Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 385)

Si chiude così la prima fase relativa alle indagini compiute dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Palermo su presunte irregolarità tecnico-amministrative dell’impianto di discarica posto in territorio di Siculiana e gestito dal gruppo Catanzaro.

Il sequestro è scattato per l’esistente pericolo di contaminazione del suolo e delle acque che potrebbero arrecare danno all’ambiente e alla salute pubblica.

Tre le persone indagate; oltre a Giuseppe Catanzaro, già presidente di Sicindustria, i due suoi fratelli.

L’atto dispositivo è partito dalla Procura di Agrigento diretta dal dott. Luigi Patronaggio coadiuvato dal Sostituto Procuratore Alessandra Russo e il decreto è stato firmato dal Giudice per le Indagini Preliminari Francesco Provenzano.

L’indagine è scattata a seguito di numerose segnalazioni di irregolarità pervenute da Enti, Istituzioni ed anche da parte di privati dalle quali sono state acquisite documenti relativi alla conformità degli impianti, alle autorizzazioni e alle concessioni. La relazione tecnica, eseguita successivamente, ha presentato un quadro assai preoccupante, sia sulla regolarità amministrativa degli impianti sia sotto il profilo dell’impatto sul territorio dove insiste la discarica, con limiti di contaminazione regolarmente superati, con emissioni laterali di biogas provenienti dalle vasche post – operative, con l’emersione di indici di “potenziale contaminazione” delle acque sotterranee, senza l’attivazione delle dovute procedure di rientro.

L’impianto di discarica, in ragione del servizio di pubblica utilità comunque svolto, è stato, su indicazione del Gip, consegnato a due amministratori giudiziari da questo nominati con l’incarico della gestione dell’impianto di discarica in sequestro “nei limiti di tale utilità, con riferimento alle commesse provenienti da Enti pubblici o, comunque, aventi carattere pubblicistico, purché nel rispetto della normativa ambientale e al fine di regolarizzare l’attività”.

L’indagine della Procura della Repubblica, anche all’esito dell’eseguito sequestro, prosegue, anche con l’ausilio della Guardia di Finanza, Nucleo di polizia economica e tributaria di Agrigento, per accertare eventuali altri profili di illiceità, anche con riferimento agli eventuali pregiudizi economici e danni erariali, derivanti dalla irregolare gestione.

Oggi pomeriggio, dall’Hotspot di Bisconte a Messina, ufficializzeremo tramite un’apposita conferenza stampa la chiusura della struttura abusivamente realizzato nell’ex caserma Gasparro. Ciò che è successo mercoledì sera, con una trentina di migrati ancora a piede libero, ricercati dalle forze dell’ordine, è un fatto che non può e non dovrà più ripetersi. La cittadinanza è preoccupata e non posso permettere che nel mio territorio regni sovrano il disordine. I migranti fuggono indisturbati per la città, mettendo in pericolo la popolazione e dobbiamo pure stare in silenzio senza protestare? Non ci sto, per tale motivo dico basta a questo mercimonio. Se a livello regionale non si riesce a fare la voce grossa con Roma, accettando supinamente tale condizione, da adesso a Messina si cambia e anche subito”. Lo afferma il Sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Le borse di studio assegnate agli studenti degli Istituti Superiori per l’anno scolastico 2018/2019 verranno liquidate dalle Poste Italiane fino al 31 agosto 2020. La notizia della proroga è stata pubblicata nel sito IoStudio del Ministero Istruzione. Le somme sono a disposizione presso qualsiasi ufficio postale. La proroga vale per coloro che  non hanno ancora avuto modo di ritirare la somma spettante. In Sicilia gli studenti beneficiari sono circa 22mila.

Per riscuotere la borsa di studio bisogna recarsi presso qualsiasi Ufficio Postale senza necessità di utilizzare o esibire la Carta dello Studente IoStudio, ma semplicemente richiedendo all’operatore dello sportello di incassare un “Bonifico domiciliato” erogato dal Ministero dell’Istruzione. Gli studenti per poter ritirare l’importo assegnato, devono essere provvisti di carta identità e codice fiscale, non scaduti ed in corso di validità. Qualora lo studente sia minorenne sarà invece necessaria la presenza di un genitore provvisto anch’esso dei rispettivi documenti di riconoscimento. Inoltre è necessario, nel caso di minorenne, che il genitore sottoscriva davanti all’impiegato delle poste una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. Non sono ammesse deleghe in favore di altri soggetti per la riscossione del contributo economico.

Le borse di studio assegnate dal Ministero dell’Istruzione hanno un importo variabile in base alla Regione dove risiede lo studente. Per la Regione Siciliana l’entità della borsa di studio è stata fissata in € 210,60. Il Libero Consorzio comunale di Agrigento interviene nel procedimento di assegnazione predisponendo annualmente gli elenchi che riguardano gli studenti delle Scuole Medie Superiori della provincia che poi inoltra alla Regione.

 

L’attività, svolta all’interno dell’area portuale di Porto Empedocle, è stata finalizzata ad una serie di controlli sul rispetto delle norme del Codice della strada, del Codice ambientale e relativamente agli aspetti in materia di sicurezza delle navi e degli impianti portuali (ISPS Code).

Il personale della Capitaneria di Porto Empedocle, unitamente al personale della Polizia Stradale, sono stati impegnati su un’intensa attività di prevenzione e controllo su mezzi e persone in arrivo ed in partenza con i traghetti e l’aliscafo da e per le Isole Pelagie.

Sono stati effettuati controlli ed ispezioni ai mezzi che trasportano pescato in arrivo dalle Isole di Lampedusa e Linosa, con l’obiettivo di controllare l’intera filiera ittica e garantire che sulle tavole degli italiani arrivino prodotti idonei al consumo e non potenzialmente pericolosi per la salute umana.

Per quanto attiene il controllo sulla tracciabilità filiera ittica, sono stati ispezionati due vettori che contenevano in totale 6532 kg di prodotto ittico risultato regolarmente etichettato e tracciato.

In tema ambientale gli agenti operanti hanno elevato due verbali amministrativi per un totale di 6.200 euro a due automezzi che effettuavano trasporto professionale di rifiuti solidi urbani senza il prescritto formulario di identificazione, non osservando le vigenti normative in materia ambientale.

L’operazione rientra nelle vaste attività di controllo, poste in essere dalla Capitaneria di Porto di Porto Empedocle, al Comando del Capitano di Fregata Gennaro Fusco, finalizzate ad esperire capillari controlli per quanto concerne tutta l’attività di sicurezza portuale, ambientale e di monitoraggio della filiera ittica, nonché la deterrenza di tutte quelle attività illecite che possano verificarsi, sia all’interno delle aree portuali, sia lungo tutto il litorale di giurisdizione.

Attività che proseguirà nei prossimi giorni per:

  • verificare la sicurezza portuale e ambientale mediante sopralluoghi congiunti con le altre forze di polizia al fine di concentrarsi sui propri settori di competenza e rendere i controlli sempre più efficaci e completi;
  • tutelare il consumatore finaleverificando che il prodotto ittico sia conforme ai requisiti di legge per quanto attiene alla tracciabilità  e all’etichettatura, in contrasto al fenomeno della contraffazione delle etichette.

Calogero Niesi, 40 anni, di Favara, architetto, è stato confermato presidente Giovani Imprenditori di Confcommercio della provincia di Agrigento, eletto all’unanimità per il quinquennio 2020-2025. La vice presidenza è stata affidata a due donne, Floriana Panarisi e Luana Landolina. Lo stesso Niesi commenta: “Sono contento di poter contare sull’appoggio di due donne che nel ruolo di vicepresidente sapranno dare nuova linfa al nostro operato. La crisi deve essere l’occasione per risolvere i nodi che hanno soffocato fino ad oggi la crescita delle imprese, a cominciare dalla lentezza e complessità delle procedure burocratiche. Ringrazio il direttivo infine per la fiducia accordata”. Il Consiglio direttivo è composto da Giuseppe Castellano, Davide Morreale, Antonio Sorce, Rosario Pendolino, Calogero Cacciatore e Francesco Parrino.

Come confermato dal doppio tampone rino-faringeo eseguito, sono guariti 11 dei 30 migranti positivi al Covid e ospiti della “zona rossa” sulla nave per la quarantena “Moby Zazà” ancorata in rada a Porto Empedocle. Pertanto gli 11 sono sbarcati a terra. Nella “zona rossa” vi sono dunque al momento 19 persone. Il gruppo dei 30 è stato parte dei 211 migranti salvati in acque internazionali dalla Sea Watch 3. Fra i 211 extracomunitari vi è stata anche una donna di 31 anni incinta, originaria del Camerun che, positiva al virus, è stata trasferita all’ospedale “Cervello” a Palermo. Nel frattempo, lunedì prossimo, 20 luglio, si conclude la sorveglianza sanitaria per i 150 migranti salvati dalla Ocean Viking e ospiti della Moby Zazà. Anche loro, prima di sbarcare a terra, saranno sottoposti a tampone rino-faringeo. L’armatore, concluse tutte le operazioni sanitarie necessarie, non intende rinnovare la concessione della nave da crociera.

Ad Agrigento, in Prefettura, sono state consegnate delle onorificenze al merito, tra due cavalieri e un ufficiale, “al merito della Repubblica italiana”. Le onorificenze concesse dal presidente della Repubblica sono destinate a coloro che hanno acquisito benemerenze nelle pubbliche cariche, per segnalati servizi nelle carriere civili e militari, in attività svolte ai fini sociali, filantropici, umanitari e nell’ambito della cultura. Il titolo di “cavaliere” al sottoufficiale dell’Arma dei carabinieri, in quiescenza, Francesco Di Leonardo, e a Francesco Sallì. Il titolo di “ufficiale” al primo dirigente della polizia di Stato, in quiescenza, Fatima Maria Nicoletta Celona.

Il pm Gabriele Paci ha chiesto l’ergastolo per Matteo Messina Denaro, accusato di essere uno dei mandanti degli attentati di Capaci e Via D’Amelio. Il processo si celebra davanti alla Corte d’Assise di Caltanissetta. Il superlatitante trapanese, a capo del mandamento di Castelvetrano , è considerato uno dei boss più potenti di Cosa Nostra nonostante sia irreperibile da 27 anni.

La richiesta è stata avanzata a conclusione della requisitoria, durata otto udienze. Matteo Messina Denaro è difeso dagli avvocati Salvatore Baglio e Giovanni Pace.

La mafia approfitta anche della pandemia covid. Secondo quanto emerge dalla relazione semestrale della Dia, la Direzione investigativa antimafia, inviata al Parlamento, un intero capitolo è riservato all’emergenza covid. E tra l’altro si legge: “La paralisi economica provocata dalla pandemia di coronavirus può aprire alle mafie prospettive di arricchimento ed espansione paragonabili a ritmi di crescita che può offrire solo un contesto post-bellico. Il rischio è che le mafie allarghino il loro ruolo di “player affidabili ed efficaci” a livello globale, mettendo le mani anche su aziende di medie e grandi dimensioni in crisi di liquidità”.

La Guardia di Finanza ha arrestato ai domiciliari per corruzione il sindaco di Favignana, in provincia di Trapani, Giuseppe Pagoto. Le Fiamme Gialle hanno notificato 11 misure cautelari nell’ambito di un’indagine della Procura sulla gestione del sistema di approvvigionamento idrico. Ai domiciliari è stato ristretto anche il Comandante della Polizia municipale Filippo Oliveri, e l’ex vicesindaco Vincenzo Bevilacqua. Complessivamente sono 24 gli indagati dalla Procura di Trapani. Nel corso delle indagini, tra i diversi capi d’imputazione, i finanzieri hanno accertato un accordo corruttivo tra il sindaco, il vice sindaco pro tempore e un assessore del comune di Favignana con i responsabili e i dipendenti di due società che hanno ottenuto dal Ministero della Difesa la gestione della fornitura di acqua potabile, attraverso navi cisterna, nelle isole minori. E’ stato quantificato un danno all’Erario per circa 2 milioni di euro.