Home / Articoli pubblicati daRedazione Palermo (Pagina 226)

Il falso pentito della strage di Via D’Amelio, Vincenzo Scarantino, arrestato due settimane addietro, a conclusione della trasmissione Servizio pubblico su La 7, per violenza sessuale su una ragazza psicolabile siciliana ospite di una comunità a Torino, si difende e afferma : “22 anni fa hanno creato il mostro per la strage di via D’Amelio, oggi stanno creando il mostro della violenza sessuale. Che dio mi castighi se io ho commesso ciò di cui mi si accusa. Non mi sono mai permesso. Voglio fare presente ai parenti delle vittime e alla corte che non ho mai commesso violenza sessuale”. Scarantino ha reso dichiarazioni spontanee innanzi alla Corte d’Assise di Caltanissetta che lo processa per calunnia aggravata.

La Guardia di Finanza e la Procura di Palermo hanno denunciato 72 persone, soprattutto imprenditori turistici e teatrali, per truffa aggravata e falso. Rispondono, a vario titolo, di falsi documentali, rappresentazioni in scena di spettacoli fantasma, false attestazioni, costi dichiarati ma mai effettivamente sostenuti, contributi previdenziali non versati, e fatture false. Sono stati notificati gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari. Vittima della truffa da 2milioni e 300 mila euro, per le attività teatrali del 2008, è la Regione Siciliana.

Ecco l’elenco completo dei denunciati dalla Guardia di Finanza: Antonino Zappalà amministratore Unico della Società Cooperativa “Figli d’Arte Franco Zappalà arl”. Franco Zappalà Presidente dell’Associazione Culturale “Parsifal”. Giuseppe Provvidenti Presidente dell’Associazione Culturale e Teatrale “Compagnia Associata Teatrale dell’Arte Dialettale”. Salvatore Amore Presidente e Direttore Artistico dell’Associazione Culturale Compagnia Teatrale “Il Sipario”, Agatino Pasqualin, Presidente dell’Associazione Teatrale “Gruppo D’Arte Sicilia Teatro”. Pier Giuseppe Giuffrida Presidente dell’Associazione Culturale “Il Granteatro”. Santi Epifanio Enrico Zappalà Presidente dell’Associazione Culturale “Scenario Pub.bli.co”. Vincenzo Sasso presidente dell’Associazione Culturale “Teatro Insieme”. Gaetano Aiello Presidente dell’Associazione Culturale e Ricreativa “Il Ficodindia”. Fabio Navarra Presidente dell’Associazione Culturale “Nave Argo”.Vincenzo Firullo pur non avendo i poteri propri del rapporto di rappresentanza, firmava dal 2 settembre 2009 al 8 ottobre 2009 e 21 dicembre 2009 documentazione per la quale era richiesta la firma del legale rappresentante dell’Associazione “CO.M.I.CA.”, sostituendosi illegittimamente a Antonello D’Ambrogio Presidente dell’Associazione dal 20 maggio 2009 al 31 dicembre 2009 ed attribuendo alla propria persona, un falso stato o qualità cui la legge riconnette effetti giuridici. Lucia Acerra Presidente dell’Associazione Nazionale “Italia Nostra Onlus”. Carmelo Gimbo pur non avendo i poteri propri del rapporto di rappresentanza, presentava a propria firma istanza per l’accesso al beneficio e sottoscriveva tutta la documentazione per la quale era normativamente richiesta la firma del legale rappresentante dell’Associazione, sostituendosi illegittimamente a Marco Marano Presidente dell’Associazione dal 30 dicembre 1993, come risultante dalla banca dati “Anagrafe Tributaria” in uso alla Guardia di Finanza ed attribuendo alla propria persona, un falso stato o qualità cui la legge riconnette effetti giuridici. Rosario Pizzuto Presidente dell’Associazione Culturale “Teatro del Canovaccio Onlus”. Celina Bruno Presidente dell’Associazione Culturale “Teatro in primo piano”. Corrado Valvo Rappresentante della Fondazione Teatro Vittorio Emanuele di Noto. Alfio Scuderi Presidente dell’Associazione “Palermo Teatro Festival”. Sabrina Petyx presidente dell’Associazione Culturale “M’Arte – Movimenti d’Arte”. Calogero Franco Presidente dell’Associazione “Il Teatro per la Libertà”. Felice Ciacio presidente della Società Cooperativa Artistica arl. “Compagnia piccolo Teatro”. Giuseppe Speciale rappresentante dell’impresa e presidente della Associazione Culturale “Nuova compagnia del teatro stabile nisseno”. Enrico Roberto Russo rappresentante legale e presidente della Società Cooperativa a r.l. “Compagnia teatro nuovo”. Michele Truscello sindaco pro-tempore del Comune di Novara di Sicilia (ME). Adelano Manfrini presidente dell’Associazione Culturale “Arte Viva”. Laura Bottino, legale rappresentante dell’Associazione Culturale “Spazio 99 “. Nicolo Ferrara sindaco pro-tempore del Comune di Calatafimi Segesta. Antonio Ettore Galfano legale rappresentante dell’ Ente Luglio Musicale Trapanese. Giovanni Moscato socio amministratore dell’associazione “Teatro della posta vecchia”. Rossella Maria Rita Messina amministratore unico della Teatro della Città S.r.l. Vincenzo Pandolfo presidente dell’Associazione Gruppo Teatro Scuola. Rita La Mattina presidente e legale rappresentante della Coop ‘Teatro Europa’ a r.l. Aldo Morgante legale rappresentante della Teatro ‘Al Massimo’ Stabile Privato di Palermo a r.l. Soc. Consortile. Lucia Restivo legale rappresentante della “Teatro del Porto Società Cooperativa”. Salvatore Saitta legale rappresentante dell’Associazione Culturale “Le Nuove Maschere”. Cirino Di Mari legale rappresentante dell’Associazione “Nuovo Mondo”. Guido Antonio Enzo Turrisi legale rappresentante della “Gli Stravaganti Media Press Società Coop. a r.l.” Giovanni Salvo legale rappresentante della “Coop. Piccolo Teatro di Catania a r.l”. Vito Parrinello legale rappresentante della “Ditirammu Canti e Memorie Popolari”. Antonina Lombardina legale rappresentante dell’Associazione “Liberi Teatri”. Luigi Di Gangi legale rappresentante della “Teatrialchemici Associazione Culturale”. Giovan Battista Nanfa legale rappresentante della “Avia Soc. Cooperativa a r.l”. Giuseppa Lelio legale rappresentante della “Agricantus Cooperativa Culturale e Sociale”. Francesco Giorgio legale rappresentante della “Centro Teatro Studi Società Cooperativa”. Corrado Russo legale rappresentante della “Centro Culturale Mobilità delle Arti”. Antonino Romeo legale rappresentante della “Gruppo Iarba – Società Cooperativa a r.l”. Lina Gnani legale rappresentante dell’Associazione “Centro stabile di produzione quarta parete – teatro Valentino”. Giuseppe Correnti legale rappresentante dell’Associazione i.b.i. – Institute of Business Intelligence. Katja Iseler legale rappresentante dell’Associazione Culturale “Teatro Garibaldi”. Clara Gebbia legale rappresentante dell’Associazione “Teatro Iaia”. Vincenzo Pandolfo legale rappresentante della coop “Il Garraffo”. Giuseppe Ministeri legale rappresentante della “D.A.F.”. Marco Pupella legale rappresentante dell’Associazione Culturale e Teatrale “Nuova Palermo”. Sergio Bianco legale rappresentante dell’Associazione Culturale “Tunghi Tunghi”. Maria Carmela Cappello legale rappresentante della “Teatro D’Arte”. Roberto Salvatore Gennaro Zappalà legale rappresentante della “Balletto di Sicilia”. Rachele Torrisi legale rappresentante dell’Associazione “Citta’ Teatro”. Graziana Maria Maniscalco legale rappresentante del “C.T.S. – centro teatrale siciliano Associazione Culturale”. Angelo Di Dio legale rappresentante dell’Associazione Culturale “L’Arpa”. Giuseppe Truscia, legale rappresentante della “Nuove Proposte” coop. Vittorio Spampinato legale rappresentante dell’Associazione “Teatro Stabile di Enna”. Maria Teresa Augugliaro legale rappresentante dell’Associazione “Circuito teatro regione sicilia”. Roberta Cricchio legale rappresentante dell’Associazione Culturale “Teatro e storia”. Giuseppe Zappalà legale rappresentante dell’associazione teatrale “Nuova generazione Giuseppe Zappala’”. Aurelio Cannizzo legale rappresentante dell’Associazione culturale “Aindartes’. Marianne Vibaek legale rappresentante dell’Associazione per la Conservazione delle Tradizioni Popolari. Francesca Vaccaro legale rappresentante de “la Compagnia dei Pupari Vaccaro-Mauceri’. Ignazio Puglisi legale rappresentante dell'”Antica compagnia opera dei pupi famiglia Puglisi”. Giovanni Scimone legale rappresentante dell’Associazione Culturale “Scimone Sframeli”. Carmine Maringola legale rappresentante della “Sud Costa Occidentale”. Silvio Parito qualità di legale rappresentante dell’Associazione Culturale “Statale 114”. Massimo Campagna, rappresentante legale associazione Culturale i Candelai. Antonino Di Patti legale rappresentante della Karisma Srl

La Guardia di Finanza e la Procura di Palermo hanno denunciato 72 persone, soprattutto imprenditori turistici e teatrali, per truffa aggravata e falso. Rispondono, a vario titolo, di falsi documentali, rappresentazioni in scena di spettacoli fantasma, false attestazioni, costi dichiarati ma mai effettivamente sostenuti, contributi previdenziali non versati, e fatture false. Sono stati notificati gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari. Vittima della truffa da 2milioni e 300 mila euro, per le attività teatrali del 2008, è la Regione Siciliana.

L’ex direttore generale e commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo, Salvatore Cirignotta, è stato arrestato dai Carabinieri. In manette anche il procuratore della Fater spa, per la Sicilia e la Campania, Carlo Carollo. Cirignotta e Carollo sono detenuti ai domiciliari. Il reato ipotizzato è turbativa d’asta. L’indagine è stata avviata il 31 gennaio 2013, dopo la denuncia alla Procura da parte del presidente della Regione, Rosario Crocetta, e dell’assessore alla Salute, Lucia Borsellino. Crocetta e Borsellino hanno denunciato un presunto grave episodio d’interferenza verso i componenti della commissione della gara d’appalto gestita dall’Azienda sanitaria di Palermo per la fornitura, per 5 anni, di pannoloni, per un importo di 50 milioni di euro. Cirignotta avrebbe tentato di orientare il risultato della gara a favore della società Fater, nonostante la diversa conclusione raggiunta all’ unanimità dai commissari esaminatori. E le dichiarazioni degli stessi commissari sarebbero state riscontrate dalla documentazione sequestrata nel corso di perquisizioni. Le indagini sono state svolte dai Carabinieri della sezione di Polizia giudiziaria della Procura di Palermo.

A Caccamo, cittadina medievale in provincia di Palermo, in via Massimo D’Azeglio, è crollata una palazzina a due piani. Da sotto le macerie è stata estratta morta Benedetta Sunseri, 82 anni. A provocare il cedimento sarebbe stata una fuga di gas. La palazzina infatti si e’ disintegrata dopo una violenta esplosione e sul luogo sono giunti subito i vigili del fuoco e i carabinieri.

Il Procuratore di Trapani, l’agrigentino originario di Cammarata Marcello Viola, ha subito un’altra intimidazione. Nottetempo ignoti sono entrati nella stanza del magistrato. Indaga la Procura di Caltanissetta su episodi alquanto insoliti accaduti all’interno del palazzo di giustizia di Trapani a danno non solo di Viola ma anche di altri magistrati. Ad accorgersi dell’incursione notturna nella stanza di Marcello Viola è stato un ispettore che ha trovato aperte le due porte blindate che conducono all’ufficio del Procuratore . Sono sotto esame le immagini delle videocamere di sorveglianza piazzate in Procura. A lavoro anche la Scientifica a caccia di impronte e tracce

Il Disegno di legge di riforma delle Province, già approvato in Commissione Affari istituzionali, approda all’ Assemblea regionale per l’esame e l’approvazione. Il presidente della Regione, Crocetta, rivolge un appello all’ intesa tra le forze politiche, e afferma : “in Assemblea regionale si apre una partita importantissima, quella dell’istituzione dei Liberi Consorzi, e c’è la necessità di una intesa tra tutte le forze politiche. I nuovi Consorzi non possono essere la ripetizione delle vecchie politiche e neppure enti di spesa, ma vanno concepiti come organi di programmazione perchè devono essere i comuni i veri protagonisti della vita politica siciliana. Le funzioni finora svolte dalle Province devono essere decentrate ai Comuni, trasferendo anche le risorse necessarie. In questo quadro va chiarita in Parlamento la posizione del Nuovo centrodestra che fa parte del governo nazionale e che a Roma sostiene l’abolizione delle Province, mentre in Sicilia mi sembra che tentennino parecchio. Su questioni importanti come le riforme non si possono assumere posizioni in base alla partecipazione o meno nel governo ma occorre avere coerenza. E questo vale per tutti”.

L’ omicidio dell’ avvocato Enzo Fragalà a Palermo : la consulenza fonica su un’ intercettazione, compiuta dai Carabinieri del Ris, confermerebbe il ruolo di Francesco Arcuri, uno dei tre arrestati per l’omicidio del penalista. Sono stati gli avvocati difensori di Arcuri a chiedere una perizia sull’intercettazione che incolperebbe Arcuri, allorché, secondo i legali, Arcuri al momento del delitto si sarebbe trovato altrove. Nel corso della intercettazione si parlerebbe di un legno, ed è una espressione che, secondo gli inquirenti, indicherebbe l’arma usata per uccidere l’avvocato Fragalà. Secondo i Carabinieri del Ris vi sarebbe un principio di compatibilità tra la voce che si ascolta nella conversazione e la voce di Arcuri. Meno netti sono i periti nominati dal Tribunale di Palermo secondo i quali il dialogo non è sufficientemente lungo per ottenere una conclusione certa


Attorno le 22.00 a Palermo nel popolare quartiere della Vucciria è crollato un palazzo di tre piani per fortuna disabitato e per la precisione in piazza Garraffello, punto nevralgico della movida panormita.
Un venditore ambulante è riuscito a mettersi in salvo, dai rilievi che hanno prontamente fatto i vigili del fuoco non ci sono feriti o tracce umane sotto i calcinacci. Il centro storico di Palermo non è nuovo di situazioni a limite, questo fatto di cronaca fa riflettere sulla manutenzione di vecchi edifici che devono essere monitorati e mantenuti per evitare delle vere e proprie tragedie.
foto: Marco Montes da Palermo

Massimo Ciancimino rilancia quanto già annunciato nel corso del processo sulla presunta trattativa Stato – mafia all’ epoca delle stragi, in corso in Assise a Palermo. Il figlio dell’ex sindaco di Palermo afferma : “sono pronto a mettere a disposizione della Procura di Palermo 12 milioni di euro depositati su un conto estero appartenenti a mia madre, e se mi sarà dato il modo farò rientrare io stesso il denaro in Italia evitando rogatorie. Con questo gesto voglio smentire tutti quelli che dicono che sto collaborando con la giustizia per tutelare i miei soldi”.