Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 130)

“La Camera di commercio di Agrigento aderisce alla manifestazione del 25 gennaio nella consapevolezza che l’isolamento della provincia, a causa della precarietà delle infrastrutture viarie, rappresenti un grave problema non solo per la mobilità della popolazione ma anche una grande penalizzazione per il tessuto produttivo del nostro territorio”. Lo sottolinea il commissario straordinario dell’ Ente Giuseppe Termine nell’esprimere il suo apprezzamento per l’iniziativa messa in campo da un ampio cartello sociale ed istituzionale.

“Finalmente – aggiunge Giuseppe Termine – si realizza un’ampia convergenza su una problematica che mette a dura prova le condizioni di vivibilità dei cittadini e delle imprese della provincia. Un momento importante di sensibilizzazione che non può non ricevere risposte adeguate ed impegni certi da parte delle istituzioni competenti. La trasversalità delle adesioni fin qui pervenute è garanzia di successo per l’iniziativa ma anche elemento rassicurante affinché la manifestazione non venga strumentalizzata a fini politici”.

E’ stata un’esperienza bellissima la riunione tenuta mercoledì pomeriggio con gli operatori del mondo della cultura, dello spettacolo, dell’arte e della musica. Una riunione tecnica, quella tenuta nella sede del comitato elettorale al viale della Vittoria 315, che è servita per conoscere dai diretti protagonisti,  i problemi e le esigenze di chi porta alla nostra città un grande contributo al miglioramento della qualità della vita organizzando spettacoli, mostre o concerti che arricchiscono le giornate degli agrigentini e dei turisti,  e aiutano l’economia dei servizi e della ristorazione.

Ma hanno bisogno di un aiuto “pubblico”, per questo mi hanno chiesto di inserire nel mio programma elettorale aspetti che solo loro possono conoscere, come, ad esempio,  la necessità di avere una sede comune dove poter svolgere le prove a costi contenuti. Un locale dove le compagnie o i gruppi folkloristici possono provare in orari e giorni concordati affrontando solo le spese della luce o delle pulizie. E’ stato segnalato che nel teatro Pirandello vi sono diverse sale nei piani superiori che potrebbero essere utilizzate per questi scopi e che anche nel centro storico vi sono dei locali che potrebbero essere dati in comodato d’uso gratuito alle compagnie e agli artisti per creare un’area dell’arte, della musica, dello spettacolo e della cultura. Ci si è soffermati anche sull’importanza degli spettacoli estivi e di cosa portano nelle piazze e nei quartieri decentrati della città.

C’è che ha auspicato una simbiosi fra Comune e privati  facendo sì che i privati possano essere nelle condizioni di organizzare spettacoli ed eventi che portano benefici a entrambi ma soprattutto alla cittadinanza e ai turisti ma che bisogna avere adeguati collegamenti di bus e taxi in occasione di spettacoli. Si è proposta anche la creazione di un circuito degli spettacoli magari con un cartellone annuo degli eventi e dell’utilizzo dell’anfiteatro del Parco Icori per manifestazioni e spettacoli all’aperto. E’ stato ricordato che ci sono state compagnie e gruppi musicali che hanno prodotto spettacoli che oltre ad essere andati in scena ad Agrigento poi sono andati in tour in Sicilia e in Italia portando avanti il buon nome della cultura agrigentina . Si è quindi parlato di mettere in rete le associazioni che potrebbero gestire i monumenti storici o le strutture chiuse o poco sfruttate del centro storico.

Naturalmente ho segnato tutto e fatto tesoro di queste segnalazioni che condivido e che inserirò nel mio programma elettorale.

Intanto ringrazio tutti gli intervenuti che hanno sacrificato un momento della loro giornata per presentare le loro idee condividendole con me e con gli altri operatori.  Per me la partecipazione è importante ed è un grande momento di democrazia.

Chiesto il rinvio a giudizio a carico di Pietro Leto, 20 anni, originario di Alessandria della Rocca, sul quale pende l’ipotesi di reato di omicidio nei confronti del compaesano Vincenzo Busciglio di 23 anni.

A chiedere il rinvio a giudizio è stata la Procura di Sciacca dopo avere effettuato le indagini e l’udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 3 febbraio.

Pietro Leto, difeso dall’avvocato Nino Gaziano, si è sempre professato innocente nonostante il Busciglio, morto a coltellate la sera del 12 marzo del 2019, avrebbe fatto il nome del suo aggressore.

Lo conoscono tutti da queste parti, e’ uno di quei personaggi di cui in molti negli anni si sono chiesti: Come mai non se ne è mai andato, visto il suo talento?
Innammorato di questa terra, testardo e  pieno di vità ,Riccardo Gaz si è sempre contraddistinto per la sua grande capacità di raccontare attraverso le diverse forme d’arte;
La radio, i corti, i programmi televisivi, il suo modo di essere sempre fuori dalle righe, ma a tratti anche riflessivo, capace di fotografare perfettamente la vita e raccontarla con semplicità arrivando sempre al suo pubblico.
Oggi, oltre a condurre il suo programma giornaliero su Radio Vela, collabora con il TG ZERO, la storica trasmissione di Radio Capital, di cui molti si ricorderanno per gli interventi del giornalista Vittorio Zucconi.
A Riccardo, non a caso, il compito di disturbare gli italiani al telefono,come lui sa fare, discutendo settimanalmente sui diversi argomenti di attualita’.
Lo abbiamo raggiunto e ci ha detto : “ E’ una collaborazione che mi riempe il cuore di gioia, nella mia vità non cambierà nulla, continuerò a fare il mio programma in onda ogni giorno su Radio Vela e preparerò settimanalmente dei blocchi per il Tg Zero di Radio Capital, insomma non vi libererete di me facilmente ”(ride).
Il TG ZERO è condotto da Edoardo Buffoni e Michela Murgia, va in onda ogni giorno dal lunedi al venerdi dalle 18 alle 20.

Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, annuncia che sono in corso trattative per l’istituzione della riserva naturale di Punta Bianca, a sud est della città. Si tratta in particolare di una interlocuzione con la Regione Siciliana e il Comando dell’Esercito in Sicilia per trasferire altrove il poligono militare attualmente in località Drasy, a ridosso di Punta Bianca. Come è noto, l’Esercito già da anni si è dichiarato disponibile al trasferimento a condizione che la Regione reperisca un sito alternativo per le esercitazioni militari. La Regione però finora se ne è infischiata. L’intervista al sindaco Firetto

Il coordinatore del movimento Mani Libere di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, ha invitato l’amministrazione Firetto a rendere noto a quanto ammonta l’introito della Tasi, ovvero la tassa per i servizi comunali, dal 2015 in poi, e per quali servizi è stata spesa. L’assessore al Bilancio, Cuzzola, ha risposto che quanto chiesto da Di Rosa è già contenuto nelle singole delibere, tutte consultabili. Di Rosa ritiene invece che nelle delibere manchino i dettagli richiesti.

L’intervista

Evoluzioni nell’ambito della vertenza legata ai supermercati Fortè in Sicilia ed al futuro di 500 lavoratori in tutte le province siciliane. Il segretario provinciale di Agrigento di Fast Confsal, Manlio Cardella, che segue il contenzioso, annuncia che “i commissari straordinari della società Meridi, che gestisce i supermercati, Fausti, Blasio e Manfredi, hanno convocato nella sede di Meridi a Belpasso, in provincia di Catania, le organizzazioni sindacali Fast Confsal, Sinalp e Usi, oggi 16 gennaio dalle ore 18 in poi per avviare un difficile confronto sulla crisi dei supermercati Fortè. A rischio 500 posti di lavoro e la sorte di oltre 80 punti vendita. Ci batteremo per un sereno ma deciso confronto per assicurare da subito il pagamento degli arretrati del salario a far data da luglio 2019 ad oggi e per chiedere ampie garanzie occupazionali a tutela di tutti i lavoratori” – conclude Manlio Cardella.

La Polizia di Stato di Agrigento, in particolare l’Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Polizia Anticrimine, ha applicato, su proposta della Questore di Agrigento, Maria Rosa Iraci, accolta dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, la misura preventiva della Sorveglianza speciale, quali soggetti ritenuti socialmente pericolosi, a carico di Francesco Vetrano, 35 anni, di Agrigento, inquisito nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Kerkent” quale presunto collaboratore del vertice mafioso di Agrigento. A Vetrano è stata applicata la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata di anni 3 e mesi 6. E poi a carico di Valentino Messina, 46 anni, di Porto Empedocle, anche lui inquisito nell’ambito della stessa inchiesta antimafia “Kerkent”. A Messina è stata applicata la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata di anni 2 e mesi 6.

Un’agrigentina, di Santa Elisabetta, alla notte degli Oscar del prossimo 9 febbraio. Si tratta di Wendy Willis, candidata all’Oscar come la produttrice esecutiva per la categoria “Documentario d’animazione”, con “Hair Love”, distribuito dalla Sony International. Wendy Willis è figlia di Dina Militello di Santa Elisabetta, cugina di Maria Assunta Militello, moglie del professor Stefano Milioto e anche parente del professor Mario Gaziano, tutti sabettesi.