Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 1005)

A Taormina, da sabato 24 a mercoledì 28 giugno, si svolgerà la settima edizione di “Taobuk”, il Festival Internazionale del libro, tra letteratura, cinema, musica, teatro, arti visive, giornalismo ed enogastronomia. Scrittori, giornalisti, filosofi, artisti, esponenti della società civile e politica, sia italiani che internazionali, parteciperanno a incontri, tavole rotonde, momenti musicali e di spettacolo, reading, mostre di fotografie, botteghe del gusto, itinerari turistici, proiezioni di film e corsi di scrittura. In particolare, e tra l’altro, mercoledì 28 giugno, al Teatro Antico, alle ore 18, sarà la volta del dibattito “I vecchi e i giovani”, su Luigi Pirandello, a 150 anni dalla nascita, con lo scrittore ed editorialista del “Corriere della Sera” e de “Il Messaggero”, Matteo Collura, insieme ad Anna Maria Sciascia, la figlia dello scrittore, e Claudio Pirandello, nipote di Stefano, primogenito del drammaturgo a cui lo stesso Matteo Collura ha dedicato uno dei suoi libri più importanti: “Il gioco delle parti – Vita straordinaria di Luigi Pirandello” (Longanesi 2010, ora disponibile nella collana TEA).Matteo Collura ha appena pubblicato su “Il Messaggero” un articolo, con richiamo in prima pagina, intitolato “Pirandello, l’uomo languido che trasformò l’infelicità in arte”, scritto ancora in occasione dei 150 anni dalla nascita di Pirandello.

Le recenti tendenze del credito alle imprese siciliane. Focus sul credito all’artigianato a dicembre 2016.
I prestiti alle imprese artigiane della Sicilia – I dati resi disponibili grazie alla collaborazione con Artigiancassa indicano a dicembre 2016 uno stock dei prestiti concessi alle imprese artigiane della Sicilia pari a 1.641 milioni di euro, con una diminuzione in un anno di 74 milioni, pari al -4,3%, in attenuazione rispetto al -5,3% di dicembre 2015. Enna, insieme a Barletta-Adria-Trani, sono le uniche due province italiane che registrano un incremento dei finanziamenti concessi all’artigianato (+1%). Seguono con variazioni negative ma meno accentuate della media regionale (-4,3%) la provincia di Messina (-2,4%), di Agrigento (-2,5%), di Siracusa (-3,1%), di Caltanissetta (-3,6%), di Palermo (-3,7%) e di Ragusa (-3,7%).
In Sicilia l’artigianato assorbe il 6,0% del totale dei prestiti alle imprese, con quote più elevate a Enna (9,4%) e a Ragusa (8,6%).
I prestiti alle imprese sotto i 20 addetti della Sicilia – In Sicilia il 27,4% dei finanziamenti è erogato a favore di imprese con meno 20 addetti. A dicembre 2016 lo stock dei prestiti alle MPI è in diminuzione del 6,4% rispetto allo stock di febbraio 2016. La flessione dei prestiti alle imprese sotto i 20 addetti è diffusa in tutte e nove le province ma risulta più accentuata a Enna (-9,2%), Ragusa (-7,6%), Caltanissetta (-7,4%) e Siracusa (-7,0%).
Tassi attivi effettivi sui finanziamenti alle imprese per territorio – A dicembre 2016 il tasso attivo effettivo sui finanziamenti per cassa a imprese non finanziarie riferiti ad operazioni in essere e a rischi autoliquidanti e a revoca è pari a 6,52%, livello più alto registrato tra le regioni italiane, dopo quello della Calabria (7,50%) e del Molise (6,65%), e in calo di 87 punti base in un anno.
Tra le province osserviamo i tassi più alti a Enna (7,86%, -79 punti base rispetto ad un anno fa) e a Messina (7,45%, inferiore di 102 punti base rispetto ad un anno fa).


“Apprendiamo le dichiarazione dell’assessore Fontana sui possibili licenziamenti dei netturbini in esubero nel Comune di Agrigento.
È necessario precisare che la Cisl e la Fit Cisl hanno da sempre avuto una posizione coerente e chiara ed hanno firmato insieme alle altre organizzazioni un accordo sulla mobilità interna del personale impiegato nei comuni facenti parte della Srr al fine di scongiurare il rischio licenziamento.
Per la Cisl il problema non esiste, infatti i comuni della Srr Agrigento Est hanno già fatto formale richiesta per circa 45 unità. Tale atto permetterebbe al comune di Agrigento di raggiungere la soglia delle 105 unita’ previste e il conseguente avvio della raccolta differenziata entro la fine dell’estate.
Inoltre, entro il 31 dicembre, altre 9 unità saranno collocate in pensione.
Noi non apparteniamo a coloro che vogliono fare “melina” e l’assessore farebbe bene a fare nomi e cognomi, indicando gli eventuali responsabili dei rallentamenti.
La Cisl lavora per la salvaguardia dei posti di lavoro ed il completamento dell’orario di chi oggi nel settore ha l’orario ridotto.
I continui incontri ed i proclami pubblici servono solo a creare confusione ed insicurezza tra i lavoratori.
Per noi i tempi sono maturi per avviare la mobilità interna,nella considerazione che i comuni che fanno richiesta di personale non possono aspettare ancora per molto e quindi, dovranno provvedere al reperimento del personale.
Ovviamente, non è possibile realizzare nuove assunzioni poiché minerebbero la sicurezza del posto di lavoro di tanti padri di famiglia.
Invitiamo, pertanto, tutti ad esercitare il proprio ruolo con responsabilità, ad iniziare dai comuni che hanno l’obbligo di verificare gli elenchi del personale impiegato dalle imprese a garanzia degli stessi lavoratori e dei cittadini che non possono più sopportare i costi del servizio.”

Seconda giornata del long week end dedicato a Pier Maria Rosso di San Secondo per il Festival della Strada degli Scrittori.
I modi della narrazione breve saranno oggetto del talk letterario in programma oggi pomeriggio, 9 giugno, dalle 18,30 a Caltanissetta, nella sede dell’Infopoint della Pro Loco di Caltanissetta. Coordinato dal critico Gero Miccichè e moderato dalla giornalista Chiara Mangione, “Racconti di Strada” avrà come ospiti Giuseppina Maria Avenia, Rosaria Carbone, Maurizio Mangione, Carmela Urrico, Stella Vella ed Antonella Vinciguerra. Sempre oggi pomeriggio dalle 16,30 al teatro Rosso di San Secondo di Caltanissetta saranno protagonisti i vincitori del primo premio ‘Rosso di San Secondo’. Al termine sarà proiettato “Il ratto di
Porserpina” di Bernardino Giuliana, realizzato in occasione del Centenario della nascita. Infine alle 20,00 nell’atrio del Palazzo Municipale di corso Umberto I
andrà in scena il concerto ‘Sona sona’ dei Murra, un gruppo di musica etnica fondato dai fratelli Raffaele e Fabio Messina. Lo spettacolo avrà come obiettivo la valorizzazione della cultura popolare in tutte le sue sfaccettature: dagli episodi della storia ai canti della tradizione, passando anche per la musica tipica del meridione, ovvero la tarantella. Il concerto sarà arricchito da sonorità tipiche dei popoli che sono passati dalla Sicilia come gli arabi, i greci e gli spagnoli. Il tutto è stato rivisitato dal gruppo, attribuendo a queste musiche un sound moderno.
Stamattina l’inaugurazione del Parco Letterario Pier Maria Rosso di San Secondo nell’atrio della Biblioteca Scarabelli. La manifestazione è stata preceduta dai cori delle scuole che hanno cantato gli Inni d’Italia, d’ Europa e di Sicilia, dalla mostra dei lavori degli studenti che hanno partecipato al concorso inaugurata dal Provveditore agli Studi, dall’esposizione di foto e documenti, dagli stand delle case editrici Sciascia e Lussografica con le pubblicazioni di autori nisseni, da letture sansecondiane con accompagnamento musicale e dal convegno di studi su Rosso.
Ieri sera grande afflusso di pubblico all’inaugurazione della mostra curata da SicilStoria “Andrea Camilleri, Vigata e i luoghi dello sbarco”, cerimonia che si è svolta alla presenza delle massime autorità locali e che è coincisa con l’apertura alla città dell’ex rifugio antiaereo recuperato recentemente per iniziativa del Comune di Caltanissetta. Poco dopo, particolarmente interessante è stata la presentazione del libro di Roberto Sottile “Le parole del tempo perduto ritrovate tra le pagine degli scrittori” edizioni Navarra. A precedere il suo intervento è stata la Marina Castiglione, dell’Università di Palermo, che ha anche illustrato la mostra “A tavola con gli scrittori”.
L’origine dei termini utilizzati sia in cucina che nella vita quotidiana è stata analizzata suscitando grande curiosità, tra storia e cultura mediterranea.
Successo per il concerto dei fratelli Mancuso. Reduci dal conferimento della Laurea Honoris Causa in Scienze Cognitive dell’Università di Messina hanno riempito di pubblico il cortile interno del Palazzo del Carmine, sede del Comune, nell’ambito della tappa di Caltanissetta del Festival della Strada degli Scrittori.
Nel tempo questi straordinari artisti hanno sviluppato la nostalgia e l’amore per la loro terra con la musica, portando in giro per il mondo la vera, profonda e ricca tradizione culturale e musicale siciliana, arricchendola delle culture musicali dei diversi luoghi del mondo dove hanno portato la loro musica. Performance coinvolgente e appassionata e a tratti commovente.

Un uomo di, 30 anni, Dario Ferrauto, e’ morto in un incidente stradale. Il giovane era a bordo di una Vespa insieme ad un amico che si e’ scontrata con una volante della polizia. I rilievi sono stati eseguiti dai vigili urbani dell’infortunistica. Il sinistro si verificato avvenuto tra via Dante e via Sammartino a Palermo. La via Dante e’ rimasta chiusa per ore.

La Direzione investigativa antimafia di Catania, diretta da Renato Panvino, con la sezione operativa di Messina, ha eseguito un decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Catania nei confronti di un soggetto ritenuto reggente del clan mafioso operante a Cesarò, e referente territoriale, per la zona di Bronte e nel territorio dei Nebrodi, del clan catanese Santapaola-Ercolano. Tra i beni sequestrati imprese operanti nel settore agricolo (allevamento e coltivazione di fondi), numerosi terreni agricoli, un fabbricato a Cesarò (ME), diversi veicoli, titoli ordinari Agea e rapporti finanziari in corso di quantificazione. Ulteriori dettagli dell’operazione verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 10.45 nella sede del centro operativo della Dia di Catania (via Vecchia Ognina 168).

Brutta disavventura per un bimbo a Caltanissetta. Il piccolo era in braccio al padre ed era intento a mangiare un’albicocca. Ad un tratto il bambino ha iniziato a respirare malamente ed il padre ha chiamato immediatamente i soccorsi. Sul luogo si sono portati gli operatori del 118 che hanno iniziato a praticare le manovre atte a disostruire le vie respiratore. Un pezzo di albicocca, infatti, rimasto incastrato, impediva al bimbo di respirare regolarmente e rischiava di soffocarlo. Subito dopo il bimbo è stato portato all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, luogo dove si è verificato il fatto, dove i medici lo hanno posto sotto osservazione. Le sue condizioni non destano preoccupazione.


Il boss palermitano Giuseppe Graviano e’ indagato per la cosiddetta trattativa Stato-mafia. Intercettato per quasi un anno dai pm di Palermo, mentre parla a ruota libera anche della trattativa, Graviano viene interrogato dai magistrati a marzo e gli viene contestato il reato di minaccia a Corpo politico dello Stato in concorso con altri boss, per cui gia’ e’ in corso un processo.
“Berlusca mi ha chiesto questa cortesia… per questo è stata l’urgenza di… come mai questo qua, poi che successe, ero convinto che Berlusconi vinceva le elezioni in Sicilia, Berlusconi…”. E’ quanto dice, senza sapere di essere intercettato, il boss Giuseppe Graviano, detenuto in carcere a un altro detenuto, Umberto Adinolfi, il 10 aprile del 2016. Gli atti delle intercettazioni sono adesso finiti nel dibattimento per la trattativa tra Stato e MAFIA. “Lui voleva scendere – dice ancora Graviano al suo interlocutore – però in quel periodo c’erano i vecchi e lui mi ha detto ci vorrebbe una bella cosa…”.

Dopo l’approvazione della mini finanziaria, una manovra che porta con sé qualche misura per precari e disoccupati, il maxi fondo da 238 milioni per i disabili, e anche l’approvazione della ex tabella H, che stanzia circa 200 milioni di finanziamenti e contributi per enti e associazioni, adesso l’Assemblea Regionale Siciliana è andata in vacanza in occasione delle elezioni amministrative, saltando di fatto la discussione del collegato alla Finanziaria.
Se ne riparlerà il 14 giugno, quando è stata convocata la prima seduta dopo lo stop, ma molto verosimilmente si arriverà a fine giugno dopo il turno di ballottaggio. E secondo i meno ottimisti, trascorrerà l’estate prima di riuscire a discutere e approvare un maxi testo di una novantina articoli e con più di mille emendamenti.
Tante importanti norme sono saltate, come la fusione tra il Cas, il Consorzio autostrade siciliane, e l’Anas, invocata dai sindacati e dallo stesso Crocetta per sbloccare una serie di investimenti sulle autostrade, tra cui i lotti in costruzione della Siracusa-Gela. Rinviato anche lo stanziamento da 86 milioni per rendere operativo il contratto di servizio con Trenitalia.
Nel maxi testo della Finanziaria bis erano previste, tra l’altro, anche le norme per la riorganizzazione della dirigenza regionale, quelle per riformare i Consorzi universitari e gli Ersu, l’introduzione dei prepensionamenti anche negli enti collegati alla Regione, la stabilizzazione all’assessorato ai Beni culturali di circa 650 catalogatori oggi in servizio alla società partecipata Sas.
C’erano pure la liquidazione di Riscossione Sicilia, la soppressione dell’Aran Sicilia e l’abolizione del tetto massimo al numero di amministratori delle società partecipate.
Insomma una Regione che va a rilento sulle procedure burocratiche, e soprattutto nei documenti finanziari. Ascoltiamo nel merito il vice capogruppo del Partito Democratico, Giovanni Panepinto.
L’Intervista è in onda al Vg di Teleacras, guarda il VIDEO
Fonte Teleacras