Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 105)

Ufficializzate diverse liste dei candidati alle prossime elezioni Regionali, in programma il prossimo 25 settembre. Per la provincia di Agrigento queste le candidature:

De Luca sindaco di Sicilia: Roberto Battaglia, Gaetano Cani, Ciro Miceli, Salvatore Monte, Maria Dalli Cardillo e Marzia Maniscalco.

Prima Italia-Lega Salvini Premier: Carmelo Pullara, Sabrina Lattuca, Cesare Sciabarrà, Paola Sacco, Antonino Lauricella, e Carmelo D’Angelo.

Dc Nuova: Carmelo Pace, Salvatore Fanara, Giuseppe Alaimo, Decio Terrana, Marinella Notonica e Chiara Cosentino.

Cento Passi per la Sicilia Claudio Fava: Pietro Aquilino, Vincenzo Fontana, Angela Galvano, Mario Mallia, Giuseppe Montalbano e Teresa Monteleone.

Forza Italia: Riccardo Gallo Afflitto, Margherita La Rocca Ruvolo, Vincenzo Antonio Fontana, Alessandra Fiaccabrino, Luigi Salvaggio e Antonio Vincenti.

Fratelli d’Italia: Giusy Savarino, Matteo Mangiacavallo, Giovanni Cirillo, Daniela Ragona, Giovanni Di Caro e Paola Antinoro.

Pd: Michele Catanzaro, Salvatore Martello, Vita Maria Mazza, Calogero Roul Passarello, Stella Vella e Antonio Zarcone.

Movimento 5 Stelle: Giovanni di Caro, Salvatore Ersini, Angelo Cambiano, Marcella Carlisi, Francesco Castrogiovanni, Veronica Bellicosi (Antonella Di Prima).

Siciliani Liberi: Mario Pagliaro, Raffaella Esposito, Anna Manzo, Marco Lo Dico, Giovanni Cappello e Antonio Norrito.

Popolari e Autonomisti: Giovanni Di Mauro, Assunta Galluzzo, Giulia Gulisano, Dyana Intorre, Domenico Licata e Vito Maglio.

“Ci si ricorda di loro quando con l’estate, iniziano i roghi. Quando senti le sirene. Quando qualcuno dice: con queste temperature per fortuna che ci sono. Poi, estate finita tornano nell’ombra. Nessuno più si ricorda degli interventi quadruplicati viste le alte temperature di questo anno. Visti i nubifragi improvvisi. Nessuno racconterà che con grande sacrificio e senso di responsabilità i Vigili del Fuoco sono costretti a sopperire alle carenze di lavoratori. Nessuno sa che tra i compiti Istituzionali dei VF oltre al soccorso pubblico, vi sono: prevenzione incendi, protezione civile, difesa civile che ricomprende la garanzia e la sicurezza delle istituzioni;, la capacità di sopravvivenza economica, produttiva e logistica del Paese in occasione di crisi interne o internazionali; nell’ambito di tali crisi, la gestione di rischi di tipo non convenzionale, derivanti dall’impiego in danno di persone o beni, di armi di distruzione di massa di tipo nucleare, biologico e chimico. Ed ancora : garantire il soccorso specializzato con appositi nuclei, in caso di pericolo nucleare, biologico, chimico e radiologico concorrere alla preparazione di unità antincendi per le forze armate; addestrare specifiche unità preposte alla protezione della popolazione civile in caso di eventi bellici. Un “imponente” organizzazione nazionale che  prevede  ben 8 Direzioni Centrali: Direzione Centrale per l’Emergenza, Direzione Centrale per la Formazione, Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica, Direzione Centrale per le Risorse Logistiche e Strumentali, Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile, Direzione Centrale per le Risorse Umane, Direzione Centrale per le Risorse Finanziarie, Direzione Centrale per l’Amministrazione Generale. Con una “maestosa” macchina organizzativa, vuoi che manchi personale o qualche euro nelle tasche dei Vigili del Fuoco? Vuoi che manchi la giusta formazione, i giusti mezzi, le giuste protezioni a sicurezza degli stessi? Qualcuno poi si “incazza” quando paragoniamo lo stipendio del Vigili del Fuoco italiani a quello della Germania. “sempre sta  caspita di Germania” direbbe u Zu Calò. Almeno in Germania i contratti si rinnovano al meglio. Le attrezzature sono all’avanguardia, i mezzi sono dotati di tecnologie moderne e soprattutto non ci sono 8 Direzioni Centrali”.

Lo dichiara il segretario SGB Aldo Mucci

Il Libero Consorzio Comunale di Agrigento ha approvato le linee guida per assicurare il servizio di trasporto per l’anno scolastico 2022/23.

Il servizio è destinato a quei soggetti con handicap grave che frequenteranno gli Istituti Superiori di II° grado di competenza dell’Ente, la cui patologia sia tale da non consentire, autonomamente, il trasporto con mezzi pubblici di linea.

La modulistica per richiedere il servizio nonchè, la documentazione da produrre da parte dei soggetti interessati, sono pubblicati nella Home Page del sito dell’Ente www.provincia.agrigento.it, nella sezione “In Evidenza” oppure http:/ www.provincia.agrigento.it/in-evidenza.

Le istanze dovranno essere trasmesse via e-mail al seguente indirizzo: g.cassaro@provincia.agrigento.it oppure inviate tramite posta o consegnate nelle sedi URP dell’Ente o tramite PEC.

Saranno inoltre organizzati dal Settore Solidarietà Sociale, delle riunioni presso gli Istituti di Istruzione Secondaria di II° grado per incontrare gli aventi diritto al servizio.

Con questa modalità il Libero Consorzio Comunale di Agrigento vuole avvicinare l’Istituzione agli utenti attraverso un loro maggiore coinvolgimento rispetto ai servizi che l’Ente eroga in favore dei soggetti diversamente abili.

A Caltanissetta i Carabinieri hanno arrestato un uomo di 34 anni, M B sono le iniziali del nome, indagato di maltrattamenti in famiglia e stalking. A denunciarlo sono stati l’ex moglie e il nuovo compagno di lei, vittime il 14 agosto scorso dell’ennesimo episodio persecutorio nei loro confronti. Lui avrebbe inseguito a bordo della sua automobile i due che hanno percorso diverse strade cittadine fino alla caserma dei Carabinieri con i quali sono stati in contatto telefonico. Nonostante fosse in prossimità della caserma, il 34enne non ha esitato ad avvicinarsi all’automobile dei due e a scagliare pugni e calci contro vetri e carrozzeria.

1.762 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 11.828 tamponi processati. Ieri erano 1.732. Il tasso di positività è al 14,9% in crescita rispetto al 14,6% di ieri. La Sicilia è al quarto posto per contagi fra le regioni italiane. Gli attuali positivi sono 79.255 con un decremento di 4.389 casi. I guariti sono 6.135 e 16 le vittime, che portano il totale dei decessi a 12.035. Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 531, in terapia intensiva sono 32.

Questi i dati nei Comuni capoluogo: Palermo 395, Catania 327, Messina 354, Siracusa 139, Trapani 144, Ragusa 100, Caltanissetta 86, Agrigento 156, Enna 61.

Sono 50 i migranti che con due barche sono giunti a Lampedusa durante la notte. I due sbarchi avvengono dopo quasi 4 giorni di stop dovuti verosimilmente alle condizioni meteo sfavorevoli, tra mare agitato e vento. Provengono da Mali, Costa d’Avorio, Camerun, Tunisia e Nigeria. Entrambi i natanti sono stati intercettati dalla Guardia di Finanza a 17 miglia dalla costa di Lampedusa. Adesso sono ospiti del locale Centro d’accoglienza dove attualmente si contano 334 persone.

Vile atto intimidatorio nei confronti del vicesindaco. Ieri nella notte è stato distrutto con una pietra il parabrezza della sua macchina.
“A nome mio e di tutta la maggioranza condanno il vile gesto ed esprimo piena solidarietà nei confronti del Professore Salvatore Cutró – ha dichiarato il sindaco Milko Cinà – . Purtroppo il clima di veleno che abbiamo subito attraverso i social e che continuiamo a subire, oggi si concretizza in azioni di questo tipo. È giunto il momento di porre un freno alla violenza verbale e non solo a cui stiamo assistendo ormai da troppo tempo. Spero che i Carabinieri, immediatamente allertati, possano individuare il prima possibile l’autore/gli autori di questo vile gesto”.

Nel ciclo della seconda edizione di SERATE AL MUSEO, con la direzione artistica di Beniamino Biondi, giovedì 25 agosto alle ore 21:00, nel chiostro del Museo Archeologico Regionale Pietro Griffo, la proiezione del film “L’arte di arrangiarsi”, con la regia di Luigi Zampa e l’interpretazione di Alberto Sordi. Il film è un omaggio a Vitaliano Brancati, il grande scrittore siciliano che ne ha scritto per intero il soggetto e la sceneggiatura.

Rosario Scimoni, un opportunista senza scrupoli, nipote del sindaco di Catania, è sempre pronto a schierarsi con chiunque possa aiutarlo. Passa dal socialismo al fascismo con apparente cinismo; cambia fede politica con la stessa facilità con cui cambia le donne. Dopo essere stato braccio destro di un onorevole e amministratore di molini, nel dopoguerra arriva a Roma e tenta di girare un film, dapprima cercando l’appoggio dei comunisti, e con la vittoria dei democristiani è costretto a cambiare la sceneggiatura. Il film religioso, con protagonista l’ennesima fidanzata, è finanziato con i capitali di un duca il quale, convinto di finanziare le missioni estere, non appena scopre la verità lo fa arrestare e condannare a cinque anni di carcere. Una volta uscito, Rosario tenta di fondare un partito proprio, ma alle elezioni prende pochissimi voti e si ridurrà a vendere lamette da barba con la sua nuova compagna.

“L’arte di arrangiarsi” è l’ultimo copione a cui lavorò il compianto scrittore Vitaliano Brancati. Interpretato e dominato da un Alberto Sordi in pienissima forma, è il ritratto e la storia, di timbro prettamente brancatiano, cioè satirico, di uno dei tanti voltagabbana, versipelle, opportunisti, che hanno fatto i loro giochi di destrezza in un tempestoso scorcio di storia nazionale.

Un’altra scossa di terremoto in Sicilia. Dopo la provincia di Palermo e la provincia di Messina, adesso è stata la volta della Valle del Belice, già teatro del disastroso terremoto della notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968, a ridosso delle province di Trapani, Palermo e Agrigento. Alle ore 2:20 della scorsa notte una scossa, anche se per fortuna di lieve entità, è stata registrata con epicentro a Salaparuta. Il sisma, secondo quanto rilevato dalla sala sismica dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Roma, ha avuto un’intensità di 2.3 e una profondità di appena 1 chilometro. E non si tratta di un caso isolato, perchè martedì sera, sempre in quella zona, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato un’altra scossa, di magnitudo 2.1 e con epicentro nella vicina Poggioreale.