Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 174)

A conclusione di un dibattito pubblico sulla costruzione della Tangenziale di Agrigento – “Itinerario Gela – Castelvetrano”, il presidente provinciale di ConfCommercio Agrigento, Giuseppe Caruana, e il direttore Antonio Giardina, hanno diffuso un documento in cui tra l’altro si legge: “La tangenziale di Agrigento favorirà la crescita e lo sviluppo di tutto il territorio agrigentino. Guardiamo con particolare interesse a quest’opera nella prospettiva di perseguire fondamentali obiettivi di sviluppo urbano e di sostegno alle imprese, per contribuire così a ridurre il divario con altre realtà, rivitalizzando il tessuto economico e sociale nell’ottica della sostenibilità, dell’innovazione e soprattutto di una migliore accessibilità ai diversi insediamenti urbani e produttivi interessati. Per tali motivi, la nostra Associazione di categoria, che rappresenta il maggior numero di aziende che operano nel settore del terziario, e che quindi può ben rappresentare la reale necessità di infrastrutture adeguatamente messe in rete per una migliore fruibilità dei centri urbani, rilancia l’appello a porre in essere ogni azione utile a mettere in connessione la Tangenziale di Agrigento con ogni area industriale, artigianale e commerciale ricadente nei luoghi interessati dalla sua futura realizzazione”.

Sergio Endrigo canterebbe: la festa appena cominciata tra Cateno De Luca e Dino Giarrusso è già finita. Il nodo irrisolto sarebbe legato alle candidature nei collegi uninominali per le elezioni politiche. Ad annunciare ciò è proprio l’ex sindaco di Messina e candidato presidente della Regione, De Luca, che afferma: “Dopo una lunga riunione con Giarrusso è emersa una diversità di vedute su come combattere la Banda Bassotti della politica. Da qui la decisione di svoltare. La strada si interrompe qui. La Banda Bassotti della politica si combatte sul campo e nel proprio territorio, ognuno di noi ha una provenienza e le candidature all’uninominale devono essere connesse alla propria provenienza. E’ un punto su cui non ci siamo trovati più, nulla di strano, le divergenze in politica capitano”.

L’Ordine degli Architetti di Agrigento, presieduto da Rino La Mendola, ha offerto ancora una volta supporto tecnico e l’uso gratuito della piattaforma “concorsi.awn” del Cna Consiglio nazionale Architetti, con l’obiettivo di stimolare concretamente le amministrazioni locali a intercettare le risorse del PNRR per promuovere preziosi interventi di rigenerazione urbana sul territorio provinciale. Adesso nel caso specifico si tratta del supporto a 5 progetti: la costruzione di un nuovo edificio scolastico a Canicattì, che ospiterà il Liceo classico Ugo Foscolo, la riqualificazione paesaggistica dell’antica Montevago, distrutta dal sisma del 1968, e tre interventi di riqualificazione urbana nei Comuni di Grotte (zona del Calvario), Racalmuto (via Regina Margherita e corso Garibaldi) e Raffadali (Villaggio della Gioventù). Tutto ciò con i fondi del Pnrr, per un importo complessivo di poco meno di 24 milioni di euro.

I Carabinieri della Stazione e dell’Aliquota Radiomobile di Cammarata, nell’ambito di una serie di controlli effettuati nelle zone della movida del centro storico di San Giovanni Gemini nel weekend appena trascorso, hanno elevato sanzioni per un totale di 45 mila euro (5 mila euro ciascuna), nei confronti di 9 giovani del luogo, sorpresi a urinare nella pubblica via.

La situazione di degrado andava avanti da tempo, generando disagio e insofferenza nei numerosi residenti; si è reso quindi necessario un importante servizio di controllo del territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Cammarata. I militari della dipendente Aliquota Radiomobile e della stazione di Cammarata hanno quindi sanzionato 9 giovani ragazzi e ragazze i quali, una volta percorsi a piedi i vicoli del centro storico, in prossimità dei principali luoghi di aggregazione giovanile, sono stati sopresi ad urinare in strada. A ciascuno di loro è stata elevata una sanzione amministrativa pecuniaria di 5000 euro, ai sensi dell’art. 726 del codice penale, per aver commesso atti contrari alla pubblica decenza in luogo pubblico o aperto al pubblico.

Nei pressi di un deposito di automezzi dell’azienda “Bonnici motor”, in via Gelatusi, a ridosso dell’autostrada A18 Catania – Messina a San Gregorio, in provincia di Catania, un violento incendio ha coinvolto 40 veicoli parcheggiati nell’area esterna del deposito: 8 autoarticolati, 12 tra furgoni e camper, e 20 automobili. I Vigili del fuoco hanno domato le fiamme evitando che si propagassero ai fabbricati. L’enorme nube nera di fumo, visibile a chilometri di distanza, e le esplosioni, hanno alimentato paura tra gli automobilisti in transito.

Ad Agrigento, a Porta di Ponte, un immigrato ha importunato, con frasi offensive e inequivocabili, la nipote di un agrigentino di 40 anni che, accortosi, si è precipitato ad allontanare la ragazzina dal molestatore che lo ha prima aggredito verbalmente, poi ha estratto un coltello e lo ha accoltellato ad una gamba. Poi è scappato. L’agrigentino è stato condotto in ospedale dal 118 e sottoposto a diversi punti di sutura. Indagini sono in corso per identificare l’accoltellatore. Il commissario provinciale di Fratelli d’Italia di Agrigento, Calogero Pisano, commenta: “Ribadiamo la necessità di un rafforzamento dei controlli delle forze dell’ordine nel centro storico e chiediamo l’intervento immediato del Prefetto. Tutto ciò, bisogna dirlo, è la conseguenza della politica immigrazionista della sinistra, che da una parte sottopone gli italiani a restrizioni e dall’altra permette a migliaia di migranti di sbarcare senza alcun obbligo sulle nostre coste, molti dei quali vanno poi ad ingrossare le sacche di delinquenza forestiera presenti ad Agrigento. E’ ora di finirla di importare criminali, è ora di dire basta all’immigrazione clandestina”.

Due coniugi di Sambuca di Sicilia, G M sono le iniziali di lui, 48 anni, e G R 58 anni, lei, sono stati arrestati ai domiciliari per detenzione di droga a fine di spaccio. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sciacca ha convalidato l’arresto. Gli è stato imposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria tre volte alla settimana. I due sono stati sottoposti ad un controllo mirato da parte della Polizia lungo il collegamento stradale da Palermo a Sambuca di Sicilia. Sono stati rinvenuti due involucri contenenti 21 grammi di cocaina.

Nella controversia di idee sulla regola del divieto del terzo mandato tra Grillo e Conte ha prevalso il dettato di Grillo che non ha voluto sostenere l’ipotesi di deroga avanzata dal nuovo leader dei pentastellati.
In questo modo molti colleghi parlamentari all’Assemblea Regionale non potranno ricandidarsi alla prossima competizione elettorale regionale.
Una regola che non condivido anche in virtù delle qualità che ho avuto modo di trovare in molti dei colleghi dei cinque stelle con cui abbiamo condiviso molte azioni politiche sia in aula che nelle commissioni.
Aldilà delle idee politiche e delle appartenenze sono dispiaciuto e da parte mia un grosso in bocca al lupo a tutti i colleghi Cappello, Ciancio, Siracusa, Trizzino, Zafarana e Zito che non potranno ricandidarsi ma che sono sicuro che continueranno le loro battaglie nel loro percorso politico.
E’ il commento dell’onorevole di “Prima l’Italia” e Presidente della Commissione di verifica e monitoraggio delle leggi Carmelo Pullara.

E’ accaduto la notte scorsa, nei pressi del bivio che porta a Vincenzella, Porto Empedocle. Una 34enne di Favara, a bordo della sua Fiat Punto ha urtato una moto facendo cadere per terra il conducente, un noto avvocato agrigentino. Subito dopo, si sconosce il perchè, invece di soccorrere il ferito è scappata via ma fortunatamente non facendo perdere le sue tracce.

Lanciato l’allarme sul posto i sanitari del 118 che hanno trasferito l’avvocato in ospedale per le cure necessarie. Nel frattempo i Carabinieri intervenuti prontamente, in una brillante operazione hanno rintracciato la fuggitiva che aveva nel frattempo raggiunto il centro empedoclino. E’ stata braccata in via Roma.