Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 344)

Con tre distinte Ordinanze del Settore Infrastrutture Stradali è stato imposto il divieto di transito alle biciclette su alcune strade di competenza del Libero Consorzio Comunale. La decisione è stata presa in seguito alle continue richieste di risarcimento danni per cadute, vere o presunte, da parte di soggetti che transitavano in bicicletta su alcuni tracciati. Una vera e propria escalation che ha costretto il Libero Consorzio ad inibirne il transito proprio per monitorare con la massima attenzione i percorsi sui quali si sarebbero verificate queste cadute, e sino a quando non saranno effettuati interventi per innalzare i livelli di sicurezza.

Il divieto di transito alle biciclette è stato apposto con Ordinanza n. 1 del 23 gennaio 2019 sulla SP n. 01 Quadrivio Spinasanta-Villaseta (con la stessa ordinanza è stato anche imposto il limite massimo di velocità di 30 km/h a tutti gli autoveicoli e motoveicoli in entrambe le direzioni di marcia), con Ordinanza n. 2 sulla SP n. 01-C Viadotto Morandi-Fondacazzo e con Ordinanza n. 3, sempre del 23 gennaio, sulle SPC ex consortili n. 41 Salto Fontana-Panzica, n. 42 S. Rosalia-Marrà-Muxarello, n. 43 Canalotto-Carbonia e n. 44 Carbonia-Muxarello.

Le Ordinanza sono state trasmesse per opportuna conoscenza a tutte le autorità di pubblica sicurezza, ai sindaci dei Comuni sui cui territori ricadono le strade (Agrigento, Santa Elisabetta e Aragona)  e a tutti gli enti competenti in materia di infrastrutture e trasporti.

L’amministrazione comunale informa che sul sito istituzionale è pubblicata la direttiva del dipartimento regionale della protezione civile, sui primi interventi urgenti in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che hanno  interessato diverse regioni tra le quali la Sicilia.

La direttiva considera anche misure economiche di immediato sostegno nei confronti dei nuclei familiari la cui abitazione principale, abituale e continuativa risulti compromessa a causa degli eventi nonché per l’immediata ripresa delle attività economiche e produttive.

Tali contributi sono riconosciuti solo nella parte eventualmente non coperta da polizze assicurative. A tal fine, il Dipartimento Regionale della Protezione Civile ha predisposto delle schede di ricognizione dei danni subìti sia per il ripristino del patrimonio edilizio privato che per le attività economiche e produttive.

Dette schede sono scaricabili dal sito istituzionale dell’ente ed anche disponibili presso gli uffici della Protezione Civile di Agrigento, ubicati in piazza Gallo al civico 233 (Palazzo ex Tribunale) al secondo piano.

Sono oltre 5 milioni le persone che in Italia vivono in condizioni di povertà assoluta, mancando cioè dei mezzi necessari per vivere con dignità. Un dato significativo, corrispondente all’8,3% della popolazione residente, con oltre 455mila bambini di età inferiore ai 15 anni e quasi 200mila anziani sopra i 65 anni. 

 

Il Sud Italia vede la maggior concentrazione di famiglie in stato di povertà, legata a disoccupazione di lunga durata e fattori multi-problematici. Sono le famiglie che si rivolgono sempre più spesso ai Centri di Ascolto delle nostre Caritas e a cui le nostre comunità provano a dare risposte miranti non solo al soddisfacimento dei bisogni immediati, ma anche e soprattutto alla riattivazione di reti e relazioni necessarie per una piena autonomia. In attesa dell’effettivo avvio del Reddito di Cittadinanza, continua l’azione di sostegno alimentare di molte parrocchie della diocesi in favore delle famiglie più svantaggiate. Caritas Diocesana Agrigento, come ente di coordinamento, sostiene le Caritas parrocchiali in questo compito, facendosi anche quest’anno promotrice della Raccolta straordinaria di beni di prima necessità presso alcuni Supermercati aderenti all’iniziativa. Ma ci sarà bisogno del sostegno di tutti, perché a nessuno manchi l’essenziale. 

 

Sabato 26 gennaio 2019, presso i seguenti esercenti sarà infatti possibile contribuire al sostegno alimentare delle persone seguite dai Centri di Ascolto delle parrocchie aderenti. I volontari Caritas saranno ancora una volta presenti per promuovere l’iniziativa. Quanto raccolto dai volontari andrà direttamente alle Caritas parrocchiali che hanno curato la raccolta, perché possano procedere alla distribuzione alle famiglie censite dai Centri di Ascolto. 

 

Come di consueto, dell’esito della raccolta sarà dato riscontro mediatico.

 

Ecco l’elenco dei luoghi dove si svolgerà la raccolta straordinaria:

 

Agrigento

–       Caritas parrocchiale della parrocchia Cuore Immacolato di Maria presso il supermercato PAGHI POCO in V.le Cannatello; 

–       Caritas parrocchiale della parrocchia Sacro Cuore di Gesù presso i supermercati PAGHI POCO in Via Regione Siciliana ed ARD DISCOUNT in Via Imera;

–       Caritas parrocchiale della parrocchia S. Michele – Badiola presso il supermercato EUROSPIN in Via Unità d’Italia;

–       Caritas parrocchiale della parrocchia S. Gregorio presso il supermercato IL CENTESIMO in V.le Cannatello;

–       Caritas parrocchiale della parrocchia San Lorenzo presso il supermercato CRAI  in Via Zunica;

–         Caritas parrocchiale della parrocchia Santa Croce presso il supermercato CONAD, C/o C.C. Città dei Templi, in Via Fosse Ardeatine.

 

Favara

–   Caritas parrocchiale della parrocchia di S. Calogero presso i supermercati PAGHI POCO in C.so Vittorio Veneto ed  R7 in Via Largo Cicchillo.

 

Porto Empedocle

–      Caritas parrocchiale della parrocchia SS. Trinità presso i supermercati FORTE’, in via Generale Caviglia e CRAI, in via Agrigento; 

–      Caritas Parrocchiale della parrocchia Maria SS. Del Buon Consiglio presso il supermercato CARREFOUR in via Colombo.

 

Raffadali

–      Caritas parrocchiale della parrocchia S. Oliva presso i supermercati ARD DISCOUNT in Via F 16, CRAI in C.da Manaresi, CRAI in Via F 16, SUPERDI’ in Via Porta Agrigento e SUPERDI’ in Via Porta Palermo.

 

Sciacca
–  Caritas parrocchiale della Basilica di S. Calogero al Monte presso i supermercati PAGHI POCO in Via Aldo Moro ed IL CENTESIMO in Via Lido Esperanto.

 

Come già annunciato dal segretario regionale del Partito Democratico, Davide Faraone, adesso il deputato regionale del Pd, Michele Catanzaro, rilancia l’iniziativa in programma domani, sabato 26 gennaio, lungo la strada statale 640 Agrigento – Caltanissetta, alle ore 11, nel campo base della Cmc, in prossimità della galleria “Caltanissetta”, “per denunciare – afferma Catanzaro – lo scandaloso silenzio del governo Lega-Movimento 5 Stelle sulle infrastrutture in Sicilia. Secondo i dati di Ance Sicilia ci sarebbero 4 miliardi disponibili per le infrastrutture della nostra regione, con i quali si potrebbero, sulla carta, sbloccare 437 opere immediatamente cantierabili: strade, ferrovie, infrastrutture portuali e marittime, condotte idriche, interventi contro il rischio idrogeologico e per la protezione ambientale, opere per la mobilità urbana sostenibile e per il trasporto pubblico, interventi per edifici scolastici, impianti sportivi e culturali, necessari per costruire una Sicilia competitiva e all’avanguardia. Ma fino ad oggi il governo Lega-Movimento 5 Stelle ha deciso di bloccare tutto, di calpestare aspettative e diritti, di mantenere la nostra terra ed il nostro futuro in secondo piano. E’ vergognoso che ancora una volta la Sicilia sia costretta a guardare svanire una seria opportunità di sviluppo e rilancio”.

Il Comune di Sciacca, con il coinvolgimento di tutte le scuole cittadine, promuove un’iniziativa legata alla Giornata internazionale della Memoria, istituita dall’ONU per non dimenticare la tragedia della Shoah e commemorare le vittime dell’olocausto. Si svolgerà lunedì, 28 gennaio 2019, con inizio alle ore 9,00, nell’aula magna dell’istituto “Don Michele Arena”, in Corso Miraglia.

Saranno gli studenti, delle scuole elementari, medie e superiori, – spiegano il sindaco Francesca Valenti e l’assessore alla Pubblica Istruzione Gisella Mondino – gli artefici e i protagonisti dei vari momenti di ricordo, di riflessione su quell’oscuro periodo della nostra storia, con l’emanazione di leggi razziali, le deportazioni, gli internamenti nei campi di concentramento, lo sterminio del popolo ebraico. Gli studenti, seguiti dai loro insegnanti, sono stati impegnati nelle ultime settimane a studiare quanto accaduto, approfondendo e prendendo coscienza in particolare su due atteggiamenti che sono ritornati di attualità: l’indifferenza e la solidarietà. Gli studenti si esprimeranno con la forma espressiva a loro più congeniale con letture, video, musiche. 

Nel corso della mattinata al Don Michele Arena, lunedì ci saranno anche delle testimonianze di parenti di deportati di Sciacca nei lager. 

La Corte d’Appello ha emesso sentenza nell’ambito dell’inchiesta della Procura e della Guardia di Finanza di Agrigento cosiddetta Kainè Trapeza, dal greco Nuovo Tavolino, che il 7 febbraio 2013 ha provocato 3 arresti, un obbligo di dimora, e 34 indagati complessivi, per irregolarità in appalti e turbative a Favara, tra accordi di cartello per l’aggiudicazione di appalti pubblici.
La Corte d’Appello ha assolto i favaresi Michelangelo Palumbo, 50 anni, ed Antonella Nobile, 41 anni, entrambi collaboratori dell’impresa Gng, e poi Antonio Iacolino, 61 anni, e il figlio Calogero, 30 anni, responsabili di un’impresa che commercializza materiale elettrico. E poi è stato sentenziato il non doversi procedere, a seguito dell’intervenuta prescrizione delle ipotesi di reato, per Gaetano Lo Porto, 53 anni, ritenuto il titolare dell’impresa “Gl costruzioni”, e Assunta Caruana, 53 anni, amministratrice unica della stessa società.

Il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha respinto la richiesta di patteggiamento della condanna a 2 anni di reclusione ed ha rinviato a giudizio Bartolomeo Tesè, 77 anni, di Camastra, già istruttore di tennis e assessore comunale, imputato di atti sessuali con minorenne. La Procura contesta due ipotesi di atti sessuali con minorenne, tra il maggio e l’ottobre del 2014, quando due ragazzini di 13 e 15 anni, frequentanti la scuola di tennis presieduta da Tesè, sarebbero stati adescati e indotti ad intrattenere dei rapporti sessuali con l’anziano, che sarebbe stato incastrato da alcune microspie piazzate dalla Polizia all’interno del circolo sportivo nell’ambito di altre indagini.

I Carabinieri di Agrigento ancora a lavoro contro il commercio abusivo. I militari della stazione del Villaggio Mosè hanno multato, per alcune centinaia di euro, due commercianti abusivi sorpresi nella zona, ed hanno sequestrato un quintale e mezzo di frutta. Si tratta, in particolare, di un ambulante che, senza alcuna autorizzazione, è stato intento a vendere agrumi. E poi un altro, a poca distanza, colto a vendere frutta in genere. I controlli proseguiranno.

“La situazione è ormai divenuta insostenibile. Da sempre la categoria dei forestali è vessata e ridicolizzata dai vari Governi che si sono succeduti alla Regione Siciliana con promesse di stabilizzazione in campagna elettorale, che non hanno mai trovato riscontro nella realtà. 

Oggi però, oltre al danno ed alla mortificazione che questi lavoratori sono costretti a sopportare, si è aggiunta anche la beffa. Infatti la Regione incomprensibilmente e senza dare spiegazioni chiare alle tante istanze nel merito ricevute, non ha ancora pagato gli stipendi di Novembre e Dicembre 2018, condannando centinaia di famiglie all’incertezza ed all’umiliazione, a maggior ragione, in un periodo di festa come quello appena trascorso.

E’ arrivato il momento di dare risposte concrete alla categoria dei forestali che non merita di essere discriminata, ma che al contrario, ha tutto il diritto di essere rispettata e remunerata per le prestazioni che fornisce e che è importante ricordare, ha la fondamentale funzione di salvaguardare il nostro Patrimonio naturale. Pertanto chiediamo a gran voce alle Istituzioni interessate, di trovare celermente le giuste soluzioni, in modo da porre fine alle sofferenze dei forestali siciliani, garantendo loro tutti i diritti sanciti dalla nostra carta Costituzionale.”