Home / Articoli pubblicati daRedazione AG (Pagina 4)

Dieci migranti che si trovavano sulla nave “Open Arms” ad alcune miglia dal porto di Porto Empedocle si sono gettati in mare, ed hanno tentato di raggiungere due motovedette della Capitaneria di Porto, e della Guardia di finanza. I soccorritori hanno avviato le operazioni di recupero, e una volta trasbordati a bordo, sono stati riportati sulla nave.

Sulla nave ci sono 275 persone. E nelle scorse ore due donne incinte, e il marito di una delle due, per motivi di salute sono state evacuate e trasferite alla tensostruttura adiacente il porto di Porto Empedocle. Poi accompagnate al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”.

Dopo i licenziamenti da parte della Tua, l’azienda che gestisce i trasporti pubblici urbani nella città di Agrigento, arriva un ‘altra conferma di reintegro nella specie del lavoratore Vaccarello Angelo.
Di fatti si è conclusa la vicenda con esito pienamente favorevole, che ha visto totalmente riconosciute le ragioni e in particolare l’illegittimità e la inconsistenza del licenziamento ingiustamente subito, rigettando l’opposizione avanzata dalla Tua nei confronti del lavoratore, il quale potrà  riprendere servizio.
L’ondata di licenziamenti, si ricorderà, fu avviata dall’azienda in seguito ad una serie di provvedimenti disciplinari emessi dalla  Tua in seguito all’individuazione di presunti comportamenti errati – e alcuni fuori legge – degli autisti. Tutte questioni che non sono state ritenute fondate o comunque utilizzabili in sede di licenziamento dal giudice del lavoro, con la conseguenza che lo stesso ha disposto appunto che il lavoratore dovrà tornare al proprio posto.
Angelo Vaccarello ,  difeso dall’avvocato Gianluca Urso, non solo dovrà essere reintegrato, ma gli dovranno essere corrisposti e spese legali.

La notte scorsa un neonato di appena cinque giorni in pericolo di vita è stato trasportato d’urgenza da Catania a Genova a bordo di un aereo del 31simo Stormo dell’Aeronautica Militare per essere ricoverato nell’ospedale “Gaslini”.
Il piccolo è stato imbarcato sul velivolo all’interno di una culla termica ed è stato accompagnato, oltre che dalla mamma, da un’equipe medica che lo ha seguito costantemente.La richiesta di trasporto è giunta dalla Prefettura di Catania alla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, che ha quindi attivato uno dei velivoli che sono tenuti in allerta per questo genere di necessità. Il Falcon 900 è decollato da Catania intorno alle 21.30 e dopo circa un’ora e venti minuti di volo è atterrato all’aeroporto di Genova, da dove il neonato è stato immediatamente trasferito in ambulanza all’ospedale

“Contrasteremo il fenomeno dell’immigrazione e daremo voce alle fasce deboli. I punti cardine della nostra sicurezza saranno onestà intellettuale, rispetto della gente e impegno”. Sono queste le parole di presentazione del Colonnello Vittorio Stingo, il quale ha assunto le redini del Comando provinciale agrigentino. Nell’occasione, il Colonnello Stingo ha presentato anche i nuovi comandanti che si insedieranno presso la Compagnia di Sciacca, la Tenenza di Favara ed il Nucleo Operativo e Radiomobile di Agrigento. Si tratta rispettivamente del Tenente colonnello Vergato, del Tenente Armetta del Tenente Giordano.
“Conosco queste zone attraverso i racconti di mia madre, che ha insegnato archeologia ed ha lavorato nella Valle dei Templi – ha detto il Colonnello Stingo ai giornalisti presenti – . Ogni richiesta sarà un patrimonio indispensabile per l’Arma dei Carabinieri, quella che oggi mi piace definire l’Arma dei cittadini di Agrigento. Condurremo i nostri impegni attraverso una pianificazione attenta al fianco delle altre Forze di polizia ed al supporto dell’autorità giudiziaria. Faremo squadra e procederemo ad una forte difesa del territorio. Per quanto riguarda i nuovi Ufficiali, tutti e tre hanno un vasto bagaglio di esperienza”.
Nato a Napoli, quarantaquattrenne, vanta un curriculum di tutto rispetto. Intraprende la carriera militare nel 1991, frequentando la Scuola Militare “Nunziatella” di Napoli. Prosegue gli studi presso l’Accademia Militare di Modena e la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, conseguendo il grado di Sottotenente nel 1996. Dal 1° gennaio 2020 è Colonnello.
Laureato in Giurisprudenza, Scienze Politiche e Scienze della Sicurezza, viene ammesso allo European Security and Defense College di Bruxelles, completando il 10° High Level Course.
Nei gradi di Tenente e Capitano ha prestato servizio presso il 1° Reggimento Carabinieri paracadutisti “Tuscania” di Livorno, partecipando a operazioni internazionali in Afghanistan, nei Balcani, in Iraq, Libia, Palestina e Somalia. E’ stato decorato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il 4 novembre 2007, con l’Ordine militare d’Italia, per aver condotto con successo un’operazione contro il terrorismo in Afghanistan, nel corso della Missione Enduring Freedom nel 2003, insieme alle Forze speciali statunitensi.
Ha comandato le Compagnie territoriali di Ottana (Nuoro) e Milano-Porta Magenta, collaborando con le rispettive Procure della Repubblica e con le Direzioni Distrettuali antimafia in indagini contro il crimine organizzato.
Dal 2015 al 2018, in Virginia, negli stati uniti d’America, ha svolto le funzioni di Consigliere di Polizia di stabilità del Comandante Supremo dell’Alleanza Atlantica (NATO).
Ha ricoperto incarichi di Stato Maggiore presso il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, nell’ambito dell’Ufficio “Piani e polizia militare” occupandosi di operazioni “fuori area” e, da ultimo, presso l’Ufficio “Cooperazione Internazionale”, quale responsabile dello sviluppo di programmi e progetti europei di contrasto al crimine organizzato transnazionale. E’ autore di volumi e articoli pubblicati in lingua inglese in Norvegia, Regno Unito, Romania e Stati Uniti d’America.

Il candidato della lista “C’è l’alternativa-Cento passi per la Sicilia” Domenico Giarrizzo, è diventato oggetto, in queste ore, proprio perchè candidato in consiglio comunale, di attacchi ingiuriosi e lesivi della dignità personale, da parte dell’ex coniuge Gabriella Marino, che si professa sostenitrice del sindaco uscente di Agrigento. La diffamazione avviene attraverso il social media Facebook. Per tutelare la proprio onorabilità, il candidato Giarrizzo ha denunciato per calunnia e diffamazione aggravata la signora Marino, tramite il proprio legale, l’avv. Maria Santangelo. ” Pur di togliere consensi e dannegiare l’immagine pubblica di Giarrizzo, la signora Marino– precisa Santangelo- si è lanciata in sua serie di strali, invettive, bugie e falsità”.  “Si tratta –ha concluso il legale- di una vendetta  privata nei confronti dell’ex coniuge candidato, precisando inoltre che a carico di quest’ultimo non vi è in corso alcun procedimento giudiziario”.

“Un caso di positività asintomatica al Covid-19 induce la quarantena forzata a tutti i collaboratori de “La Madia” di Licata, dello chef bistellato Pino Cuttaia, e relativa chiusura temporanea del ristorante”.

Lo comunica l’ufficio stampa della società che gestisce il ristorante.
«Nello svolgimento della mia attività – sottolinea Cuttaia – mi sono attenuto scrupolosamente alle prescrizioni anti Covid-19, adottando tutte le misure di prevenzione, per garantire la massima sicurezza ai nostri dipendenti e clienti. Con senso di responsabilità e precauzione tutti i collaboratori sono in quarantena forzata e in attesa di effettuare il tampone. Inoltre, stiamo chiamando tutti coloro che sono stati ospiti in questi ultimi giorni a La Madia invitandoli a rivolgersi tempestivamente al Dipartimento di Prevenzione, Servizio di Epidemiologia dell’Asp di Agrigento. Sarà mia premura comunicare al più presto le nuove date di riapertura del ristorante La Madia».
In realtà il positivo di cui si omettono le generalità per ragioni di privacy non sarebbe stato asintomatico. L’uomo è andato in ospedale con la febbre a 38 e altri sintomi: il tampone ha confermato la positività al Covid-19. Il paziente è stato dimesso ed è in isolamento nella sua abitazione.

L’Asp e il Comune hanno avviato lo screening dei contatti.

Continuano indisturbati i viaggi africani verso l’Isola di Lampedusa di migranti a bordo di barchini.

Nella giornata di ieri ci sono stati 5 sbarchi per complessivi un centinaio di migranti i quali hanno toccato terra dopo essere stati avvistati dalle motovedette della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera.

Tutti sono stati trasferito all’hotspot di contrada Imbriacola dove adesso la capienza ha ricominciato a salire. Presenti nel centro quasi trecento migranti.

 

 

Dopo avere ritirato il proprio apporto diretto alla coalizione di centro sinistra che ha contribuito a costituire, Risorgimento Socialista di Raffadali invita oggi i propri elettori a non votare per il centro destra. In piena coerenza con la linea nazionale e regionale, il partito in base ai propri valori fondativi di sinistra, non pùo certo dare indicazione di supportare  il sindaco uscente e i candidati della sua lista. Il partito di Risorgimento Socialista che ha deciso, con grande dispiacere e rammarico, di non partecipare con propri esponenti alla campagna elettorale a causa dell’atteggiamento remissivo dimostrato in fase di trattativa politica da parte del candidato sindaco da una parte e  dall’atteggiamento principiante e arruffone del PD “pigliatutto” dall’altra,  si impegna fin da adesso, al di là dell’esito elettorale, a costruire anche a Raffadali  un serio fronte alternativo e di sinistra, con quanti coltivano il bene comune e avversano la gestione familista della cosa pubblica. Per Risorgimento Socialista, infine, destra e sinistra rappresentano ancora oggi valori alternativi e schieramenti contrapposti. Chi nega questa differenza in modo qualunquistico lo fa soltanto per giustificare spesso i funamboli e i trasformisti della politica sia a destra che a sinistra. Atteggiamenti, questi, dettati specie in sede locale- tranne qualche rara eccezione- non da acclarati riposizionamenti ideologici ma da questioni strettamente personali che immiseriscono la politica e che fanno sembrare tutti uguali, il classico minestrone.

La candidata sindaco Angela Galvano ha fissato una serie di appuntamenti elettorali in città dedicati ai quartieri, che si svolgeranno in piena osservanza delle norme di sicurezza per la pandemia in corso.

Queste le date e gli orari:

Sabato 12 settembre alle ore 17,00 incontro con gli abitanti di Giardina Gallotti presso l’oratorio San Francesco;

Domenica 13 settembre alle ore 16.30 incontro a Villaseta di fronte la nuova Chiesa;

Venerdi 18 settembre, alle ore 18,00  appuntamento con gli abitanti del Quadrivio Spinasanta;

Sabato 19 settembre alle ore 11,00 al Villaggio Peruzzo e alle ore 12 a San Leone;

Lunedi 21 settembre alle ore 11,00 incontro al Villaggio Mosè con gli elettori in via Sirio Mercato.