conosciuto nell’Isola. Il sindaco Totò Martello ha dichiarato per domani il lutto cittadino.

 

 

 

“Oggi si e’ verificato al personale dell’XI Reparto Mobile di Palermo il primo caso di positivita’ tra gli operatori provenienti da Lampedusa e non sappiamo quanti altri colleghi, compresi quelli che hanno dato il cambio sul posto, abbiano avuto contatti con il collega risultato positivo al tampone”.

Lo ha reso noto Giovanni Assenzio segretario provinciale del sindacato di polizia Usip Palermo. “Troppi operatori delle forze dell’ordine sono a serio rischio contagio all’hotspot di Lampedusa – aggiunge Giovanni Assenzio – la questione migranti continua ad essere gestita nel modo sbagliato. Non e’ piu’ possibile che il prezzo da pagare, per le inefficienze gestionali a livello politico, ricada sempre sulle forze dell’ordine. Adesso ci aspettiamo, che vengano messi in atto tutti i protocolli sanitari previsti per mettere in sicurezza ed evitare ulteriori contagi tra il personale operante in quel centro e tra i colleghi dell’XI Reparto Mobile di Palermo”.

Con la presente i sottoscritti Marco Vullo ed Angelo Vaccarello Consiglieri Comunale di Agrigento del gruppo consiliare Uniti per la Città chiedono al Sindaco di intervenire con urgenza e in maniera definitiva alla risoluzione delle tante problematiche legate alla prenotazione elettronica delle Carte di Identità.

Vullo e Vaccarello scrivono “ numerosi i cittadini che provano e riprovano invano ad ottenere una prenotazione, il sistema non gli consente di farlo a causa delle problematiche legate agli orari di accesso o all’ intasamento del sito online  ”

Questa la denuncia dei Consiglieri esponenti del Gruppo Uniti per la Città che continuano affermando “ Continuiamo a Registrare l’incapacità governativa dell’Amministrazione Firetto, un assordante silenzio,  gli uffici comunali ed il personale preposto costretti ad arginare con sacrificio le numerose richieste che a volte si trasformano in veri e propri litigi tra i tanti cittadini esasperati  nel chiedere un diritto. “

Vullo e Vaccarello continuano “ il Sindaco si affacci la testa fuori dalla finestra del municipio è  provveda immediatamente ad eliminare questa indegna situazione attraverso l’utilizzo del servizio PROTOCOLLO soprattutto per quei cittadini anziani in difficoltà o impossibilitati all’utilizzo del computer che pur non riuscendo ad ottenere una prenotazione attraverso i sistemi telematici possono farlo attraverso una richiesta per il tramite degli uffici Comunali del protocollo garantendo loro la possibilità di accedere al servizio di rilascio della carta d’identità “

Un sistema di sensori per il monitoraggio in tempo reale del livello dell’acqua e di stazioni meteo per ricevere in tempo reale i dati di piovosità nella provincia. E’ uno dei punti centrali del complesso progetto di monitoraggio e allertamento del rischio idrogeologico elaborato dallo staff tecnico del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, e per il quale è prevista una spesa di 360.000 euro, finanziati dal Programma di Azione e Coesione della Sicilia (POC 2014/2020, Asse 10 – azione 1). Già da tempo, infatti, era all’attenzione del Libero Consorzio la situazione di valloni e torrenti, in particolare quelli  che interessano la  viabilità interna, in grado di creare potenziali situazioni di pericolo per eventi di pioggia di forte intensità nell’unità di tempo.

Oltre al sistema di sensori  sarà possibile un controllo visivo dell’andamento del livello idrometrico anche durante la notte tramite l’installazione di telecamere ad alta definizione a infrarossi. Una soluzione in grado di consentire durante le allerte meteo (al superamento di soglie prefissate o all’apertura delle opere di scarico delle dighe a monte dei corsi d’acqua da monitorare) di interrompere con bassissimo preavviso la circolazione sui ponti delle Strade Provinciali. La disponibilità in tempo reale e h24 di dati utili per il controllo del livello del corso d’acqua (si tratti di fiume, torrente o vallone) è infatti indispensabile per consentire con la massima tempestività tutti gli interventi e le misure di sicurezza nelle situazioni di rischio idrogeologico, sia con procedure di allerta preventiva, sia attraverso la possibilità di gestione di eventi non prevedibili.

Il progetto prevede anche la realizzazione di una rete radio digitale a protocollo Dmr a copertura provinciale. La complessa infrastruttura di rete a diffusione radio Vhf con centrale operativa unificata consentirà, durante le allerte, un monitoraggio diretto di tutti i nodi a maggiore rischio esondazione e garantirà l’operatività anche nel caso di interruzione di tutti i sistemi di comunicazione. Sarà infine garantita una buona copertura radio su tutto il territorio provinciale con la realizzazione di una rete  costituita da cinque stazioni radio base installate, rispettivamente su: Palazzo dell’ex Provincia Regionale di Agrigento, Monte Cammarata, Rupe Atenea ad Agrigento, Serra Balate a Marina di Palma di Montechiaro, Monte Bardaro a Canicatti e Monte Genuardo a Sambuca di Sicilia.

Oltre a ridurre il rischio idrogeologico e ad agevolare le attività di Protezione Civile consentendo l’utilizzo di nuove tecniche di comunicazione, il progetto consentirà anche di sperimentare nuove modalità di coinvolgimento della popolazione interessata dagli eventi.

Un gruppo di migranti si è allontanato dall’hotspot di contrada Imbriacola, a Lampedusa. I carabinieri sono però riusciti – rastrellando l’area circostante – a rintracciare tutti gli extracomunitari e a riportarli indietro. “Ringrazio i carabinieri per essere riusciti a rintracciare tutti i migranti che si erano allontanati, specie in un momento di così forte tensione mediatica e di informazione spesso fuorviante – dice il sindaco delle isole Pelagie, Totò Martello – . I carabinieri si sono mobilitati per garantire la sicurezza e la tranquillità sanitaria degli isolani e dei turisti”.

Oggi il viceministro delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri  si recherà nei cantieri della SS189 della Palermo-Agrigento, accompagnato da tecnici Anas e Cmc, al fine di verificare lo stato dell’avanzamento dei lavori dei cantieri aperti.

Cancelleri già in passato aveva visitato altri cantieri in corso e il risultato dei suoi controlli ha sicuramente accelerato i tempi di consegna dei lavori.

 

Incontro ieri pomeriggio fra i candidati sindaco Franco Micciche’ e Aldo Piazza. E’ stata l’occasione per discutere dei temi ritenuti  piu’ importanti per il rilancio della citta’. Ci si e’ ritrovati sulla maggior parte degli argomenti trattati. Alla fine, con grande spirito di servizio, l’ex sindaco di Agrigento Aldo Piazza ha deciso di convergere sull’unica candidatura del dott. Franco Micciche’, che verra’ condivisa da tutto il gruppo di suoi sostenitori.

L’unione fa certamente la forza e in questo caso si tratta di una condivisione d’intenti per fare rinascere Agrigento. Apprezzamento e gratitudine sono stati espressi dal dott. Micciche’ per la scelta fatta da Aldo Piazza, la cui esperienza politica e le cui qualita’ umane sono certamente note e apprezzate in citta’ e daranno un forte arricchimento a tutto il progetto politico-amministrativo del gruppo che sostiene Franco Micciche’