Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 123)

I Carabinieri della Compagnia di Modica stanno dando esecuzione ad un’ordinanza cautelare a carico di 13 persone accusate di traffico e spaccio di stupefacenti L’operazione condotta nelle province di Ragusa, Catania ed Agrigento ha permesso di disarticolare importanti piazze di spaccio a Modica e Scicli, nel Ragusano.

All’operazione, tuttora in corso, partecipano oltre 50 militari, unità cinofile ed un elicottero.

Uno dei perni dello spaccio era rappresentato da un’anziana donna ultrasettantenne e da alcuni suoi parenti.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati in una conferenza presso il Comando Provinciale Carabinieri che si terrà alle 11.00 alla presenza del Procuratore della Repubblica.

“È vero, continua ad esserci una minoranza di cittadini che non rispetta le regole, ma da un presidente della Regione che agisce anche nella veste di commissario Covid ci aspettiamo qualcosa in più dell’ennesimo scaricabarile. Musumeci non può continuare ad accusare ‘l’altro di turno’ per tentare di nascondere le proprie inefficienze”. Lo dice Giuseppe Lupo, capigruppo PD all’Ars in merito alle recenti dichiarazioni del presidente della Regione Nello Musumeci che ha ipotizzato una “zona rossa” in Sicilia con misure più rigide.

“È dovere di tutti rispettare le regole ed essere prudenti – aggiunge Lupo – ma invece di assistere immobile a ciò che accade, Musumeci si dia da fare ed avvii una nuova fase di collaborazione e confronto con l’Ordine dei Medici ed i medici di Medicina generale per una gestione condivisa della pandemia e per mettere la parola fine al caos della Sanità in Sicilia”.

“A meno che – conclude Lupo – Musumeci non sia convinto che l’unico modo per arginare il Covid sia chiuderci tutti in casa, ammettendo implicitamente di aver perso su tutti i fronti la sfida sanitaria ed organizzativa in Sicilia”.

“Un incontro positivo e costruttivo, durante il quale abbiamo discusso delle criticità e delle prospettive di rilancio della Pesca siciliana”. Lo ha detto Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa e presidente del Consorzio dei Pescatori delle Pelagie, dopo l’incontro avvenuto ieri con l’assessore regionale all’Agricoltura e Pesca Toni Scilla insieme con il Dirigente Generale ed i funzionari dell’Assessorato. Con Martello era presente una rappresentanza di Pescatori siciliani (anche della Marineria di Mazara del Vallo, fra loro uno dei Pescatori da poco rientrati dopo il sequestro in Libia).
“Con l’assessore Scilla – prosegue Martello – abbiamo discusso anche delle calamità determinate dai relitti delle imbarcazioni di migranti affondati nelle acque antistanti Lampedusa, che continuano a provocare danni e rischi ei nostri Pescherecci”.

Quindici quadri realizzati dagli artisti-studenti dell’Accademia delle Belle Arti Michelangelo di Agrigento andranno ad arredare gli uffici del Comune di Agrigento. Per volontà del preside Alfredo Prado, sono stati consegnati al sindaco Franco Miccichè che ha provveduto a distribuirli ai suoi assessori. Le opere sono state create il 23 dicembre scorso in occasione di una estemporanea di pittura chiamata “Natale in via Atenea”. I giovani artisti si sono concentrati sulle bellezze della città, sia del centro storico che della Valle dei Templi. “Vorrei ringraziare – ancora una volta – il preside Prado per l’attenzione che rivolge alla città. Ogni intervento artistico della scuola si traduce in un valore aggiunto per Agrigento e i suoi abitanti. E per questo gli siamo tutti grati”.

Tutti assolti in appello l’ex presidente della Regione Rosario Crocetta e gli ex assessori per la vicenda sul corso di formazione Spartacus. I giudici contabili hanno ribaltato la decisione dei giudici di primo grado.

Oltre a Crocetta la sentenza riguarda l’ex assessore al Lavoro Esterina Bonafede e la dirigente Anna Rosa Corsello a risarcire la Regione della somma di 2 milioni e 200 mila euro.
E’ stata confermata anche l’assoluzione in primo grado per gli ex assessori e dirigenti Antonino Bartolotta, Luca Bianchi, Lucia Borsellino, Dario Cartabellotta, Maria Lo Bello, Nicolò Marino, Egidio Ortisi, Luciana Rallo, Nelli Scilabra, Michela Stancheris, Patrizia Valenti e Linda Vancheri. La vicenda ruota intorno al progetto di formazione Spartacus, affidato al Ciapi di Priolo. A citare in giudizio l’ex presidente della Regione, gli ex assessori e i dirigenti era stata la procura contabile.

Erano accusati di aver dissipato 35 milioni di euro di fondi europei e statali – usandoli per 9 mila cassintegrati – che avrebbero dovuto essere impiegati per retribuire l’attività di formazione e di politiche attive del lavoro espletata, per 8 mesi, da circa 1.800 ex sportellisti. “Il finanziamento al Ciapi – dicono i giudici di appello nella sentenza – per la realizzazione del progetto Spartacus non è avvenuto con l’utilizzo di fondi regionale, come risulta dagli atti versati nel fascicolo processuale e da quanto sopra esposto con la conseguenza che nessun onore economici e venuto a gravare sull’ente territoriale”.

Il gruppo di volontari di Medici Senza Frontiere di Palermo, organizza per venerdì 22 genaio alle ore 19:00 il webinar “Non siamo solo medici, vi presentiamo un ingegnere”: Riccardo Bellisario, studente di medicina e giovane volontario del gruppo di Msf di Palermo, intervisterà Alessandro Piro, ingegnere palermitano e operatore umanitario di Msf che descriverà il ruolo di un logista e l’importanza della logistica in un intervento umanitario. I logisti svolgono un ruolo fondamentale che consente alle équipe mediche di Msf di operare in sicurezza e lavorare in zone difficilmente raggiungibili.

Questi team si occupano ad esempio di organizzazione e gestione del trasporto di materiale medico e del personale umanitario, dell’allestimento di un centro medico e dei servizi igienico-sanitari nel bel mezzo della foresta, della gestione della logistica in una campagna vaccinale nelle zone più remote dove la popolazione non ha accesso ai servizi sanitari. Da ingegnere in una grande azienda automobilistica quattro anni fa Alessandro ha deciso di licenziarsi e cambiare radicalmente vita. Dopo aver creato con alcuni amici un gruppo informale per l’integrazione dei migranti e dei senza dimora attraverso l’uso dell’arte e dopo un anno in Sud America, ha iniziato a lavorare in Msf.

“Un sogno che si è realizzato e che mi ha permesso di vedere e toccare con mano le drammatiche realtà nelle quali sono costrette a vivere intere popolazioni che non hanno scelto la guerra né la fuga da violenze e povertà ma che purtroppo ne subiscono quotidianamente gli effetti” racconta Alessandro che ha lavorato come logista in diversi contesti di emergenza.

La partecipazione al webinar è gratuita ma è necessario prenotarsi sulla pagina facebook del gruppo di Msf Palermo. Il link per partecipare sarà inviato all’indirizzo email indicato in fase di prenotazione.

1.230 su 21.609 tamponi processati i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime ore in Sicilia.

Il numero complessivo dei positivi sale a quota 46.898.
Il dato arriva qual quotidiano bollettino del ministero della Salute.

Le vittime sono state 28 (3.129 dall’inizio dell’emergenza sanitaria) e i guariti 1.011.
Degli attuali positivi i ricoverati con sintomi sono 1.436, in terapia intensiva 221 pazienti.

i nuovi contagi per province:

Palermo 459

Catania 248

Messina 127

Ragusa 36

Trapani 112

Siracusa 68

Caltanissetta 104

Agrigento 41

Enna 35

Medico 61enne di Raffadali, Leonardo Tarallo, è deceduto a Legnago, in Veneto dopo aver combattuto con tutte le sue forze contro il maledetto coranavirus e dove il sindaco ha proclamato una giornata di lutto cittadino.  Sempre in prima linea ad occuparsi dei suoi pazienti, colpiti dal covid-19, Tarallo con una laurea di medicina presa all’università di Palermo, da anni risiedeva in Veneto, a Legnago dove lavorava come medico di base (a Terrazzo) e poi come direttore sanitario dell’Ipab Maria Gasperini di villa Bartolomea.

 

Nell’ambito delle operazioni di rifacimento della segnaletica orizzontale, in città arrivano anche le nuove strisce pedonali anti-covid.
Per il momento sono presenti in via dei Pini a San Leone, ma presto come su richiesta del Sindaco Franco Miccichè, verranno realizzate anche in altre frazioni cittadine.

Le nuove strisce presentano una interruzione di 30 centimetri di zona bianca per lato, formando così una doppia corsia, per entrambi i sensi di marcia, evitando così che le persone possano urtarsi.