Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 1563)

L’ex Deputato Regionale Udc, Giusy Savarino (nella foto), già Presidente del Movimento AmunìSicilia e oggi portavoce di #DiventeràBellissima: “Il ponte si farà, ma dove sono i soldi?  In Sicilia poche certezze rimaste, ovvero:  blocco gare di appalto, crollo investimenti, carenza di iniziative per la crescita e nessuna misura per il lavoro e sviluppo” E anche su “Garanzia Giovani” non le manda a dire: “E’ l’ennesimo inganno mentre si continua a rubare il futuro ai nostri figli. Grazie Renzi,   grazie Crocetta!”

  • PALERMO (di Silvio D’Auria)Renzi e Crocetta accusati di “chiacchiere”. La portavoce di “#DiventeràBellissima”, che non risparmia il Premier a proposito del Ponte sullo Stretto,  è critica sui dati forniti dalla Banca d’Italia,  per lo “stato” delle gare di appalto e il crollo degli investimenti nell’isola. E per le iniziative su crescita, sbocco per lavoro e sviluppo…  mancati.

“Il ponte si farà,  forse. Magari dopo, ma dopo cosa?” E’ l’incipit della nota critica diretta al Presidente del Consiglio. ‘Il ponte sullo stretto si farà!’  ha dichiarato Renzi in queste settimane.  Si però magari dopo aver fatto strade e treni ad alta velocità in Sicilia.  E noi, umilmente,  gli diciamo ‘va bene!’  Ma dove sono i soldi?  Il (suo) Ministro Delrio, alcuni giorni fa,  risponde quasi a smentirlo:  ‘Il ponte non è una priorità,  bisognerà discutere con le Comunità e gli Enti Locali per capire quali siano le loro priorità’.  Appunto,  a questo siamo quando si tratta di Sicilia:  alle chiacchiere,  solo chiacchiere!
Tra le poche certezze, invece rimaste, – prosegue Giusy Savarino puntando il dito contro in Governatore della Sicilia  – il blocco delle gare di appalto in corso da parte di Crocetta per paventato rischio di infiltrazioni mafiose essendo trapelata un’inchiesta dalla quale emergerebbe un elenco di Deputati (all’Ars, ndr) da contattare per conto del superlatitante Matteo Messina Denaro al  fine di approvare una Legge (… gradita) sugli appalti.
Dunque grazie Crocetta e  grazie  Renzi perché,  mentre voi chiacchierate, la Sicilia ha avuto un crollo degli investimenti  (dati: Banca d’Italia)  e assoluta carenza di iniziative per la crescita.  Siamo il fanalino di coda dell’intera Nazione,   risaliamo la classifica e  passiamo in testa per tasso di disoccupazione giovanile (43%)  intanto che il divario Nord/Sud, secondo Visco,  raggiunge  il valore  più  elevato degli  ultimi  10 anni.
Grazie Crocetta  per una “Finanziaria”  che non  prevede  nessuno sbocco per il lavoro e per lo sviluppo limitandosi a rinviare le soluzioni dei problemi che  attanagliano la nostra  terra.  Grazie Crocetta  che continua a rubare il futuro ai nostri figli con l’ennesimo inganno su “Garanzia Giovani”.  Grazie  – conclude  la portavoce  di “#DiventeràBellissima” – della sua posa desnuda,  da Crocetta stesso  annoverata tra le iniziative positive in tema di incremento turistico, e ancora grazie, da tifosa juventina,  per avere trasformato anche questa passione in una questione di classe sociale. Grazie!”

  • ( Silvio D’Auria)




RAVANUSA (Sil.Dau)- Comunicato dell’Assessore uscente Daniela Giordano.
“Si conclude la mia esperienza di Assessore Comunale, delega che mi è stata affidata dal Sindaco, Carmelo D’Angelo, dopo le ultime consultazioni elettorali.
L’entusiasmo, che mi ha portato ad accettare il delicato compito conferitomi, non voglio si perda poiché continuerò ad agire per il bene della nostra collettività come Consigliere Comunale. Ho lavorato per sostenere l’attuale compagine amministrativa mettendo a disposizione della Città la mia caparbietà al fine di raggiungere obiettivi condivisi, il mio tempo e la mia voglia di fare.
Nell’ambito delle deleghe assegnatemi – Pubblica Istruzione, Sport, Turismo e spettacolo- ho portato avanti iniziative per dare un impulso positivo al nostro paese: dalla valorizzazione del Museo di Ravanusa e dell’area Archeologica (grazie alla convenzione stipulata con la Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Agrigento) alla realizzazione di interventi negli impianti sportivi come il nuovo campo di tennis e il rifacimento del campo di calcio, alla manutenzione continua e costante nelle scuola e all’acquisto di nuovi giochi nelle scuole materne, ai nuovi finanziamenti diretti alla ristrutturazione degli edifici, al rilancio delle festività come il Carnevale, il Ferragosto e festività di Natale ed altre iniziative già completate o in corso. Ciò che ho fatto ma anche ciò che ancora avrei potuto realizzare, di più e meglio, lo rimetto al giudizio altrui.
Ringrazio l’M.P.A. – Partito dei Siciliani – per avermi dato la possibilità di ricoprire la carica assessoriale. Ringrazio il Sindaco, il Vice Sindaco Gaetano Carmina, i colleghi Assessori, il Responsabile dell’Area Carmela Scibetta e tutti i dipendenti comunali (in particolare quelli del mio Settore di riferimento) per la stima e il rispetto che hanno avuto per me e il mio lavoro, le Associazioni Culturali e Sportive che hanno supportato tutte le iniziative nelle quali sono state coinvolte, le Insegnanti dei vari plessi con le quali ho instaurato un rapporto amichevole e di collaborazione. Ringrazio, infine, tutti i miei concittadini che credono in questo paese e al suo migliore futuro.
Da parte mia continuerò a mettere a disposizione di Giuliana (ndr: Giuliana Miceli) la mia breve esperienza per coadiuvarla nell’attività amministrativa che da adesso svolgerà in Giunta.
In bocca al lupo al nuovo Assessore Miceli”. Daniela Giordano

Sono circa 600, tra laboratori di analisi e specialisti convenzionati che aderiscono allo sciopero indetto da Citds-Confederazione italiana per la tutela dei diritti in sanità. Al centro della protesta: il budget messo a disposizione dalla Regione, ridotto del 5 % dopo i forti tagli degli anni passati.
La manifestazione si è tenuta stamani davanti alla sede dell’assessorato regionale della Salute in piazza Ottavio Ziino, a Palermo. Invano Baldo Gucciardi, assessore alla sanità, è riuscito a evitarla. Pur avendo dichiarato che avrebbe tenuto sotto controllo eventuali disagi. Disagi anch’essi non evitati e che hanno, legittimamente scatenato l’ira di molti cittadini palermitani. Code di diverse ore infatti per molti dei pazienti che a causa della chiusura delle strutture private,  hanno dovuto rivolgersi  alle strutture medico sanitarie della città. Una paziente in visita al policlinico ha raccontato di aver dovuto attendere cinque ore per un prelievo del sangue e che questa attesa le è costata una giornata di lavoro.
Dall’altra parte, gli scioperanti dichiarano che «per la prima volta si sono riuniti i laboratori singoli con buona parte dei consorzi. Le nostre saracinesche rimarranno abbassate a oltranza, fino a quando l’assessore di competenza non mostrerà apertura nei confronti della nostra categoria».
Intanto i responsabili del Civico e del Policlinico che hanno dovuto far fronte a una sostanziale richiesta di prestazioni, dichiarano: «Si prospetta il caos. Chiediamo la pazienza di tutti i nostri pazienti, con la garanzia che verrann, nonostante l’attesa, tutti visitati» ha commentato Giovanni Migliore, direttore generale del Civico.

Ad Agrigento, nel monastero di Santo Spirito, da domani sabato 20 febbraio fino al prossimo 30 marzo sarà esposto il busto del Salvatore, il “Salvator Mundi”, ultima scultura di mano del genio del barocco Gian Lorenzo Bernini, eseguita nel 1679, quando l’artista aveva ormai 80 anni, e da lui lasciata in testamento all’ amica e committente, la regina Cristina di Svezia. Il “Salvator Mundi” è conservato a Roma nella Basilica di San Sebastiano fuori le Mura, e rappresenta un manifesto del trionfo barocco. L’ iniziativa di esposizione ad Agrigento della scultura nel monastero di Santo Spirito è frutto del lavoro della Soprintendenza ai Beni culturali, della Prefettura e della Curia Arcivescovile di Agrigento, in collaborazione con il Comune di Agrigento e l’ attenta supervisione della Direzione Centrale del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno.
20160219-103626.jpg

Capitan America, Spiderman, Batman e Robin sono solo alcuni dei personaggi che gli acrobati di EdiliziAcrobatica, un’agenzia ligure di tecnici specializzati in lavori su corda ,interpreterà nella giornata di domani per l’Ospedale dei bambini di Palermo. Nella struttura sono ricoverati bambini gravemente malati, la cui visita dei loro supereroi preferiti può solo che rendere felice e indimenticabile la loro giornata. I supereroi che scenderanno dal tetto della struttura ospedaliera per sorprendere i bambini e rendere al meglio l’effetto sorpresa, avranno con loro dei piccoli regali, tra cui il libro “I bulli non mi fanno paura” della collana per l’infanzia Osm Kids. Scopo dell’iniziativa ideata dal management di EdiliziAcrobatica, da anni impegnata in attività ludiche negli ospedali pediatrici italiani e resa possibile dalla dirigenza dell’ospedale, è quella di poter concedere ai piccoli  e sfortunati pazienti una giornata felice. Regalare loro un sorriso attraverso la comparsa del loro supereroe preferito. Uno spettacolo divertente di danze acrobatiche e straordinarie, sorte della bravura e dalla disiciplina di ragazzi impegnati a servire il bene più importante di una bambino, la sua gioia.

Secondo Amat, agenzia dei trasporti palermitani  dal numero di biglietti obliterati sui nuovi treni bianchi che attraversano le linee tranviarie della città di Palermo, emerge un dato assai felice: ai cittadini il tram piace sempre di più. A dimostrarlo gli ultimi dati pubblicati sui biglietti venduti: sarebbero infatti circa 221.564, cioè 126.928 in più rispetto a gennaio, per un totale di oltre 300mila timbrature. Un aumento del 34%, potenzialmente più alto se in questa statistica fossero stati compresi anche gli abbonati.
Un boom di passeggeri quindi, in appena due mesi dall’inaugurazione della rete tramviaria sulla strade del capoluogo siciliano. «Il tram – dice Gianfranco Rossi, direttore d’esercizio del sistema Tram di Palermo-  continua a raccogliere consensi da parte dei palermitani, e siamo appena all’inizio. Installeremo anche i cestini gettacarta e punteremo ad ottenere il massimo decoro nei terminal, dove da domani verranno installate le mappe dei percorsi delle quattro linee e delle connessione con i bus. infine, fra pochi giorni riaccenderemo il canale social Twitter dell’Amat per ampliare al massimo il ventaglio di informazioni sul tram».
Ad attendere le macchinette sono soprattutto i cittadini. I distributori sarebbero stati tolti dopo i numerosi atti vandalici. L’azienda fa sapere che li ripristinerà. Nel frattempo alle fermate e nei passaggi pedonali sono state apposte delle transenne, per evitare incidenti e impedire a molti automobilisti indisciplinati inversioni di marcia o manovre alternative.

Lo scrittore siciliano, classe ’26, conosciuto in tutto il mondo, riceverà giovedì 4 febbraio in Campidoglio il premio di cittadino onorario di Agrigento alla presenza del sindaco della suddetta città Lillo Firetto e del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini.
In quella giornata lo scrittore empedoclino sarà eletto «Re di Girgenti», come recita il titolo di un romanzo storico dedicato dal popolare autore del Commissario Montalbano alla sua Agrigento, in passato chiamata «Girgenti».
L’appuntamento è fissato alle 11.30 nella Sala della Protomoteca. Commosso lo scrittore ritirerà il premio nella città che lo ha ospitato, Roma.  Lo scrittore si dichiara fiero del conferimento del premio, assegnato, si legge dalle motivazione della delibera della giunta comunale, «per il contributo straordinario dato dall’autore alla città, non solo per le sue opere tradotte in 32 Paesi del mondo, ma anche per la geniale invenzione di una lingua che ha sdoganato definitivamente il dialetto, comportandosi alla stregua di un mastice prodigioso in grado di tenere unità, dall’estremo Sud al Nord, la nostra nazione».
Il riconoscimento giunto dal sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, presidente a sua volta del Distretto turistico Valle dei Templi, è legato anche al ruolo che il maestro Camilleri ha assunto nel progetto della Strada degli scrittori. Iniziativa culturale e turistica, sorta nella vicina cittadina di Racalmuto, con l’obiettivo di valorizzare fondazioni, teatri, percorsi nei luoghi natii di Sciascia, Pirandello, Camilleri e di tanti altri autori. Un itinerario che lo scrittore di Montalbano, dalla Scala dei Turchi alle Parrocchie di Regalpetra, ha promosso diverse volte. Del progetto parlerà anche il presidente dell’Anas Gianni Vittorio Armani.
All’evento oltretutto presenzierà il prefetto Francesco Paolo Tronca, commissario straordinario del Comune di Roma, leggerà le motivazioni l’attore siciliano Alessio Vassallo, interprete del poliziotto Mimì Augello nella serie Il giovane Montalbano. Alla premiazione sarà altresì presente la moglie di Camilleri, la signora Rosetta, le figlie e le nipoti. Infine l’evento sarà ripreso in diretta Rai dal salotto mattutino di Michele Guardì, I fatti vostri.

All’accademia del Musical di Palermo a fine gennaio arriva Le mille bolle blu, lo spettacolo interpretato da Filippo Luna e scritto e diretto dal giornalista Salvatore Rizzo insieme Angela Mannino e Maria Elena Vittorietti. L’opera che nel nel 2010 ha ricevuto il premio dell’Associazione nazionale dei critici di teatro, racconta di una storia d’amore dolorosa che tra le righe di «Muore lentamente chi evita una passione» omaggia i versi della nota poesia del poeta Pablo Neruda. In una chiave tutta sociale, Rizzo reinterpreta il linguaggio amoroso percorrendo dieci storie di sentimenti omosessuali in Sicilia.
Protagonisti Nardino (Filippo Luna) un barbiere, ed Emanuele, un avvocato. Nella piccola bottega del coiffeur situata in un vecchio quartiere del capoluogo siciliano, i due giovani si innamorano. E si ameranno clandestinamente per oltre trent’anni, pur essendo mariti e padri di famiglia. Un monologo struggente rivela il grande amore, sottratto alle dicerie per proteggerlo. Nardino piange dinnanzi alla bara dell’ormai defunto per cancro, Emanuele. Le sue parole incorniciano emozioni reali e sentite, oltre ogni convenzione sociale.
Amore gay nella Sicilia degli anni 60’, raccontata al meglio da autorevolissime firme della critica italiana, come quella di Salvatore Rizzo. Lo spettacolo tornato più volte a Palermo, anche dopo il Pride nazionale del 2013 e riproposto nelle varie regioni d’Italia debutta dal 29 al 31 gennaio al Teatro dell’Accademia, nella sede dell’Accademia internazionale del Musical di via Dante 12.

Accertamenti in corso da parte dei Ris siciliani sulla vicenda Maiorana, nota famiglia di imprenditori palermitani scomparsi nel nulla il 3 agosto 2007 a Isola delle Femmine, a Palermo.
Gli investigatori, coordinati dai pm Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene, hanno ritrovato, nel corso di alcuni scavi, una scarpa e un sacco con macchie rosse. Dai primi rilievi effettuati e dalle prime ricostruzioni dei periti emerge che la scarpa estremamente deteriorata e il sacco erano ricoperti da uno spesso strato di materiale solitamente utilizzato nell’edilizia.
I reperti saranno sottoposti a indagini biologiche e si cercherà di capire se presentano tracce di acido o di combustione. Questi accertamenti seguono la riapertura dell’indagine disposta dalla Procura sulla base di alcune dichiarazioni raccolte. Antonio e Stefano Maiorana scomparvero dopo essersi allontanati dal cantiere di Isola delle Femmine, nel palermitano, dove stavano costruendo alcune abitazioni. Dalle testimonianze raccolte si sa che che i due operai salutarono i colleghi, lasciando negli uffici gli effetti personali e facendo quindi pensare che sarebbero ritornati sul posto di lavoro poco dopo. Altro aspetto: la loro auto, una Smart, è stata poi ritrovata nel parcheggio dell’aeroporto di Palermo, ma dai controlli risultò che i due non avevano preso alcun volo. Né le videocamere dello scalo furono utili agli investigatori.
La procura intanto indaga. Nei prossimi giorni verranno forniti indizi utili al chiarimento del caso, ancor oggi avvolto dal mistero, che ha dominato la cronaca siciliana per molto tempo.

Tra ritardi per l’inizio dei lavori consiliari e momenti di tensione, il Consiglio Comunale, convocato alle 9:30 di giovedì, iniziato in seconda seduta straordinaria e urgente, ha approvato il Piano Triennale. delle OO.PP. 2015-2017.
La seduta è iniziata con ritardo: le mamme degli alunni della “Don Bosco”, alle 9:30 entrano nell’Aula “Lillo Gattuso” per incontrare il Sindaco e, al contempo, esternare la comprensibile rabbia conseguente alle gravi difficoltà dell’Istituto, invaso da settimane da escrementi di topo. Dopo la chiusura del Plesso, prevista almeno fino a domani, il Sindaco prova a rassicurare i genitori, assumendosi e confermando l’impegno circa gli interventi di pulizia straordinaria già in corso e preannunciando l’eventuale (possibile) proroga dell’Ordinanza di chiusura, firmata 5 giorni fa, dopo il prossimo “tavolo tecnico” sentito l’Ufficiale Sanitario, Dott. C. Nobile, che ha imposto, da giorni, il protocollo sanitario previsto in questi casi: pulizia straordinaria e derattizzazione dell’immobile compresa l’ampia area circostante lungo via Delle Scuole nei pressi della scuola stessa.
Ha fatto seguito l’intervento del Consigliere Giacomo Vivacqua (Megafono) che, tra disapprovazione generale dei genitori e qualche cenno di consenso, ha sottolineato, non senza toni critici, la presunta omessa vigilanza (con chiaro riferimento alla c.d. “culpa in vigilando”) del Sindaco e di chi deve assicurare “degnamente” la pulizia delle scuole quindi il controllo igienico-sanitario a beneficio e a tutela dell’intera utenza scolastica. Alle 10:45 iniziano i lavori consiliari, tra momenti di tensione, scanditi da disappunti e polemiche sottovoce dei Consiglieri degli opposti schieramenti e da due sospensioni. Per la cronaca, nel corso della seduta si registrano, oltre l’intervento del primo cittadino quelli dei Consiglieri: Vito Ciotta, Pompeo Savarino, Mimmo Savarino, Giancarlo La Greca, Maria Teresa Rago, Salvatore Puccio, Giacomo Vivacqua e Calogero Avarello. Vi daremo conto delle dichiarazioni dopo la raccolta dei rispettivi comunicati, post-seduta, di M. T. Rago, Vivacqua, Ciotta, P. Savarino, mentre lunedì mattina è indetta conferenza stampa del Sindaco nel Palazzo di Città.
Alla fine. ore 13:15, il Piano Triennale delle OO.PP. viene approvato. Senza spargimenti di sangue!
* 9 favorevoli (N.C.D.- M.P.A. – Gruppo Misto)
* 7 astenuti (P.D. – Rav. nel Cuore -Megafono – Mov. 5 S)
* 2 contrari (Avarello S.E.L. e Puccio C.P.)
— La maggioranza all’ombra del Sindaco…c’è! Ogni rischio attorno al suo tavolo è stato, giusto in tempo, scongiurato. Durante la seduta Carmelo D’Angelo (N.C.D.) è costretto a replicare più volte ma senza assolutamente scomporsi (sa fare il suo mestiere) mentre porta, quindi, a casa un’altra vittoria. Forte dei numeri, seppur risicati, che i suoi gli assicurano. Non a caso Maria Teresa Rago (N.C.D.) questa volta è stata tra i primi a raggiungere il primo piano dell’edificio di via Roma seguita “di corsa”, ma senza pettorina, da Giancarlo La Greca (N.C.D.). Poi, via via, da tutti gli altri. A trascinare verso il voto favorevole c’è il lavoro certosino, non tanto celato, di Vito Ciotta (P.D.) Presidente dell’Assise. Nulla di nuovo nel retroscena politico cittadino: il connubio Sindaco-Presidente del Consiglio, testato ai piedi del Monte Saraceno, almeno nei numeri continua a vincere. Un “feeling politico” che se non fosse per le aspirazioni prossime future di Ciotta durerebbe molto più a lungo. Non è una novità per noi. Riferitelo casomai agli elettori di Cuneo, di Bolzano o agli utenti del sito PADANIA. ORG, il sito della Lega che ha pubblicato di recente uno dei miei articoli. Loro ignari non lo sanno, almeno fino ad oggi. Poco gliene importa, giustamente. Figuriamoci.
Ma tranquilli e buoni: non sto svelando il mistero del “Sacro Graal”.
E’ una vittoria che non è solo contenuta nei verbali della seduta odierna ma anche nelle risposte che D’Angelo chiama “del fare”, rese con burbero atteggiamento a risposta dei suoi più acerrimi oppositori. Vicini e lontani da via Roma, dentro e fuori il Palazzo di Città. E’ un Sindaco certamente attivo, furbo ma prevedibile. Abile anche nel social, diamogliene atto! Pure nelle risposte promesse e non date agli utenti del social blu di Marc Zuckerberg. E se le accuse di “bugie”, quasi fosse la reincarnazione 2.0 del burattino di Collodi, descritte nei volantini sembrano, da un lato, averlo indisposto, dall’altro, i numeri che “approvano” e “suggellano” i passaggi politici più significativi lungo gli Atti della sua gestione, sottoposti al “Sì” dell’Organo Consiliare, continuano a tenerlo al sicuro. E avanti tutta, così…
Un sorta di “Managing One-Way”, direbbero oltreoceano, spudorato (intollerabile/insopportabile) agli occhi e a dispetto di chi non ha ottenuto i numeri utili ad amministrare Ravanusa dal “podio” più alto.
Si vedono ancora troppi musi lunghi nel P. D. che, dal giugno 2013, non si sono ridotti. Con buona pace dell’opposizione su cui, oggi, grava il peso di non sapere politicamente “aggredire” (“latu sensu”) una gestione a senso unico, appunto. Lo sa bene Giacomo Vivacqua, che ingenuo e sprovveduto non è (anzi!). Trovandosi, quest’ultimo, costretto nella morsa della “solitudine”, al centro di uno schieramento opposto privo di vigore politico se non addirittura a margine di una fazione dormiente, quasi “non pervenuta”. Costretto a sprecare importanti energie, fungendo talvolta da portavoce: uno spreco vero e proprio se si pensa al terreno politico cui sarebbe capace di dimorare. E a pieno titolo. Una Sinistra orfana di quelle peculiarità che le sono proprie, che non sa “imporre” precise indicazioni alternative al modello “D’Angelo-style”. Ma Vivacqua, che la politica ha imparato a masticarla bene “la sa lunga” quanto lui seppur nello stile abbiano, i due, un temperamento assai diverso. Rispettandosi, si impongo reciprocamente, con stile, la migliore forma del “Politically Correct”. Osservandosi, senza che l’uno perda mai di vista l’altro e non mollare il ruolo di “primadonna” nelle rispettive aree di riferimento, destra e sinistra.
Non sono gli ultimi arrivati: la parentesi “Solo per Ravanusa” giova loro, oggi, come fosse la palestra sotto casa a “San Micheli”, ormai obsoleta e chiusa ma dalla quale il bancario può riprendersi qualche attrezzo impolverato per nobili strategie in nome di una buona e sana opposizione atta a controllare e denunciare gli strappi della Giunta retta da chi, di quella palestra, è stato uno dei giovani rampanti ideatori. Salvo poi dimettersi, nove mesi dopo, nonostante la carica di Vice Sindaco, lasciando al “Pretore” il compito di sedare le risse ambiziose dei giovani artefici di quel gruppo. Perché fingere? Togliamoci le fette di prosciutto dagli occhi e diciamocelo: usciti di scena gli over, non fosse altro per ragioni puramente anagrafiche dei più, uno su tutti Armando Savarino (la sola eccezione è Lillo Avarello, S.E.L.), Sindaco e Capogruppo de “Il Megafono” rappresentano le vere, poche risorse che oggi la stessa Politica locale esprime. E’ la prima volta, in assoluto, che trattando vicende comunali scrivo “Politica” con l’iniziale maiuscola (quasi non mi riconosco!).
Carmelo, forte del consenso dopo una aggressiva campagna elettorale, tra facili e scontati slogan, al di là delle concrete possibilità che le norme sugli Enti Locali gli avrebbero permesso, in termini soprattutto di risorse, è riuscito a farcela e alla fine della fiera si è dotato legittimamente della fascia tricolore guidando la Città sempre vigile ai numeri che lo reggono a Capo dell’Amministrazione. Giacomo, di contro, naviga costretto a trascinare (a fatica) la fazione opposta che non posside la sua stessa caratura, deficit palese pure ai più sprovveduti. Opposizione un pò troppo smarrita nei contenuti soprattutto nella “politica delle carte” e della burocrazia, mentre lui stesso rimane consapevole di vestire, costretto, i panni del “leader” degli oppositori, ma che gli stanno stretti. Anzi strettissimi. Sta scontando la pena, reo di non essersi misurato nelle urne con il suo unico vero antagonista, oggi alla giuda della Giunta.
Il legame anagrafico li pone a confrontarsi nei consensi, loro malgrado, lungo lo stesso perimetro familiare. Un vero peccato. Nelle cabine elettorati preferire l’uno piuttosto che l’altro non è una decisione facile, non lo sarà neanche domani. Una ragione per cui, personalmente, non invidio i parenti loro alle prese con una scelta obiettivamente dura. Se oggi provate a guardare alla scena politica, prossima futura, di Ravanusa ricordatevi di tenerli d’occhio comprese le loro mosse. Non bisogna sottovalutare o, peggio ancora, dimenticare ovviamente Vito Ciotta e Pompeo Savarino. Sarebbe un errore. Sono gli unici quattro, se vogliamo, ad essere, più o meno, politicamente strutturati. Senza far torto a nessuno, sia chiaro!.
Sono i pochi ad avere la capacità di tenersi stretto il seguito dell’elettorato che li sostiene. La differenza sta nei risultati, nella raccolta dei consensi che rimane una variabile imprescindibile e incerta (ovvio!) dettata soprattutto dalle stagioni politiche e dal mercato delle candidature nel nome di un Sindaco di “buona vetrina” da proporre. Da parte loro, nel futuro delle candidature, devono sapersi sfidare con le regole che impongono le alleanze e la crudele logica dei numeri. La competizione elettorale, è certo, ce li restituirà ancora a vario titolo dentro l’Aula “Lillo Gattuso”. Con quali ruoli e quale leadership sarà in numero dei consensi, in primo luogo, a deciderlo. E qualcosa, in questo senso, sembra già muoversi. Ma questo è un altro discorso, che per l’oggetto odierno, al momento qui non ci occupa. Ne riparleremo… senz’altro! La politica dalle nostre parti (piaccia o no!) passa principalmente da loro.
Tutto il resto è l’esercito che compone le liste dei partiti da votare.
Nessuna rissa ideologica, nessuna velleità politica, Silvio D’Auria.
20160117-152008.jpg