Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 111)

I familiari della giornalista Loredana Guida  deceduta alle ore 3.35 della notte scorsa presso la Uo Terapia intensiva dell’ospedale di Agrigento hanno presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Agrigento affinché venga fatta chiarezza sulle cause che hanno portato alla prematura morte e far luce su eventuali negligenze o responsabilità da parte del personale sanitario.

Sull’inchiesta è stata aperta per omicidio colposo per ora contro ignoti.

Si è  già proceduto con il sequestro della cartella clinica da parte dei Carabinieri ed è stata disposta l’autopsia sul corpo della giovane.

A seguito di quanto accaduto i funerali previsti per domani 29 Gennaio sono stati rinviati.

 

dell’Azienda provinciale sanitaria di Agrigento esprime cordoglio ai familiari a seguito della prematura morte di Loredana Guida, deceduta alle ore 3:35 di martedì 28 gennaio nell’Unità operativa di Terapia intensiva.
La Direzione afferma: “Loredana Guida si è presentata al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Agrigento il 15 gennaio scorso. E’ stata registrata in triage alle ore 11:41, in codice verde, per “riferito stato influenzale. La paziente riferisce di essere stata in Africa qualche giorno fa”.
Visitata alle ore 15:35, presentava febbre ed eseguiva esami di laboratorio di routine e radiografia del torace che non evidenziavano sostanziali anomalie, fatto salvo un lieve rialzo di un indice ematico aspecifico di flogosi.
Dopodiché la paziente sottoscriveva, sul foglio di dimissione, la decisione di rifiutare di proseguire l’approfondimento dell’iter diagnostico.
La stessa ritornava nel primo pomeriggio del 20 gennaio, in codice rosso, in stato di coma, allo stesso Pronto Soccorso, venendo ricoverata nella Terapia Intensiva dello stesso Ospedale.
Il successivo giorno 21 gennaio veniva ipotizzata la diagnosi di “malaria”, confermata da un test immunocromatografico eseguito lo stesso giorno, e validata dall’istituto di Microbiologia dell’Università di Palermo come “malaria da plasmodium falciparum”.
Veniva altresì messa in atto una terapia specifica, concordata tra l’altro con il Direttore dell’Istituto di Malattie Infettive del Policlinico di Palermo. Tale terapia veniva peraltro confermata dall’Istituto Nazionale di Malattie Infettive “Spallanzani” di Roma, tutti opportunamente contattati.
Nei giorni seguenti, pur con tutte le terapie messe in atto, le condizioni cliniche della paziente peggioravano progressivamente, fino all’esito finale.
La Direzione Sanitaria di questa Azienda ha comunque istituito una commissione interna per la verifica e valutazione di tutto il percorso assistenziale della paziente”.

A partire dalle ore 7 di domattina, 29 gennaio 2020, per la riparazione del collettore fognario, in piazza Vittorio Emanuele all’incrocio con via San Vito, verrà chiuso per il breve periodo della durata dei lavori, al transito veicolare, il tratto di strada compreso tra il Cinema Astor e l’intersezione con via San Vito. Il provvedimento, emesso dal dirigente del settore di Polizia Municipale di Agrigento, sarà efficace per il tempo necessario al completamento dei lavori. L’Ordinanza Dirigenziale n°8 del 27 gennaio 2020 prevede anche che i veicoli provenienti da piazza Vittorio Emanuele e diretti in via Cicerone, potranno transitare dalla strada di collegamento con svolta consentita a senso unico a sinistra dall’intersezione con via San Vito. I veicoli provenienti da via Cicerone e diretti in via San Vito dovranno transitare seguendo il percorso di piazzale Rosselli, via Imera, piazza Vittorio Emanuele con svolta consentita a sinistra verso la strada di collegamento con via San Vito. Gli autobus di linea provenienti da piazza Marconi potranno transitare nel tratto iniziale di via Imera fino al raggiungimento in entrata dell’autostazione di piazzale Rosselli. Nel parcheggio di piazza Vittorio Emanuele, lato “Banca Intesa San Paolo” sarà istituito il divieto di sosta con rimozione di tutti i veicoli per consentire, durante la breve durata dei lavori di riparazione del collettore fognario, ai bus extraurbani, la fermata per il trasporto dei passeggeri.

Ad Agrigento venerdì prossimo, 31 gennaio, nei locali della Camera di Commercio alle ore 10 si svolgerà una iniziativa sul tema della transizione energetica, dunque il passaggio dall’utilizzo di fonti energetiche non rinnovabili a fonti rinnovabili, verso economie sostenibili e con l’adozione di tecniche di risparmio energetico. L’iniziativa si intitola “Clean”, pulita, quindi energia pulita, ed è sostenuta e promossa in ambito comunitario tramite il centro di ricerca Italo-Maltese per la sostenibilità ambientale e le fonti rinnovabili “Crim Safri” con il coordinamento scientifico dell’Università di Palermo.

Durante lo scorso fine settimana, la Polizia Stradale agrigentina, capitanata da Andrea Morreale, ha sanzionato, in occasione di posti di blocco ad Agrigento, quattro conducenti alla guida in stato di ebbrezza alcolica, fra tre agrigentini tra cui una donna di 25 anni, e un canicattinese. Inoltre il telelaser piazzato lungo la strada statale 115 ha rilevato 5 infrazioni, con una velocità accertata massima di 170 chilometri all’ora, con contestuale ritiro della patente di guida.

Il sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro, interviene in replica a Girgenti Acque i cui tecnici hanno rilevato un presunto furto d’acqua allorchè la fontana pubblica in piazza Progresso sarebbe allacciata abusivamente alla rete idrica. Silvio Cuffaro afferma: “Io sono basito. Non so se ridere o piangere. Girgenti Acque, per un’inesistente presunta presa idrica abusiva di una pubblica fontana, adombra la sussistenza di furto d’acqua e paventa la responsabilità del Comune, dimenticando o facendo finta di non sapere che la fontana è a ciclo continuo, quindi non ha bisogno di nessuna presa idrica. Il Comune ha sempre riempito la vasca di compensazione con le autobotti, come facilmente dimostrabile e pubblicato anche su Facebook dall’impresa fornitrice in occasione del ‘Fastuca Fest’. La presa segnalata da Girgenti Acque, se esistente, sicuramente non è stata realizzata da questa amministrazione e neanche dalle amministrazioni in cui io rivestivo cariche pubbliche. Tanto che durante la sindacatura degli anni 2002/2007, per mettere in funzione la fontana, il Comune ha realizzato un collegamento idrico tra la stessa e il palazzo municipale. Ed è una conduttura ancora esistente, anche se non in funzione a causa delle continue rotture verificatesi nell’attraversamento della via Nazionale. Il comune negli anni ha messo in funzione la fontana solo nelle principali feste di paese. Girgenti Acque continua ad accanirsi e denigrare la collettività raffadalese, e questa ingiusta accusa di furto ne è un chiaro e lampante esempio”.

La segreteria nazionale del Sagi (Sindacato autonomo giornalisti italiani) esprime profondo e sentito cordoglio per la morte della collega Loredana Guida, e si stringe attorno alla madre, ai tre fratelli e a tutti i parenti. Il sindacato ricorderà Loredana in occasione della seconda edizione del premio intitolato al padre, Leonardo, anch’egli giornalista e dirigente del Sagi, il prossimo 20 maggio.