Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 213)

Il deputato nazionale del Movimento 5 Stelle, l’agrigentino, originario di Bivona, Filippo Perconti, ha presentato un’interrogazione parlamentare alla Camera affinchè sia risolta una ingiustificata diversità di trattamento delle vittime di mafia rispetto alle vittime del terrorismo, chiedendo quali iniziative risolutive saranno adottate, affinché si giunga ad una equiparazione tra le diverse vittime, fornendo risposte celeri alle vittime della criminalità e alle loro famiglie.

Giuseppe Ciminnisi

In proposito interviene Giuseppe Ciminnisi, presidente dell’associazione “I cittadini contro le mafie”, che ringrazia l’onorevole Perconti e afferma: “Quella dell’equiparazione tra vittime del dovere, vittime del terrorismo e vittime di mafia è una questione che va avanti da molti anni senza che si sia mai arrivati a eliminare una lacuna che divide le vittime in vittime di serie A e vittime di serie B. Vogliamo sperare che questo Governo voglia risolvere una annosa questione che ci mortifica in quanto cittadini italiani che hanno pagato con la vita dei propri cari la barbarie di chi all’uso della ragione e all’esercizio del diritto contrappone la forza dell’arroganza e l’uso della violenza”.

Il Garante siciliano dei diritti dei detenuti, Giovanni Fiandaca, ha risposto alla lettera sulla situazione carceraria in Sicilia che Antonello Nicosia, direttore dell’Osservatorio internazionale per i diritti umani, come pubblicato ieri, ha inviato al presidente della Regione, Nello Musumeci, chiedendogli un incontro urgente. Anche il testo integrale della lettera di Fiandaca, come della lettera di Nicosia, è pubblicato sul sito internet di Teleacras.com. In sintesi, Giovanni Fiandaca afferma: Chi riveste un incarico pubblico sa di essere esposto a critiche, e queste devono essere accolte specie quando sono fondate e perseguono un intento costruttivo. Ma questo non è il caso della lettera divulgata attraverso la stampa dal dottor Antonello Nicosia, con la quale vengono segnalate al Presidente della Regione Musumeci criticità presenti nella situazione carceraria siciliana, e ne vengono attribuite le cause anche ad un presunto inefficace funzionamento dell’Ufficio del Garante regionale dei diritti dei detenuti. In realtà, il dottor Nicosia ha mostrato un atteggiamento polemico nei confronti dell’Ufficio del Garante anche in precedenti occasioni, e ciò sempre sulla base di giudizi superficiali e di valutazioni non supportate da una effettiva conoscenza delle attività realmente svolte da tale Ufficio e puntualmente documentate nelle relazioni annuali indirizzate all’Assemblea Regionale Siciliana”.

Ecco la lettera di Fiandaca:

OGGETTO: risposta al dott. Antonino Nicosia .

Al Presidente della Regione
On. Sebastiano Musumeci
Palazzo d’Orleans
Piazza Indipendenza, 21
90129 Palermo

Dott. Antonino Nicosia
osservatoriointernazionaledu@gmail.com

Chi riveste un incarico pubblico sa di essere esposto a critiche, e queste devono essere
accolte specie quando sono fondate e perseguono un intento costruttivo. Ma questo non è il caso
della lettera divulgata attraverso la stampa dal dott. Antonino Nicosia, con la quale vengono
segnalate al Presidente della Regione Musumeci criticità presenti nella situazione carceraria
siciliana, e ne vengono attribuite le cause anche ad un presunto inefficace funzionamento
dell’Ufficio del Garante regionale dei diritti dei detenuti.
In realtà, il predetto dott. Nicosia ha mostrato un atteggiamento polemico nei confronti
dell’Ufficio del Garante anche in precedenti occasioni, e ciò sempre sulla base di giudizi
superficiali e di valutazioni non supportate da una effettiva conoscenza delle attività realmente
svolte da tale Ufficio e puntualmente documentate nelle relazioni annuali indirizzate
all’Assemblea Regionale Siciliana. Piuttosto che sollevare critiche ingiustificatamente offensive,
il dott. Nicosia farebbe bene a documentarsi recandosi presso l’Ufficio del Garante e constatando
di persona la quantità e la qualità di lavoro che vi si svolge.
Se il dott. Nicosia avesse reale conoscenza della situazione delle carceri in Sicilia, si
renderebbe conto che le criticità cui egli allude sono state più volte segnalate agli organi istituzionali competenti, a cominciare dal DAP, da parte sia dei direttori degli istituti di pena
interessati, sia di questo Garante. Ma purtroppo, a causa di una cronica insufficienza di risorse
economiche destinate al mondo carcerario, nonché dei noti tempi lunghi della burocrazia, non
pochi interventi migliorativi si attendono da anni. E, d’altra parte, non si può dire che a
migliorare la situazione complessiva abbiano sinora dato un contributo rilevante le visite alle
carceri che il dott. Nicosia asserisce d’aver compiuto insieme ad un parlamentare nazionale,
enfatizzandone la valenza di toccasana di ogni problema!
Il punto decisivo non è costituito dalla quantità giornaliera di eventuale presenza del
Garante nei ventitré istituti penitenziari siciliani per adulti (cui vanno aggiunti i quattro minorili),
dislocati nelle diverse province. Anche se il Garante girasse come una trottola percorrendo in
lungo e in largo la Sicilia tutti i giorni, non per questo verrebbero a soluzione i nodi della vita
carceraria, che hanno una genesi pluricausale e che ben trascendono – come il dott. Nicosia
dovrebbe ben sapere – i limitati poteri normativamente attribuiti ai Garanti territoriali: si tratta
infatti non già di poteri di disposizione, bensì soltanto di poteri di segnalazione e sollecitazione
da esercitare nei confronti o degli organi amministrativi direttamente competenti in materia
carceraria, o delle autorità politico-istituzionali regionali a vario titolo interpellabili in vista della
tutela dei diritti fondamentali dei soggetti reclusi.
Considerata la appassionata ipersensibilità del dott. Nicosia per i problemi e le esigenze
dell’universo carcerario, non può non sorprendere, infine, il fatto che egli non manifesti alcuna
preoccupazione per la riscrittura normativa dell’istituto del Garante che, su iniziativa del
Movimento Cinque Stelle, è stata votata all’ARS appena qualche giorno fa, precisamente il 19
giugno: si tratta infatti di una riforma che, se fosse definitivamente varata ed entrasse in vigore,
depotenzierebbe a monte l’efficacia dell’Ufficio del Garante e, per di più, ne accentuerebbe il
collegamento con le contingenti maggioranze politico-governative, così minacciandone
l’autonomia e indipendenza di istituzione di garanzia.
Inviterei, pertanto, il dott. Nicosia a documentarsi adeguatamente anche in merito a
questa brutta riforma; e, quanto ai rilievi offensivi contenuti nella sua precitata lettera, mi riservo
in ogni caso di adire le competenti autorità giudiziarie.

Giovanni Fiandaca

E’ stata costituita “Sicilia Unita”, un’associazione culturale che si prefigura di formare la nuova classe dirigente siciliana aggregando – si legge in una nota stampa – coloro che hanno a cuore l’identità e il benessere della Sicilia, sulla base di un patto tra anime politiche del centrodestra. Il presidente è Antonio Piazza, già coordinatore regionale di Gioventù Nazionale, che è il movimento giovanile di Fratelli d’Italia. E il segretario è Salvatore Gattuso, già componente dell’Assemblea Regionale di Diventerà Bellissima. I promotori di “Sicilia Unita” aggiungono: “Quest’associazione sarà un laboratorio politico in vista del futuro, dove tutti ci confronteremo costantemente su come e cosa fare per cambiare la nostra terra. Lavoreremo parallelamente ai nostri rispettivi partiti e li aiuteremo a proporre nuove idee, nuovi progetti, che vengano dal mondo dell’associazionismo, dai territori e da chi, indifferentemente dal proprio colore politico, voglia fare qualcosa di realmente utile per la nostra amata terra di Sicilia”.

I Fratelli P.V. e P.P., rispettivamente di 39 e di 38 anni, di Ribera, sono i legali rappresentanti della società semplice agricola R.; la suddetta società gestisce nel territorio del Comune di Calamonaci una florida produzione di pere. I due fratelli riberesi alla fine del 2018 ricevevano una nota con la quale venivano a conoscenza della circostanza che l’assessorato regionale dell’energia aveva autorizzato la società Eeb srl a procedere alla realizzazione di un impianto eolico della potenza pari a 18 mwe da ubicare nel territorio del Comune di Bivona e di una serie di opere di connessione da realizzare nel territorio del Comune di Calamonaci, disponendo l’apposizione del vincolo preordinato alla espropriazione per pubblica utilità.

Con la medesima nota i due fratelli apprendevano che nei propri terreni sarebbe stata realizzata una sottostazione nella quale incamerare l’energia prodotta dall’impianto eolico. Pertanto i due fratelli riberesi proponevano un ricorso davanti al T.A.R Sicilia, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Rosario De Marco Capizzi, chiedendo l’annullamento del decreto di valutazione di impatto ambientale, nonché dell’autorizzazione a procedere alla realizzazione dell’impianto eolico e delle  opere connesse.

Nei propri scritti difensivi, gli Avvocati Rubino e De Marco Capizzi evidenziavano in particolar modo che l’Assessorato Territorio ed Ambiente avesse omesso di verificare l’impatto ambientale dell’impianto eolico, avuto riguardo delle caratteristiche ambientali che connotano oggi le diverse aree interessate dal progetto.

Il T.A.R. Palermo, condividendo le censure degli Avvocati Rubino e De Marco Capizzi, con ordinanza n. 457/2019, accoglieva la domanda cautelare proposta dai fratelli riberesi e per l’effetto disponeva la sospensione degli effetti dei provvedimenti impugnati.

Successivamente, la società Eeb proponeva appello cautelare davanti al Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, chiedendo la riforma dell’ordinanza del T.A.R. Sicilia.

I fratelli riberesi si costituivano nel suddetto giudizio d’appello, con il patrocinio degli Avvocati Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza che evidenziavano, attraverso articolate difese, l’infondatezza dell’appello della società Eeb.

Il C.G.A, con ordinanza n. 400/2019, ha respinto l’appello proposto dalla società Eeb ribadendo, in accoglimento delle argomentazioni difensive degli Avvocati Rubino e Valenza, che l’Assessorato Territorio ed Ambiente non avesse tenuto conto del mutato stato dei luoghi interessati dalla realizzazione dell’impianto.

Pertanto, nelle more di una pronuncia di merito da parte del Giudice amministrativo, non avrà luogo l’immissione in possesso dei terreni dei fratelli riberesi, che potranno pertanto continuare la produzione di pere.

 

L’Archivio di Stato di Agrigento, diretto da Rossana Florio, partecipa alla Festa della Musica 2019 con l’iniziativa intitolata “Musica in Archivio”. Al mattino di oggi venerdì 21 giugno, nella sede dell’Archivio di Stato, in via Mazzini, l’inaugurazione di una mostra documentaria con frammenti delle pergamene musicali provenienti dal fondo notarile e alcuni manifesti di opere liriche rappresentate al Teatro Regina Margherita di Girgenti, oggi Teatro Pirandello. E poi una esibizione musicale degli allievi del corso ad indirizzo musicale dell’Istituto Comprensivo “Esseneto” di Agrigento, con un repertorio di musica classica e moderna, incentrato sull’uso della chitarra classica.

Le interviste

Ad Agrigento l’Amministrazione comunale e la Pro Loco hanno organizzato la Festa della Musica che, in contemporanea con tante altre piazze italiane, si svolgerà questa sera, venerdì 21 giugno, in piazza Pirandello, innanzi al Municipio, dalle ore 20 in poi. Il programma della manifestazione musicale è stato 0presentato in conferenza al mattino di oggi in presenza del sindaco Lillo Firetto e del presidente della Pro Loco, Cristian Vassallo. Protagoniste della Festa della Musica, con accesso gratuito, saranno 16 band.

Le interviste 

La Procura della Repubblica di Agrigento ha coordinato in data odierna due distinte importantissime operazioni di contrasto alla immigrazione clandestina sottoponendo a fermo 9 “trafficanti di esseri umani”.

Nella prima delle due operazioni, condotta dalla Squadra Mobile di Agrigento, sono stati fermati due cittadini di nazionalità tunisina responsabili dell’ingresso nel territorio dello Stato di 43 immigrati per lo più di origine sub-sahariana.

Nella seconda delle operazioni, condotta dalla Guardia di Finanza con l’ausilio di mezzi aerei e navali, sono stati sottoposti a fermo 7 cittadini sedicenti libici ed egiziani che, con un peschereccio di altura hanno rimorchiato al limite delle acque territoriali italiane un barchino con 81 immigrati, anch’essi di origine sub sahariana, abbandonandolo in precarie condizioni di sicurezza e fuggendo verso le acque territoriali libiche. La professionalità, la tempestività e le capacità tecnico-operative del ROAN della G.d.F.  hanno permesso di intercettare la “nave madre” mentre cercava di fuggire verso la Libia e di assicurare i “trafficanti di esseri umani” alla Giustizia.

Le operazioni sono state coordinate dal Procuratore Capo in persona, dal Procuratore Aggiunto Dott. Salvatore Vella e dal Sost. Proc. Dott.essa Cecilia Baravelli.

La Questura di Agrigento, come da protocollo, sta identificando ed interrogando i migranti per le successive incombenze di carattere amministrativo. 

I particolari di entrambe le operazioni verranno divulgati dopo la convalida dei fermi.

Il Comitato Agrigento 2020, tramite il presidente, Enzo Camilleri, annuncia che sono più di cento le manifestazioni di interesse, ricevute entro il termine del 18 giugno, da parte di enti, associazioni e imprese che intendono partecipare alla programmazione delle celebrazioni di Agrigento 2020 per i 2600 anni della città. Lo stesso Camilleri spiega: “Le proposte e le idee sono arrivate in gran parte da Agrigento, ma anche da altre città siciliane, da Roma e dall’estero. Una volontà di collaborazione è stata espressa da Oltreoceano. A esaminare le proposte sarà il Parco della Valle dei Templi, a cui il Comune ha affidato il compito di proporre al Comitato per Agrigento 2020 l’ipotesi di progetto e organizzazione delle celebrazioni. All’acquisizione delle manifestazioni d’interesse, di natura esplorativa, seguiranno gli avvisi pubblici. Da una rapida lettura delle proposte si nota la varietà delle iniziative sostenibili, molte delle quali mostrano un potenziale di trasformazione in prodotto spendibile sul territorio. Sono idee che dimostrano la capacità di esprimere progettualità da parte del territorio e la forza attrattiva che la città esercita su enti, associazioni culturali e imprese di ogni parte del mondo. Sono state presentate idee progettuali per le quali è richiesto il solo assenso all’inserimento nella programmazione di Agrigento 2020, perché sono auto-sostenibili, e altre che richiedono l’utilizzo di spazi e servizi a carico di Agrigento 2020, infine altre che prevedono il finanziamento da parte di sponsor. Non solo ad Agrigento, ma anche al di fuori della città e della Sicilia, pur mantenendo il legame esplicito con Agrigento e la sua storia”.

La settimanale giornata di raccolta del sangue, organizzata dall’Adas, si svolgerà, dalle ore 8 alle 12:30, domani sabato 22 giugno a Sant’Angelo Muxaro in Piazza Umberto, e domenica 23 giugno a Castrofilippo al Viale Bonfiglio innanzi al Bar Chiosco tre Stelle ed a Palma di Montechiaro in Piazza Bonfiglio. Ai donatori saranno recapitate le analisi del sangue.