Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 200)

Con propria determinazione sindacale, il primo cittadino, Franco Micciché, ha “ruotato” i dirigenti in servizio all’Ente. Il primo cittadino giustifica così la roteazione: “Ritenuto necessario e opportuno, ancor prima della scadenza degli incarichi dirigenziali conferiti – si legge -… provvedere alla diversa ridistribuzione degli stessi, accertate le specifiche competenze di ciascuno nell’espletamento delle funzioni dirigenziali di settore e nell’ottica del principio della rotazione ordinaria”.

E pertanto adesso il nuovo quadro dirigenziale è il seguente: Gaetano Di Giovanni, si sposta dal settore Polizia locale e dai Servizi alla Persona. La determina prevede Antonio Insalaco,  dirigente responsabile titolare del I Settore” Affari Generali ed Istituzionali- Affari Legali” e ad interim del II Settore ” Servizi alla Persona”; Gaetano Di Giovanni , dirigente titolare del III Settore ” Patrimonio e Tributi”; Giovanni Mantione,  titolare del IV Settore ” Servizi Finanziari” e ad interim del VII Settore ” Polizia Locale”; Gaetano Greco, dirigente a contratto responsabile del V Settore “Territorio ed Ambiente Sanità”; Alberto Avenia, dirigente a contratto responsabile del VI Settore ” Lavori Pubblici.

 

 

A Lampedusa 21 migranti, originari di Guinea e Costa d’Avorio, sono riusciti a sbarcare al mattino di oggi direttamente sull’arenile dell’isola dei conigli. Nel gruppo, che ha viaggiato su un’imbarcazione di legno di 6 metri, vi sono anche 3 donne e 2 minori. Ieri a tarda sera sono approdati 110 migranti, provenienti da Senegal, Mali e Bangladesh, soccorsi dalla nave “Astral” dopo il capovolgimento della loro barca. Nel centro d’accoglienza a Lampedusa si contano adesso 1.123 ospiti, a fronte di 250 posti disponibili. Domani sono attesi la nave quarantena e i primi trasferimenti.

FIPE Agrigento, la federazione provinciale dei pubblici esercizi aderenti a Confcommercio Agrigento, ha incontrato l’amministrazione comunale di Agrigento nella persona del Sindaco, Francesco Miccichè.  

“L’incontro è stato un momento di necessario confronto – ha dichiarato Gabriella Cucchiara, presidente provinciale di FIPE – su una serie di questione inerenti l’abusivismo commerciale, un fenomeno più grave di quanto si possa semplicisticamente pensare, perché non solo è distorsivo della leale concorrenza, ma è dannoso per la salute pubblica, per la sicurezza, per il piano traffico di San Leone e la pulizia urbana. Sono tutte tematiche legate alla quotidianità, non solo lavorativa dei pubblici esercizi, ma anche di ogni singolo cittadino agrigentino, così come dei numerosi turisti che sicuramente non porteranno un buon ricordo”.

La delegazione di FIPE guidata da Gabriella Cucchiara ha manifestato l’esigenza delle imprese di constatare concretamente la messa in campo di ogni strumento utile e necessario ad affrontare ogni singola problematica, urgentemente e con efficacia, in modo da percepire l’attenzione e la vicinanza dell’amministrazione locale. Ovviamente, nell’ottica di una partecipazione collettiva, ognuno deve fare la propria parte e non mancherà l’impegno degli imprenditori FIPE a sostenere e agevolare l’operato della pubblica amministrazione. 

L’incontro si è concluso con l’auspicio che attraverso la costante e attiva collaborazione fra l’amministrazione e le forze sane e produttive della nostra comunità, si possa raggiungere la risoluzione delle problematiche esposte.

In particolare, il Sindaco Miccichè ha manifestato la volontà al dialogo, alla collaborazione e al confronto, specificando che ogni singola questione che verrà risolutamente affrontata, sarà socializzata e condivisa, affinché la garanzia di sicurezza, decoro e tranquillità per i nostri cittadini e per i turisti non rimanga solo una legittima aspettativa. 

Inizieranno a breve i lavori di manutenzione straordinaria sugli immobili scolastici in utilizzo al Libero Consorzio Comunale di Agrigento. E’ stato infatti firmato il contratto d’appalto per l’accordo quadro con un solo operatore  economico per la realizzazione dei lavori programmati dal Settore Tecnico del Libero Consorzio Comunale di Agrigento. I lavori saranno eseguiti dall’impresa BREDIL s.r.l. Di Favara, aggiudicataria della gara con un ribasso del 24,314% per un importo contrattuale di 340.000,00 euro più IVA.

Sempre a breve è previsto l’inizio dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del Giardino Botanico di proprietà del Libero Consorzio, grazie all’accordo quadro il cui contratto è stato sottoscritto con l’impresa VERI RESTAURI S.R.L. aggiudicataria dell’appalto per un importo complessivo di 224.781,00 euro (ribasso del 36,051%). I lavori prevedono, tra gli altri, la messa in sicurezza della parte nord del Giardino, in passato soggetta a distacchi di materiale roccioso, e l’acquisto di attrezzature ed arredi. Subito dopo la consegna dei lavori sarà dunque possibile effettuare questi interventi, finanziati grazie all’efficienza del Settore Tecnico che ha consentito l’accesso a diverse linee di finanziamento dei relativi progetti esecutivi.

Prevista nei prossimi giorni invece la firma dei contratti d’appalto per la manutenzione straordinaria di diverse strade provinciali. Si tratta in particolare degli accordi quadro per la manutenzione straordinaria delle strade del comparto ovest, aggiudicati all’impresa GEOTEK SRLche ha offerto il ribasso del 36,111% sull’importo a base d’asta di 1.436.000,00 euro; delle strade provinciali ex consortili e regionali, aggiudicati all’impresa COS.IT. SRL (ribasso del 35,683% per un importo contrattuale di 695.000,00 euro più Iva); e delle Strade Provinciali n. 4 “Panoramica dei Templi” e n. 71 “Cavaleri-Magazeni”, aggiudicati all’Impresa Edile CAVALLI SALVATORE (ribasso del 34,567% per un importo contrattuale di 600.000,00 euro più Iva).

 

A San Giovanni Gemini è accaduto che una donna di 44 anni, brandendo tra le mani un martello da carpentiere, ha minacciato i passanti lungo corso Francesco Crispi. Sono intervenuti i Carabinieri. E’ stata denunciata per il reato di porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere. Lei è stata condotta dai sanitari del 118 al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” ad Agrigento per le cure del caso. Ignoto il movente. Martello sequestrato.

La notte di domenica 22 maggio, intorno alle ore 2, Angelo Scardaci, 19 anni, di Campobello di Licata, è stato a bordo, e non alla guida, di un’Opel Corsa insieme ad altri tre amici. Lungo la statale 123 tra Naro e Campobello di Licata, in contrada “Spagnolo”, per cause in corso di accertamento da parte dei poliziotti della Stradale di Agrigento e dei carabinieri della Compagnia di Agrigento, sono entrate in collisione tre automobili. L’Opel Corsa, con a bordo Scardaci, che si è schiantata contro una Fiat Punto, guidata da un licatese di 27 anni, e si è ribaltata sfondando il guardrail e precipitando in una scarpata a circa 14 metri dal ciglio della strada. E poi una terza auto, un’altra Opel Corsa, con a bordo una famiglia, padre, madre e due figlie, di Caltanissetta. Angelo Scardaci, ancora in vita, è stato subito trasportato al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” a Licata, dove è morto a causa delle gravi ferite subite. Ebbene adesso la Procura di Agrigento ha iscritto nel registro degli indagati per omicidio stradale, lesioni personali gravi e guida in stato d’ebbrezza il conducente dell’Opel Corsa con a bordo Scardaci. Si tratta di un giovane di 21 anni.

Ad Agrigento in via Gioeni lo scorso 6 agosto un violento incendio è divampato da un appartamento al nono piano del palazzo cosiddetto “Standa”. L’anziana proprietaria, di 87 anni, è stata condotta in salvo dallo chef Giovanni Mangione, sul posto. Ebbene adesso il sindaco Franco Miccichè ha revocato l’ordine di sgombero degli appartamenti non interessati dall’incendio, tra nono e ottavo piano. E’ stato invece confermato lo sgombero e l’interdizione dell’appartamento a fuoco e dell’attico soprastante, al decimo piano, in attesa della conclusione dei lavori di recupero sicurezza.

Venerdì 27 maggio 2022 alle ore 17,00 nell’aula magna “Luca Crescente” del Consorzio Universitario di Agrigento, in occasione dell’anno internazionale del vetro, la società Dante Alighieri Comitato di Agrigento, presieduto dalla prof.ssa Enza Ierna, col patrocinio dell’ECUA promuove un convegno dal titolo: ”Dante e…la Trasparenza”.

Titolo emblematico che mette in relazione la naturale trasparenza del vetro con la nitida e luminosa proiezione della poesia duecentesca di cui è ricca la commedia Dantesca e per estensione, anche ai numerosi aspetti della vita quotidiana dei nostri tempi.

Interverranno :

l’on. dott. A. Mangiacavallo, Presidente del Consorzio Universitario Empedocle di Agrigento;

la dott.ssa D. Brancato, Direttrice MUDIA DI Agrigento;

l’avv. A. Gaziano, Presidente UREGA di Agrigento;

l’ing. A. Furioso,consulente in tematiche ambientali ed infrastrutture;

l’arch. P. Licata, Presidente club UNESCO di Agrigento:

Enzo Alessi, Scrittore e Regista.

Modera il convegno, la prof.ssa Enza Ierna Presidente della Società DanteAlighieri Comitato di Agrigento.

Durante il Convegno, verrà formalizzata la collaborazione tra “L’ECUA” e

“La Società Dante Alighieri”, con la firma delle parti sul Protocollo di Intesa che mira a portare sul territorio progetti ed attività di ordine culturale e sociale, con occhio particolare verso la popolazione studentesca.

Le addette e gli addetti alle mense scolastiche, sono una categoria tra le più fragili del settore. Sono presenze rassicuranti, donne che si prendono cura dei più piccoli. Le chiamano  sporzionatrici, addette alla mensa scolastica. Queste lavoratrici  non  hanno mai avuto vita facile, anche se sono attente, preparate, esperte in sicurezza degli alimenti, ma anche in sensibilità, capaci di rispondere al meglio alle esigenze dei bimbi. I loro guai iniziano quando le scuole chiudono i battenti. Il loro CCNL  (sottoscritto certamente da chi mangia tutti i giorni e per 12 mesi all’anno) prevede la sospensione estiva, per cui la retribuzione – che va da settembre al 10 giugno – cessa di esistere con la chiusura delle scuole.  Le cooperative per le quali lavorano, qualche settimana prima della chiusura dell’anno scolastico, cominciano ad avere “prurito”  sono meno presenti, più distratte, specialmente quando inizi a parlare di FIS di CIG. “Non possiamo farci carico di tale incombenza” dice il coordinatore dei servizi. Preferiamo delegare il pagamento all’INPS. Le più fortunate hanno beneficiato degli ammortizzatori che hanno visto ridotto del 25% lo stipendio. Mettici poi le tasse ed il gioco è fatto e la fame anche. Se poi a tutto questo si aggiunge il puntuale ritardo dei pagamenti da parte dell’Istituto di previdenza, hai fatto il “botto”. Colomba e Lucia addette alle mense e responsabili territoriali SGB ristorazione asseriscono:  “Nel nostro settore la maggior parte del personale sono mamme single o separate la cui unica fonte di reddito proviene dall’attività lavorativa nell’ambito della ristorazione scolastica, che serve a far fronte seppur con tante difficoltà al mantenimento della famiglia” Ed ancora: “diciamo basta a questa continua mortificazione che penalizza gli addetti alle mense scolastiche  in maniera eclatante e disumana”. “Continueremo a lottare per riconquistare la nostra dignità e per potere continuare a portare il pane a casa, anche dopo la chiusura delle scuole”.

A Torre di Gaffe, in territorio di Licata, questa mattina un uomo, un pensionato del luogo, mentre era intento a raccogliere meloni, è stato colto da malore, si è accasciato a terra ed è morto. Insieme a lui un conoscente, che ha subito chiamato i soccorsi. Sul posto i poliziotti del Commissariato di Licata, coordinati dal vice questore Cesare Castelli, e un’ambulanza del 118. Il personale sanitario, e successivamente il medico legale, hanno constatato la morte per cause naturali.