Home / 2022 / Settembre (Pagina 30)

Ad Agrigento lo scorso 2 settembre un incendio è divampato a danno di un’automobile Fiat Panda di proprietà del Comune posteggiata all’inteno del parcheggio pluripiano in via Empedocle. Ebbene adesso, su indicazione dei Vigili del fuoco del Comando provinciale, il Comune ha chiuso la struttura a tempo indeterminato, al fine di rimediare a danni all’impianto elettrico e alle telecamere di video-sorveglianza.

Ieri sera lungo la statale 640, all’altezza della Mosella, si sono scontrate due autovetture una Peugeot e una Alfa Romeno. L’incidente ha mandato letteralmente in tilt il traffico formando lunghe code.
Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno prestato i primi soccorsi, trasferendo i due guidatori al pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, le loro condizioni di salute non sono gravissime.  Oltre ai sanitari sono intervenuti anche  i militari dell’Arma dei Carabinieri per ricostr5uire l’esatta dinamica dell’incidente.
A causa delle lunghe code, formatosi per l’indicente all’altezza della Mosella, nei pressi  della rotonda Giunone uno scooter ha impattato contro un  autovettura che era intenta a ad eseguire un inversione di marcia. Il centauro con lievi traumi è stato trasportato al pronto soccorso.

Ad Agrigento, a Fontanelle, un ignoto ladro si è intrufolato furtivamente, senza apparenti tracce di scasso, nell’abitazione di una pensionata di 67 anni. E ha rubato un sacchetto contenente diversi oggetti preziosi, anche in oro, nascosti tra la biancheria. Lei poi si è accorta del furto e si è recata in Questura per sporgere denuncia. Si ipotizza che il ladro sia un conoscente dell’anziana, al corrente del possesso dei gioielli.

Lungo la statale 410 che dalla statale 115 porta a Naro ha visto un uomo la  alla guida della sua autovettura,  una Volkswagen Golf,  è rimasto ferito  dopo aver perso il controllo dell’auto uscendo dalla carreggiata finendo la sua corsa tra gli alberi di un terreno adiacente la strada.

I primi a soccorrere l’uomo sono stati i passanti, sul luogo sono intervenuti i poliziotti della sezione Volanti della Questura, per i rilievi e stabilire la dinamica dell’incidente.

 

Il classico leone da tastiera che dietro un profilo sul social network Facebook, poi risultato falso, ha postato post di insulti e offese risolve a Carabinieri e Polizia allegando il video della rissa tra giovanissimi insorta a San Leone  la notte tra sabato e domenica scorsi.

Dopo una breve indagine, i poliziotti  hanno smascherato e scovato l’ingiuriante, un 35enne agrigentino.

L’uomo  è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Agrigento per vilipendio a mezzo canale social nei confronti delle Forze armate.

L’agrigentino è una museo a cielo aperto per le ricchezze storico archeologiche che custodisce, un museo conosciuto in tutto il mondo ma anche dai tombaroli che con l’aiuto dell’oscurità cercano, scavano e trafugano i reperti.

Non è storia nuova quella di cui si da notizia oggi, già in passato era accaduto. Nell’area archeologica di Eraclea Minoa, attorno all’anfiteatro,  sono stati rinvenuti almeno 30 scavi nel terreno alla ricerca di reperti, scavi di cui nessuno ne sapeva niente; scavi che presumibilmente sono stati eseguiti tra il 2 e il 7 settembre.

A fare la scoperta sono stati gli impiegati del complesso monumentale di Cattolica Eraclea, che dopo la triste scoperta hanno presentato formale denuncia alle autorità competenti.

 

“Noto Sondaggi” per “Porta a porta” di Bruno Vespa: in Sicilia Renato Schifani primo con il 42%. Gli esiti del monitoraggio su scala nazionale.

Prima del black out elettorale sono effettuati e pubblicati gli ultimi sondaggi. A “Porta a porta”, di Bruno Vespa, è stato pubblicato il sondaggio dell’Istituto Demoscopico “Noto Sondaggi”, relativo alle intenzioni di voto per le elezioni Nazionali del 25 settembre.
Fratelli d’Italia 24,3 % (+0,8)
PD+Art 1-PSI 19,5% (-0,5)
M5s 13,5% (+1)
Lega 13% (-0,5)
Azione – Italia Viva 7,7% (-0,3)
Forza Italia al 6,9% (-0,6) %
Sinistra Italiana-Europa Verde 2,7% (-0,3)
Italexit per l’Italia 2,7% (+0,7)
Noi Moderati 2,5% (invariato)
Impegno Civico 2,2% (+0,7)
+Europa 1,3% (-0,7)

Gli indecisi al 28% (-2).

Dal sondaggio emerge, in riferimento alle coalizioni:

Centrodestra (Fdi-Lega-Fi- Noi moderati) 46,7%.

Centrosinistra (Pd-Art1-Psi-Si-Europa verde- +Europa e Impegno civico) 25,7%”.

Poi, sulla conquista e distribuzione dei seggi:

il centrodestra al Senato tra i 122 e i 132 seggi, e alla Camera tra i 250 e i 260 seggi,

il centrosinistra al Senato tra i 37 e i 47 seggi, e alla Camera tra i 79 e gli 89 seggi,

il Movimento 5 Stelle al Senato tra i 15 e i 19 seggi, e alla Camera tra i 32 e i 36 seggi,

Il Terzo Polo – Azione/Italia Viva al Senato tra gli 8 e i 10 seggi, e alla Camera tra i 19 e 23 seggi.

Ancora per “Porta a porta”, “Noto sondaggi” ha lavorato anche sulle intenzioni di voto per le elezioni Regionali in Sicilia. Ecco gli esiti:

Renato Schifani (Centrodestra) 42%
Caterina Chinnici (Centrosinistra) 25%
Nuccio Di Paola (M5S) 15%
Cateno De Luca (Indipendente) 12%
Gaetano Armao (Terzo Polo) 4%”

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

Ha detto addio al mondo la Regina Elisabetta d’Inghilterra.
Aveva 96 anni e nelle ultime ore le sue condizioni di salute avevano destato molta preoccupazione.

Tutta la famiglia si era già raccolta nella residenza scozzese, al Castello di Balmoral.

Tanta la gente raccolta davanti a Buckingam Palace, la BBC aveva già interrotto tutte le programmazioni, erano vestiti a lutto.

Il messaggio in codice per la morte della Regina è stato “The bridge in down” per indicare che la regnante si era spenta.

La Regina Elisabetta II è morta pacificamente, nel pomeriggio di oggi

A comunicarlo la famiglia reale con un tweet.

Re Carlo e la regina consorte, Camilla, resteranno a Balmoral e torneranno domani a Londra.

Salita al trono il 6 febbraio del 1952.

Non era destinata al trono, non era particolarmente bella, particolarmente colta, o intelligente.
Ma con il suo stile regale, con la sua austerità amabile, è sempre riuscita a portare la corona e a gestire la sua famiglia in maniera impeccabile.

Per gli inglesi Elisabetta sarà una regina immortale.

Muore oggi l’ultima grande regina.

La regina dei record.
Mai nessuno era rimasta così a lungo sul trono d’Inghilterra.

Innamorata dei cani, sei cavalli e della campagna, la sua fama si offuscò solo quando morì Lady Diana.

Le parole del re Carlo:

È un momento di grande tristezza per me e per tutta la famiglia. Addolorati per la morte di una sovrana tanto amata, di una madre tanta amata.

Pietra miliare dell’architettura di una nazione, durante la sua reggenza, ha conosciuto 7 papi, 14 presidenti e 15 primi ministri.

 

 

 

 

 

Sono 926 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore Sicilia a fronte di 10.472 tamponi processati. Ieri erano 1.070. Il tasso di positività è all’ 8,8% in diminuzione rispetto al 8,9% di ieri.

La Sicilia è al settimo posto per contagi. Gli attuali positivi sono 43.376 con una diminuzione di 27.839 casi. I guariti dopo uno stop di due giorni sono 28.746 e le vittime 19, che portano il totale dei decessi a 12.145.

i ricoverati sono 307, 10 in meno rispetto al giorno precedente, in terapia intensiva sono 27, due in più rispetto al giorno prima.

A livello provinciale si registrano a Palermo 208 casi, Catania 208, Messina 165, Siracusa 93, Trapani 46, Ragusa 73, Caltanissetta 48, Agrigento 59, Enna 26.

Per l’ennesimo anno consecutivo il WWF, la Lega Ambiente Sicilia ed altre associazioni ambientaliste hanno impugnato il calendario venatorio per la stagione 2022/2023, ancora una volta assumendo la sussistenza di rischi per la protezione della fauna selvatica.
In particolar modo, con il ricorso in parola, le Associazioni chiedevano al Giudice Amministrativo, oltre all’annullamento, anche la sospensione cautelare dell’efficacia del provvedimento impugnato.
Con ordinanza n. 467/2022, il T.A.R. Palermo si esprimeva sulla richiesta di sospensione degli effetti del succitato decreto, accogliendo in parte la domanda cautelare presentata dalle Associazioni Ambientaliste.
L’Amministrazione regionale ha adito il CGA proponendo un appello cautelare avverso la predetta ordinanza
L’Unione Associazioni Venatorie Siciliane (Un.A.Ve.S.), costituitasi nel giudizio in parola con il patrocinio degli Avv.ti Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza ha dedotto innumerevoli profili di inammissibilità ed infondatezza del ricorso proposto in prime cure dal WWF, facendo riferimento anche ad alcuni precedenti favorevoli recentemente ottenuti, con i quali il CGA aveva messo in evidenza l’insussistenza di un divieto assoluto del prelievo venatorio del coniglio, nonché la sostanziale conformità del calendario venatorio rispetto al parere emesso dall’ISPRA.
All’esito della camera di consiglio del 07.09.2022 il CGA, aderendo alla prospettazione dell’Assessorato difeso dall’Avvocatura dello Stato, di UNAVES difesa dagli avv.ti Girolamo Rubino e Massimiliano Valenza, dell’avv. Barbagallo, della Federazione italiana della caccia, rappresentata e difesa dall’avvocato Angelo Sala, nonchè dell’Associazione Liberi Cacciatori Siciliani, Associazione nazionale cacciatori, Associazione Italcaccia Sicilia, rappresentate e difesi dall’avvocato Alfio Barbagallo, con ordinanza n. 345/2022 ha riformato l’ordinanza cautelare 467/2022 resa dal TAR Sicilia, sede di Palermo, consentendo la caccia al coniglio a partire dal 1 ottobre 2022, la caccia alla Tortora a partire dal 18 settembre 2022 e la Caccia al colombaccio anche in preapertura, e dunque anche prima dell’apertura ordinaria (prevista appunto per il 18 settembre).