Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 363)

Domani in considerazione della tragedia che ha colpito il paese di Ravanusa e in occasione dei funerali di Stato per commemorare quanti hanno perso la vita nell’esplosione, l’ANCI Sicilia in segno di lutto e di vicinanza alle famiglie delle 9 vittime e alla comunità guidata dal sindaco Carmelo D’Angelo, invita i comuni dell’Isola a esporre le bandiere a mezz’asta.

Scatta da oggi, anche in provincia di Agrigento, la vaccinazione anticovid-19 per i bambini di età compresa fra i cinque e gli undici anni. Le somministrazioni saranno curate dall’equipe dei pediatri ASP presso i presidi ospedalieri di Agrigento, Licata, Ribera, Sciacca e Canicattì dove gli ambulatori stanno gradualmente “cambiando faccia” per divenire sempre più accoglienti, colorati e a misura di bambino (nelle foto il setting allestito presso l’ospedale “Fratelli Parlapiano” di Ribera). Per la settimana in corso le somministrazioni saranno effettuate solo oggi e domani dalle nove alle tredici (ad esclusione quindi delle giornate di sabato e domenica) mentre a partire da lunedì 20 dicembre avverranno tutti i giorni, compresi i festivi, dalle nove alle quattordici ed il martedì e giovedì anche in orario pomeridiano. La prenotazione può essere effettuata collegandosi alla piattaforma governativa (prenotazioni.vaccinicovid.gov.it) predisposta da Poste Italiane, oppure attraverso il sito Sicilia Coronavirus, da dove è possibile scaricare anche la modulistica relativa alla vaccinazione. Il giorno della somministrazione del vaccino i bambini dovranno avere cinque anni compiuti e sarà necessaria la presenza di un genitore, o tutore legale, il quale dovrà dichiarare di avere informato l’altro genitore.

La vaccinazione permette anche ai più piccini di difendersi dal covid-19 e, al contempo, limita fortemente la circolazione del virus in un periodo in cui si assiste ad una sensibile ripresa dei contagi.

Questa mattina, il Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili On. Giancarlo Cancelleri presente alla demolizione, con esplosione controllata, del Viadotto S. Giuliano, al km 62+700 della SS 640 “Strada degli Scrittori”.
“Oggi un altro importante passo avanti per la SS640. Demolito qualche mese fa il vecchio Viadotto Salso, oggi abbiamo proceduto alla demolizione del Viadotto S. Giuliano. Dopo tante controversie e problematiche che hanno rallentato e bloccato i lavori su questa strada, con tanti sforzi, ricominciamo a vedere il completamento di importanti fasi dei lavori. I cantieri su questa infrastruttura procedono ed io, come promesso sarò presente ad ogni avanzamento per garantire l’esecuzione degli stessi e raccontare al territorio che quest’opera sarà presto consegnata” dichiara il Sottosegretario Giancarlo Cancelleri.
“Il ponte San Giuliano, chiuso nel 2017, oggi è stato demolito per i primi 700 metri. Facciamo spazio alla ricostruzione del nuovo viadotto. In questi giorni al Mims stiamo rimodulando i fondi di sviluppo e coesione che ci permetteranno di avere il nuovo finanziamento di 58 milioni di euro, entro il 2021 avremo tutti i soldi disponibili. Grazie al progetto esecutivo di ricostruzione potremo già nel prossimo anno procedere alle determinazioni di Anas per la ricostruzione. Con la demolizione di oggi, facciamo inoltre spazio al completamento della bretella provvisoria che permetterà di avere una viabilità consona sia per il territorio di Caltanissetta che per quello di Agrigento”, continua il Sottosegretario.
“L’obiettivo continua ad essere quello di non fermare più i lavori fino a consegnare l’opera completa” ribadisce soddisfatto Cancelleri.
“Mi preme sottolineare che la demolizione del Viadotto S. Giuliano non è assolutamente un capriccio, era un viadotto fortemente compromesso dal punto di vista strutturale, proprio perché non garantiva la sicurezza a chi lo percorreva, era chiuso al traffico da anni. Questo viadotto e la sua interdizione ha rappresentato il simbolo negativo di questo cantiere e dei disagi purtroppo subiti dalla comunità di questo territorio. Oggi è stata demolita parte significativa del viadotto e questo permetterà di procedere soprattutto con i lavori del bypass, per agevolare la viabilità ed eliminare non pochi disagi nell’attesa del completamento della Galleria Caltanissetta” commenta.
“La Sicilia ha bisogno di risultati, di riscatto, di normalità. Due anni fa questo cantiere era fermo e le imprese coinvolte nel concordato fallimentare della CMC rischiavano di fallire. Oggi i lavori procedono con ritmo spedito, con il Salva Opere lo Stato ha pagato i crediti che le imprese vantavano per lavori già eseguiti, così si è letteralmente evitato il collasso del tessuto economico di questo territorio. L’ obiettivo è consegnare la nuova SS 640 conforme agli standard europei al più presto. Un’infrastruttura moderna e sicura che il territorio aspetta da decenni”

False aziende con finti posti di lavoro che servivano per ottenere indennizzi reali per infortuni simulati: secondo il pubblico ministero Gloria Andreoli i 53 imputati devono essere tutti condannati: le pene richieste sono comprese fra i 4 e i 12 anni di reclusione.

Il processo scaturito dall’inchiesta “Demetra”, che ipotizza una colossale truffa ai danni di Inps e Inail, è arrivato agli sgoccioli a distanza di 8 anni dall’operazione dei carabinieri, scattata il 28 giugno del 2013.

In carcere erano finiti l’imprenditore Giorgio Lo Presti, 67 anni, di Porto Empedocle, e l’assicuratore Giuseppe Vincenzo Terrazzino, 57 anni, di Raffadali, ex consigliere provinciale. Arresti domiciliari per gli empedoclini Salvatore Borsellino, 40 anni; e Giuseppe Gangarossa, 45 anni, ritenuti componenti della banda, per il medico dell’Inail Salvatore Conti, 64 anni, di Agrigento; e Salvatore Russo, 44 anni, radiologo di Aragona.

Divieto di dimora in provincia per Luca Di Stefano, 38 anni; obbligo di presentazione alla pg per Daniele Moscato, 39 anni, entrambi empedoclini, presunti collaboratori del sodalizio.

Tutto sarebbe ruotato attorno ad alcune aziende fantasma (la più grossa sarebbe stata la “Demetra”, riconducibile a Lo Presti) attraverso le quali si mettevano in piedi rapporti di lavoro fittizi che servivano poi per ottenere consistenti indennità di disoccupazione oppure indennizzi da infortuni che venivano simulati con la compiacenza di medici. Nella lista degli indagati inizialmente c’erano 86 persone.

La pena più alta – 12 anni di reclusione – è stata proposta per Terrazzino. Queste le altre richieste: Fabrizio Santamaria (9 anni); Giorgio Lo Presti (12 anni); Salvatore Tortorici (8 anni e 8 mesi); Giacomo Giuca (8 anni e 10 mesi); Ernesto Lo Presti (4 anni); Francesco Ceraulo (4 anni); Carmelo Colombo (4 anni); Giuseppe Gangarossa (8 anni e 8 mesi); Giovanni Salemi (5 anni e 4 mesi); Jessica Giglio (4 anni) ; Cristian Giardino (4 anni) ; Francesco Di Grado (4 anni); Salvatore Russo (11 anni e 6 mesi) ; Salvatore Conti (12 anni) ; Aymen Merdassi (4 anni);  Ruben Angelo Arrigo (4 anni); Michele Baldarelli (4 anni).

Chiesto, inoltre, il non doversi procedere, per intervenuta prescrizione, nei confronti di 34 persone: Francesco Di Stefano, Leonardo Diana, Giuseppe Valenti, Antonio Volpe, Gerlando Salemi, Fabio Sorrentino, Maurizio Sorrentino, Francesco Sacco, Salvatore Lo Vetro, Francesco Agnello, Giovanni Trupia, Michele Trupia, Calogero Sammartino, Calogero Seddio, Elia Adriani, Calogero Adriani, Domenico Cimino, Calogero Donato, Salvatore Donato, Angelo Gangarossa, Giuseppe Lombardo, Mario Lombardo, Calogero Lombardo, Emanuele Lombardo, Giacomo Lombardo, Gioacchino Barrale, Alfonso Cumella, Salvatore Mazza, Alessandro Termini, Gerardo De Rosa, Giovanna Frenna, Khemaies Balghaj, Laida Mohamed Ben Ali e Gerlando Sanfilippo.

“Noi in queste ore abbiamo sotto gli occhi questa tragedia immensa di Ravanusa, uno scenario di un paesino che sembra bombardato. L’intero paese è un paese a franosità diffusa con frane attive censite. I sottoservizi, la rete, ci penseranno i magistrati a capire cosa realmente è accaduto però davvero questa tragedia mostra ancora una volta la fragilità dell’Italia, un Paese costruito anche su aree franose, alluvionali, nell’assenza di manutenzione e opere di sicurezza. Noi abbiamo il 90% dei comuni è con aree ad elevato rischio idrogeologico – ha dichiarato Erasmo D’Angelis, Segretario Autorità Distrettuale Appennino Centrale – e quasi 12 milioni di persone vivono su frane o in aree a rischio alluvioni. In Sicilia ben 311 Comuni su 390 sono senza un Piano Regolatore. Ora c’è una reazione straordinaria dell’Italia in questo periodo. Le alluvioni sono fenomeni da pandemia catastrofica, pensiamo al clima ad esempio. Quest’anno abbiamo avuto furiosi incendi, alluvioni, cicloni tropicali. La pandemia è spaventosa ma lo sono anche le alluvioni ed allora mi chiedo : perché non ci sono reazioni corali come è avvenuto per la pandemia? Le risorse ci sono ma perché non si spendono? Vorrei che la grande Scienza della Terra, la Geologia che la politica ha ridotto a scienza commemorativa e non preventiva, Il geologo deve essere in ogni angolo dell’Italia, il geologo è il presidio per la tutela della nostra sicurezza in un Paese che è un incrocio straordinario di concause di rischi naturali”.

ISPRA ha censito in Italia ben 620.000 frane,

La pandemia coronavirus e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Sono 118 i nuovi casi di coronavirus, a fronte di 375 tamponi processati. Nessuna vittima. I guariti sono 49. I nuovi ricoverati in ospedale sono 4. Ecco i contagi nei singoli Comuni:
Agrigento 122; Alessandria della Rocca 3; Aragona 7; Bivona 0; Burgio 2; Calamonaci 8; Caltabellotta 0; Camastra 4; Cammarata 55; Campobello di Licata 43; Canicattì 119; Casteltermini 21; Castrofilippo 83; Cattolica Eraclea 39; Cianciana 2; Comitini 4; Favara 54; Grotte 11; Joppolo Giancaxio 3; Licata 37; Lucca Sicula 0; Menfi 6; Montallegro 0; Montevago 2; Naro 20; Palma di Montechiaro 10; Porto Empedocle 20; Racalmuto 8; Raffadali 34; Ravanusa 15; Realmonte 19; Ribera 87; Sambuca di Sicilia 14; San Biagio Platani 0; San Giovanni Gemini 74; Sant’Angelo Muxaro 0; Santa Elisabetta 2; Santa Margherita di Belìce 1; Santo Stefano Quisquina 1; Sciacca 35; Siculiana 18; Villafranca Sicula 1; Navi accoglienza 2.

Si potenzia la dotazione organica dei Pronto Soccorso negli ospedali della provincia di Agrigento. L’Azienda sanitaria provinciale ha reclutato cinque nuovi dirigenti medici da impiegare nei Pronto Soccorso ospedalieri. Si tratta di tre medici che hanno assunto servizio due a Canicattì e uno ad Agrigento. Altri due medici saranno in servizio nel Pronto Soccorso di Sciacca dal prossimo primo marzo. Prossime alla conclusione sono anche le procedure concorsuali per la selezione dei direttori di struttura complessa di medicina e chirurgia, di accettazione ed urgenza per gli ospedali di Agrigento, Licata, Sciacca e Canicattì. Il commissario Mario Zappia afferma: “I Pronto Soccorso ospedalieri rappresentano il più importante front-line nell’accoglienza dei pazienti in regime d’urgenza, a cui destinare risorse umane e professionali numericamente adeguate. Le nuove immissioni in servizio rappresentano un importante passo lungo questa direzione ma non costituiscono un punto d’arrivo, perchè l’Azienda sarà costantemente impegnata nel difficile compito di reclutare ulteriori unità lavorative”.

I sindacati nazionali CSLE e Conalpe hanno proclamato per la giornata del 22 dicembre prossimo una giornata di sciopero nella scuola. La manifestazione è stata promossa affinchè il governo nazionale condivida che il lavoro del personale scolastico è usurante e pertanto occorre che sia riconosciuto come tale. Il segretario nazionale CSLE, Antonio Labate, afferma: “E’ giusto che l’attività professionale dei docenti e del personale tutto della scuola sia riconosciuta e normata come usurante. A tal riguardo, ad esempio, anche una sentenza del Consiglio di Stato, la numero 4448 del 2010, confermata dal Tar Lazio, ha riconosciuto come il servizio docente prestato all’estero, in considerazione del carattere più usurante, implica un mutamento dell’anzianità giuridica ed economica, utile ai fini della progressione di carriera e non suscettibile di abbattimento nel sistema di progressione retributiva orizzontale per scatti di stipendio, né in sede di passaggio alla classe stipendiale superiore”.

Beni mobili e immobili per un valore di 100 milioni di euro sono stati sequestrati e congelati all’imprenditore messinese Giuseppe Busacca, che ha costruito un impero economico che ruota attorno alle cooperative di assistenza ad anziani e disabili nel Messinese. Secondo la Procura lui avrebbe reinvestito soldi illeciti provenienti dal clan mafioso di Barcellona Pozzo di Gotto. Il provvedimento, emesso dalla sezione misure di prevenzione di Tribunale di Messina, su richiesta del Procuratore Maurizio De Lucia e del Questore, riguarda diverse società cooperative sociali ed aziende agricolo-faunistiche, locali di pubblico intrattenimento, hotel, e immobili. L’operazione è stata condotta dalla Polizia di Stato e dalla Direzione distrettuale antimafia con la Divisione Anticrimine della Questura di Messina e il Servizio Centrale Anticrimine.

L’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento ha avviato le vaccinazione anti-covid per i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. I pediatri sono a disposizione per le somministrazioni negli ospedali di Agrigento, Licata, Ribera, Sciacca e Canicattì, in appositi ambulatori arredati in modo da accogliere allegramente i più piccoli. E’ possibile vaccinarsi oggi giovedì e domani venerdì dalle ore 9 alle 13. E poi da lunedì prossimo, tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 9 alle 14, e martedì e giovedì anche nel pomeriggio. Il giorno della somministrazione del vaccino i bambini dovranno avere cinque anni compiuti e sarà necessaria la presenza di un genitore, o tutore legale, il quale dovrà dichiarare di avere informato l’altro genitore.