Home / Articoli pubblicati daRedazione AG (Pagina 11)

Il Sindaco Totò Martello ha scritto una lettera aperta al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, sull’emergenza migranti sull’Isola di Lampedusa.

“Presidente Conte quanti devono ancora essere ammassati nel Centro di accoglienza per potere avviare i trasferimenti da Lampedusa?
Presidente Conte, quante barche di migranti devono ancora essere depositate al Molo Favaloro prima che inizino le procedure di demolizione?
Presidente Conte, quanto pensa ancora possa durare la pazienza dei lampedusani?
Presidente Conte, forse non è chiaro: in queste condizioni il Suo governo non è in grado di garantire le norme di sicurezza, non solo sanitarie, sull’isola.
Quindi, basta con provvedimenti tampone, basta con questo silenzio assordante: Lei ed il Suo governo non potete tacere di fronte a ciò che sta accadendo a Lampedusa”.

“Non è più accettabile che la nostra isola sia abbandonata a se stessa e che il peso dell’accoglienza sia scaricato tutto sulle nostre spalle: noi siamo i primi a voler garantire il rispetto dei diritti umani, ma non è più accettabile che per questo Lampedusa sia lasciata in balia delle più feroci speculazioni politiche.
Un presidente del Consiglio ha il dovere di rispettare tutti gli italiani compresa Lampedusa, che ha la sola colpa di trovarsi nel centro del Mediterraneo, al 35° parallelo”.

“Fratelli d’Italia denuncia le condizioni di lavoro cui sono costrette le Forze dell’Ordine presenti sull’Isola di Lampedusa. Nei giorni in cui gli sbarchi si susseguivano a ripetizione, infatti, i 10 uomini dell’Unita’ Operativa del Reparto di Palermo, in un momento in cui sull’Isola sono presenti oltre 1000 migranti, sono stati costretti a svolgere turni notturni e diurni consecutivi, addirittura dislocati in punti diversi dell’hotspot, in spregio alle disposizioni vigenti che vietano di separare gli uomini della medesima Unita’ Operativa. Questa circostanza si inserisce nel quadro desolante della totale incapacità di questo Governo di gestire i flussi migratori.

Incapacita’ che, come più volte denunciato da Fratelli d’Italia, si ripercuote anche sugli uomini e le donne delle Forze dell’Ordine, costretti a lavorare in condizioni di eccessivo stress che spesso mettono a repentaglio la sicurezza loro e del territorio che sono chiamati a difendere. Tutto ciò e’ intollerabile. Pretendiamo immediate maggiori tutele per i servitori dello Stato e il blocco navale per fermare il business degli scafisti”.

A dichiararlo i deputati di Fratelli d’Italia Carolina Varchi, Giovanni Donzelli ed Emanuele Prisco i quali preannunciano la presentazione di una interrogazione al Ministro competente per chiedere immediato invio di Forze dell’Ordine con supporto di Forze armate nell’Isola di Lampedusa, “totalmente abbandonata dalle istituzioni nazionali”.

Il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina, nonostante la prudenza mostrata, ha sospeso tutte le manifestazioni che possono creare assembramento fino al 31 agosto.

“La situazione è stazionaria, i ragazzi positivi al Covid-19 stanno bene. Non si sono aggiunti nuovi casi ed i tamponi effettuati hanno dato finora esito negativo”. Questo quanto dichiarato dal primo cittadino della città marinara alcune ore fa al fine di scongiurare ogni assembramento che potrebbe risultare letale per la comunità empedoclina.

Il primo cittadino ha così continuato: “Vi esorto a non abbassare la guardia ed ad usare tutte le cautele prescritte per prevenire ogni contagio, continua nella diretta Carmina. In particolare adoperate le mascherine , praticate il distanziamento sociale ed evitate ogni assembramento .Tutto dipenderà dal senso di responsabilità di ciascuno di noi .”

Sono 37 i nuovi positivi al Covid riscontrati in Sicilia (ieri erano stati 45). In ospedale ci sono in tutto 49 persone (ieri erano 61) ma restano 8 quelle ricoverate in terapia intensiva. Al momento le persone positive in Sicilia sono dunque 790, 741 delle quali in isolamento domiciliare. I morti restano 286. I tamponi sono poco più di tremila.

Dei 37 casi, sette sono nel Catanese, sette nel Messinese, dieci nel Palermitano, nove nel Ragusano e 4 nel Siracusano.

I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono 77.442 (in aumento), per un totale di 7.790.596. Oggi non ci sono regioni Covid Free. La regione che fa registrare il maggior numero di nuovi casi è il Veneto con 159, seguito dalla Lombardia con 154 e dal Lazio con 115. Le meno colpite sono la Valle D’Aosta con un caso, la Basilicata con 2 e la provincia di Trento, Abruzzo e Molise con 4.

“I resti umani trovati ieri a Caronia sono compatibili con Gioele”. Lo ha detto il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, parlando con i giornalisti, prima di entrare in ufficio “Questa mattina – ha aggiunto – ci sarà il riconoscimento da parte del padre degli oggetti ritrovati sul posto. Gli avevo chiesto di farlo già ieri, ma ha preferito seguire le spoglie di quello che riteniamo sia il figlio e abbiamo rispettato questa esigenza”

”In merito alle notizie circolate su presunti casi di positività al Sars-Cov-2 nei riguardi di personale della Polizia di Stato impiegato ad Agrigento per servizi correlati alla vigilanza dei migranti nel centro di accoglienza, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza precisa che è stato rilevato un solo caso di positività, mentre gli altri nove tamponi eseguiti sugli altri poliziotti, colleghi dell’interessato, sono risultati negativi”. Così in una nota la Polizia di Stato. ”Al riguardo, si rappresenta che: tutto il personale è stato impiegato all’esterno del centro ed ha utilizzato i dispositivi di protezione individuali previsti dai protocolli in uso da mesi per il personale della Polizia di Stato”.

”L’operatore positivo è asintomatico, attualmente è in isolamento presso una struttura alberghiera ed in costante monitoraggio da parte del personale sanitario della Polizia di Stato”.

Oltre 2.700.000,00 euro saranno disponibili per la manutenzione straordinaria di alcune strade di competenza del Libero Consorzio Comunale di Agrigento. Due progetti redatti dallo staff del Settore Infrastrutture Stradali sono stati infatti inseriti dall’Assessorato Regionale per le Infrastrutture e la Mobilità nella riprogrammazione delle risorse del Patto per il Sud,  utilizzando sia le risorse provenienti dal definanziamento di alcuni progetti della viabilità secondaria e dell’ANAS, per i quali ad oggi non sono stati redatti i progetti, sia l’economia derivante dal ribasso d’asta  di alcuni interventi. Dopo la modifica e la sostituzione  di alcuni interventi dell’allegato B del Patto per il Sud, sono stati finanziati nuovi interventi di viabilità immediatamente cantierabili per la messa in sicurezza di alcune strade, al fine di scongiurare il rischio di isolamento di diversi comuni ricadenti all’interno di alcune province.

I due progetti redatti dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento riguardano, in particolare:

– lavori di manutenzione straordinaria lungo la SP n. 32 Ribera-Cianciana dal km 12+500 al km 19400 (innesto SS 118), 1.200.000,00 euro;

– lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza lungo le strade provinciali: SP n. 88 (dalla SP 36 alla SP 47), n. 47 S. Anna-Villafranca, n. 35 A Portella di Sciacca-Lucca Sicula, n. 35 B Lucca Sicula-bivio SS 380, n. NC 24 collegamento esterno Burgio-Lucca Sicula, SPC n. 11 ex consortile Calamonaci-Villafranca, 1.586.500,00 euro.

Una volta emesso il decreto di finanziamento da parte della Regione Siciliana il Libero Consorzio Comunale di Agrigento programmerà le gare d’appalto per definire questi importanti lavori che interessano strade della viabilità secondaria molto trafficate e con una serie di criticità solo parzialmente risolte con i recenti interventi di manutenzione.

C’è un nuovo caso di Coronavirus a Ravanusa. Si tratta di un romeno che si trova in isolamento domiciliare. Appena lo scorso 28 luglio, una donna – pure lei di origini romene – era risultata positiva al Covid-19. Un tampone che, in quella circostanza, diede esito positivo dopo che la donna era rientrata dalla Romania. Adesso non c’è certezza – o almeno non ci sono comunicazioni istituzionali in tal senso – se fra la donna e l’uomo che, adesso, è risultato positivo vi siano o meno collegamenti. La donna era stata ricoverata a Malattie infettive dell’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta da dove, però, recentemente, è stata dimessa.

Quest’anno, il calendario della Polizia di Stato 2021 celebrerà il 40° Anniversario della Legge n.121 del 1981 che ha profondamente riformato l’Amministrazione della pubblica sicurezza e istituito la Polizia di Stato.
Le immagini raccontano il cambiamento della nostra Amministrazione – forza di polizia moderna, democratica, a ordinamento civile – descrivendo l’evoluzione della simbologia, dell’operatività e del concetto di prossimità.
Per raccontare questa evoluzione e descrivere la Polizia di oggi, sono stati individuati nella legge di riforma 12 temi portanti e rappresentati con altrettanti scatti. Ogni fotografia sarà accompagnata da una parola emblematica.
Anche quest’anno la realizzazione del calendario della Polizia di Stato ha trovato la partenship di Unicef. La vendita dell’ultimo calendario ha permesso di devolvere più di 160.000 euro al progetto UNICEF “Trentesimo anniversario della Convenzione ONU dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.
Il ricavato della vendita, quest’anno, sosterrà il progetto connesso all’Emergenza Coronavirus e una quota sarà devoluta al Piano di assistenza “Marco Valerio”, riservato ai figli dei dipendenti della Polizia di Stato affetti da patologie croniche.
Tutti i cittadini potranno prenotare il calendario da parete (costo 8 euro) e il calendario da tavolo (costo 6 euro), entro e non oltre il prossimo 21 settembre, facendo un versamento sul conto corrente postale nr. 745000, intestato a “ Comitato Italiano per l’Unicef”. Sul bollettino dovrà essere indicata la causale Calendario della Polizia di Stato 2021 per il progetto Unicef “Emergenza Coronavirus”. Copia dell’attestazione di versamento dovrà poi essere presentata all’Ufficio Relazioni con il Pubblico della Questura.