Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 119)

In data 21 gennaio 2021, in Palma di Montechiaro, la Polizia di Stato, in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Palermo – Ufficio Esecuzioni Penali, ha tratto in arresto T. G., classe 2001, in atto domiciliato presso una la comunità di Palma di Montechiaro, poiché responsabile di guida senza patente, furto aggravato, produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti e resistenza a Pubblico ufficiale. Esperite le formalità di rito gli uomini del Commissariato hanno tradotto il giovane presso l’Istituto Penale per minorenni di Caltanissetta.

E’ morto Sergio Di Mauro, fratello del vice presidente dell’Assemblea Regionale, Roberto Di Mauro. In proposito interviene il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, che afferma: “Sono profondamente addolorato per la prematura scomparsa dell’amico Sergio Di Mauro, fratello del vice presidente dell’Ars, onorevole Roberto Di Mauro. Avrei voluto partecipare personalmente alle esequie che si svolgeranno domani ad Agrigento, ma per ragioni personali sono fuori sede per qualche giorno ed è solo per questo che non sarò presente. Rivolgo comunque le più sentite condoglianze alla famiglia e mando un forte abbraccio all’amico Roberto Di Mauro, molto legato al fratello Sergio”.

Sentite condoglianze anche da parte degli editori, del direttore e i redattori di sicilia24h.it.

La Commissione Affari Istituzionali all’Assemblea Regionale ha approvato un disegno di legge che prevede nuove norme in materia di Enti locali, tra cui i tre mandati consecutivi per i sindaci dei Comuni fino a 3mila abitanti, la nuova disciplina relativa al commissariamento per la mancata approvazione del bilancio di previsione nei Comuni, la riduzione a un terzo delle firme richieste per la presentazione delle liste e delle candidature per l’elezione negli Enti di area vasta e nei Comuni durante l’emergenza covid, e il divieto di istituire nuovi Comuni con popolazione inferiore a 10mila abitanti. In proposito interviene il presidente della stessa Commissione, l’onorevole Stefano Pellegrino, di Forza Italia, che afferma: “Il disegno di legge rappresenta il frutto del pervicace ed incessante impegno dell’ex assessore proponente, onorevole Bernardette Grasso. Un ringraziamento va anche rivolto al neo assessore, l’avvocato Marco Zambuto, per la pronta e fattiva partecipazione ai lavori della Commissione, nonché al prezioso ed indispensabile sostegno tecnico degli Uffici dell’assessorato, in persone come la dottoressa Margherita Rizza. Già il mese scorso era stata approvata la norma che prevede lo svolgimento tra il 15 e il 31 marzo delle elezioni di secondo livello per il rinnovo degli organi delle ex Province e delle Città metropolitane. I lavori della Commissione proseguiranno con la trattativa di altri disegni di legge nello stesso ambito”.

Si riducono i contagi in Sicilia. L’ipotesi del lockdown come marzo prospettata dal presidente della Regione, Musumeci, e le polemiche politiche

Si riducono i numeri giornalieri sulla pandemia covid 19 in Sicilia: sono 1.230 i nuovi positivi a fronte di 21.609 tamponi processati, con una incidenza del 5,7%. L’Isola, secondo il bollettino del ministero della Salute del 21 gennaio, scivola dal secondo al quinto posto per contagi tra le regioni d’Italia. Ma la flessione nei dati non fa calare l’attenzione. E il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, rilancia l’allarme e non esclude, in caso di risultati ancora negativi, non solo che la Sicilia continui a restare zona rossa, ma che si corra il rischio di un lockdown fortemente restrittivo, come quello della scorsa primavera. Musumeci ha spiegato: “Siamo preoccupati. Il diritto alla vita è prioritario, e se il contagio non dovesse abbassarsi noi alla fine del mese adotteremo ulteriori misure restrittive d’intesa con il Governo nazionale, e non escludo che si possa arrivare ad un lockdown come quello dello scorso mese di marzio. Sono molto allarmato perché i siciliani non hanno capito la gravità del momento: basta guardare le foto e i filmati per rendersi conto della indisciplina di una minoranza di cittadini” – conclude. E quella di Musumeci è una valutazione in parte contestata dal capogruppo del Partito Democratico all’Assemblea Regionale, Giuseppe Lupo, che afferma: “E’ vero: continua ad esserci una minoranza di cittadini che non rispetta le regole, ma da un presidente della Regione che agisce anche nella veste di commissario Covid ci aspettiamo qualcosa in più dell’ennesimo scaricabarile. Musumeci non può continuare ad accusare ‘l’altro di turno’ per tentare di nascondere le proprie inefficienze”. Nel frattempo prosegue il piano di vaccinazione anti Covid in Sicilia e una novità è che il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Ragusa, Angelo Aliquò, ha annunciato che “per evitare ulteriori sprechi, i richiami saranno somministrati a tutti, anche ai presunti furbetti che hanno avuto la dose pur non figurando negli elenchi”. Ancora nel frattempo, l’associazione a difesa dei consumatori, Codacons, lancia l’allarme ‘sciacalli’ in alcuni reparti Covid degli ospedali siciliani, che sono inaccessibili anche ai parenti dei ricoverati, ma che, a quanto pare, stanno diventando sempre più il regno di ladri senza scrupoli che rubano fedi, cellulari e preziosi di ogni genere posseduti dai pazienti.

In via Agrigento, viene giù un miro di sostegno vicino alla scala di ingresso di un palazzo, ed in via precauzionale le 16 famiglie – tra cui anche senegalesi con figli piccoli – sono state allontanante. Nessun danno a persona, la zona è stata messa in sicurezza ad opera dei vigili del fuoco. Sul luogo sono intervenuti anche i carabinieri, la protezione civile e la polizia locale.

Presumibilmente, il cedimento del muro sarebbe avvenuto a causa di persistenti infiltrazioni dell’acqua piovana, e in giornata saranno effettuati dei sopralluoghi da parte dell’ufficio tecnico del comune.

 

 

Libertà vigilata in via precauzionale.
Questa la misura di sicurezza a cui la divisione Anticrimine della Questura ha sottoposto il 44enne che perseguitava senza tregua una persona. Questa misura di sicurezza, in esecuzione dell’ordinanza del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Agrigento. La libertà vigilata, oltre ad indicazioni circa il divieto di avvicinarsi alla persona, per non commettere nuovamente reati persecutori

I giudici della prima sezione penale del Tribunale di Agrigento, presieduta da Alfonso Malato, hanno dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione dei reati contestati nei confronti di Luigi Di Franco, 66 anni, di Canicattì, ex vice presidente del Consiglio di amministrazione della Banca di Credito cooperativo San Francesco di Canicattì, di Domenico Raneri, 67 anni, di Licata, direttore generale della stessa banca, e di Vito Augello, 77 anni, di Canicattì, ex presidente della banca. I tre, tra il 2001 e il 2011, avrebbero concorso, a vario titolo, nel falsificare i bilanci della banca per ingannare soci e risparmiatori, occultando svalutazioni e passività. E poi avrebbero ostacolato le attività di controllo e vigilanza da parte della Banca d’Italia.

L’imprenditore trapanese Vito Nicastri, conosciuto come “il re dell’eolico” per avere accumulato una fortuna con le energie rinnovabili, è stato assolto dall’imputazione di concorso esterno in associazione mafiosa dalla Corte d’Appello di Palermo, allorchè sarebbe stato uno dei finanziatori della latitanza de boss Matteo Messina Denaro. In primo grado, per la stessa imputazione, Nicastri è stato condannato a 9 anni di reclusione. I giudici d’Appello hanno invece confermato la condanna per intestazione fittizia di beni, irrogando all’imprenditore una pena di 4 anni.

I Carabinieri della Compagnia di Modica stanno dando esecuzione ad un’ordinanza cautelare a carico di 13 persone accusate di traffico e spaccio di stupefacenti L’operazione condotta nelle province di Ragusa, Catania ed Agrigento ha permesso di disarticolare importanti piazze di spaccio a Modica e Scicli, nel Ragusano.

All’operazione, tuttora in corso, partecipano oltre 50 militari, unità cinofile ed un elicottero.

Uno dei perni dello spaccio era rappresentato da un’anziana donna ultrasettantenne e da alcuni suoi parenti.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati in una conferenza presso il Comando Provinciale Carabinieri che si terrà alle 11.00 alla presenza del Procuratore della Repubblica.

“È vero, continua ad esserci una minoranza di cittadini che non rispetta le regole, ma da un presidente della Regione che agisce anche nella veste di commissario Covid ci aspettiamo qualcosa in più dell’ennesimo scaricabarile. Musumeci non può continuare ad accusare ‘l’altro di turno’ per tentare di nascondere le proprie inefficienze”. Lo dice Giuseppe Lupo, capigruppo PD all’Ars in merito alle recenti dichiarazioni del presidente della Regione Nello Musumeci che ha ipotizzato una “zona rossa” in Sicilia con misure più rigide.

“È dovere di tutti rispettare le regole ed essere prudenti – aggiunge Lupo – ma invece di assistere immobile a ciò che accade, Musumeci si dia da fare ed avvii una nuova fase di collaborazione e confronto con l’Ordine dei Medici ed i medici di Medicina generale per una gestione condivisa della pandemia e per mettere la parola fine al caos della Sanità in Sicilia”.

“A meno che – conclude Lupo – Musumeci non sia convinto che l’unico modo per arginare il Covid sia chiuderci tutti in casa, ammettendo implicitamente di aver perso su tutti i fronti la sfida sanitaria ed organizzativa in Sicilia”.