Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 259)

Nuova forte eruzione a Stromboli, con un’alta colonna di fumo, lancio di di lapilli incandescenti e fuoriuscita di lava. La colata, che sta scendendo a mare, lungo la sciara del fuoco, una zona desertica dell’isola, ha provocato anche una frana.

L’attività dello Stromboli, già intensa da alcuni giorni, è seguita dai vulcanologi dell’Ingv e della protezione civile. Il boato è stato avvertito distintamente dagli abitanti e dai turisti che hanno cominciato in questi giorni ad affollare l’isola.

I carabinieri hanno denunciato quattro dipendenti del Comune di Grammichele nel Catanese che si erano assentati dal lavoro, risultando in servizio. Sono tre donne e un uomo indagati per truffa aggravata, false attestazioni o certificazioni della propria presenza in servizio ed interruzione di pubblico servizio.

I militari dell’Arma, dopo segnalazioni di cittadini, hanno attivato un sistema di sorveglianza con videocamere nascoste e pedinamenti. E’ emerso che due donne giustificando “per servizio” l’uscita dalla sede di lavoro erano invece solite, utilizzando l’auto di una di loro, andare a fare la spesa o prendere il caffè. Un dipendente è stato scoperto a lasciare il lavoro e tornare a casa in auto.

Il caso più eclatante è quello di una delle dipendenti che, ricostruiscono i carabinieri, “con regolare cadenza, abbandonava la propria sede di servizio per incontrare l’amante, senza preoccuparsi di essere colti in flagranza dai rispettivi coniugi”. I due si incontravano nei pressi della sede dell’ufficio comunale della donna e poi si allontanavano a bordo dell’auto dell’uomo.

Sono 603 i nuovi positivi al Covid19 su 21.467 tamponi processati, con una incidenza quasi del 2,8%, in aumento rispetto a ieri che era all’1,7%.
La Sicilia è terza per numero di contagi giornalieri. Le vittime sono state 10 e portano il totale a 5.699. Il numero degli attuali positivi è di 15.268 con una diminuzione di 1.025 casi. I guariti oggi sono 1.618. Negli ospedali i ricoverati sono 840, 54 in meno rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 107, 1 in meno rispetto a ieri.

I nuovi contagi per province:

Catania 268; Palermo 70; Agrigento 58; Messina 51; Siracusa 48; Ragusa 48; Trapani 29; Caltanissetta 19; Enna 12.

La Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, accogliendo quanto richiesto dalla Procura, ha archiviato le indagini a carico di Carola Rackete, 32 anni, la comandante tedesca della nave ong “Sea Watch”, con a bordo dei migranti soccorsi nel Mediterraneo, che il 12 giugno del 2019, poco a largo di Lampedusa, ha violato i primi alt imposti dalla Guardia di Finanza. Carola Rackete, in particolare, è indagata per tre ipotesi di resistenza a pubblico ufficiale, commesse fra il 12 e il 29 giugno, giorno dell’arresto, e poi risponde anche di danneggiamento e/o violenza a nave da guerra. La Gip Vella ha ritenuto che la Rackete abbia agito per stato di necessità e nel rispetto delle normative internazionali in materia.

Con la sentenza emessa, nell’ottobre 2020, dal Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana a conclusione di una complessa vicenda processuale che aveva visto contrapposti i fratelli Francesco Micalizzi e Giuseppe Micalizzi, assistiti dagli avv.ti Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, e il Comune di Sciacca, in relazione alla realizzazione di un impianto di distribuzione di carburanti nella via Verona del comune saccense, l’Amministrazione comunale era stata condannata al risarcimento del danno subìto per il mancato rilascio della concessione edilizia per la realizzazione del suddetto impianto, oltre al pagamento delle spese legali .

Il Comune di Sciacca, tuttavia, non provvedeva a liquidare l’importo quantificato dal CGA a titolo di risarcimento né al pagamento delle spese di lite.

I fratelli Micalizzi si vedevano così costretti nuovamente a ricorrere dinanzi ai giudici amministrativi, sempre assistiti dall’Avv.ti Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, al fine di ottenere l’esecuzione della superiore sentenza e, dunque, il risarcimento del danno subìto e liquidato dal CGA, oltre al pagamento, in favore degli stessi, delle spese processuali del giudizio amministrativo.

Gli avv.ti Rubino e Impiduglia, inoltre, chiedevano, nell’ambito del medesimo giudizio, la nomina di un commissario ad acta nell’ipotesi della perdurante inerzia dell’amministrazione comunale nell’eseguire il giudicato.

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, in accoglimento del ricorso proposto dai fratelli Francesco e Giuseppe Micalizzi, ha condannato il Comune di Sciacca – oggi commissariato fino a maggio 2022, a seguito della mancata approvazione del bilancio 2019 – non costituito in giudizio, al pagamento dell’importo liquidato in sentenza a titolo di risarcimento del danno ed al pagamento delle spese processuali, entro il termine di novanta giorni.

Con lo stesso provvedimento, inoltre, il CGA ha nominato il Segretario Generale del Comune di Sciacca, quale Commissario ad acta, incaricato di intervenire, in via sostitutiva, nell’ipotesi di perdurante inerzia dell’Amministrazione ad eseguire giudicato, nell’ulteriore termine di novanta giorni dalla scadenza del termine assegnato al Comune.

Ad Agrigento il presidente del Consorzio universitario, Nenè Mangiacavallo, e il vice presidente Giovanni Di Maida, hanno incontrato nella sede del Consorzio i componenti della Quinta Commissione consiliare, presieduta da Carmelo Cantone, dal vice, Mario Fontana, e dai consiglieri Gerlando Piparo e Alessandro Sollano. Il presidente Mangiacavallo ed il vice Di Maida hanno esposto dettagliatamente lo stato attuale del Consorzio, e l’opportunità di estendersi anche verso nuovi orizzonti, come i Paesi del Mediterraneo, purché l’offerta soddisfi la richiesta ed abbia un impatto positivo sull’utenza. Hanno inoltre informato che nell’Anno accademico 2021-2022 saranno avviati due nuovi corsi di laurea: Scienze della Formazione e Scienze motorie, oltre a dei percorsi didattici specifici nel settore del turismo e dell’enogastronomia. E ciò insieme alla prosecuzione dei progetti: “Global Learning” per nuove opportunità nel mondo del lavoro”, e “CEFEL Italia – Tunisia”, con partner d’eccezione Tunisia, l’Ente Parco dei Templi e l’Università degli Studi di Palermo.

Il commissario provinciale di Fratelli d’Italia di Agrigento, Calogero Pisano, interviene a seguito dell’accoltellamento avvenuto a San Leone da parte di un immigrato di un ventenne agrigentino durante un tentativo di rapina. Pisano afferma: “Quanto accaduto non è altro che l’effetto collaterale di un’ottusa gestione del fenomeno dell’immigrazione da parte del Governo. Tantissimi migranti, approdati sostanzialmente incontrollati sulle nostre coste, oggi li ritroviamo per strada, ai semafori, davanti ai supermercati o davanti le chiese, in attività di accattonaggio spesso molesto, ed alcuni di essi, purtroppo, come nel caso di San Leone, si lasciano addirittura andare a pericolosi atti delinquenziali. Auspichiamo che l’autore del grave gesto sia al più presto assicurato alle patrie galere e, soprattutto, che il Governo prenda coscienza che la fallimentare gestione dell’accoglienza sta creando nuove sacche di delinquenza. E ciò anche in città tendenzialmente sicure come Agrigento in cui certi episodi erano fino a poco tempo addietro totalmente sconosciuti. E’ ora di finirla di importare delinquenti. Faccio gli auguri di pronta guarigione alla giovane vittima rimasta ferita nel corso della vigliacca aggressione”

Ad Agrigento, a Fontanelle, il comitato di quartiere “Fontanelle Insieme” ha organizzato domenica prossima 23 maggio, in occasione dell’anniversario della strage di Capaci, una Giornata della legalità. Alle ore 17 ci si radunerà nei pressi della chiesa di Fontanelle, e poi si raggiungerà a piedi il giardino della legalità, per svolgere insieme un confronto con le istituzioni e le realtà presenti. Già dalla prima mattinata e per tutto il giorno sarà possibile lasciare un pensiero o un disegno all’interno della Piazzetta Livatino, che sia incentrato sul tema della legalità. L’iniziativa è promossa in collaborazione con l’Amministrazione comunale, la Cooperativa Rosario Livatino, la scuola Anna Frank, la parrocchia San Nicola, Legambiente e Agesci.

Ad Agrigento la famiglia Casesa, tramite Rosalinda e Lello Casesa, ha donato una libreria al Reparto di radioterapia dell’ospedale “San Giovanni di Dio”. Molti testi provengono dai viaggi internazionali dello storico gruppo folk “Val d’Akragas”. La libreria è destinata ai pazienti del reparto e, in collaborazione con i volontari di Amico Onlus, è stata collocata in una sala d’attesa del reparto diretto dal dottor Michele Bono. I libri serviranno a contribuire al benessere psico-fisico dei pazienti in trattamento incrementando il confort durante la permanenza in corsia. Il commissario dell’Azienda sanitaria, Mario Zappia, presente alla cerimonia di consegna, commenta: “La lettura rappresenta una fonte di intrattenimento e svago per la mente e in molti casi può assumere un autentico valore terapeutico contribuendo a colmare diversi bisogni della persona. E’ per questo che la donazione della famiglia Casesa rappresenta un gesto di sensibilità importante per il quale la ringrazio”.

Ad Agrigento, sabato prossimo, 22 maggio, nell’aula consiliare della Provincia, alle ore 10, l’Associazione nazionale onorificenze cavalleresche, consegnerà due targhe a due soci, ovvero gli ex presidenti della Provincia di Agrigento, il commendatore avvocato Michelangelo Taibi, e il grande ufficiale Ignazio Cantone. Nel corso della cerimonia, Vera Di Francesco, e Maria Fantauzzo, leggeranno una nota sul percorso politico e umano dei due destinatari del riconoscimento. Prevista la presenza dell’assessore regionale agli Enti Locali, Marco Zambuto, e del sindaco di Agrigento, Francesco Miccichè.