Home / Articoli pubblicati daRedazione Palermo (Pagina 109)

 

Iniziativa dell’assessore in collaborazione con il Presidente dell’Ars

Mercoledì 17 gennaio, alle 11,00, su iniziativa di Vittorio Sgarbi, assessore regionale dei beni culturali della Regione Siciliana, e in collaborazione con il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, nella Sala Mattarella di Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea regionale siciliana, sarà proiettato il “docufilm” dal titolo «Generale Mori – Un’Italia a testa alta» di Ambrogio Crespi.

La proiezione sarà preceduta da un incontro al quale, oltre a Sgarbi e Miccichè, saranno presenti il Generale Mario Mori e il Colonnello Giuseppe De Donno.

 

«Generale Mori – Un’Italia a testa alta» di Ambrogio Crespi.

Sinossi:

La storia italiana degli ultimi cinquant’anni raccontata da un uomo che l’ha vissuta da protagonista. Lo sguardo di chi oggi ha 18 anni e questa storia la conosce poco.

Momenti drammatici: il Generale Dalla Chiesa, Aldo Moro, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, fratture nella coscienza civile di un intero paese raccontate per la prima volta da chi è sempre stato in prima fila nella lotta al terrorismo e alle mafie, lontano da visioni ideologiche sempre e comunque dalla parte dello Stato e delle Istituzioni. Comandante del IV battaglione di Padova fino al comando dei R.O.S, Prefetto e direttore del Sisde, Mori viene raccontato come mai prima d’ora da chi si definiva un suo nemico e dagli amici che ancora oggi lo chiamano “Comandante Unico”

Il tratto umano, il racconto rigoroso ancorato nella memoria svela un punto di vista sorprendente carico di emozioni e rivelazioni.

 

 

Resto al Sud, nuovi incentivi per under 35 del Mezzogiorno

Lunedì 15 gennaio al via le domande

Si chiama “Resto al Sud”, la nuova misura che sarà gestita da Invitalia per incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.Il provvedimento, varato con decreto legge n.91 del 20 giugno 2017, è rivolto agli imprenditori under 35 residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

I particolari sulla concessione degli incentivi e sulle modalità di ammissibilità saranno contenuti nell’apposito decreto attuativo a firma del ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, previsto entro 30 giorni dalla legge di conversione del provvedimento governativo istitutivo.

Quest’ultimo, varato per favorire la crescita economica delle imprese del Mezzogiorno, dispone di una dotazione finanziaria complessiva di 1.250 milioni di euro, a valere sul Fondo Sviluppo e coesione (programmazione 2014-2020).

Dopo il via libera contenuto nel decreto ministeriale di attuazione sarà possibile presentare le domande di accesso ai finanziamenti, fino ad esaurimento delle risorse stanziate, direttamente sul sito di Invitalia –  soggetto gestore della misura per conto della Presidenza del Consiglio dei ministri –  che valuterà il progetto proposto entro 60 giorni. L’Agenzia per l’attrazione degli investimenti provvederà alla relativa istruttoria, valutando anche la sostenibilità tecnico-economica della proposta progettuale.

L’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 40 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni.

Nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 40 mila euro per ciascun socio con tetto massimo ammissibile di 200 mila euro per ogni singolo progetto.

Leggi il decreto sul sito della Gazzetta Ufficiale

Per info, presentazione istante e redazione progettuale recati presso Confcommercio Agrigento, via Imera 223/c tel 0922.22791 oppure invia un mail ad agrigento@confcommercio.it

“La giornata di lavoro di oggi che ha visto accanto il Governo della Regione, il Comune di Palermo e la RAP è il segno di rinnovati collaborazione e dialogo fra le istituzioni, dopo anni in cui i comuni sono stati vittima dello stato di calamità istituzionale e confusione normativa generati dal precedente governo regionale.
Dopo il sopralluogo a Bellolampo, che ha mostrato i problemi legati all’imminente esaurimento della VI vasca ma anche l’importante lavoro realizzato dalla RAP e dal Comune dopo il FALLIMENTO DI AMIA e il devastante incendio del 2012, il tavolo di lavoro alla Presidenza della Regione ha mostrato la volontà e possibilità di affrontare l’attuale situazione di emergenza ed allo stesso tempo avviare un approccio di lungo termine e progettuale.
In questi mesi proprio la VI vasca di Bellolampo ha accolto i rifiuti di oltre 50 comuni, contribuendo a limitare i disagi per migliaia di cittadini.
Ora è il momento di rinforzare la collaborazione istituzionale per superare le emergenze con una chiara e trasparente politica di impiantistica a livello regionale.
Ci troviamo ad un bivio e potremo superare questa fase solo con la veloce approvazione dei progetti per la VII vasca, il temporaneo ampliamento della capacità della sesta vasca e soprattutto con il rilancio della differenziata a Palermo e in tutta la Regione.
Per far ciò occorrerà sicuramente, e lo chiediamo tanto il Presidente Musumeci quanto io anche a nome dell’ANCI, sia l’intervento del governo nazionale sia il possibile utilizzo delle risorse del Patto per il Sud.”

 

Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando al termine dell’incontro di lavoro avuto, insieme al vicesindaco Sergio Marino e alla dirigenza della RAP, con il Governo della Regione.

Si svolgerà domenica 14 gennaio a Palermo la prima nazionale del nuovo spettacolo dei pupi antimafia di Angelo Sicilia. L’ultimo lavoro del marionettista e regista palermitano è la “Storia di Natale Mondo. Un poliziotto contro la mafia” dedicato alla vita dell’eroico poliziotto della Squadra Mobile di Palermo, braccio destro di Ninni Cassarà, ucciso dalla mafia all’Arenella. La rappresentazione si svolgerà alle 12 nella Caserma Lungaro della Polizia di Stato a Palermo, in Corso Pisani 126, in occasione del 30° anniversario dell’uccisione dell’eroico poliziotto con ingresso gratuito. “La nostra compagnia, dice Angelo Sicilia, fondatore e direttore della Marionettistica Popolare Siciliana, è da sempre schierata in prima linea nella lotta alla mafia e nella diffusione della legalità nelle scuole e fra le nuove generazioni attraverso gli spettacoli dei Pupi antimafia che raccontano le gesta di chi è caduto combattendo contro Cosa nostra e tutte le mafie. Sin dal 2002 abbiamo prodotto un ciclo di rappresentazioni che raccontano le vicende, tra gli altri, di Peppino Impastato, Pio La Torre, Lia Pipitone, Rosario Livatino, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Padre Pino Puglisi e ora di Natale Mondo. Nello spettacolo si parlerà di quell’eccezionale nucleo investigativo della Squadra Mobile di Palermo che fu decimato negli anni ’80”.
Natale Mondo, palermitano, entrò giovanissimo in Polizia e fu collaboratore di Ninni Cassarà. Sfuggì miracolosamente all’attentato del 6 agosto del 1985, costato la vita allo stesso Cassarà e all’agente di scorta Roberto Antiochia, ma venne accusato per questo di essere la talpa della Questura. Arrestato ingiustamente, fu in seguito scagionato e reintegrato nella Polizia prima di essere ucciso da alcuni sicari della mafia sotto casa sua, nel quartiere dell’Arenella, il pomeriggio del 14 gennaio 1988. 

 “A partire dal primo gennaio 2018 e per il triennio successivo è possibile procedere alla stabilizzazione del personale degli enti locali assunto con contratto in forma flessibile”. Così l’Anci interviene sul piano per superare il precariato, previsto dalla riforma Madia.

L’associazione dei Comuni stima in “circa 20.000” le “unità di personale interessato”. Il programma tocca tutta la P.a ma per buona parte si concentrerà sul territorio. L’Anci ha così “predisposto una nota tecnica”, un ‘vademecum’ per “supportare i Comuni”.

Il ministro Madia (D) ha incontrato una delegazione dei Vigili del Fuoco precari

 

 

 

 

Dalla stanza del primario di audiologia del Policlinico di Palermo qualcuno ha rubato un pc portatile che contiene un sofisticato software, da 10 mila euro, utilizzato per la riabilitazione dell’acufene, un progetto capofila in Italia con partner americani e canadesi. E’ per questo motivo che il primario, Aldo Messina, lancia un appello: “Riportatelo, serve a salvare vite umane”. “Avevamo avuto questo software che stava dando grandi risultati per cercare di alleviare la vita a tante persone che vivono un vero dramma – dice il primario – Chi ha rubato il portatile non si rende conto del danno”. Un furto che lascia l’amaro in bocca al medico: “Non so davvero cosa dire domani ai miei pazienti che si sono affidati a questa nuova tecnica per tornare a vivere, da questo pomeriggio penso a una donna, una paziente che mi aveva confessato di avere pensato al suicidio e che stava tornando a una vita normale”.

 

 

 

L’ingresso del Policlinico ”Giaccone” di Palermo

Si profila la reintroduzione dei tetti, ma importo da concordare, agli stipendi del personale dell’Assemblea regionale siciliana, misura prevista nell’accordo triennale scaduto a fine anno e che prevedeva la soglia massima di 240 mila euro lordi omnicomprensivi per i dirigenti e sotto-tetti per le altre carriere. Sarebbe questo l’indirizzo che il Consiglio di presidenza dell’Ars intende dare alla trattativa che formalmente si aprirà il prossimo 17 gennaio.

Dal discorso programmatico del presidente Musumeci emerge certamente un nuovo stile nell’approccio con il parlamento siciliano.
Ora però alle idee enunciate devono seguire i fatti, dopo anni di inerzia dovuti non solo alle lungaggini della burocrazia ma anche agli scarsi risultati della politica. Per noi di Sicilia Futura il tema principe di questi cinque anni di legislatura deve essere il lavoro,
come lo stesso presidente della regione ha voluto indicare. Per noi sarà fondamentale, ed anche motivo di apprezzamento, che il governo regionale punti sull’impresa privata per rimodulare i fondi europei.
Abbiamo la necessità che la Sicilia si industrializzi e che le aziende siciliane sperimentino proprio questa opportunità per creare lavoro e contribuire alla crescita del Pil siciliano. Daremo attenzione anche al rilancio del turismo e dei beni culturali, suggerendo idee e
verificando l’azione del governo, e siamo per il museo unico regionale. Ci aspettiamo un cambio di passo sulla formazione professionale con un orientamento verso la work esperience. Ed infine sui rifiuti ci aspettiamo che si facciano azioni serie per aumentare la raccolta differenziata e che si sanzionino davvero i comuni che
sulle politiche di igiene ambientale sono indietro ed inefficienti”.
Lo afferma Nicola D’Agostino, capogruppo di Sicilia Futura all’Assemblea regionale siciliana.

Beni per un valore di oltre tre milioni di euro sono stati confiscati dal Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia di Caltanissetta che sta eseguendo due decreti di confisca emessi dal Tribunale di Caltanissetta (Sezione Misure di Prevenzione) su proposta del Direttore della Dia. Il provvedimento è stato emesso nei confronti dell’imprenditore Filippo Sciascia, 71enne di Gela (Caltanissetta) e nei confronti di Giuseppe Castiglione, 72enne di Vallelunga Pratameno (Caltanissetta).

“Le risultanze investigative e giudiziarie ricostruite dalla Dia hanno consentito di far emergere il profilo e la caratura criminale di Sciascia – dicono gli inquirenti – quale persona vicina a Cosa nostra, in particolare al boss capomafia gelese Daniele Emmanuello, morto nel 2007 dopo una lunga latitanza, che lo riteneva capace di infiltrarsi negli affari orbitanti intorno al petrolchimico di Gela, tanto da costituire società ad hoc solo formalmente intestate a terzi, ma risultate riconducibili a Sciascia”.

 

“Lo spessore criminale di Castiglione – dice la Dia – è stato confermato dalle acquisizioni testimoniali di diversi collaboratori di giustizia che lo hanno indicato come coinvolto in alcuni omicidi avvenuti nei primi anni ottanta e, come collettore di attività estorsive per conto della famiglia mafiosa di Cosa nostra riconducibile al noto Giuseppe ”Piddu” Madonia”.

“Con il provvedimento di oggi – dice la Dia – oltre ad essere stata applicata la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con l’obbligo di soggiorno per la durata di tre anni, sono state confiscate a Sciascia quote e compendi aziendali di tre società di Gela; a Castiglione, invece, sono state definitivamente confiscate due imprese individuali con oggetto servizi di pompe funebri, un fabbricato e 23 tra rapporti bancari e postali”. Il valore complessivo dei beni oggetto di confisca ammonta a circa 3 milioni di euro.

DIA