Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 1351)

Un agrigentino di 40 ha denunciato l’ex suocero accusando di averlo aggredito e picchiato lungo i corridoi dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento.

Pare che il quarantenne fosse andato al nosocomio di contrada Consolida a trovare il figlioletto vittima di un incidente domestico e l’sx suocero non avrebbe gradito la sua presenza.

L’uomo, separato dalla moglie, sarebbe stato aggredito appena giunto in ospedale con la figlia e con il piccoletto.

Il quarantenne ha formalizzato querela di parte e ora la questione è in mano alla polizia che sta vagliando la posizione dei due.

 

Gravissimo incidente stradale nella notte, intorno alle 3:30 a Racalmuto.

Un ragazzo Angelo Macaluso, 25anni di Racalmuto, stava facendo rientro a casa, in contrada Comete, quando per cause in fase di accertamento, l’auto si è ribaltata ed è rimasto gravemente ferito.

Estrapolato dalle lamiere dai Vigili del fuoco del distaccamento di Canicattì, ed è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Agrigento dove è morto poco dopo per un arresto cardio respiratorio.

Sul posto i carabinieri della stazione di Racalmuto, i carabinieri della radiomobile di Canicattì che stanno indagano sulla vicenda.

 

Nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Discount”, l’imprenditore agrigentino, Giuseppe Burgio, è stato già condannato in primo grado a 8 anni di reclusione per bancarotta fraudolenta a seguito al crack finanziario del gruppo a lui legato e impegnato nel settore della distribuzione alimentare. Ebbene, adesso una seconda tranche della stessa inchiesta approda in Tribunale. Infatti, la Procura della Repubblica di Agrigento, tramite la sostituto procuratore Alessandra Russo, ha chiesto il rinvio a giudizio di 20 imputati, compreso Burgio, ai quali si contesta, a vario titolo, di aver permesso, non impedendola, anzi in alcuni casi assecondandola e favorendola, la distrazione di circa 50 milioni di euro che sarebbero transitati da una società all’altra sempre riconducibile al gruppo Burgio. Si tratta di consiglieri di amministrazione, componenti del collegio sindacale, liquidatori della “Ingross srl” e della “Centro distribuzione alimentari spa” e funzionari dell’Unicredit. I 20 imputati risponderanno il prossimo 11 ottobre all’appello del giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Agrigento, Marco Salvatori, che deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura. I reati contestati sono il concorso in bancarotta fraudolenta e il falso.

I 20 imputati sono:
Antonio Oddo, 60 anni di Favara (ex consigliere amministrazione); Antonio Listo, 37 anni di Agrigento (ex consigliere amministrazione); Calogero Burgio, 68 anni di Agrigento (presidente collegio sindacale); Antonio Martoriello, 53 anni di San Cataldo (liquidatore); Enzo Penna, 76 anni di Agrigento (liquidatore); Salvatore Rizzo, 70 anni di Racalmuto (presidente collegio sindacale); Costantino Verbari, 60 anni di Agrigento ma nato a Melito Porto Salvo (liquidatore); Francesca Burgio, 60 anni di Agrigento (liquidatore); Angelo Nicastro, 59 anni di Agrigento (liquidatore); Rosario Giordano, 46 anni di Gela (liquidatore); Tiziana Ragusa, 47 anni di Gela (liquidatore); Corrado Listo, 70 anni di Canicattì (ex consigliere amministrazione); Ciro Sansone, 75 anni agrigentino originario di Acquasanta Terme (liquidatore); Leira Sansone, 49 anni di Agrigento (liquidatore); Luigi Gentile, 60 anni di Raffadali (liquidatore); Pasquale Pinio, 62 anni di Palermo (responsabile pro tempore filiale Unicredit Agrigento); Salvatore Malandrino, 59 anni di Siracusa (responsabile pro tempore Area Unicredit); Giovanni Previte, 59 anni di Catania (responsabile pro tempore area monitoraggio Unicredit Palermo); Marcello Villa, 63 anni di Roma (responsabile area restructuring Unicredit Roma); Giuseppe Burgio, 55 anni di Porto Empedocle.

A Bivona, l’assemblea dei sindaci ha approvato il documento contenente la Strategia d’Area con le schede progettuali riguardanti l’Area Interna Sicani che raggruppa i comuni di Bivona, Alessandria della Rocca, Burgio, Calamonaci, Cattolica Eraclea, Cianciana, Lucca Sicula, Montallegro, Ribera, San Biagio Platani, Santo Stefano Quisquina, e Villafranca Sicula. All’Area Interna Sicani sono state destinate complessivamente risorse per 32 milioni e 933mila. Il sindaco di Bivona, Milko Cinà, commenta: “La strategia approvata contiene importanti misure per il rilancio del territorio. Saranno stanziati oltre 32 milioni di euro per la viabilità, la salute, l’istruzione, l’energia e l’innovazione digitale”.

L’intervista

Su proposta della Questore di Agrigento, Maria Rosa Iraci, la Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento ha applicato la misura preventiva della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per 5 anni a carico di Pietro Campo, 67 anni, di Santa Margherita Belice. Pietro Campo, attualmente in carcere, è ritenuto un esponente di spicco di Cosa Nostra agrigentina, presunto capo mandamento e capo famiglia di Santa Margherita Belice.

Negli uffici Urp (Ufficio relazioni con il pubblico) della Provincia di Agrigento sono visionabili tante nuove offerte di lavoro in enti pubblici ed aziende private, distribuite su tutto il territorio nazionale. Attualmente il numero più elevato di offerte di lavoro riguarda gli aeroporti di Napoli e Salerno dove sono previste 8500 assunzioni per varie mansioni lavorative. Nuove assunzioni anche nei Beni Culturali dove, per vigilanti nei musei con il progetto Ripam, è stato bandito un concorso per l’assunzione di 1052 persone in diversi profili professionali. Poi oltre 1800 assunzioni anche negli Ispettorati del lavoro, 38 alla Camera dei Deputati per consiglieri parlamentari, 5 posti per autista soccorritore all’azienda socio sanitaria di Pavia, e 60 tenenti nell’Esercito italiano. L’Ufficio relazioni con il pubblico ha sede nel palazzo della Provincia di Agrigento in piazza Vittorio Emanuele, e poi a Canicattì, Bivona, Sciacca, Cammarata, Licata e Ribera. Telefono verde 800 315 555.

I consiglieri comunali a Ravanusa, Lina Iacona e Pompeo Savarino, di “Diventerà Bellissima”, esprimono rammarico allorchè – affermano – a Ravanusa non si è raggiunta la percentuale di raccolta differenziata utile per ricevere il “Bonus” regionale di circa 200mila euro, e perché le bollette della tassa sui rifiuti sono aumentate del 10%. Iacona e Savarino aggiungono: “I cittadini di Ravanusa si aspettavamo la riduzione della bolletta di circa il 20%, come promesso in campagna elettorale dal sindaco Carmelo D’Angelo. Ci aspettavamo il raggiungimento del 60% sulla raccolta differenziata. E invece nulla. Solo le bollette aumentate del 10%. Siamo a conoscenza, attraverso le notizie giornalistiche, che la percentuale della differenziata raggiunta a Ravanusa si attesta intorno al 35,7%: un clamoroso fallimento. Invitiamo il sindaco a fare chiarezza, anche sull’acquisto di nuovi mezzi della nettezza urbana contraendo un oneroso mutuo d circa 750mia euro”.