Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 223)

301 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia a fronte di 21.104 tamponi effettuati. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 4 decessi che portano il totale delle vittime sull’isola, a 7.046. E’ quanto si legge nel bollettino di oggi del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Gli attuali positivi in Sicilia sono 7.572 mentre le persone ricoverate con sintomi sono 324, di cui 43 in Terapia intensiva. In isolamento domiciliare ci sono 7.205 pazienti. I guariti/dimessi dall’inizio dell’emergenza ad oggi sono 295.828.

Questi i numeri nei Comuni capoluogo: Palermo 27, Catania 134, Messina 7, Siracusa 52, Trapani 26, Ragusa 11, Caltanissetta 18, Agrigento 20 e Enna 6.

L’Asp comunica 33 nuovi positivi in provincia di Agrigento. Purtroppo si registra anche un decesso registrato a Sciacca, e 13 guariti. Aumentano i tamponi (404). Al momento risultano ricoverate 8 persone in degenza ordinaria, 7 si trovano al “Fratelli Parlapiano” di Ribera e una in un ospedale fuori provincia. Sono 2 i pazienti in terapia intensiva all’ospedale riberese “Fratelli Parlapiano”.

Questi i numeri Comune per Comune: Agrigento: 22 (+8); Aragona: 3 (stabile); Burgio: 7 (+1); Caltabellotta: 3 (stabile); Cammarata: 5 (stabile); Campobello di Licata: 3 (stabile); Canicattì: 34 (+2); Casteltermini: 1 (stabile); Castrofilippo: 1 (stabile); Cattolica Eraclea: 15 (-1); Favara: 7 (stabile); Licata: 25 (+2); Menfi: 9 (+2), Montallegro: 1 (stabile); Montevago: 1 (stabile); Naro: 18 (stabile); Palma di Montechiaro: 4 (-1); Porto Empedocle: 13 (+9); Raffadali: 2 (stabile); Ribera: 8 (stabile); San Giovanni Gemini: 3 (stabile); Santa Margherita di Belice: 3 (stabile); Sant’Angelo Muxaro: 2 (stabile); Sciacca: 23 (-2).

Sono “Covid free”: Alessandria della Rocca, Bivona, Calamonaci, Camastra, Cianciana, Comitini, Grotte, Joppolo Giancaxio, Lucca Sicula, Racalmuto, Ravanusa, Realmonte, San Biagio Platani, Sambuca di Sicilia, Siculiana, Santo Stefano Quisquina, Santa Elisabetta e Villafranca Sicula.

Sono 32 i migranti attualmente in quarantena sulle navi di accoglienza in rada dell’Agrigentino.

“Mentre il Covid non sembra allentare la presa non si capisce perché, in Sicilia, con una nota del Dipartimento regionale per la Pianificazione strategica, l’assessorato per la Salute abbia deciso di disporre la sospensione immediata delle convenzioni che erano state stipulate ad agosto con le strutture private per accogliere i pazienti in area medica e chirurgica No-Covid e che hanno permesso in questo  periodo di ridurre l’affollamento nei Pronto soccorso e nelle degenze ordinarie”.

Lo scrive in una nota la presidente della commissione Salute dell’Ars, Margherita La Rocca Ruvolo, a proposito della sospensione dei rapporti di collaborazione con le strutture private accreditate per pazienti provenienti dai Pronto soccorso e da presidi ospedalieri pubblici.

“O l’emergenza Covid è finita e quindi dovremmo riconvertire i reparti e permettere alla gente di curarsi  per tutte le patologie e rivedere anche l’attività della struttura commissariale, oppure non si capisce perché viene interrotto il rapporto con l’ospedalità privata che in questi tre mesi ha dato una boccata d’ossigeno alla sanità pubblica consentendo di smaltire le file nei Pronto soccorso e poter garantire le cure alle persone. Se con il Covid dobbiamo convivere, dobbiamo anche assicurare a tutti il diritto di poter curare anche le altre patologie. Ricordo che per il virus sono stati creati appositi Covid Hospital. Non si possono, soprattutto in questo momento, indebolire i servizi sanitari”.

Palermo, 6 novembre 2021

Approvata dalla Giunta Regionale la proposta dell’assessore Cordaro di istituzione della riserva naturale di Punta Bianca e Scoglio Patella, attraverso l’inserimento nel piano regionale dei Parchi e delle Riserve naturali.

Un altro impegno mantenuto da parte del Presidente Musumeci e del suo Governo con la piena condivisione dei Consigli Comunali di Agrigento e Palma di Montechiaro.

“Quello di rendere Punta Bianca riserva naturale protetta, così da preservarne l’ecosistema, è un tema che mi sta particolarmente a cuore, – dichiara l’on. Giusi Savarino – il Presidente Nello Musumeci, e di questo lo ringraziarlo personalmente, ha fatto sua sin da subito questa battaglia a tutela dello splendore dei luoghi”.
L’onorevole Savarino, Presidente della IV Commissione Ambiente, Territorio e Mobilità, prosegue: “è per me un giorno di grande soddisfazione. Da sempre sostengo l’importanza di salvaguardare questo straordinario lembo di terra e mare e più volte nel corso della mia attività parlamentare, anche in Commissione, ci siamo mossi fattivamente affinché venissero adottate tutte le azioni possibili per rendere al più presto Punta Bianca una riserva naturale protetta.
Dopo i lavori finanziati alla Scala dei turchi, ancora una volta il Governo Regionale risponde con i fatti ai vacui proclami a sostegno di Punta Bianca che in molti si sono dilettati a fare da decenni, da Roma a Palermo. Oggi più che mai i beni e le bellezze ambientali del territorio agrigentino sono custoditi gelosamente e con competenza”.

“In considerazione dello sciopero nazionale dei lavoratori dei  servizi di igiene urbana indetto per lunedì 8 novembre, domenica  sarebbe opportuno non esporre i mastelli. Tutto ciò perché  le ditte che svolgono il servizio non sono a conoscenza del numero degli operatori che aderiranno allo sciopero.
Ci scusiamo sin d’ora con i cittadini per il probabile disagio”.
Lo dichiara il primo cittadino di Agrigento Franco Miccichè.

A Licata ignoti sono entrati furtivamente all’interno del Centro commerciale “Il porto”, hanno forzato la saracinesca di una gioielleria e hanno rubato oggetti preziosi. Poi sono fuggiti perché è scattato l’antifurto con lo spruzzo di gas urticante. I Carabinieri della locale Compagnia, ispezionando i video delle telecamere di sorveglianza, hanno contato 5 malviventi a lavoro con il volto coperto. Indagini più approfondite sono in corso.

Ad Agrigento i poliziotti della Squadra Volanti hanno denunciato per minacce e oltraggio a Pubblico ufficiale un uomo di 50 anni che, intorno alla mezzanotte, nei pressi di Porta di Ponte, appena si è accorto di due poliziotti, si è innervosito a tal punto da insultarli e minacciarli. L’esagitato, risultato sobrio, è stato condotto nella caserma Anghelone, in via Crispi, dove ha mantenuto lo stesso atteggiamento.

In ambito regionale la Guardia costiera ha sostenuto l’operazione intitolata “Calypso”, tra controlli e ispezioni nella filiera ittica. Complessivamente sono stati sequestrati oltre 8.800 chili di prodotti ittici ritenuti non sicuri per il consumo umano, con multe elevate per oltre 74mila euro. In particolare, in provincia di Agrigento, è stato effettuato un sequestro da oltre 500 chili di pescato a Porto Empedocle in un grossista locale, e poi altri 500 chili in una pescheria. Il prodotto sequestrato, dichiarato dai medici veterinari non idoneo al consumo umano, è stato avviato alla distruzione in centri di smaltimento autorizzati, mentre la restante parte, ancora in attesa di valutazione sanitaria, se ritenuta sicura, sarà devoluta in beneficenza a favore di enti e associazioni caritatevoli.

A fronte di quanto sostenuto da alcuni organi di stampa secondo cui la Democrazia cristiana di Cuffaro non sarebbe stata invitata a partecipare alla riunione del centrodestra lunedì prossimo a Palermo per la scelta del candidato sindaco di Palermo alle elezioni nella primavera del 2022, lo stesso Totò Cuffaro ha commentato: “Il nostro è un partito umile ed educato, non va dove non è invitato. Amiamo la riflessione, ma non abbiamo la vocazione alla clausura. Troveremo altra compagnia con cui incontrarci”. E a ruota è intervenuta la Lega siciliana, tramite una nota congiunta firmata dai parlamentari Marianna Caronia, Carmelo Pullara, Luca Sammartino, Giovanni Cafeo, l’eurodeputata Annalisa Tardino e il capogruppo al Consiglio comunale di Palermo Igor Gelarda, che affermano: “Siamo stupiti dalle parole di quanti, prima ancora di dire cosa vogliono fare per Palermo e la Sicilia, cominciano a mettere paletti rispetto a coloro con cui vogliono farlo e al perimetro entro cui farlo. In questo senso leggiamo con stupore che qualcuno dei possibili alleati non sarebbe stato invitato, come la Dc. Siamo certi che si sia trattato di un disguido. Diversamente da parte nostra non possiamo che essere in disaccordo rispetto a tale scelta, perché, come ricordato da Matteo Salvini, il nostro punto di partenza e riferimento è il centro destra insieme a tutti i partiti e movimenti che ai suoi principi si ispirano. Siamo certi che si porrà rimedio, confermando la scelta di un centrodestra inclusivo”.

Il 31 agosto del 2019, a Lampedusa, in via Terranova, una turista di 49 anni, Fulvia Morando, di Pinerolo, in provincia di Torino, sindacalista, è stata investita da un automobilista pirata che non ha prestato soccorso, ha accelerato e si è dileguato. La donna, insieme al compagno, un collega di lavoro, intenta a passeggiare sul ciglio della strada appena fuori da un residence, è stata trasportata al Poliambulatorio dell’isola dove è morta. Poche ore dopo, i Carabinieri hanno rintracciato l’investitore. Andrea Saverio Sola, 25 anni, è stato arrestato ai domiciliari per omicidio stradale con l’aggravante della fuga e della guida senza patente perché mai conseguita. Ebbene, adesso la Corte di Appello di Palermo ha ridotto la condanna a suo carico, dai 4 anni e 8 mesi inflitti dal Tribunale di Agrigento a 4 anni, quindi 8 mesi in meno allorchè non è stata riconosciuta l’aggravante della fuga.