Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 319)

Il Governo ha adottato alcune misure per cercare di mitigare le conseguenze di questa pandemia energetica che è in corso, misure che però solo in parte hanno attutito l’effetto del rincaro dei prezzi delle materie prime.
Ad ogni modo, facciamo una sintesi di quanto previsto a sostegno delle famiglie, delle imprese e degli operatori economici, partendo da quelle più recenti dell’ultimo Decreto Bollette.
MISURE URGENTI PER IL CONTENIMENTO DEI COSTI DELL’ENERGIA ELETTRICA – DECRETO-LEGGE 27 gennaio 2022, n. 4:
Riduzione Oneri di Sistema per il primo Trimestre 2022 per le utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW (art.14)
Allo scopo di ridurre ulteriormente gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, è stato previsto che l’ARERA provveda ad annullare, per il primo trimestre 2022, le aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 Kw, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico.
Tale disposizione integra la misura di cui all’art.1, comma 504, della legge 30 dicembre 2021, n.234, che prevedeva la sua azione limitatamente alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche in bassa tensione, per altri usi, con potenza disponibile fino a 16,5 kW.
Contributo Straordinario, sotto forma di Credito d’Imposta, a favore delle imprese energivore (art. 15)
La norma è volta a garantire alle imprese energivore, una parziale compensazione degli extra costi per l’eccezionale aumento dei costi dell’energia, prevedendo che alle imprese che hanno subito nell’ultimo trimestre 2021 un incremento del costo per KWh, superiore al 30 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019, al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, venga riconosciuto un contributo straordinario, sotto forma di credito di imposta, a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti.
L’incremento pari a oltre il 30 per cento del costo per KWh, al netto di imposte ed eventuali sussidi, è rilevato dall’impresa facendo riferimento a tutti i contratti di fornitura in essere, compresi i contratti di durata a prezzo bloccato. Il beneficio è quantificato in misura pari al 20 per cento delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2022.
Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, non concorre alla formazione del reddito d’impresa né della base imponibile dell’IRAP ed è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive, non porti al superamento del costo sostenuto.
Oltre a tali nuove disposizioni, sono sempre in vigore le altre disposizioni già previste per il I Trimestre 2022 per l’abbattimento del costo del gas naturale, ed in particolare:
riduzione dell’Iva al 5% per il gas sia per utenze domestiche che per quelle business
annullamento degli oneri di sistema per il gas naturale per tutte le utenze, domestiche e non domestiche, come già previsto nel IV trimestre 2021
Inoltre, va ricordato anche il bonus bollette per le famiglie in difficoltà, cioè il bonus sociale, che spetta:
ai nuclei familiari con un ISEE al di sotto degli 8.265 euro annui;
i nuclei familiari con un ISEE di 20.000 euro annui e almeno 4 figli;
ai beneficiari del reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza;
alle persone in condizioni di salute precarie che utilizzano apparecchiature elettromedicali.
Per queste quattro categorie sono quasi azzerati gli effetti dell’aumento della bolletta.
Il riconoscimento avviene automaticamente, mediante lo sconto diretto in bolletta quindi, per richiedere l’agevolazione non è più necessario presentare domanda presso i CAF ma, basta compilare la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu), ai fini dell’Isee, per ottenere la riduzione sulla spesa sostenuta per le forniture di energia elettrica, gas e anche acqua.
Infine, la Legge di Bilancio aveva già introdotto un piano di rateizzazione che tutti i venditori dovranno prevedere per le bollette non pagate che fanno riferimento a fatture emesse tra il 1° gennaio e il 30 aprile 2022, piano che eve comprendere fino a un massimo di 10 rate senza applicazione di interessi.
Le disposizioni previste dai decreti e sopra indicate, saranno e devono essere applicate da tutti gli operatori Nazionali

Ha consentito agli avventori di effettuare scommesse in un sito internet straniero, e non autorizzato in Italia, con l’utilizzo di 3 computer. Il gestore di un’associazione sportiva dilettantistica in provincia di Agrigento, è stato sanzionato con una maxi multa di 400 mila euro. Le apparecchiature sono state sequestrate, così come due videogiochi senza vincita in denaro privi delle targhette riportanti i codici identificativi.

L’operazione è stata portata a termine dai funzionari Agenzia delle Dogane e Monopoli di Palermo e di Agrigento, in collaborazione con i carabinieri del Comando provinciale della città dei Templi.

I Carabinieri della Tenenza di Favara hanno denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica A P, sono le iniziali del nome, 40 anni, per il reato di evasione. Lui avrebbe dovuto permanere nella sua abitazione allorchè in detenzione domiciliare. Invece i militari lo hanno sorpreso fuori dall’abitazione. E’ stato nuovamente ristretto ai domiciliari con braccialetto elettronico.

In occasione della Giornata Nazionale del Paesaggio del 14 marzo 2022, l’Archivio di Stato di Agrigento ha realizzato una mostra digitale dal titolo Under construction. Il Molo di Girgenti,  che coniuga memorie storiche e nuove tecnologie per la valorizzazione del paesaggio costiero.

L’esposizione realizzata in ambiente virtuale, su Artsteps, integra documenti, cartografia, foto storiche, video e audio. Il virtual tour, nel restituire una nuova modalità di fruizione della documentazione, risponde all’esigenza di progettare percorsi culturali flessibili, partecipati, immersivi e coinvolgenti, secondo i principi dell’edutainment, lasciando ai fruitori la possibilità di gestire liberamente i tempi di lettura e di visualizzazione, di scegliere tra diversi livelli di approfondimento e di muoversi liberamente all’interno dello spazio virtuale. La mostra digitale, inserita anche nella programmazione delle attività culturali dal titolo “Caleidoscopio di emozioni” a cura della Società Dante Alighieri – Comitato di Agrigento per l’anno 2022, nella sezione “Le pietre e il mare raccontano”, sottolinea la complessità dei valori culturali del paesaggio costiero e ripercorre alcuni momenti storici legati alle trasformazioni dell’area portuale, nel sito dell’attuale comune di Porto Empedocle.

Il titolo della mostra rimanda all’idea di un processo dinamico: una memoria «in costruzione» ancorata alle fonti archivistiche.

Ieri mattina movimentato momento per gli uomini della Polizia di Stato. Un giovane 18enne agrigentino nel corso di una telefonata al 112 Nue annunciava e manifestava la volontà di suicidarsi a seguito di vicissitudini legate a situazioni sentimentali.

Contattati i genitori, si apprendeva che, seppur questi ultimi avessero accompagnato regolarmente il proprio figlio a scuola, egli non vi aveva mai fatto ingresso. Pertanto, una volta che i genitori fornivano la descrizione dell’abbigliamento del giovane diciottenne, si provvedeva richiedere di tracciabilità, tramite compagnia telefonica, dell’utenza telefonica del ragazzo.

Nel frattempo, gli operatori di polizia individuavano la zona in cui il giovane si trovava grazie ad una foto pubblicata da quest’ultimo sul proprio status di WhatsApp.

Pertanto, sul posto si portava sia personale della Sezione Volanti sia personale della locale Squadra Mobile, unitamente al proprio Dirigente.

Trovato finalmente il ragazzo, ed accertato che la situazione era tranquilla e che il giovane era del tutto fuori pericolo, il personale di polizia presente sul posto instaurava un dialogo, riuscendo in questo modo a persuadere il giovane a fare rientro a casa dai propri genitori.  

Valeria Preoto e Maria Patrizia Lisci, come è noto, sono i nuovi assessori entrsti nella Giunta guidata dal sindaco Franco Miccichè.

A Valeria Proto sono state assegnate le deleghe alle Politiche del Governo del territorio, la Pianificazione Urbanistica e Gestione del territorio, Smart-City, Abbattimento barriere architettoniche, Centro storico e Pubblica Istruzione.

A Patrizia Lisci le deleghe alla Programmazione economica, Bilancio e Finanze, Controllo di Gestione.

 

 

Erano quasi due mesi che i numeri del Covid in Sicilia, in perfetta sintonia con il dato nazionale, calavano di giorno in giorno, di settimana in settimana. Un dato, questo, che ha sempre fatto ben sperare per guardare avanti con un certo ottimismo e smontare il micidiale cammino di Covid e varianti successive.
La gioia è durata poco. Da una settimana, come del resto i dati nazionali ma con una percentuale molto più bassa, i dati sono tornati a salire. In Scilia, infatti, secondo quanto riportato dal settimanale Gimbe, i numeri sono alzati fino a toccare il 4,5% rispetto all’1,5% del dato nazionale.
Agrigento, Messina e Ragusa guidano, purtroppo, una classifica nazionale che ci vede secondi soltanto a Lecce. Subito dopo si accomoda Agrigento che fa registrare, appunto, il 4,5% di aumento rispetto alle altre città e comunque rispetto anche al numero nazionale.
“Non c’è da stare tranquilli – ha tuonato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione -; sarebbe assurdo pensare in Sicilia di togliere le mascherine al chiuso anche se lo stato di emrgenza verrà a cessare dal prossimo 31 marzo”.
La provincia di Agrigento registra nell’ultima settimana ben 924 nuovi positivi; seguono Messina, quarta in Italia e Ragusa che si consolida al 5° posto fra le città italiane.

 

 

Ancora un caso di bambino che ingerisce accidentalmente droga. Una bambina di 1 anno e mezzo ha ingerito dell’hashish, ed è giunta in gravi condizioni al pronto soccorso dell’ospedale “Buccheri La Ferla” a Palermo. I sanitari hanno subito avvertito il 112, e i carabinieri di Brancaccio hanno perquisito l’abitazione dei genitori della piccola, dove è stata trovata sostanza stupefacente. Il padre della bambina è stato denunciato per detenzione della dose di droga, e segnalato alla Prefettura come consumatore. Le condizioni della piccola, trasferita all’ospedale “Di Cristina”, sono in miglioramento. Come secondo prassi in tali casi, la Procura per i minorenni ha affidato la bambina al direttore sanitario dell’ospedale, in attesa di ulteriori approfondimenti.