Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 1069)

Agrigento e la sua Valle dei Templi, sono state scelte come sede dell’edizione 2018 di “Lets Clean up Europe”. L’associazione nazionale FISE Assoambiente, ha infatti promosso, in collaborazione con l’azienda Iseda, il Parco della Valle dei Templi ed il Comune di Agrigento, un’attività di pulizia straordinaria del territorio in programma il prossimo 11 maggio proprio nell’ambito della campagna europea “Let’s Clean Up Europe, nata per sensibilizzare l’opinione pubblica sul fenomeno del littering, ovvero l’abbandono dei rifiuti sul territorio. L’Associazione Fise Assoambiente, che ha tra i suoi componenti proprio l’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi, ha voluto scegliere Agrigento, per l’edizione 2018 dell’iniziativa, anche per il recente avvio della differenziata su tutto il territorio comunale e dunque sensibilizzare sia i cittadini che gli studenti più giovani.

“Da sempre – spiega Giancarlo Alongi – Fise Assoambiente è attenta alle attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica in campo ambientale e anche per questo motivo, abbiamo deciso di coinvolgere gli studenti di alcune scuole cittadine  per insegnare e ricordare loro che “il miglior rifiuto è quello che non viene prodotto”.

L’iniziativa di quest’anno, si avvarrà del palcoscenico naturale che è la Valle dei Templi di Agrigento, scelta dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità, ed è aperta a tutti coloro che vorranno essere presenti per dare un contributo alla pulizia della zona.

Il programma della mattinata, prevede il coinvolgimento di alcune classi della scuola media Tornabene di viale Monserrato – Agrigento. Gli alunni, accompagnati dagli insegnanti, raggiungeranno il Piazzale Hardcastle di fronte al Tempio di Ercole, nel cuore della Valle dei Templi, dove saranno accolti da due responsabili di Fise Assoambiente nazionale che spiegheranno loro l’importanza della raccolta differenziata e quali obiettivi essa si propone per una migliore qualità della vita, soprattutto per le future generazioni. Subito dopo, i bambini insieme a tutti i cittadini che vorranno aderire all’iniziativa, inizieranno la pulizia dell’area scelta.

“Prendendo parte a questa iniziativa, e aiutando a tenere pulito l’ambiente – continua Alongi –  i partecipanti alla giornata “Let’s clean up Europe”, potranno  rendersi conto di quanti rifiuti sono abbandonati vicino a loro e a cui spesso, non si fa, purtroppo, nemmeno più caso. Questa azione da un’opportunità unica per sensibilizzare i cittadini ma anche i bambini, sui problemi dell’abbandono dei rifiuti e per aiutare a cambiare i loro comportamenti. Quello di mantenere il territorio che ci circonda pulito, è un gesto semplice ma non scontato. Mi auguro che anche l’edizione 2018 ad Agrigento, sia un successo con un numero di persone coinvolte sempre più importante: in questo modo il messaggio si potrà diffondere in maniera forte ed efficace”.

All’iniziativa, ha dato il proprio sostegno anche l’amministrazione comunale di Agrigento con in testa il sindaco Calogero Firetto e l’assessore all’Ecologia Nello Hamel.

“Considerando che la differenziata è partita su tutto il territorio comunale solo da qualche mese con lusinghieri risultati percentuali – ha spiegato l’assessore Hamel – è chiaro che ci sono ancora molte cose da mettere a punto e da migliorare. Per questo, il coinvolgimento dei cittadini ma anche dei bambini, è significativo perchè il contributo anche di una singola persona in più è sicuramente importante. Per questo siamo molto contenti che Fise Assoambiente abbia scelto Agrigento e la sua Valle per l’edizione 2018 di questa iniziativa”.

“Gentile Assessore, torniamo a tediarLa per porre alla Sua attenzione la drammatica situazione in cui versa l’UOC di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale di Agrigento. Siamo costretti a rivolgerci a Lei a causa della totale indolenza della attuale Amministrazione. L’UOC in argomento, a fronte delle sette unità di dirigente medico previste dalla vigente dotazione organica, è lasciata ormai da quasi un anno ad operare con due soli medici cui si aggiunge il Direttore della medesima unità operativa. Unità operativa che per l’eccellenza delle cure prestate all’utenza, era stata individuata quale Centro di Riferimento Regionale per le malattie nefrologiche rare e, nell’ottobre del 2017, è stata fatta oggetto di un rilevante articolo di stampa da parte del giornale nazionale “ il Sole 24h Sanità” che ne decantava l’eccellenza, delle cure prestate, nell’ambito del panorama nazionale. La riconosciuta e apprezzata attività dell’UOC di Nefrologia e Dialisi in argomento ha consentito, grazie alla diagnosi precoce delle malattie di interesse nefrologico e al monitoraggio dei soggetti presi in cura in regime ambulatoriale, di ridurre drasticamente il numero pazienti da sottoporre alla dialisi, con notevole risparmio per il SSR.

Nonostante i grandi risultati ottenuti, oggi l’UOC di Nefrologia e Dialisi del P.O. di Agrigento è tristemente abbandonata al proprio destino e i soli tre medici, primario compreso, stoicamente continuano, ma ci chiediamo fin quando sarà possibile, nell’esclusivo interesse dei pazienti e, ribadiamo nella totale insensibilità dell’Amministrazione dell’ASP di Agrigento, a farsi carico di assicurare tutte le attività che qui di seguito Le elenchiamo:

  1. Trattamenti dialitici per i 50 pazienti in carico, con turni antimeridiani e pomeridiani;
  2. Cura dei pazienti ricoverati;
  3. Attività di Sala Operatoria ordinaria per il confezionamento degli accessi vascolari;
  4. Interventi in urgenza in regime di pronta disponibilità.

Come è evidente, per poter reggere tutte le attività suddette, i  soli tre medici in argomento sono costretti, e di ciò sono consci i vertici aziendali, a non poter rispettare i periodi di intervallo previsti dalle norme vigenti in materia di recupero psico – fisico. Succede, dunque, di sovente  che il medico che interviene in urgenza la notte debba poi occuparsi delle delicate attività cliniche il mattino successivo; condizione quest’ultima che favorisce l’aumento esponenziale del rischio clinico.   

Tutto ciò accade mentre i vertici aziendali dell’ASP di Agrigento si dilettano ad inaugurare anche i trasferimenti di reparti  da un piano all’altro dello stesso P.O., così come recentemente avvenuto con la Chirurgia Vascolare del P.O. di Agrigento.

Assessore, se non vuole rendersi moralmente corresponsabile di possibili e gravissimi episodi di malasanità, nomini subito un Commissario ad Acta con il preciso compito di reclutare i medici necessari a garantire, presso l’UOC di Nefrologia e Dialisi del P.O. di Agrigento, le indispensabili e delicate attività cliniche in un clima di sicurezza. Sicurezza che Lei, riteniamo, è tenuto a garantire”.

È online il progetto youontour.it: il portale web che permetterà alla “meta Agrigento” di aumentare la sua visibilità a livello internazionale apportando benefici all’intero comparto turistico.

Innovativo e rivoluzionario, semplice e lineare: youontour.it consente di conoscere il territorio attraverso racconti, curiosità, immagini e suggerimenti in merito alla ricettività, alla ristorazione, ai luoghi d’arte e molto altro.

La caratteristica più invitante e accattivante è senza dubbio la funzionalità “My Tour”: il turista, da oggi, potrà creare il suo “pacchetto viaggio” in totale autonomia scegliendo le attrazioni da visitare, le esperienze più belle da vivere, dove dormire, in quale ristorante cenare, con quale mezzo muoversi, quali delizie culinarie assaporare e da quali litorali osservare i nostri indimenticabili tramonti.

La funzionalità permette inoltre di calcolare i tempi, il cosiddetto “timing”. In tal modo il turista scegliendo il suo personale itinerario sarà in grado di gestire il tempo dell’interno viaggio nei minimi dettagli.

Il turista potrà consultare youontour.it direttamente da casa pianificando in relax la sua vacanza oppure in loco attraverso il proprio smartphone (considerando che il sito è perfettamente fruibile attraverso i dispositivi mobili). Oltretutto il roaming internazionale da poco attivato su tutto il territorio europeo favorirà la consultazione senza alcun costo.

Il portale è organizzato in modo sistematico e per sezioni di interesse. Dalla Valle dei Templi al centro storico di Agrigento, dalla costa alle riserve naturali suggerendo cinque itinerari che invitano alla scoperta del nostro territorio con oltre 170 attrazioni e punti d’interesse geolocalizzati.

Il progetto di marketing turistico – culturale, ideato dal dott. Vincenzo Mazzara, include non solo il portale ma anche una guida turistica cartacea prossima alla quinta edizione che negli anni ha riscosso un notevole successo. Il “contenitore” cartaceo, grazie alla sua struttura, ha incantato i turisti spingendoli a prolungare la propria permanenza. Da oggi tale efficacia sarà ampliata enormemente dal portale. 

 

L’assessore comunale all’ecologia, Nello Hamel comunica che nella giornata di domani, 5 maggio 2018, non verrà effettuato il ritiro differenziato del vetro ma verrà invece regolarmente ritirato l’umido.Questo per agevolare i lavoratori delle ditte incaricate che domani si riuniranno in assemblea sindacale. Chi avesse difficoltà ad attendere il nuovo turno di raccolta del vetro, fa sapere l’Assessorato comunale –  potrà conferire il vetro direttamente alle isole ecologiche di piazzale Ugo La Malfa e di Fontanelle.

Dopo la presentazione alla città avvenuta in un noto Hotel alla presenza di centinaia di persone, il movimento politico Direzione Futuro ritorna per strada ad incontrare ed ascoltare i nisseni.

“Vogliamo stare a contatto della gente per accorciare la distanza tra la Politica ed il Cittadino – dichiara il Consigliere Comunale Oscar Aiello – vi aspettiamo dunque sabato 5 Maggio, dalle 18 alle 20, al gazebo collocato in Corso Vittorio Emanuele (angolo Via XX Settembre), dove con gli attivisti di Direzione Futuro incontreremo la città  per portare avanti, sul territorio, iniziative di ascolto, partecipazione e dialogo”.

Direzione Futuro sarà presente in giro per la città, con un gazebo itinerante collocato occasionalmente nei vari Quartieri, dove verranno esposte le linee programmatiche e verranno raccolte le idee dei cittadini


TROVARE CON URGENZA
UNA VIA D’USCITA ALLA CRISI

 

Gli ultimi episodi di violenza e minaccia nei confronti dei Sindaci di Ribera e Porto Empedocle, cui va la nostra totale solidarietà, ci lasciano inquieti.
Già nelle settimane scorse abbiamo visto i fatti di Licata.
I Sindaci e chi opera attivamente nella Società attivamente sono esposti e diventano i “parafulmini” di una società agrigentina sempre più povera, disperata.
Non credo che possiamo limitarci alla recensione dei fatti, occorre reagire.
Occorre che le forze migliori di questa provincia, i Sindaci, i rappresentanti del Mondo dell’Imprenditoria, dell’Impresa, delle Professioni facciano una comune radiografia dei problemi e che, soprattutto, individuino una “via d’uscita” possibile che ridia speranza, lavoro, sviluppo e prospettiva a questa nostra terra.
Occorre monitorare, accellerare e trasformare in cantiere tutti gli annunci fatti in questi anni.
Abbiamo le risorse umane e materiali per rilanciare questa provincia, si tratta di farlo dentro un progetto ed una regia condivisa.
Lo diciamo da troppo tempo inascoltati, torniamo a sollecitarlo,

A seguito della nomina a membro della Commissione Statuto, l’on. Stefano Pellegrino, già Presidente della Commissione Affari Istituzionali dichiara: “Il lavoro che ci aspetta dovrà essere orientato nella consapevolezza che lo Statuto consegna alla Sicilia autonomia politica, legislativa, amministrativa e finanziaria. Con grande entusiasmo – conclude Pellegrino –  auspico che già dalla seduta d’insediamento, ci sia un collegiale impegno per il bene della nostra Regione”.

Oltre al Deputato marsalese, fa parte della Commissione il Capogruppo di Forza Italia al Parlamento siciliano, l’on. Giuseppe Milazzo.

 

L’artigianato agrigentino raccontato attraverso gli scatti artistici. A proporre l’evento “I luoghi del lavoro” è la CNA Pensionati di Agrigento, in occasione della prima edizione del Premio per le “Arti Visive 2018”, a cura di Nello Basili e Angelo Pitrone. La mostra aprirà i battenti nel pomeriggio di domenica e potrà essere visitata fino al 20 maggio. Ad ospitarla il Circolo Culturale Empedocleo di via Atenea. La cerimonia di inaugurazione è in programma per le ore 18,30 con gli interventi del segretario della Cna Sicilia, Piero Giglione, con il segretario regionale dei Pensionati, Mario Filippello, del presidente provinciale di categoria, Francesco Curaba, della segretaria, Lia Spallino, e dei due curatori dell’esposizione. Previsto il contributo del presidente provinciale della Cna di Agrigento, Mimmo Randisi. Le foto, che documentano il lavoro di alcune aziende che operano nel territorio, sono state realizzate da Samantha Capitano, Giuseppe Cumbo, Francesco Novara, Kata Papp e Nuccio Zicari. I cinque giovani autori, affidandosi al proprio sguardo, alla propria sensibilità e alla propria poetica, hanno immortalato immagini emblematiche: obiettivo puntato, in particolare, su un cantiere navale nel Mediterraneo, a Licata, che produce pescherecci e yacht, su una azienda agricola, tra Ioppolo e Raffadali, su una giovane restauratrice di opere pittoriche a Canicattì, su un’artista della ceramica a Sciacca e su un falegname intarsiatore a Raffadali. “Vogliamo mostrare i “luoghi di lavoro” visti dai fotografi, da un punto di osservazione non usuale – afferma il presidente di CNA Pensionati Curaba – un’interessante iniziativa culturale rivolta alla valorizzazione del mondo lavoro, una realtà che coinvolge tutti, e all’approfondimento del reportage di indagine sociale ed economica e della fotografia contemporanea”. Il Premio si avvale dell’organizzazione del Centro Studi Erato e della collaborazione del Circolo Culturale Empedocleo e con la rivista “Office delle Arti” media partner.

“Lo scenario delineato dall’Istat sulla natalità è sempre più impietoso. Sei milioni di italiani in meno nei prossimi quarant’anni, con il Sud che va inesorabilmente spopolandosi, praticamente a rischio estinzione. In questo contesto, soprattutto nel Mezzogiorno, ci saranno sempre meno giovani e più anziani. Il Sud e la Sicilia rischiano di diventare la casa di riposo dell’Italia, altro che locomotiva della ripresa. Con l’aggravante che gli anziani benestanti preferiranno trasferirsi all’estero o seguire i loro figli, mentre al Sud rimarranno quelli indigenti. Non solo, aumenteranno gli immigrati. La desertificazione del capitale umano comporterà inevitabilmente un impoverimento generale, per cui ci sarà una guerra tra poveri, tra migranti e anziani. In sostanza è a rischio proprio il futuro della nostra stessa società. Meno tasse, sostegno vero alle famiglie, ai figli, alla maternità, più investimenti e più welfare con attenzione a disabili e non autosufficienti. La Lega di Salvini ha le idee chiare per contrastare questo inverno demografico”.

Così il deputato della Lega Alessandro Pagano.

E’ arrivata nella notte della salma dello sfortunato giovane agrigentino Carmelo Tornabene, morto lo scorso 29 a Malta, dove lavorava come autista di autobus, per le ferite e i traumi riportati dopo un incidente stradale in cui è stato coinvolto.

La famiglia di Carmelo ha già fissato gli orari per i funerali: si terranno oggi alle dieci presso la Chiesa Evangelica di via Dante.

Grazie ai social network la famiglia dello sfortunato giovane continua a raccogliere fondi per dare un sostegno utile anche in occasione del trasporto in Italia della salma.

Uno dei colleghi di Carmelo ha ringraziato su facebook tutti coloro che si stanno prodigando per questa lodevole iniziativa di solidarietà.