Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 240)

A Catania un giovane è morto sul colpo vittima dello scoppio di un ordigno che è stato intento a piazzare, insieme ad un complice, innanzi ad un distributore di sigarette. Teatro di quanto accaduto, intorno alle ore 4 di oggi, è stato il civico 5 lungo il viale Castagnola nel quartiere di Librino. Il giovane aveva il volto coperto con un passamontagna. A seguito della deflagrazione sono state danneggiate alcune automobili. Indagano i Carabinieri della compagnia di Fontanarossa. I due, si ipotizza, avrebbero voluto forzare il distributore con un ordigno rudimentale, e rubare le sigarette e i soldi all’interno.

La nomina di Franco Vitellaro a ingegnere capo dell’ufficio Tecnico comunale di Agrigento raccoglie il plauso dell’Ordine degli architetti di Agrigento, presieduto da Alfonso Cimino.

“Apprendiamo con piacere della nomina di dirigente dell’ufficio Tecnico comunale a Franco Vitellaro, stimato professionista di lunga esperienza che, siamo certi, potrà risolvere i problemi che attanagliano l’Ufficio – afferma Alfonso Cimino – Problemi sui quali dibattiamo da due anni, da quando ci siamo insediati in questo Consiglio d’Ordine, tra cui, tanto per dirne una, il progetto Sanatoria sul quale ad oggi l’Ufficio sembra essere bloccato a causa del riconoscimento delle spettanze ai dipendenti che, tra altro, sono numericamente diminuiti a causa della Quota 100 che del detto Ufficio ne ha svuotato le competenze e le figure professionali. L’Ordine degli architetti è stato e rimane a fianco dell’ufficio Tecnico per la risoluzione delle varie problematiche proponendo strumenti sussidiari utili alla risoluzione delle stesse come recentemente fatto con il Progetto Pace, progetto Agrigento Commissione Edilizia, per il quale siamo ancora in attesa di risposte da parte dell’Amministrazione. Certo, gli obiettivi raggiunti sono stati tanti, citiamo, ad esempio, l’adozione dello Sportello Unico dell’Edilizia, la definizione delle direttive sullo strumento urbanistico – conclude Cimino – Nell’auspicare un incarico a tempo indeterminato per l’ingegnere capo dell’ufficio tecnico, volto alla programmazione e progettazione a lungo termine e all’organizzazione dello stesso Ufficio, porgiamo a Franco Vitellaro auguri di buon lavoro”.

 

Organizzato dall’assessorato comunale alle Politiche Sociali del Comune di Agrigento, venerdì 21 Febbraio alle 16 e 30 presso la biblioteca “Franco La Rocca” i terrà il convegno “Legge Resto al Sud”, opportunità e finanziamenti per nuove imprese.Dopo l’intervento del sindaco, Calogero Firetto e dell’assessore comunale, Gerlando Riolo, interverranno Paquale Maggiore, general manager MCQ Group e Domenico Pistone, Lega Coop della Sicilia Occidentale. Seguirà il dibattito.

Il testo esitato dalla I Commissione approvato oggi dall’Aula che rinvia a settembre l’elezione dei rappresentanti dei Liberi consorzi è un atto dovuto perché si assicuri al meglio la democrazia partecipativa consentendo a tutti gli amministratori di partecipare alle operazioni elettorali.

Lo dichiara l’ on. Carmelo Pullara Presidente del gruppo parlamentare Popolari ed Autonomisti –

Era inimmaginabile che i comuni prossimi alle elezioni per scadenza naturale piuttosto perché commissariati non potessero partecipare alla prima elezione degli organi del libero consorzio ecco perché il rinvio è un atto dovuto e non politico, allo stesso tempo abbiamo stabilito  la necessità che nelle more delle elezioni che metteranno fine alla lunga stagione del commissariamento,  si addivenga celermente alla costituzione dell’Assemblea del libero consorzio, organo quest’ultimo di natura consultiva e propositiva che anche nel periodo commissariale può e deve svolgere la propria funzione perché i singoli comuni siano partecipi attivamente alla programmazione quotidiana dell’Ente, così facendo inizia finalmente la costituzione della rappresentanza democratica che segna il passo alla stagione dei commissari – conclude Pullara.

Dopo il semaforo verde in Commissione Affari istituzionali, anche l’Assemblea Regionale ha approvato il rinvio delle elezioni Provinciali dal 19 aprile ad una domenica tra il 15 settembre e il 15 ottobre. Il Movimento 5 Stelle ha votato contro il rinvio, e la segretaria della Commissione Affari istituzionali, Gianina Ciancio, spiega perché: “Perché rinviare in continuazione rende tutta la vicenda una barzelletta. Che si voti ad aprile o a settembre non fa alcuna differenza. L’attenzione è stata posta sulle elezioni e non sui servizi, questo è il problema. E fino a quando non parleremo di servizi, di organizzazione pura, parlare di elezioni non ha alcun senso e non fa bene a nessuno”.

L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato una legge, di cui è prima firmataria la capogruppo Udc Eleonora Lo Curto, che ha inserito nello Statuto Siciliano l’articolo 38 bis che riconosce gli svantaggi derivanti dall’insularità. In proposito interviene il vice presidente della Regione, Gaetano Armao, che spiega “La condizione di insularità sofferta da imprese e cittadini è ormai parte dello Statuto siciliano. Si tratta di una norma che diverrà parametro di costituzionalità anche per le leggi dello Stato. Adesso però il percorso è tutto in salita: la legge dovrà passare dal doppio voto di Camera e Senato”. Ed Eleonora Lo Curto afferma: “ Il fatto che sia prevista una riforma della Costituzione testimonia l’importanza dello Statuto siciliano”. E il collega Udc, Vincenzo Figuccia, relatore della legge, aggiunge: “Finalmente poniamo il Parlamento nazionale davanti ad una volontà precisa dell’Assemblea regionale siciliana affinché con una legge di rango costituzionale possano essere riconosciuti alla Sicilia gli svantaggi derivanti dalla condizione di insularità”.

La Procura antimafia di Palermo ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini (anticamera della richiesta di rinvio a giudizio) a carico dei sei indagati nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Passe Partout”. Si tratta del presunto capomafia di Sciacca, Accursio Di Mino, 61 anni, e dell’ex assistente parlamentare, Antonello Nicosia, 48 anni, anche lui di Sciacca, sottoposti a fermo di indiziato di delitto dalla Procura antimafia di Palermo lo scorso 4 novembre per associazione mafiosa. E poi la deputata alla Camera, Giusy Occhionero, indagata per l’ipotesi di reato di falso in concorso, allorchè avrebbe consentito ad Antonello Nicosia di entrare nelle carceri di Palermo, Agrigento e Sciacca, il 21 dicembre dello scorso anno, come suo assistente. Il rapporto di collaborazione tra i due, però, sarebbe stato formalizzato solo successivamente agli ingressi in carcere dove Nicosia si sarebbe intrattenuto a fini illeciti con detenuti per mafia. E poi tre presunti favoreggiatori, tutti di Sciacca: Massimiliano Mandracchia, 45 anni, Luigi Ciaccio, 33 anni, e Paolo Ciaccio, 33 anni.

“L’On. Annalisa Tardino con il suo atteggiamento aggressivo e supponente dimostra di essere un perfetto clone del suo leader politico “.

È quanto dichiara il deputato regionale l’On. Carmelo Pullara capogruppo popolari e autonomisti all’Ars rispondendo alle recenti dichiarazioni fatte dall’ On Tardino .

“Ancora una volta-dichiara Pullara–l’On.Tardino, tale in quanto a rimorchio di Salvini, ha perso un occasione per tacere qualificandosi per quella che è. Invece di criticare l’operato e la collaborazione dei deputati regionali e del Ministro, avrebbe dovuto mettersi a fianco di chi , come me , sono sempre presenti sul territorio per difendere i diritti dei lavoratori, come quelli della pesca, che appartengono ad un comparto sempre più in difficoltà.

Ancora una volta-aggiunge Pullara-l’On.Tardino ha perso un occasione per poter essere collabborativa con tutte le altre forze politiche, avendo un atteggiamento umile moderato e propositivo non demolitorio fine a se stesso. Per il prosieguo la invito a rivolgersi con modo consono al ruolo rivestito ed al bon ton istituzionale evitando i toni da piazza o da mercato.

La ringrazio-conclude Pullara-perché si è fatta promotrice  per avere sollecitato il comune a presentare istanza x acquisire eventualmente un finanziamento: udite udite gente di 7000 euro, per il quale non venendo immediatamente ringraziata ha bacchettato il Sindaco Galanti subito pronto a porgere scuse e ringraziamenti, cose da scena teatrale di terzo ordine

“Naro festeggerà il Mandorlo in Fiore!

Questa mattina ho incontrato alcune associazioni insieme alle scuole della Città per delineare il programma del Mandorlo in Fiore che si svolgerà Sabato 21 Marzo all’interno del Chiostro del Comune.

Considerate le difficoltà legate alla gestione provvisoria, abbiamo deciso di fare ugualmente la Sagra, con l’aiuto di tutti!

Siamo stati costretti a spostare la data al 21 Marzo, che peraltro coincide con il primo giorno di primavera, per una grande e bella manifestazione a costo zero.

Nei prossimi giorni continueremo a incontrare le associazioni e le scuole e oltre al 21 Marzo vivremo altre due giornate ad Aprile e a Maggio per raccontare di uomini, donne e luoghi del Mandorlo in Fiore!”