Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 105)

Ad Agrigento è stato provvisoriamente e precauzionalmente imposto il divieto di transito da piazza Vittorio Emanuele a via San Vito, dove ha sede l’Inps, a causa di un sospetto rigonfiamento, forse provocato da infiltrazioni d’acqua, del muro tufaceo di sostegno sotto il Circolo Tennis a cui si accede da via De Gasperi. Sul posto hanno compiuto un sopralluogo congiunto i responsabili della Protezione civile comunale e regionale, del Genio civile e dell’ Ufficio tecnico comunale.

Il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, ha incontrato il commissario della Provincia, generale Vincenzo Raffo, nella sede della Provincia. A conclusione, Di Rosa afferma: “La Codacons di Agrigento, impegnata in prima linea nel territorio, offre la piena collaborazione per il raggiungimento dell’obiettivo comune della legalità e della sicurezza delle nostre comunità. Riteniamo che lavoro sinergico tra le istituzioni e la collaborazione tra con le associazioni impegnate nel territorio, rappresenti un punto di forza nell’affrontare le tante problematiche che quotidianamente siamo chiamati ad affrontare”.

Le autorità di Malta hanno vietato l’ingresso in porto alla nave da crociera Msc Seaside perché un passeggero è risultato positivo al covid durante la navigazione, iniziata il primo giugno scorso da Siracusa. Adesso, secondo i protocolli della Compagnia, tutti i passeggeri dovranno sottoporsi a test o essere vaccinati per poter essere ammessi all’imbarco. La nave da crociera nel frattempo è rientrata a Siracusa.

Come ormai noto alle cronache, con la recente sentenza dello scorso 31 Maggio, il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana ha accolto i ricorsi in appello proposti dal Comune di Catenanuova, assistito dall’Avv. Girolamo Rubino, dal Commissario Straordinario nominato in sostituzione del Consiglio Comunale, dott.ssa Salvina Cernigliaro, difesa dall’avv. Giuseppe Impiduglia e dalla Presidenza della Regione Sicilia, difesa ope legis dall’Avvocatura Distrettuale dello Stato, riformando la sentenza del TAR Catania che aveva annullato il Decreto del Presidente della Regione Siciliana di nomina del Commissario Straordinario in sostituzione dell’Organo consiliare del Comune di Catenanuova decaduto a seguito delle dimissioni non contestuali di vari consiglieri.

Per effetto della suddetta sentenza, il Commissario straordinario continuerà ad esercitare, sino al termine del mandato elettorale del Sindaco, le funzioni in sostituzione del Consiglio Comunale, mentre i Consiglieri appellati – ossia i sei rimasti in carica rispetto ai dodici originariamente assegnati – soccombenti in giudizio dovranno provvedere anche al rimborso del contributo unificato versato dal Comune di Catenanuova per la proposizione del giudizio di appello.

Come previsto dalla normativa, infatti, gli importi del contributo unificato corrisposti dal ricorrente vittorioso per le spese degli atti vanno rimborsati allo stesso anche nel caso di compensazione giudiziale delle spese, e posti a carico della parte soccombente in giudizio.

Tutta la vicenda, come si ricorderà, nasce dall’avvenuta nomina, con apposito decreto del Presidente della Regione Siciliana, della dottoressa Salvina Cirnigliaro quale Commissario straordinario, in sostituzione del Consiglio Comunale di Catenanuova decaduto a seguito delle varie dimissioni non contestuali dei componenti dell’Organo consiliare e della impossibile loro sostituzione/surroga (atteso l’esaurimento dell’unica lista partecipante alla competizione elettorale del 2018).

Il C.G.A., chiudendo definitivamente la vicenda – previo accoglimento della richiesta cautelare presentata dall’Avv. Girolamo Rubino, difensore dell’Ente – ha accolto gli appelli proposti dal Comune di Catenanuova, dal Commissario Straordinario e dalla Presidenza della Regione Sicilia e, condividendo di fatto le tesi difensive degli appellanti, ha riformato la sentenza di primo grado, riconoscendo la piena legittimità del decreto presidenziale di nomina del Commissario straordinario in sostituzione del Consiglio comunale di Catenanuova

Promosso dall’Associazione Sant’Erasmo, con il sostegno del Movimento Cristiano Lavoratori, si svolgeranno a Palermo dal 22 giugno sino al primo luglio prossimo, quattro incontri tematici sul mare. In particolare il ciclo di incontri si terranno martedì 22, giovedì 24 e martedì 29 giugno per concludersi giovedì 1 luglio. Gli appuntamenti mattutini, che avranno la durata di circa 4 ore, si svolgeranno presso “Il Nautoscopio”, rinomata struttura ricettiva che si affaccia sul golfo di Palermo, in prossimità del porto della Cala. Secondo questo progetto, voluto fortemente dal presidente dell’Associazione Sant’Erasmo, Santi Gatto, e sostenuto dal responsabile di MCL, Giuseppe Gennuso, “il mare viene visto come luogo ricreativo, culturale e di inclusione, una visione nuova e libera dei condizionamenti che oggi la società moderna ci impone. Partendo da tale presupposti il progetto vuole cominciare a fondare le basi per una ‘Scuola di Mare’, fatta di esperienze vissute, studio, momenti di condivisione e divertimento tra pari, senza preclusioni di genere o di capacità”. Il progetto sarà dedicato ad un pubblico abbastanza vasto che va dai 14 ai 20 anni, certamente eterogeneo come fascia di età ma dove gli argomenti trattati e le esperienze possono essere gestite in modo abbastanza univoco. Gli argomenti approfonditi riguardano la bellezza e il valore del paesaggio marino, i tesori e la fauna delle nostre coste, gli effetti negativi procurati dall’incuria dell’ambiente marino, le Aree Riserve Marine e la conoscenza dei rudimenti della navigazione e dell’arte marinaresca. Numerosi e altamente qualificati i relatori degli incontri e tra questi Gabriella Monteleone, della Soprintendenza del Mare, Giacomo Buffa, naturista, Carla Noto, psicologa clinica, Mauro Sino poli, della Stazione Zooologica “Anton Dohrm”, Stefano Vinciguerra e Nicolò Bruno, della Soprintendenza del Mare, Vincenzo Pace ammiraglio, Francesco Landini esperto subacqueo, Silvano Riggio biologo marino, Pietro Ciulla presidente WWF Sicilia Nord e Rosanna Castiglia neurologa.

Ad Agrigento, domani, giovedì 10 giugno, nei locali della Biblioteca Lucchesiana, in via Duomo 94, alle ore 10, sarà restituito al Direttore della Biblioteca un antico atlante risalente al 1570, recuperato dai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Bologna. Interverranno monsignor Alessandro Damiano, arcivescovo di Agrigento, il colonnello Vittorio Stingo, comandante provinciale Carabinieri di Agrigento, il tenente colonnello Giuseppe De Gori, comandante del Nucleo Carabinieri tutela patrimonio culturale di Bologna, e don Angelo Chillura, direttore della Biblioteca Lucchesiana di Agrigento.

I Carabinieri della Compagnia di Trapani hanno perquisito a Favignana l’abitazione della madre di P R, sono le iniziali del nome, 57 anni, e hanno rinvenuto 16 involucri con della cocaina, circa 13 grammi, poi 5 grammi di marijuana, 2 di hashish, e 2 bilancini di precisione. Determinante è stato il fiuto dei cani antidroga, Lego e Ron. Altra perquisizione, ancora a Favignana, è stata eseguita a casa di B G, 50 anni, intorno a cui è stato notato un sospetto viavai. Sono stati scoperti e sequestrati 85 grammi di resina di cannabis, 15 grammi di marijuana e un bilancino di precisione. Entrambi sono stati arrestati.

Con un sit – in organizzato innanzi alle Prefetture di Palermo, Messina e Agrigento, i sindacati del settore scuola di Cgil, Cisl, Uil, Snals Confsal e Anief, hanno manifestato al fine di sensibilizzare il governo a modificare alcune misure contenute nel decreto Sostegni bis. I sindacati rivendicano la stabilizzazione di tutti i precari, sia abilitati che specializzati con tre anni di servizio, la stabilizzazione dei Dsga, i Direttori dei servizi generali e amministrativi, con tre anni di servizio, il superamento dei blocchi sulla mobilità del personale, l’ampliamento degli organici del personale docente, educativo ed Ata, ovvero assistente tecnico e amministrativo, con conferma dell’organico Covid, e poi la riduzione del numero massimo di alunni per classe, e la possibilità di partecipare ad un nuovo concorso anche in caso di mancato superamento di quello precedente.

A Palma di Montechiaro, su proposta all’Amministrazione comunale del consigliere Salvatore Malluzzo, il Consiglio ha votato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita, Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti. Lo stesso Malluzzo afferma: “Da oggi la senatrice Segre sarà ufficialmente nostra concittadina. E’ un significativo segnale di civiltà che noi Istituzioni diamo a tutta la comunità di Palma di Montechiaro, affinchè le giovani generazioni palmesi e quelle future possano costantemente seguire, come punto di riferimento, donne come Liliana Segre, depositaria di un passato che non va dimenticato. Le libertà, i diritti, sono concetti che abbiamo conquistato con il sangue e che dobbiamo difendere incessantemente. Oggi si scrive una bella e sana pagina per la nostra città”. Nella stessa seduta si è provveduto anche al rilascio della cittadinanza onoraria alla memoria di Norma Cossetto, giovane studentessa vittima delle foibe.

Uno scontro con un’altra moto ed è stata la fine. Purtroppo stiamo ancora una volta a raccontare di una giovane vita spezzata. Leonardo Lombardo, 17 anni di Marianopoli in provincia di Caltanissetta, stava viaggiando a bordo del suo scooter allorquando in una via del centro si è scontrato con una moto per cause che sono in corso di accertamento da parte dei Carabinieri che sono intervenuti sul posto unitamente alle ambulanze del 118.

Per Lombardo non c’è stato nulla da fare, la morte sarebbe avvenuta immediatamente dopo lo schianto.

Per fortuna le condizioni dell’altro conducente non sono gravi.