Home / Secondo Piano  / “Regionali”, Letta a Palermo per Chinnici
   

“Regionali”, Letta a Palermo per Chinnici

 

Il segretario nazionale del Partito Democratico, Enrico Letta, ha concluso a Palermo la campagna elettorale della candidata presidente della Regione del centrosinistra, Caterina Chinnici.

In concomitanza con la manifestazione di conclusione della campagna elettorale del centrodestra unito a Roma, con sul palco Meloni, Salvini, Berlusconi e Lupi, a Palermo il segretario nazionale del Partito Democratico, Enrico Letta, ha altrettanto concluso la campagna elettorale della candidata presidente della Regione del centrosinistra, Caterina Chinnici, espressa dal Partito Democratico. E comiziando in serata, Letta ha esordito riferendosi alla convention di Roma. Così: “La manifestazione del centrodestra a Roma ha fatto venir fuori un’Italia tracotante che perderà. Gli italiani la faranno perdere ed è un bene che questa finta moderazione messa in piazza fino a oggi si sia svelata per quello che è. La destra italiana ha mostrato il suo vero volto. Ha spiegato agli italiani che loro cambieranno da soli la Costituzione, che la loro logica è quella dei no-vax, contraria a tutto quello che ha reso possibile l’uscita dell’Italia dall’emergenza covid. Noi a questa destra diciamo che la Costituzione è nata dalla resistenza e dall’antifascismo, e non si tocca”. E poi, sull’eurodeputata aspirante governatore della Sicilia, Letta ha aggiunto: “Il nostro impegno è fare vincere Caterina Chinnici e darle la possibilità di cambiare questa Regione. La Sicilia ha bisogno di un cambiamento radicale, di competenza, onestà, unità. Sono venuto a Palermo per dare l’impulso finale, la Sicilia merita un presidente come Chinnici e non la destra. Noi puntiamo a vincere e ad avere la maggioranza. Il fatto stesso che io sia qui rappresenta la dimostrazione di quanto crediamo nella Sicilia e in Caterina Chinnici”. E poi, sulla spaccatura traumatica con il Movimento 5 Stelle dopo le Primarie, e nella eventuale prospettiva di una convergenza di governo, Enrico Letta ha affermato: “Voglio ricordare ai 32mila elettori partecipanti alle primarie in Sicilia che i 5 Stelle hanno dimostrato di non mantenere la parola data. Noi, al contrario, siamo sempre stati lineari e per questo saremo premiati”. E anche Caterina Chinnici è intervenuta su tale argomento: “L’uscita del Movimento 5 Stelle dal campo progressista ha cambiato gli equilibri in campo a vantaggio degli avversari, questo è un dato di fatto. Sono stati spesi parecchi giorni per salvare il patto delle primarie, poi è andata come sappiamo. Sarebbe stata tutt’altra partita e invece oggi c’è questa partita, più difficile ma da giocare fino in fondo. Le persone che incontro mi manifestano stima, fiducia, speranza, sostegno, mi danno molta forza. Vedo voglia di cambiamento e di dialogo, questo mi piace”.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO