Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 380)

Uno studente agrigentino è risultato positivo al Coronavirus, si tratta del primo caso che interessa una scuola della città dei templi. La classe del giovane, che frequenta il quarto anno del liceo Linguistico Leonardo di Agrigento, è stata, precauzionalmente messa in quarantena in attesa dei dovuti accertamenti delle autorità sanitarie. Isolamento fiduciario anche per i familiari dello studente.

Intanto, dopo la scoperta dello studente del liceo scientifico Leonardo di Agrigento positivo al Covid nel pomeriggio di oggi sono stati effettuati i tamponi rapidi dall’Asp di Agrigento a tutti i compagni di classe del giovane di quarto anno risultato contagiato: i test hanno per fortuna dato esito negativo. L’intera classe era stata comunque posta in isolamento fiduciario.

E’ in scadenza il prossimo 16 ottobre il termine per aderire alla partecipazione collettiva alla Fiera “Boot” in programma in Germania, a Düsseldorf, dal 23 al 31 gennaio 2021, i cui bando e scheda riepilogativa sono pubblicati sul sito istituzionale del Libero Consorzio Comunale di Agrigento (sez. “In evidenza”) nell’ambito della continua attività di informazione da parte del Settore Politiche Comunitarie su tutte le opportunità di finanziamento per le imprese siciliane ed agrigentine in particolare. In questo caso si tratta di risorse stanziate dal PON IC–PO FESR 2014-2020, Azione 3.4.1 “Progetti di promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale”.

Si tratta di una importante iniziativa promozionale organizzata dalla ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane,  nell’ambito  del Piano Export Sud-2,. In questo caso la partecipazione collettiva è riservata alle aziende del settore nautico con sede operativa nelle Regioni del Sud Italia che operano nel Mezzogiorno (ovvero quelle sede operativa in Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia).

Obiettivo dell’azione PON è quello di selezionare operatori nel settore nautico per la partecipazione a manifestazioni fieristiche, promuovendo l’ampliamento e il rafforzamento dei processi di internazionalizzazione delle PMI siciliane.

“Tanti imprenditori hanno aspettato le risorse promesse con il tanto celebrato click day. Hanno sostenuto ingenti spese, magari pure indebitandosi per avere il Durc in regola – visto che era uno dei requisiti richiesti per accedere acontributi – e adesso come si ritrovano? Con un pugno di mosche. Il click day era uno specchietto per le allodole già dal suo concepimento, perché creava illusioni, come d’altronde ha creato illusioni il Governo Musumeci ai Comuni della Sicilia, quando il 28 marzo scorso ha annunciato in pompa magna 100 milioni di euro in aiuti alimentari e ad oggi ne ha erogati soltanto 30 milioni. La cosa peggiore è che ancora non sappiamo se la differenza, pari al 70% sarà mai erogata. Siamo purtroppo dinanzi asolito festival degli annunci. Musumeci va avanti a forza di slogan, preoccupandosi di essere il Presidente di alcuni piuttosto che di tutti i siciliani. Così però dimostra la sua inadeguatezza al Governo. Sta affossando il territorio che è già alla canna del gas per via della crisi economica scaturita dalla Pandemia”. Lo afferma il Sindaco di Messina, Cateno De Luca, a seguito del flop del click day del Governo Musumeci, che adesso cerca di correre ai ripari con soluzioni alternative e improvvisate.

Una coppia di adolescenti saccensi, entrambi di 15 anni, ha tenuto in apprensione le rispettive famiglie per quella che probabilmente è stata una fuga d’amore.

Una vicenda conclusasi alle 2 di notte con il ritrovamento dei due ragazzi dopo l’intervento della Polizia, a cui le famiglie si erano rivolte dopo non essere riuscite ad avere notizie dei loro ragazzi per l’intera giornata, e dei Vigili del fuoco del distaccamento saccense.

La coppietta dopo un giorno di ricerche è stata intercettata la scorsa notte in una casa di campagna di proprietà di una delle due famiglie. La Polizia ha dovuto chiamare i Vigili del fuoco per forzare l’ingresso visto che i due ragazzini non volevano aprire la porta. Tra ansia e rabbia, la vicenda si è conclusa per fortuna a lieto fine.

“I migranti ospiti del centro quarantena del Villaggio Mosè di Agrigento, dopo quanto è accaduto ieri, sono stati trasferiti in un’altra struttura dove ultimeranno il periodo di sorveglianza sanitaria”.

Così la prefetto Maria Rita Cocciufa la quale conferma che oggi le ultime tre persone positive al coronavirus verranno trasferite a Palermo dove saranno imbarcate sulla nave Aurelia.
Al momento, nella struttura del rione commerciale di Agrigento, restano soltanto le tre persone contagiate dal virus Covid-19 per le quali si sta procedendo ad organizzare, in maniera opportuna, il trasferimento e l’imbarco sulla nave quarantena “Aurelia” che è in rada di Palermo. Al termine di queste operazioni la struttura sarà chiusa, ma si dovrà vedere se dovesse essere riaperta in caso di necessità.
Intanto tre poliziotti del reparto Mobile di Palermo, durante i tafferugli registratisi, sono rimasti feriti. Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, esprimendo “solidarietà e vicinanza”, ha parlato chiaramente di “aggressioni intollerabili” nei confronti di chi, “in questa difficile situazione, sta operando con dedizione e professionalità anche sul fronte della gestione del fenomeno migratorio per garantire la sicurezza dei cittadini”.

Teatro della scena una stazione di servizio di Gela dove ieri sera è scoppiata una violenta rissa tra due gruppi ben distinti; un gruppo del luogo, quindi di Gela, l’altro di Licata.

La rissa ha avuto subito toni fortissimi tanto che ad un certo punto è uscita fuori anche una pistola dalla quale sono stati sparati una decina di colpi. Ad avere la peggio un uomo di 42 anni di Licata, Michele Cavaleri subito trasportato all’ospedale Vittorio Emanuele dove è stato operato per le ferite riportate alle gambe e all’addome. Le sue condizioni sono serie.

I Carabinieri, giunti tempestivamente sul posto, hanno fermato un 34enne, Paolo Quinto Di Giacomo sul quale pende l’accusa di tentato omicidio e porto abusivo d’arma in quanto la pistola calibro 7,65 era con la matricola abrasa. I Carabinieri si sarebbero accorti che a sparare a Cavaleri fosse proprio il Di Giacomo.

Da ricostruire tutta la dinamica dell’accaduto. Di certo le telecamere poste all’interno dell’area di servizio (dove sarebbe iniziata la rissa) e quelle poste all’esterno daranno un contributo notevole per lo sviluppo delle indagini.

 

 

La Corte d’Appello ha assolto dall’accusa di stalking il trentenne Angelo Azzarello. Quest’ultimo, che sta scontando la condanna a 17 anni di reclusione per l’omicidio della fidanzata Alina Condurache avvenuto nel 2014, era stato riconosciuto colpevole dal gup del Tribunale di Agrigento che lo aveva condannato a un anno e mezzo di reclusione. La vicenda nasce dalla frequentazione di Azzarello con una donna sposata di Naro riuscendo a filmare e fotografare momenti molto imbarazzanti e privati. Quest’ultima, decisa a rimettere in sesto la vita familiare, troncò ogni tipo di rapporto con Azzarello che non condivise tale scelta. E per vendicarsi fece girare sui social e su Whatsapp le foto compromettenti della donna.

In Sicilia, ormai e purtroppo, i nuovi casi di contagio al coronavirus salgono quotidianamente.

Il bollettino del ministero della Salute registra ben 213 nuovi casi positivi in Sicilia; si tratta del numero più alto da quando ha avuto inizio la pandemia. I tamponi processati sono stati 6579.

Sono quattro i morti vittime del Covid 19, sostanzialmente tutti anziani; due a Catania, uno a Palermo e uno a Mazara del Vallo. I guariti sono 108. Gli attuali positivi quindi salgono a 3.549,

Ecco il numero dei casi odierni nelle province siciliane: Catania (89), Palermo (59); Trapani (25); Caltanissetta (13); Messina (11); Siracusa e Ragusa (8).

 

Il camion è un mezzo di trasporto commerciale è molto complesso, i mezzi moderni percorrono tragitti lunghissimi. Tutti gli impianti del veicolo sono sottoposti a carichi molto pesanti, perché i veicoli commerciali trasportano solitamente carichi importanti. Quindi è importante che il camion sia dotato di materiali consumabili e pezzi di ricambio di alta qualità. Ogni proprietario di camion, sia esso un piccolo imprenditore o una grande azienda, ha bisogno di un fornitore affidabile.

La scelta dei ricambi per camion è un po’ diversa rispetto alla scelta dei ricambi per auto mobili, perché in ogni cambio ci sono impianti diversi, come sistemi ad aria compressa, oltre a elementi decorativi, come gli elementi dell’esterno, parti delle sospensioni della cabina, chiusure per rimorchi, illuminazione extra, ralle e parti per rimorchio. Oltre a queste parti, ci sono moltissimi accessori e prodotti per la cura del veicolo.

Il nostro negozio online offre un vasto assortimento di materiali consumabili e ricambi delle marche più affidabili, per veicoli commerciali leggeri e pesanti di qualunque marca e per qualunque modello. Per trovare il prodotto giusto, basta specificare la marca, il modello e l’anno di produzione del proprio veicolo. Il nostro catalogo comprende oltre 10.000 articoli, tra parti e accessori, per camion a benzina e per camion diesel. Tutti gli articoli offerti sono coperti da una lunga garanzia. Sul sito c’è un sistema di ricerca molto comodo, che consente di trovare tutto il necessario in poco tempo e senza fatica. È sempre possibile risparmiare molto, grazie alle frequenti promozioni. Ordinando in questo momento, c’è anche la possibilità di ottenere la spedizione gratuita.

Per qualunque domanda, mettiamo a disposizione un servizio di assistenza professionale: termini di consegna, dettagli sui prodotti, metodi di pagamento, i nostri esperti sono sempre a disposizione. Basta registrarsi sul nostro sito per avere informazioni privilegiate sulle offerte, sugli aggiornamenti dei prodotti, si possono anche seguire i prezzi delle parti che interessano. Auto-doc.it rende ogni acquisto facile e vantaggioso.

 

Si avvicina, sempre più, la data del 12 ottobre allorché si saprà se Palma di Montechiaro farà parte o meno del lotto delle 10 città finaliste per concorrere al titolo di “Capitale della Cultura italiana 2022”. Intanto, giovedì 8 venerdì 9 ottobre prossimi, il sindaco della città del Gattopardo, Stefano Castellino, sarà presente all’evento “Il futuro delle Città della Cultura che si svolgerà a Lucca.

Si tratta di un incontro internazionale organizzato da PromoPA Fondazione dedicato allo sviluppo e alla conoscenza della filiera beni culturali – tecnologie – turismo che si svolge ogni anno a Lucca nel mese di ottobre.
Durante il confronto previsto tra le candidate a Capitale Italiana 2022 «sui modelli di produzione culturale, dell’abitare e del turismo, alla luce delle progettualità attivate sui territori nell’ambito del percorso di candidatura, in risposta all’attuale situazione post emergenziale», il sindaco Castellino rappresenterà la visione portante della candidatura di Palma per un nuovo sviluppo a base culturale della città agrigentina, a pochi giorni dall’esito della selezione delle città finaliste.