Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 254)

Facciamo seguito alla lettera di protesta del Presidente dell’Ordine dei farmacisti di Agrigento Dott. Maurizio Pace, inviata al Presidente della Regione Siciliana ed all’Assessore alla Salute ,  con la  quale si evidenzia il grave disagio dei farmacisti per non essere in grado di soddisfare le numerose richieste di vaccino antinfluenzale 2020 che vengono avanzate da numerosi cittadini .

Pur ritenendo che la campagna di somministrazione del vaccino antinfluenzale 2020 , assuma quest’anno la duplice valenza  di proteggere sia i soggetti dall’influenza stagionale , che quella di potere , nei soggetti vaccinati , identificare precocemente stati influenzali da Covid 19  e , ritenendo quindi corretto , che le Regioni abbiano concordato nella riunione del 14 settembre s.  di avviare una campagna influenzale gratuita  e volontaria  in tutti i soggetti over 60  e nei soggetti fragili  per la presenza di morbilità in grado di aumentare i rischi legati alla sindrome influenzale ed alle sue complicanze  e, ancor di più , poter intervenire precocemente nei casi sospetti di infezione Covid 19 , riteniamo fortemente lesivo del diritto alla salute dei cittadini , non fornire alle farmacie   quantità adeguate di vaccino antinfluenzale da destinare alla vendita a soggetti under 60 , anche in assenza di comorbilità , che per motivi di lavoro e/o per esigenze familiari ,sentono di essere maggiormente esposti al rischio  di contrarre l’influenza  o il covid 19  , con gravi rischi per la propria salute , ma anche quella di favorire inconsapevolmente la diffusione della pandemia .

E’ noto a tutti, che i soggetti under 60, abitualmente, tendono a sottovalutare i rischi legati all’influenza stagionale , con il risultato che spesso , grazie all’automedicazione con sintomatici ed antipiretici  , riprendono precocemente le proprie attività lavorative e sociali  favorendo la diffusione dell’infezione virale .

E se quest’inverno questi soggetti, anziché l’influenza, contraggono il Covid 19  , quali rischi aggiuntivi potranno manifestarsi a carico della collettività ?

E’ giusto allora, che questa consapevolezza di voler proteggere maggiormente se stessi e gli altri con il vaccino antinfluenzale venga mortificata negando la possibilità di acquistarlo?

Cittadinanzattiva Sicilia , ritiene per tali motivi di fare proprio l’appello dell’Ordine dei Farmacisti di Agrigento  ed auspica  che l’Ordine Regionale  dei Farmacisti , unitamente all’Ordine Regionale dei Medici , richiedano al Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ed all’Assessore alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza , di soddisfare tempestivamente   la richiesta di protezione e di salute che viene da quella grande fascia della popolazione attiva  dei cittadini siciliani under 59 anni  , attualmente negata dalla piccola ed inadeguata percentuale di vaccini antinfluenzali (1,5% ) attualmente destinata al canale farmacie .

Crediamo inoltre che, i medici di base non debbano avere altri carichi di lavoro, dovuto alla somministrazione del vaccino a propri assistiti under 60, poiché i farmacisti dal canto loro potrebbero organizzarsi con degli infermieri per ogni loro presidio sanitario, che somministrino il vaccino al momento dell’acquisto, cosi sarebbe un aiuto per i medici e un grande servizio per la nostra sanità.

Esortiamo, ulteriormente un maggiore coinvolgimento dell’ordine dei farmacisti e dell’ordine dei medici di base a livello regionale, affinché possa risolversi nel più breve tempo possibile, questo grosso problema che tiene con il fiato sospeso e in attesa di sagge decisioni una grande fascia della popolazione

Noi come Cittadinanzattiva saremo sicuramente a fianco dei cittadini, dei farmacisti e dei medici, sperando che tale disagio possa risolversi al più presto, per dare così una giusta serenità alla popolazione siciliana.  

Pippo Spataro

La Polizia Municipale di Licatarende noto che “L’Asp di Agrigento ha appena comunicato un ulteriore caso di positività al nuovo coronavirus. Sale dunque nuovamente a 13 il numero dei soggetti attualmente positivi. Anche la persona in oggetto non risulta ricoverata, né lamenta significativi disturbi. Su di essa incombe l’obbligo di rimanere isolata all’interno del proprio domicilio.”

“Fa ubriacare l’amica del figlio la spoglia e la palpeggia”: un sessantenne di Canicattì è stato rinviato a giudizio dal tribunale di Agrigento con l’accusa di violenza sessuale aggravata. Michele Sammartino nel giugno del 2018 era a casa con il figlio e una ragazza portata da quest’ultimo.

Il giovane stava scontando una condanna in affidamento in prova ai servizi sociali ed essendo dunque sottoposto a delle restrizioni ad un certo punto dovette andare via di corsa perché negli orari serali era obbligato a restare in casa.

La ragazza, quindi, secondo la ricostruzione dell’episodio, sarebbe rimasta col padre dell’amico che le avrebbe fatto bere del vino. Secondo l’accusa l’uomo a quel punto le avrebbe tolto i pantaloni, la maglietta, il reggiseno e gli slip e l’avrebbe accarezzata sulle gambe e sulla coscia. Da qui il rinvio a giudizio disposto ieri dal gup.

Era nelle vicinanze della strada statale 624, la fondovalle Sciacca-Palermo, spaesato, bagnato e infreddolito. Un automobilista lo ha notato ed ha chiamato la Polizia.

Andrea Craparo, l’ottantenne saccense del quale non si avevano più notizie da ieri pomeriggio, è stato trasferito in ospedale su un’ambulanza del servizio 118 per gli accertamenti.  Le sue condizioni appaiono abbastanza buone nonostante l’intera notte trascorsa all’aperto e la pioggia di oggi.

L’anziano ieri pomeriggio si era recato in ospedale e poi aveva fatto perdere le sue tracce. Poco fa l’ansia e la preoccupazione dei familiari si è trasformata in gioia. Ora sarà sottoposto a cure ed accertamenti per capire cosa sia successo. Le ricerche avevano impegnato polizia, carabinieri e volontari del servizio comunale di Protezione civile coordinati dal funzionario Gianmarco Alì.

Il Governo regionale, su proposta dell’Assessore all’economica Gaetano Armao, ha determinato con delibera i criteri e le modalità per l’esenzione, per l’anno 2020 della tassa automobilistica per le autovetture fino a 53 kw o immatricolate entro il 31 dicembre 2010 per i proprietari con reddito non superiore ai 15.000 euro, nonché per i veicoli di proprietà delle associazioni di volontariato e di protezione civile iscritte nei rispettivi registri  regionali, utilizzate ad uso esclusivo per le finalità di assistenza sociale, sanitaria, soccorso, protezione civile.

Attraverso l’esenzione prevista per il 2020 per agevolare i soggetti che hanno maggiormente subito gli effetti socio-economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, si prevede, nell’ambito delle risorse disponibili, il riconoscimento dell’esenzione secondo l’ordine del reddito più basso.

Non si hanno notizie di Andrea Craparo da ieri pomeriggio. L’ottantenne pensionato si era recato in ospedale (si sconoscono i motivi) parcheggiando l’auto. Da qual momento ad oggi i familiari non hanno più notizie del pensionato. L’auto è stata ritrovata nel parcheggio dell’ospedale Giovanni Paolo II. Sono alla ricerca dell’uomo già dalla scorsa sera i carabinieri e la polizia di Stato.

Anche la locale Protezione Civile ha avuto l’ok dalla Prefettura e adesso è al lavoro per dare supporto alle forze dell’ordine. Le ricerche in questa fase si sono concentrate nell’area attorno all’ospedale, anche se vista la vastità della struttura ospedaliera sono stati fatti controlli anche nelle aree interne al Giovanni Paolo II.

In caso di notizie o avvistamenti, avvisare le Forze dell’Ordine.

Riflettori accesi su una casa di riposo di Sambuca di Sicilia dove è stato riscontrato un caso di coronavirus.

Si tratta di un’anziana di 72 anni ospite della struttura che per altre patologie era stata trasferita in un ospedale della provincia di Palermo ed è risultata positiva al test del tampone. Le autorità sanitarie hanno riferito dell’esito al sindaco di Sambuca di Sicilia, Leo Ciaccio, il quale di concerto con l’Asp di Agrigento ha programmato la quarantena per tutti gli altri anziani ospiti della struttura e per gli operatori sanitari che li assistono. Tutti saranno adesso sottoposti al tampone.

A Sambuca di Sicilia sale a 3 il numero dei contagi.

Sei nuovi contagi da coronavirus oggi a Sciacca, sempre di più la città più colpita della provincia di Agrigento. Nel pomeriggio il sindaco, Francesca Valenti, ha aggiornato il dato delle persone risultate positive al tampone che emerge dalla consueta comunicazione da parte dell’Asp.
Con i sei nuovi positivi il dato complessivo da agosto ad oggi è di 69 contagi. Di questi gli attuali positivi sono 49, i guariti 17 ed i decessi sono stati tre.

Sono 298 i casi in più di Covid-19 in Sicilia. Il totale degli attuali contagiati e’ di 4.682: 404 ricoverati con sintomi, 42 in terapia intensiva (+4) e 4.236 in isolamento domiciliare. Sono 9.592 i casi totali, 4.571 i dimessi guariti, 339 i deceduti, tre in più rispetto a ieri. Con un incremento di tamponi pari a solo 3.892.

I morti sono un uomo di Trapani, 70 anni, uno di Caltanissetta di 56 anni e un uomo di Catania di 83 anni. I guariti sono 14. Ed ecco i casi nei Comuni capoluogo: 109 a Palermo, 71 a Catania, 60 a Messina, 29 a Siracusa, 13 a Ragusa, 8 a Caltanissetta, 4 a Enna, 3 a Trapani e 1 ad Agrigento.

A meno di stravolgimenti catastrofici (e ad Agrigento, città intrisa di tragediatori politici, accadono spesso) i due contendenti alla più alta poltrona di Palazzo di Città, dopo alcuni giorni passati in una vera e propria trincea tra minacce, accordi si, accordi no, prima questo, poi quello, poi gli arrivi da Catania, Palermo, le notti insonni.

Insomma, forse è meglio se parliamo della scena e non dei retroscena (almeno per ora).

Si apparenta il Centro Destra con Franco Miccichè (tra non pochi mugugni, serissime riflessioni e chi vivrà vedrà…) e quindi Musumeci, Savarino, Terrana e Gallo più la lista Vox.  Fratelli d’Italia ha preferito fare l’accordo politico e non tecnico, presentando sul piatto il nome assessoriale.

Ecco la lista degli assessori dell’eventuale Giunta guidata da Franco Miccichè:

1) Giovanni Vaccaro

2) Gerlando Principato

3) Aurelio Trupia

4) Marco Vullo

5) Francesco Picarella

6) Roberta Lala

7) Costantino Ciulla

8) Gianni Tuttolomondo

9) Antonino Costanza Scinta.

Il sindaco uscente Calogero Firetto non avrebbe raggiunto accordi con chicchessia e pertanto va avanti grazie al supporto delle sue sette liste. Ecco gli assessori designati da Firetto:

1) Mario Fontana

2) Alfonso Mirotta

3) Pasquale Spataro

4) Giorgia Iacolino

5) Antonino Amato

6) Giuseppe Gramaglia

7) Gioacchino Alfano

8) Nello Hamel

9) Tania Castronovo.

In aggiornamento.