Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 275)

L’alta pressione sub-tropicale non porterà soltanto un breve assaggio di primavera, ma i venti caldi provenienti direttamente dal deserto del Sahara trasporteranno anche grosse quantità di sabbia.

2.516 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 17.447 tamponi processati in Sicilia.Il giorno precedente i nuovi positivi erano 4.803. Il tasso di positività scende al 14,4% ieri era al 16%. L’isola è al quarto posto per contagi fra le regioni italiane. Gli attuali positivi sono 230.102 con un incremento di 1.910 casi. I guariti sono 1.412 mentre le vittime sono 6 e portano il totale dei decessi a 9.743. Sul fronte ospedaliero sono 925 ricoverati, in terapia intensiva sono 65.

Questi i dati nei Comuni capoluogo: Palermo 973; Catania 555; Messina 227; Siracusa 200; Ragusa 266; Trapani 489; Agrigento 314; Caltanissetta 190; Enna 114

A Favara i Carabinieri hanno arrestato Michele Bongiorno, 31 anni, sorpreso in possesso, nel corso di una perquisizione personale e domiciliare, di 5 grammi di cocaina divisi in dosi pronte per lo spaccio. All’autorità giudiziaria risponderà di detenzione di droga a fine di spaccio. Sequestrato anche un bilancino di precisione. Su disposizione del sostituto procuratore di turno è stato ristretto ai domiciliari.

La Sicilia è maglia nera nella spesa per il personale di Regione e Comuni capoluogo. E’ l’unica Regione italiana a ricevere la ‘C’, il rating peggiore assegnato dalla speciale classifica elaborata per l’Adnkronos dalla Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica italiana, nell’ambito del progetto Pitagora, che esamina i costi sostenuti nel 2020 da Regioni e Comuni capoluogo. Dalla classifica, infatti, risulta fuori controllo la spesa della Regione Siciliana per voci stipendiali corrisposte al personale a tempo indeterminato, pari a ben 424 milioni e 921mila euro nel 2020. Seconda è la Sardegna con 132 milioni. Poi Lazio 122. Friuli Venezia Giulia 120. Campania 114. Valle d’Aosta 113. E poi, sotto la soglia dei 100 milioni di euro, vi sono Emilia Romagna 86, Piemonte 83, Toscana 74, Puglia 69, e Lombardia 65 milioni e 510 mila euro. Ancora in Sicilia si spendono per gli straordinari 4 milioni e 480mila euro. E per il personale a tempo determinato 12 milioni e 720mila euro.

Su due imbarcazioni, 78 migranti sono stati soccorsi dalle motovedette della Guardia costiera di Lampedusa. Sulla prima, di circa 7 metri, intercettata a 24 miglia dall’isola, hanno viaggiato 35 sahariani, fra cui 15 donne e un minore accompagnato. Sull’altra, bloccata a 23 miglia, sono stati contati 43 sedicenti egiziani e bengalesi. I due gruppi sono stati trasferiti all’hotspot di contrada Imbriacola dove gli ospiti presenti al momento sono complessivamente 140.

Ad Agrigento, nel corso della movida notturna tra sabato e domenica, un commerciante di 42 anni è stato aggredito e colpito al volto con una violenta testata all’interno del suo locale in via Pirandello da una persona che non ha esitato un solo istante ad entrare nell’esercizio commerciale.

L’aggressore è subito scappato. Si è trattato di un vero e proprio regolamento di conti. Dopo la testata il 42enne è caduto per terra perdendo molto sangue. Trasportato in ospedale, gli è stato riscontrato un trauma cranico e la frattura del setto nasale. Indaga la Polizia, impegnata ad esaminare i video delle telecamere di sorveglianza presenti nella zona che avranno un ruolo determinante per risalire all’aggressore.

Beniamino Biondi traccia un primo bilancio relativo alla accoglienza dei profughi ucraini nei Comuni agrigentini. L’iniziativa è già partita a Ioppolo Giancaxio.

Ecco il commento di Biondi: “Un primo bilancio dell’accoglienza a Joppolo Giancaxio dei quattro ucraini fuggiti da Kiev per la guerra. Secondo quanto riferito dal Sindaco Giuseppe Portella, Svitlana e i suoi tre figli si sono felicemente ambientati nel paese, anche grazie all’affetto degli abitanti, alle cure del parroco e all’assistenza sociale e logistica garantita dal primo cittadino. La famiglia sta bene e sin da subito sono iniziati alcuni percorsi di integrazione, con l’insegnamento della lingua italiana e un’opera di socializzazione affidata ai volontari. Espletate tutte le procedure formali per la profilassi sanitaria e i controlli di competenza, comunico che da domani i tre bambini inizieranno a frequentare le lezioni scolastiche: due nelle classi elementari, una nella classe media inferiore.

L’impegno assunto dal Sindaco Portella, accettando una previsione possibile del modello di accoglienza proposto, dimostra la giustezza del nostro orientamento volto a fornire immobili privati – non in condivisione, a tutela dei minori e della privacy – sotto il controllo dell’ente pubblico, garante delle condizioni personali degli ospiti e dei loro bisogni. Un modello accolto e recepito con favore anche durante gli incontri istituzionali che si sono svolti, al tavolo della Prefettura, per affrontare il tema dell’emergenza ucraina, trovando il consenso di tutti gli interlocutori proprio per i margini di rigore da assumere contro ogni possibile rischio a carico di soggetti emotivamente fragili e disorientati.

Colgo l’occasione per ringraziare i Sindaci che dopo il mio appello hanno fatto immediata rete offrendo la loro disponibilità con alloggi che saranno utilizzati secondo questo modello stabilito, anche per la sensibilità dimostrata nel farsi interpreti di un bisogno condiviso con le loro comunità. Ad una verifica attuale – solo secondo disponibilità che mi sono giunte in via diretta – sono circa 80 i posti letto disponibili seguendo il principio della collocazione dei singoli nuclei familiari, nei comuni di Aragona, Bivona, Castrofilippo, Cattolica Eraclea, Grotte, Menfi, Montevago, Palma di Montechiaro, Naro, Racalmuto, Ravanusa, Ribera, Sant’Angelo Muxaro, S.Stefano Quisquina, Santa Elisabetta, San Biagio Platani, Sambuca di Sicilia, Siculiana, Villafranca Sicula. In questo senso sono quotidianamente impegnato e in contatto con fonti ucraine per dare il massimo sostegno a coloro i quali scappano dai confini cercando una sistemazione dignitosa nelle micro comunità locali, garantendo su questi numeri una forma di accoglienza più diffusa e non congestionante”.

Lei è una giovane di 26 anni dipendente di un bar di Melilli, in provincia di Siracusa. Il fatto è accaduto ieri pomeriggio allorquando una persona è entrata nel bar in questione per una consumazione. La donna appena ha visto il cane, accompagnato dal padrone, si è avvicinata per accarezzarlo. Mai avesse preso questa decisione. Il pitbull in pochi secondi ha azzannato per la gola la donna e con un morso gli ha perforato la trachea.

Decisivo l’intervento, oltre che del padrone, anche dagli astanti che erano dentro il bar che in un certo qualmodo sono intervenuti per liberare la 26enne.

La situazione è apparsa subito grave tanto che la giovane è stata immediatamente trasportata all’ospedale di Siracusa. Anche ai sanitari dell’ospedale aretuseo la situazione è apparsa molto grave, tanto che hanno deciso il tresferimento al “Cannizzaro” di Catania dove i medici del locale ospedale l’hanno dichiarata in prognosi riservata.

Sunito sono anche intervenuti gli agentoi della sezione Volanti i quali, dopo l’accaduto, hanno denunciato il titolare del pitbull per lesioni gravi provocate dall’animale che che aveva in custodia.

 

 

 

4.803 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 29.792 tamponi processati in Sicilia.Ieri i nuovi positivi erano 5.335.

Il tasso di positività scende al 16% ieri era al 17,2%. L’isola è al terzo posto per contagi. Gli attuali positivi sono 228.192 con un incremento di 3.870 casi. I guariti sono 2.118 mentre le vittime sono 9 portano il totale dei decessi a 9.737.
Sul fronte ospedaliero sono 895 ricoverati con un caso in meno rispetto a ieri, in terapia intensiva sono 66, due casi in meno rispetto a ieri.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Palermo con 1.581 casi, Catania 671, Messina 1.321, Siracusa 374, Trapani 565, Ragusa 542, Caltanissetta 265, Agrigento 605, Enna 73.

836 nuovi casi positivi, a fronte di 1.884 tamponi processati nella provincia di Agrigento. Lo riporta il bollettino dell’Asp di Agrigento.  Complessivamente, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, i casi di Coronavirus, in tutto l’Agrigentino, sono 64.320. In totale i guariti sono 54.376.  Gli attuali positivi salgono a 9.457, di cui 9.419 in isolamento domiciliare, e 38 ricoverati in ospedale. 4 i pazienti che si trovano in terapia intensiva all’ospedale “Parlapiano” di Ribera. Gli altri ricoverati: 12 pazienti al presidio ospedaliero riberese, 22 all’ospedale di Agrigento. Complessivamente 487 le vittime per il virus dall’inizio della pandemia. In totale dall’inizio del coronavirus, in provincia di Agrigento, 305.070 tamponi processati.

Ecco i dati Comune per Comune:  Agrigento 8.250 (1.118 attuali contagiati, 7.090 guariti e 42 deceduti); Alessandria della Rocca 306 (30 attuali contagiati, 275 guariti e 1 deceduto); Aragona 951 (158  attuali contagiati, 787 guariti e 6 deceduti); Bivona 360 (102 attuali contagiati, 257 guariti e 1 deceduto); Burgio 252 (19 attuali contagiati, 232 guariti e 1 deceduto); Calamonaci 235 (10 attuali contagiati, 222 guariti e 3 deceduti); Caltabellotta 413 (25 attuali contagiati, 382 guariti, e 6 deceduti); Camastra 362 (64 attuali contagiati, 293 guariti, e 5 deceduti); Cammarata 1.111 (117 attuali contagiati, 992 guariti e 2 deceduti); Campobello di Licata 1.741 (322 attuali contagiati, 1.401 guariti, e 18 deceduti); Canicattì 6.921 (1.394 attuali contagiati, 5.473 guariti e 54 deceduti); Casteltermini 1.141 (291 attuali contagiati, 844 guariti e 6 deceduti); Castrofilippo 459 (33 attuali contagiati, 420 guariti e 6 deceduti);  Cattolica Eraclea 481 (54 attuali contagiati, 423 guariti e 4 deceduti); Cianciana 383 (30 attuali contagiati, 347 guariti e 6 deceduti); Comitini 127 (5 attuali contagiati, e 122 guariti); Favara 5.905 (942 attuali contagiati, 4.935 guariti e 28 deceduti); Grotte 771 (136 attuali contagiati, 632 guariti e 3 deceduti); Joppolo Giancaxio 187 (16 attuali contagiati, 170 guariti e 1 deceduto); Licata 5.512 (669 attuali contagiati, 4.806 guariti, 37 deceduti); Lucca Sicula 161 (6 attuali contagiati,  154 guariti, 1 deceduto); Menfi 1.340 (282 attuali contagiati, 1.045 guariti e 13 deceduti); Montallegro 333 ( 71 attuali contagiati, 256 guariti e 6 deceduti); Montevago 233 (30 attuali contagiati, 201 guariti e 2 deceduti); Naro 960 (67 attuali contagiati, 881 guariti e 12 deceduti); Palma di Montechiaro 4.277 (577 attuali contagiati, 3.668 guariti e 32 deceduti); Porto Empedocle 2.556 (424 attuali contagiati, 2.116 guariti, e 16 deceduti); Racalmuto 1.183 (231 attuali contagiati, 947 guariti e 5 deceduti); Raffadali 1.967  (293 attuali contagiati,  1.656 guariti, e 18 deceduti);  Ravanusa 2.057 (312 attuali contagiati, 1.731 guariti, 14 deceduti); Realmonte 666 (103 attuali contagiati, 559 guariti e 4 deceduti); Ribera 3.188 (290 attuali contagiati, 2.867 guariti e 31 deceduti); Sambuca di Sicilia 479 (27 attuali contagiati, 425 guariti e 27 deceduti); San Biagio Platani 350  (91 attuali contagiati, 251 guariti, e 8 deceduti); San Giovanni Gemini 1.233 (132 attuali contagiati, 1.096 guariti e 5 deceduti); Sant’Angelo Muxaro 123 (21 attuali contagiati, e 102 guariti); Santa Elisabetta 202 (28 attuali contagiati, 173 guariti e 1 deceduto); Santa Margherita Belice 802 (85 attuali contagiati, 707 guariti e 10 deceduti); Santo Stefano Quisquina 455 (50 attuali contagiati, 402 guariti e 3 deceduti); Sciacca 4.394  (643 attuali contagiati, 3.709 guariti e 42 deceduti); Siculiana 808 (117 attuali contagiati, 685 guariti, e 6 deceduti); Villafranca Sicula 138 (21 attuali contagiati, 116 guariti  e 1 deceduto).

Sono 32 i migranti attualmente positivi al Covid tra le strutture di accoglienza, e le navi quarantena.