Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 182)

 

A Licata, lo scorso 26 gennaio, i Carabinieri della locale Compagnia, capitanati da Francesco Lucarelli, hanno arrestato tre indagati di avere sequestrato, picchiato e umiliato, nella propria abitazione o in strada, delle persone disabili. Si tratta di Antonio Casaccio, 26 anni, ritenuto il capo del gruppo, Gianluca Sortino, 23 anni, e Angelo Marco Sortino, 36 anni. Poi, successivamente, il 24 aprile, sono stati arrestati anche due minorenni, presunti complici delle sevizie. Quanto accaduto è stato filmato dai responsabili con i telefoni cellulari, e diffuso in rete, sui social network, con titoli di derisione. Stanchi delle vessazioni e dei pestaggi, sono state le stesse vittime a denunciare quanto accaduto, ed anche il padre di uno dei disabili ha raccontato agli investigatori quanto subito dal figlio. Ebbene adesso sono emersi ulteriori sviluppi investigativi allorchè il gruppo criminale avrebbe tentato di pagare il silenzio di una vittima. In particolare, sono state eseguite quattro misure cautelari, di cui tre in carcere, a carico dello stesso presunto gruppo di torturatori licatesi. Le misure, richieste dalla Procura di Agrigento che ha coordinato le indagini, sono state emesse dal Tribunale perché, grazie anche ad un’attenta analisi dei telefoni cellulari in uso ai responsabili, sono stati scoperti nuovi episodi di violenza contro un’ulteriore vittima, ed un tentativo, tramite minacce e aggressioni, di pagare una delle vittime affinchè ritrattasse le sue dichiarazioni ai giudici. Uno degli indagati, agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, dopo avere ottenuto un’autorizzazione dall’Autorità’ Giudiziaria per una visita medica, si è recato dalla vittima per minacciarla e costringerla a ritrattare le denunce.

Grande paura ieri sera sul volo Catania-Roma della compagnia Bulgarian Air Charter, con 42 passeggeri a bordo, dei quali 34 poliziotti e otto migranti.

Pochi minuti dopo il decollo l’aereo è tornato indietro per un’avaria al motore. Diverse squadre dei vigili del fuoco hanno spento l’incendio. Gli agenti dovevano accompagnare nella capitale i migranti sbarcati nei giorni scorsi sulle coste siciliane.

«Quanto accaduto sul volo Catania-Roma è di una gravità inaudita – dice Fabio Conestà, segretario generale del Movimento sindacale autonomo di polizia. Se non fosse stato per il provvidenziale intervento del pilota, oggi avremmo contato 42 vittime. Un episodio che denota la scarsissima attenzione nei confronti degli uomini e le donne delle forze dell’ordine, mandati a combattere una guerra con le scarpe di cartone”.

Per Conestà “ci sono stati politici che hanno abusato dei voli di Stato, altri utilizzati per sagre di paese e poi i poliziotti vengono mandati a fare gli accompagnamenti a bordo di rottami. Se il pilota non fosse riuscito nella sua azione, chi avrebbe avuto la responsabilità di 42 vite? Dopo la giusta dose di vergogna si pensi a impiegare un volo di Stato per i poliziotti in missione”.

Nelle ultime 24 ore si registrano in Sicilia 111 nuovi casi di positività al coronavirus a fronte di 4520 tamponi processati. Tale circostanza fa risalire di non poco il tasso di positività che si porta al 2,4% rispetto allo 0,8% registrato nella giornata di ieri. Un solo decesso che porta il totale complessivo dei mori in Sicilia a 5965.

Questi i dati registrati nei Comuni capoluogo: Palermo 5, Messina 3, Catania 3, Caltanissetta 29, Ragusa 3, Agrigento 20, Trapani 11 ed Enna 0.

 

 

Nella nuova società consortile che dovrà gestire il servizio idrico in provincia di Agrigento la parola “Girgenti” è stata messa al bando. I sindaci dell’assemblea dell’Ati che giovedì scorso si sono incontrati per un confronto con il commissario Gervasio Venuti, tra le altre cose hanno discusso della denominazione della nuova società.

Tutti hanno convenuto sulla necessità di non utilizzare più “Girgenti” come “naming aziendale”, forse per cancellare un periodo storico caratterizzato da disservizi e culminato nei giorni scorsi da un terremoto giudiziario che ha coinvolto i vertici della società che fino al 2018 ha gestito il servizio idrico integrato nei Comuni della provincia

Ci sono tre possibili denominazioni al vaglio dei sindaci, ognuno farà le sue valutazioni “e si sceglierà entro il 29 – dice il presidente dell’Ati Francesca Valenti – in modo assolutamente trasparente e democratico”. Di atteggiamento equilibrato e condiviso la Valenti sta parlando spesso in questi giorni, sottolineando il senso di responsabilità con cui tutti i sindaci sono impegnati nella definizione delle procedure per il varo dell’azienda consortile.

Motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza hanno soccorso stamattina un barcone con 130 immigrati pronti ad approdare a Lampedusa.

I nuovi arrivati si aggiungono ai 106 approdati ieri sempre a Lampedusa e che adesso hanno di fatto riempito il centro di contrada Imbriacola raggiungendo il numero di di 300 ospiti per una struttura che ne può ospitare ufficialmente 250.

A questo punto la prefettura di Agrigento si è data un gran da fare; disposto il primo trasferimento di migranti (100) già identificati e sottoposti al tampone i quali domani mattina con il traghetto di linea verranno portati a Porto Empedocle. Si tratta della maggior parte di donne e minori non accompagnati.

 

 

Da domani tutta Italia sarà zona bianca e dunque decadrà l’obbligo delle mascherine all’aperto, ma crescono i nuovi timori per nuove chiusure ed eventuali zone rosse a causa della variante del coronavirus, la variante Delta.

Il ministro Speranza, ha detto che la zona bianca è un risultato incoraggiante, ma che serve ancora cautela e prudenza perché la battaglia non è vinta. Ed anche gli scienziati sono della stessa opinione. La direttrice del dipartimento per le malattie infettive dell’Iss, Anna Teresa Palamara, pur parlando di allerta e non di allarme, avverte che la variante Delta è destinata a diventare dominante.
I dati del report di venerdì dell’Istituto superiore di Sanità parlano chiaro: in poche settimane i casi si sono quadruplicati, arrivando al 16,8%.

L’appello di tutti gli esperti è quello di correre con il completamento delle vaccinazioni, raggiungere subito coloro che ancora non hanno ricevuto neanche la prima dose e non rinviare per alcun motivo la seconda.
In Italia, infatti, sono ancora oltre due milioni e settecentomila gli over 60 non ancora vaccinati: come se tutti gli abitanti di Roma non avessero ancora ricevuto neanche una dose. Emerge dall’ultimo rapporto settimanale della struttura del commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. Sono 354mila gli over 80 “in attesa di prima dose o della dose unica”, sono 813mila nella fascia 70-79, e 1,5 mln nella fascia 60-69: in totale circa 2,7 mln ancora non immunizzati.

Uno spaventoso incendio in zona Ponte Scaccia di Racalmuto ha minacciato una fattoria. Ad intervenire le squadre della Forestale. Il proprietario, nonostante molteplici tentativi, non riusciva a raggiungere un cavallo che ha rischiato grosso. Gli uomini del corpo Forestale della Regione Siciliana sono però riusciti mettendosi anche a rischio, a salvare l’animale. Sempre a Racalmuto qualche giorno fa gli stessi operatori avevano salvato un altro cavallo da un incendio di vegetazione incontrollato.

Un violento incidente nella notte sulla statale 114 tra Taormina e Letojani, in cui è stata coinvolta un’auto. 8 le persone coinvolte, ferito gravemente un bambino di due anni.

Le dinamiche dell’incidente sono ancora poco chiare. La Fiat Punto, su cui si trovava una famiglia di otto persone in viaggio per Catania, si sarebbe schiantata intorno all’una e quarantacinque contro le barriere di protezione del ponte al confine con Mazzeo, una frazione di Taormina, per poi ribaltarsi.

Tutte le persone a bordo della Punto sono rimaste ferite. Un bambino di due anni dopo lo schianto è finito sull’asfalto ed è stato subito trasportato all’ospedale San Vincenzo di Taormina. Ferito in maniera seria anche il padre, un uomo di 39 anni alla guida. Per altri tre bambini e per la madre, soccorsi da una delle tre ambulanze del 118 arrivate sul luogo, non ci sono condizioni preoccupanti, mentre due cugini di 17 e 18 anni, anche loro a bordo della Fiat ribaltata, sono stati trasferiti al Policlinico di Messina per la cura di ferite ed escoriazioni.

Accelera, rallenta e riparte ad alta velocità. E’ particolarmente ‘irrequieta’ l’Etna che, secondo gli esperti del settore, in questo momento è il vulcano maggiormente attivo al mondo.

L’attività, accompagnata da violenti boati, si concentra in tre ‘bocche’ che si sono formate nella parte occidentale del cratere di Sud-Est da dove fuoriesce anche una intensa colonna eruttiva che ha raggiunto i sette chilometri di altezza sul livello del mare disperdendosi in direzione sud-est. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo (Ingv-Oe) di Catania segnala anche la presenza di un trabocco di lava verso sud-ovest.
L’ampiezza del tremore vulcanico è su valori alti e sembra avere toccato il ‘picco’. L’aeroporto di Catania, nonostante sia stato emesso un allerta aereo (Vona) rosso, è operativo