Home / Articoli pubblicati daRedazione Palermo (Pagina 22)

“Si valuti la possibilità di sospendere il Click day e convocare con urgenza le parti”. È questo il contenuto di un ordine del giorno presentato all’Ars dal M5S assieme al Pd per impegnare in questo senso il governo.

 “È giusto rivedere un progetto – dice il capogruppo M5S Giorgio Pasqua – che ha fatto, come ampiamente previsto, acqua da tutte le parti. In Sicilia chi sbaglia non paga mai, ci saremmo aspettati le dimissioni di Turano, di Armao, o di Falgares, invece nulla. È come se non fosse accaduto niente, il clic day si è trasformato in crac day, con enormi danni alle imprese e all’immagine della Sicilia. Chi ha fatto il progetto, chi lo ha collaudato ora se ne paghi le conseguenze”

“Perché e chi ha deciso – chiede inoltre Pasqua – di esternalizzare il click day con aggravio di costi, quando avevamo a disposizione Sicilia digitale che negli ultimi 2 anni ha gestito 18 click day senza nessun problema?”

Al via l’assegnazione agli Enti locali di 855 milioni di euro per il finanziamento di interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico delle scuole secondarie di secondo grado. Il decreto già firmato dalla Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è stato controfirmato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Gli Enti Locali, nella giornata di domani, riceveranno la comunicazione con gli importi disponibili per gli interventi. In tutto sono 104 gli Enti finanziati con questo stanziamento.

Gli Enti Locali dovranno presentare al Ministero dell’Istruzione, entro il prossimo 17 novembre, gli elenchi degli interventi da finanziare, indicandone anche l’ordine di priorità (nei limiti delle risorse disponibili). Potranno farlo tramite un applicativo accessibile dalla pagina dedicata del portale dell’edilizia scolastica del Ministero (https://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/fin-province-citta-metropolitane.shtml). Per accompagnarli nella predisposizione della documentazione, il Ministero dell’Istruzione ha previsto una serie di webinar a partire da lunedì 12 ottobre.

Alla provincia di Agrigento sono stati destinati circa 9 milioni di euro.

“Siamo grati all’Agenzia nazionale per i beni confiscati per aver raccolto la nostra preoccupazione, prorogando al 15 dicembre i termini del bando per l’assegnazione diretta in Sicilia degli immobili confiscati”.
Così il presidente della Commissione antimafia siciliana Claudio Fava che due giorni fa aveva scritto al direttore dell’Agenzia e al Ministro dell’interno per segnalare “lo stato in cui versano molti dei beni messi a bando: condizioni spesso fatiscenti con edifici tuttora abusivi o privi di abitabilità, beni a volte sconosciuti agli stessi coadiutori giudiziari che ne hanno la responsabilità e, soprattutto, immobili ancora occupati abusivamente da familiari e congiunti dei boss mafiosi a cui sono stati confiscati”.
“Abbiamo ricevuto questa mattina riscontro e risposta alla nostra sollecitazione da parte dell’Agenzia che si è impegnata a completare le operazioni di sgombero degli immobili tuttora occupati e ad estendere al 30 novembre il termine ultimo per lo svolgimento dei sopralluoghi, inizialmente fissato il 20 ottobre. Quaranta giorni in più che serviranno, è nostro auspicio, a mettere il bando nazionale dell’Agenzia nella condizione di centrare l’obiettivo: assegnare ad associazioni no profit immobili e terreni confiscati a cosa nostra, evitando il loro definitivo deperimento”.

Quello del Bonus Sicilia è un fallimento annunciato. Non c’è solo il crash tecnico di ieri, infatti, ma imprese escluse in modo arbitrario, troppi adempimenti e un metodo, quello del click-day, profondamente sbagliato perché subordina la sopravvivenza di un’azienda a un colpo di fortuna. Riproporre a domani il click-day sarebbe doppiamente grave. Adesso, come presidente nazionale di Confimprenditori, chiedo un incontro urgente con le istituzioni al fine di modificare interamente il bando e mettere a disposizione delle imprese un reale aiuto economico piuttosto che un aggravio di adempimenti. Siamo ancora in tempo.

“Esprimiamo i nostri migliori auguri di buon lavoro ai  sindaci riconfermati e neo eletti, in queste ore, in Sicilia per l’impegnativo lavoro che li attende al governo delle proprie città”. Hanno dichiarato Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale di ANCI Sicilia.

“Nelle  complesse vicende che segnano l’attività amministrativa all’interno dei comuni siciliani- continuano Orlando e Alvano – troveranno sempre, da parte di ANCI Sicilia,  sostegno e  disponibilità a lavorare per obiettivi condivisi”.

C’è una nuova “zona rossa” in Sicilia: è a Villafrati, nel Palermitano. L’ha istituita il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, con un’apposita ordinanza appena firmata, dopo aver sentito il sindaco, peraltro positivo al Coronavirus e ricoverato in ospedale. Il provvedimento, che entrerà in vigore alle 14 di domani (5 ottobre), si è reso necessario per evitare il diffondersi del contagio del Covid-19, dopo che gli uffici dell’Asp hanno segnalato la presenza di un cluster che al momento conta ottanta persone.
Villafrati – che era già stato “zona rossa” per oltre un mese durante l’ondata di Covid-19 nella scorsa primavera – si aggiunge alle altre quattro aree attualmente off limits, tutte sedi della Missione “Speranza e Carità” di Biagio Conte a Palermo.
Fino alla mezzanotte del 12 ottobre, dunque, nel territorio comunale di Villafrati ci sarà il divieto di circolare a piedi o con qualsiasi mezzo pubblico o privato, a eccezione degli spostamenti per: recarsi al lavoro; per l’acquisto e/o il consumo di generi alimentari e per l’acquisto di beni di prima necessità; per ragioni di natura sanitaria o per appuntamento presso studi professionali. In buona sostanza, è vietata ogni attività ricreativa e passeggiare o stazionare nelle aree pubbliche (strade, piazze, ville e parchi) allo scopo di evitare ogni assembramento e contatto tra persone estranee e non conviventi. Gli esercizi commerciali (quali bar, rosticcerie, pollerie, paninerie e similari) dovranno garantire l’accesso a solo una persona per volta e sempre con l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. È comunque consentito l’asporto e la vendita al domicilio. Sono vietati i banchetti e le feste, pubbliche e private di qualunque tipo, che comportino la presenza contemporanea di più di sei persone. Ogni esercizio commerciale dovrà chiudere alle ore 21; è consentito fino alle ore 23 per ristoranti e pizzerie, ai cui titolari compete in ogni caso il rigoroso controllo sul rispetto delle Linee guida sul distanziamento e il divieto di sedere allo stesso tavolo quando si è più di sei persone.
La partecipazione a funzioni religiose è contingentata di secondo un apposito Protocollo che verrà condiviso tra il Comune di Villafrati e gli eventuali richiedenti. Il divieto di circolazione con qualsiasi mezzo nel territorio comunale si applica anche alle persone in transito e non residenti nel Comune.
“È una misura di primo contenimento – sottolinea il governatore Musumeci – concordata con l’amministrazione comunale e resa obbligatoria per evitare la diffusione incontrollata del virus. Troppi positivi in pochi giorni dimostrano che, evidentemente, non sono state adottate le minime precauzioni richieste. Possiamo prevedere le regole più rigide e le sanzioni più elevate, ma è necessario il buon senso da parte di ognuno di noi, che mi pare, invece, stia mancando. Per questo motivo, rinnovo l’invito a tutti i cittadini a usare la mascherina, anche all’aperto, se non ci sono le distanze minime e, soprattutto, a evitare gli assembramenti. Solo così possiamo limitare i contagi. Un appello, infine, ai prefetti dell’Isola, affinché diano disposizioni più ferree alle forze dell’ordine in tema di controlli. La Sicilia, che pur dal punto di vista sanitario è preparata a un’eventuale impennata di ricoveri, non può permettersi un nuovo lockdown”.

Un ulteriore gesto di vicinanza alle comunità coinvolte nell’assistenza ai migranti.

È questo il significato dell’emendamento al dl Agosto approvato in commissione bilancio Senato che prevede 3 milioni di euro ai comuni siciliani più coinvolti nella gestione dei flussi migratori durante l’emergenza coronavirus. Tra questi i comuni di Lampedusa, Linosa, Porto Empedocle e Caltanissetta.

I deputati Cimino, Martinciglio, Perconti, Sodano, Cancelleri e Pignatone, esprimono soddisfazione per il traguardo raggiunto, frutto di un percorso di lavoro che ha coinvolto i parlamentari di Camera e Senato, e che ha visto anche un incontro specifico col premier Giuseppe Conte che si è mostrato attento alle difficoltà dei comuni interessati dai flussi migratori.

Un contributo importante, da un punto di vista economico ma, soprattutto morale, sottolineano i deputati, che dimostrano come al fenomeno migratorio vadano date risposte concrete e non solo slogan pubblicitari.

In totale i comuni interessati saranno Lampedusa e Linosa, Porto Empedocle, Caltanissetta, Vizzini, Messina, Siculiana, Augusta e Pozzallo.

Le risorse destinate saranno utilizzate per fronteggiare le esigenze connesse al contenimento della diffusione del Covid-19 e garantire la regolare gestione, anche di natura sanitaria, dei flussi migratori.

L’obiettivo di questo emendamento è dare supporto a quei comuni che devono garantire al contempo la sicurezza dei cittadini e dei migranti, consapevoli che la gestione dei flussi migratori risulta ancora più complessa in questa delicata fase segnata dalla pandemia da Coronavirus.

Ovviamente, tale contributo non può e non deve essere considerata una risposta esaustiva al fenomeno migratorio ma un segno tangibile di vicinanza alle comunità locali, e un ulteriore passo verso la definizione di questo complesso fenomeno .

La Sicilia non può essere lasciata sola, perché ad oggi è proprio la Sicilia quella che sta pagando il prezzo più alto e di conseguenza, anche per i futuri atti normativi, sarà necessario dare un maggiore sostegno.

“Il portale allestito dalla Regione Siciliana per il click day è già andato in tilt. Stiamo ricevendo decine di segnalazioni di aziende che, entrate nel proprio profilo dove è caricata la domanda della propria azienda, trovano nomi di altre aziende, compresi dati sensibili, capitale sociale, riferimenti etc. In questo modo moltissime imprese che lunedì parteciperanno al click day, in sostanza cliccheranno per altre aziende e non per la propria. Alla Regione non risponde nessuno e il disastro annunciato ha già preso forma”. A denunciarlo è il capogruppo del Movimento 5 Stelle Giorgio Pasqua.

“Vi sono imprese – spiega Pasqua – che hanno caricato la loro domanda e oggi, entrando con ID riservato nella loro pagina, si trovano la domanda di altri. Il portale è andato in data breach, cioè di una violazione di sicurezza che comporta, accidentalmente o in modo illecito, la distruzione, la perdita, la modifica, la divulgazione non autorizzata o l’accesso ai dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati. Una violazione dei dati personali che può compromettere la riservatezza, l’integrità o la disponibilità di dati personali. E’ un fatto gravissimo che testimonia la totale inaffidabilità del bando predisposto da Musumeci e dai  suoi assessori, che si sono incaponiti a voler proseguire su questa strada mentre nel resto d’Italia, l’erogazione dei bonus avviene tramite l’Agenzia delle Entrate. Evidentemente a Turano, Musumeci e soci, questo caos non dispiace. Non ci interessa sapere il perché, ma il risultato è quello dell’ennesimo disastro per le aziende che sono state messe in crisi dalla pandemia, hanno dovuto fare i salti mortali in termini di burocrazia per partecipare al bando e da lunedì, fatidica data del click, subiranno l’ennesima doccia fredda per avere a che fare con un sistema elefantiaco ed inefficiente. I deputati del M5S all’Ars hanno a più riprese chiesto una discussione in commissione Attività produttive, ma si sono visti rispondere picche, salvo una convocazione per il 7 ottobre, quando cioè il click day sarà avvenuto e qualsiasi discussione sulla proroga o modifica del bando sarà totalmente inutile. Anziché pensare a Pontida, Musumeci pensi ai siciliani”,   conclude Pasqua.

In Sicilia il Covid 19 comincia a far ripreoccupare seriamente. Sono infatti 182 i nuovi casi positivi che fanno crescere il numero degli attuali casi a 2.761: 322 ricoverati con sintomi, 20 in terapia intensiva e 2.829 in isolamento domiciliare.

Sono 317 i deceduti, tre in più rispetto a ieri; 7.596 i casi totali e 4.108 i dimessi guariti, con un incremento di tamponi effettuati pari a 6.638. In provincia di Palermo sono 52 i nuovi casi, 42 a Catania, 28 a Trapani, 26 nella provincia di Caltanissetta, 11 a Messina.

Dare vita al “Next generation Sicily”, un piano strategico chiaro, condiviso e percorribile che permetta di essere proiettati e collegati all’Europa, partendo da quattro assi portanti: investimenti, infrastrutture, digitalizzazione, burocrazia. I Giovani imprenditori siciliani di Confindustria che, oggi, ad Agrigento, presso l’impianto “Empedocle” di Ecoface, si sono riuniti in occasione dell’incontro “Trasformazioni: uscire dal labirinto rompendo gli schemi”, non hanno dubbi: “Questa è l’ultima chiamata per la Sicilia – ha detto in apertura dei lavori il presidente Gero La Rocca – e non vorremmo raccontare ai nostri figli, magari fra dieci o vent’anni, che quando eravamo giovani la nostra regione ha avuto l’opportunità di rimettersi in piedi e noi non siamo stati in grado di fare le scelte giuste”. È per questo che gli imprenditori under 40 hanno chiamato a raccolta rappresentanti dei governi nazionale e regionale, economisti, esponenti del mondo delle associazioni, del credito e della cultura, per lanciare un messaggio chiaro e univoco: rimettere i giovani al centro dell’agenda politica, perché “noi – ha detto La Rocca – siamo i primi ad essere stati dimenticati. Siamo stati privati di alcuni diritti sanciti dalla nostra Costituzione, a partire dal diritto alla coesione e alla perequazione. Abbiamo assistito a un disinvestimento progressivo che ha condannato la Sicilia a un crescente ritardo rispetto alle altre regioni d’Europa. Non è più possibile andare avanti così. L’onda d’urto della pandemia ha investito tutti, ma la Sicilia così come l’intero Mezzogiorno, già sfiancati da una erosione economica e sociale permanente, si stanno trovando a gestire una scia di conseguenze pesantissime destinate a durare chissà ancora per quanto tempo”.

Da qui la proposta: “Creiamo un fronte comune. Diamo una forma più compiuta a un orientamento politico e intellettuale che oggi è già riconoscibile, al di là delle casacche indossate. Facciamo in modo che da questo fronte possa prendere vita un ‘Next generation Sicily’, perché sono questi i giorni e i mesi in cui dobbiamo unirci in uno sforzo comune, che parta dalla consapevolezza che fare crescere il Mezzogiorno rappresenta una enorme opportunità per tutto il Paese”.

Un pensiero condiviso e rilanciato dal presidente nazionale dei Giovani imprenditori di Confindustria, Riccardo Di Stefano, che ha sottolineato come ci sia bisogno “di un piano di investimenti concreti che colmi il divario tra Nord e Sud del Paese. Dal Mezzogiorno si può far partire il riscatto di un Paese in deficit di produttività e crescita duratura. Bisogna però investire sul nostro immenso potenziale, fare in modo che le risorse arrivino dove serve, a partire da un sistema di opere pubbliche e infrastrutture, senza le quali qualsiasi progetto di sviluppo è destinato a rimanere lettera morta”.

In questo senso, ha rilanciato La Rocca “diciamo a gran voce che i giovani siciliani meritano di essere allacciati anche fisicamente al continente. Anche questo è coesione e rispetto dei diritti di cittadinanza. Vorremmo anche noi poter prendere un treno e raggiungere in poche ore Napoli, Roma o Milano. Per questo chiediamo che non si tergiversi e si colga l’opportunità, forse unica, di procedere con una soluzione concreta e cantierabile per collegare le due sponde dello Stretto di Messina”.

I giovani imprenditori si sono quindi soffermati sull’idea di futuro che si vuole per la Sicilia: “Saranno necessarie precisione e accuratezza nell’individuare i settori su cui puntare per la nostra regione. Non possiamo immaginare di allocare le risorse con la logica approssimativa del click-day. C’è bisogno di capire cosa, esattamente, vogliamo che la Sicilia diventi”. Fari accesi anche sulla giungla normativa che presuppone infiniti passaggi e cavilli che “spingono – denunciano i giovani imprenditori – più verso un disimpegno che verso l’assunzione di responsabilità”, sul depauperamento delle competenze nella Pubblica amministrazione, che necessiterebbe di innesti giovani per rinvigorire un settore strategico della Regione, e sull’assenza di digitalizzazione, quando “una digitalizzazione spinta del sistema-regione consentirebbe di velocizzare i controlli formali sui documenti; darebbe la disponibilità di accesso alle pratiche all’interno di un unico database, eliminando la sgradevole abitudine di chiedere più volte lo stesso documento all’utente, magari a distanza di mesi; assicurerebbe più trasparenza e certezza nei tempi di risposta e nell’attribuzione di responsabilità in caso di inerzia e, cosa fondamentale, di ridurre al minimo il contatto tra utente e funzionari”. “Partiamo dall’attuazione delle norme già in vigore – è la richiesta degli imprenditori – perché è semplicemente assurdo che non si riesca a far rispettare regole che già prevedono tempi certi, poteri sostitutivi in caso di inerzia e provvedimenti sanzionatori nei confronti di funzionari inefficienti”.

Sollecitazione raccolta subito dal vicepresidente della Regione siciliana, Gaetano Armao, che ha sottolineato come la “semplificazione della pubblica amministrazione sia fondamentale e passi da tre assi: snellimento delle procedure, digitalizzazione e ricambio generazionale immediato senza il quale non riusciremo a raggiungere alcun obiettivo. Dobbiamo lanciare un piano straordinario di assunzioni di giovani dentro la pubblica amministrazione per introdurre quegli elementi di rottura che occorrono per la trasformazione reale”. Trasformazione che non può prescindere da un importante piano di investimenti come ha affermato il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, in collegamento video: “La priorità è rilanciare gli investimenti pubblici e privati e gli investimenti pubblici in primo luogo devono puntare a rendere il contesto più favorevole allo sviluppo, al lavoro e all’impresa. Questo significa infrastrutture e servizi, perché dove sta bene un cittadino sta bene anche una impresa”. “Dobbiamo parlare non di singoli progetti, ma avere una visione di insieme”, ha commentato il viceministro per le Infrastrutture e i Trasporti, Giancarlo Cancelleri. “Occorre – ha aggiunto – una collaborazione istituzionale che non deve vederci ai tavoli in maniera contrapposta. Dobbiamo dar vita a un piano per il Mezzogiorno che deve mettere la parola fine a quella questione meridionale di cui tutti hanno sempre parlato, ma che nessuno ha mai risolto”.

All’incontro, che ha visto la partecipazione straordinaria di Stefania Auci, autrice del best seller “I leoni di Sicilia” dedicato al successo imprenditoriale della famiglia Florio, e ha avuto il supporto dell’associazione “La strada degli scrittori”, progetto nato da un’idea di Felice Cavallaro, giornalista del Corriere della Sera, che ha così ribattezzato la SS 640, itinerario che attraversa la Valle dei Templi, unendo i luoghi vissuti dai grandi autori, hanno preso parte Stefano Ciafani, presidente di Legambiente; Giuseppe Cicero, direttore Area Imprese Sicilia di Intesa Sanpaolo; Ignazio Infantino, ricercatore Cnr e coordinatore nodo Sicilia del Comitato di competenza Artes 4.0; e Gianni Silvestrini, direttore scientifico Kyoto Club; Gaetano Aronica, presidente della Fondazione Teatro Pirandello di Agrigento; il teologo Rocco Gumina; Giuseppe Taibi, presidente Fai Sicilia; e Giulio Xhaet, partner Newton spa.