Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 396)

Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Vincenzo Ricotta, ha assolto Giuseppe Vellenti, Alfonso Vellenti e Natalino L’Abbate, dall’accusa di furto.

I tre furono sorpresi, nel settembre del 20178, dagli agenti del Commissariato di Porto Empedocle nei pressi della zona del Caos, in possesso di cavi di rame e alcune piastre metalliche che si ipotizzava fossero frutto di un furto a un impianto in disuso da anni. Per questo i tre furono arrestati.

Ora la sentenza che scagiona i tre uomini.

“La politica spesso si intreccia con vicende giudiziarie e conseguenti sentenze che la stampa racconta come è giusto sia in un Paese democratico. In Sicilia, in particolare, la storia del giornalismo è costellata dai nomi di seri professionisti che non hanno mai piegato la schiena, giornalisti vittime di mafia uccisi perché cercavano la verità e raccontavano la mafia”. Lo afferma Fabio Cantarella, coordinatore regionale Enti locali della Lega in Sicilia, dopo gli ennesimi attacchi alla stampa delle ultime ore.

L’assessore catanese sottolinea “il massimo rispetto per la categoria, fatta di uomini e donne che, con scrupolo e rigore deontologico, continuano a lavorare tutti i giorni anche in situazioni lavorative ed economiche precarie, senza fare favori a nessuno, tantomeno a un partito politico piuttosto che a un altro”.

Apprezzato l’intervento del sociologo siciliano al XXII Congresso Internazionale di Sociologia in Spagna.

“Dobbiamo mobilitarci contro le fake news e la misinformation. La manipolazione dell’opinione pubblica attraverso le piattaforme social sta emergendo con una criticità che minaccia la vita pubblica”.

Lo ha detto il professor Fancesco Pira, sociologo e professore di Comunicazione e Giornalismo all’Università di Messina, in Spagna nella relazione solta  al XXII Congresso Internazionale di Sociologia in Castiglia che si è svolto il 9 e 10 novembre a Valdepenas, organizzato dall’Associacion Castellano-Manchega de Sociologia e dall’Universidad De Castilla-La Mancha.

La comunicazione politica e pubblica nell’era della disinformazione e delle fake news“, il tema della relazione del professor Francesco Pira, nell’ambito della sessione di Sociologia Politica, Governo e Pubblica Amministrazione dell’incontro congressuale spagnolo, coordinata dal professor Angel Iglesias

“Le piattaforme social  – ha sostenuto il sociologo nel corso del suo intervento – ospitano ora dopo ora notizie spazzatura e disinformazione, con disinvoltura, minando la fiducia nelle istituzioni pubbliche, nei media e nella scienza. Nell’era in cui il consumo di notizie è sempre più digitale, l’intelligenza artificiale, i big data, gli algoritmti back blox stanno influenzando la sfida alla verità e alla fiducia, i capisaldi della nostra società democratica”.

 Accolta la proposta di costituire un gruppo di ricerca internazionale sull’allarme fake news che possa approfondire quanto sta accadendo nel mondo e come vengono influenzati i processi di comunicazione istituzionale e politica.

“Il potere dell’algoritmo modifica la percezione del reale – ha concluso Pira- altera i bias cognitivi (cortocircuiti del cervello che possono farci prendere decisioni stupide) in base ai quali si può definire il frame e la veridicità dei contenuti a cui veniamo esposti. Si realizza così una manipolazione che ha effetti profondi sul modelli culturali e cognitivi di noi tutti, distorcendo i meccanismi di fiducia e credibilità. La polarizzazione dell’opinione pubblica ingenera violenza e paura e cristallizza opinioni e posizioni rendendo difficile l’opera di debucking e di ricostruzione della credibilità basata sulla ricerca della verità oggettiva. Contro le fake news e la disinformazione non c’è tempo da perdere”.

 E’ il secondo anno che il sociologo siciliano partecipa a questo importante convegno che ha visto come relatori sociologi provenienti da tanti paesi d’Europa e da tutto il mondo.


E’ stata riaperta anche la statale 189. Non soltanto domani, per raggiungere il capoluogo siciliano, si potrà tornare ad utilizzare i convogli ferroviari della tratta Agrigento-Palermo, ma anche la strada statale 189 “Della Valle del Platani” torna ad essere percorribile.

Il tratto – tra il chilometro 6,500 e il chilometro 16,700, ossia tra Castronovo di Sicilia e Lercara Friddi in provincia di Palermo – era stato chiuso a seguito dell’esondazione del fiume Platani. Adesso, ad una settimana dall’eccezionale ondata di maltempo che ha “massacrato” anche la viabilità, il traffico sulla Agrigento-Palermo è stato riaperto. Lo rende noto l’Anas. Negli scorsi giorni per raggiungere Palermo, la viabilità è stata letteralmente impazzita: le ingarbugliate deviazioni portavano il traffico della Agrigento-Palermo sull’autostrada all’altezza di Termini Imerese.
 

Il 12 Novembre si dovrebbe firmare il nuovo capitolato d’appalto. Cosa non ben vista dagli operatori ecologici, che si occupano del servizio di raccolta rifiuti ad Agrigento, in quanto questo accordo potrebbe essere un pericolo per molti posti di lavoro.

Il motivo dello sciopero abbraccia i ritardi nel pagamento degli stipendi. I sindacati si sono mossi con le dovute procedure e che, naturalmente, vengano rispettate le scadenze dei pagamenti per dare modo ai lavoratori di far fronte alle loro spese familiari.

Si completa, nel fine settimana, la riattivazione delle linee ferroviarie siciliane ancora interrotte per le conseguenze dell’eccezionale ondata di maltempo che ha interessato la Sicilia la scorsa settimana.Dopo il completamento dei lavori di ripristino dell’infrastruttura ferroviaria da parte dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) fra Caltanissetta Xirbi e Fiumetorto, domani mattina riprendera’ la circolazione ferroviaria sulla PALERMO-Catania.

Lunedi’ mattina sara’ la volta della PALERMO-Agrigento, al termine delle opere di consolidamento dell’infrastruttura ferroviaria fra Lercara Diramazione e Aragona. Oltre 70 le maestranze di RFI e Trenitalia impegnate nel completamento dei lavori e nell’assistenza alle persone. A causa dei gravi danni provocati dal maltempo all’infrastruttura ferroviaria, la circolazione dei treni nei primi giorni subira’ rallentamenti e modifiche all’offerta commerciale.

Trenitalia ricorda che il programma di circolazione dei treni regionali fra Palermo, Agrigento e Catania e’ consultabile sul sito web trenitalia.com, alla sezione “Maltempo: aggiornamenti sulla circolazione”, o al call center gratuito 800 89 20 21.

Su iniziativa di Confimpresa Euromed, presso l’Aula Verde dell’ITC Foderà di Agrigento si è svolto il workshop del Progetto “YES I start up – Formazione per l’avvio d’impresa”, finanziato nell’ambito di Garanzia Giovani, misura 7.1 rivolto ai giovani NEET (not in education, employment or training) iscritti a questo Programma.  Dopo i saluti della docente Angioletta Turturici, delegata dalla Dirigente che ha relazionato sulle motivazioni e l’interesse della scuola a sviluppare il progetto, ha aperto i lavori Alessio Lattuca presidente di Confimpresa Euromed  il quale dopo avere ringraziato la dirigente per l’accoglienza e la disponibilità manifestata,ha ringraziato i giovani presenti e soprattutto i giovani diplomati negli anni pregressi che su invito dell’organizzazione hanno partecipato numerosi. Ha illustrato il Progetto Yes I Start Up, realizzato dall’Ente Nazionale per Microcredito a seguito di un Accordo istituzionale con ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) con lo scopo di formare ed accompagnare all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità i giovani NEET  attraverso la definizione di un percorso formativo e di accompagnamento mirato. Si trattaha continuatodi una misura dell’UE destinata all’inclusione sociale e in quanto tale di solidarietà. Una occasione imperdibile per avviare progetti in svariati settori, di una vera e propria strategia che ha il fine di promuovere e accelerare progetti imprenditoriali e professionali: turismo, accoglienza, ospitalità, intrattenimento, agro business, commercio, servizi. Ma anche nell’ambito delle tecnologie e dei business del settore “digitale”.  Successivamente, ha preso la parola Valentina Lupo – responsabile per la Sicilia dell’Ente Nazionale del Microcredito – la quale ha ringraziato la Scuola per l’attenzione riservata al progetto ha offerto la propria esperienza e disponibilità ad assicurare accompagnamento ai giovani ed ha spiegato ai presenti le modalità con cui Confimpresa Euromed, ente attuatore  assisterà i giovani interessati mediante un percorso  di incubazione e accompagnamento. In sostanza, un servizio diretto ai giovani  per fruire delle opportunità offerte dal progetto e di crescita culturale che Confimpresa Euromed ha programmato di assicurare, attraverso lo Staff. diretto ai giovani  per fruire delle opportunità offerte dal progetto.

In definitiva la giornata è risultata un formidabile  occasione di incontro e di informazione che ha registrato una notevole partecipazione attiva della scuola e molti interventi dei giovani interessati.

                                                                                                                                                                                                                                                     Hong Anh

Si conclude con l’assegnazione dei premi per la sezione cinema la 40^ edizione dell’Efebo d’oro organizzato dal Centro di ricerca per la narrativa e il cinema presieduto da Egle Palazzolo.

La Giuria per il miglior film tratto da opera letteraria composta dal regista Volker Schlöndorff, dalla fotografa Letizia Battaglia, dal regista e direttore della fotografia Daniele Ciprì, dalla docente e scrittrice Nicoletta Vallorani e da Egle Palazzolo ha assegnato il riconoscimento alla regista vietnamita Hong Hnh per The Way Station, adattamento di un romanzo dello scrittore Do Phuoc Tien.

Attraverso uno stile rarefatto e notturno e una palette cromatica lussureggiante – ombrosa anche se a tratti inondata da squarci sfavillanti – si dipana una storia imbevuta di passione e gelosia, volontà di riscatto e violenza, ricerca d’indipendenza e stabilità dei sentimenti. Una sosta in un luogo di passaggio – come quello suggerito dal titolo – al contempo concreto e metaforico, nel quale ci s’imbatte per caso, vagolando nelle tenebre di una notte bianca in cui la realtà è indistinguibile dal proprio mondo interiore.

La Giuria Efebo speciale per il miglior regista esordiente composta dalla giornalista Daniela Tornatore, dalla scrittrice Daniela Gambino e dallo scrittore Francesco Romeo ha premiato Dario Albertini per il film Manuel, un racconto di formazione scritto sul corpo e sul volto del giovane protagonista, reso con sorprendente credibilità e potenza scenica da Andrea Lattanzi. Dario Albertini ha ricevuto anche il premio della Giuria di studenti del Liceo Einstein di Palermo.

Premio Efebo d’oro per i nuovi linguaggi “Città di Palermo” a Peter Greenaway, il grande artista britannico autore di numerose nonché affascinanti installazioni e pellicole quali I misteri del giardino di Compton House, Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante, I racconti del cuscino. Greenaway riceverà la cittadinanza onoraria dal Sindaco di Palermo Leoluca Orlando nel corso della cerimonia di premiazione al Cinema De Seta dei Cantieri culturali alla Zisa.

Premio ANDE Cinema Donna al film francese Le semeur di Marine Francen, un film in costume, un percorso che conduce verso un mondo d’altri tempi, ma che svela al contempo una visione moderna della società e dell’essere donna.

Premio Lions Palermo dei Vespri a Francesco Patierno per Diva!, nel quale otto grandi attrici ripercorrono la vita di Valentina Cortese, interpretando le sue stesse parole tratte dall’autobiografia pubblicata in occasione dei suoi 90 anni. Un viaggio attraverso i suoi ricordi e le sue interpretazioni.

Premio Rotary Club Palermo Sud ai giovanissimi Emanuela Pizzo e Flavia Brucoli, studenti del Liceo Artistico Statale “Vincenzo Ragusa e Otama Kiyohara” – diretto da Giuseppina Attinasi che hanno realizzato i premi quest’anno sotto la guida dei docenti Giovanni Aglialoro e Tiziana Provenzani.

Premio Corrado Catania-Mestieri del cinema alla montatrice Ilaria Fraioli.

La 40^ edizione dell’Efebo d’oro, organizzata dal Centro di ricerca per la narrativa e il cinema, è realizzata con il contributo della Regione Siciliana, Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Ufficio speciale per il Cinema e l’Audiovisivo / Sicilia Film Commission nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei – Cinema e Audiovisivo, Città di Palermo, nell’ambito di Palermo 2018 – Capitale italiana della cultura. Main Sponsor Banca Popolare Sant’Angelo. In collaborazione con Fondazione Sicilia, Manifesta 12, Centro Sperimentale di Cinematografia-sede Sicilia, Institut Français Palermo, Goethe Institut, Istituto Cervantes di Palermo, Liceo artistico statale Ragusa Kiyohara. Con il sostegno di Amat, Mazda-Isvautodue, Sallier de la Tour, Ferribotte film, Rotary Club Palermo Sud, Ande Palermo, Lions Palermo dei Vespri, St’orto, ZetaPrinting, Casa Stagnitta, Garajo, Kalòs, Cisam, Cappadonia

 

“Apprendiamo che Rap starebbe pensando al distacco di personale da Reset per coprire i suoi vuoti di organico. La cosa ci turba ed è per questo che diciamo da subito il nostro secco no all’operazione” afferma Mimma Calabrò Segretario Generale della Fisascat Cisl Palermo Trapani.

“Da tempo tutti i lavoratori Reset, con grandi sacrifici, lavorano ad orario ridotto e senza il dovuto riconoscimento di livelli e istituti contrattuali. Se da un lato non si riesce a far rispettare gli accordi sindacali, dall’altro si pensa ai distacchi che provocherebbero il solo risultato di fare distinzioni fra lavoratori di serie A e lavoratori di serie B” continuano Mimma Calabrò e Antonello Collosi, coordinatore aziendale Reset della Fisascat.

“Piuttosto che guardare al distacco, che produrrebbe solo guasti, si inizi a ragionare su una mobilità orizzontale fra tutte le partecipate” – continua la Calabrò – “Con il giochetto del distacco gli operai di Reset andrebbero a svolgere analoghe mansioni ma guadagnerebbero meno, dal momento che verrebbe loro applicato un contratto diverso. È così che si affrontano le cose, guardando ai lavoratori e alle aziende come territorio di colonizzazione?”

“Si tratta di un modello contro cui ci batteremo con tutte le nostre forze. I lavoratori sono tutti uguali – conclude il Segretario – “Chiediamo un incontro al sindaco per fare chiarezza senza ulteriori perdite di tempo”.

“E’ davvero allarmante e grave la situazione che si registra oggi nel trapanese come conseguenza del maltempo. Ma non si può dire che l’eccezionalità degli 80 mm di pioggia caduti in poche ore sulla provincia di Trapani sia la sola causa dello straripamento del fiume Mazaro nei pressi di Mazara del Vallo e dei pesanti allagamenti per l’esondazione del fiume Birgi accanto all’aeroporto. Sappiamo bene come da otto anni mancano tutte le autorizzazioni, a causa di una burocrazia insopportabile, per consentire il dragaggio del fiume Mazaro. L’isolamento di queste ore del porto di Mazara è la punta di un iceberg per i mancati interventi di messa in sicurezza del territorio. Ci sono rischi concreti anche per le persone sui quali non si può più tacere, dopo le morti recenti. Chi deve assumersi responsabilità lo faccia subito consentendo lo sblocco dell’iter per la realizzazione dei lavori. Mi farò carico già dalla prossima settimana di far istituire un tavolo tecnico presso la Commissione Ambiente dell’Ars per affrontare la questione del dissesto idrogeologico che interessa il Mazaro e il Birgi, coinvolgendo l’Assessorato al Territorio e all’Ambiente e il Commissario regionale per il Dissesto idrogeologico. Abbiamo l’obbligo, come Istituzioni, di dare risposte rapide per recuperare i ritardi nella messa in sicurezza di argini e bacini dell’area trapanese. Faccio appello al Presidente della Regione Musumeci affinché coinvolga immediatamente anche la Protezione civile regionale per i primi interventi. Da parte mia assicuro la massima attenzione nel seguire l’iter che deve portare all’avvio dei cantieri nelle aree che insistono sul corso dei due fiumi”.  Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo dell’Udc all’Assemblea regionale siciliana.