Home / Secondo Piano  / “Droga”, avviso conclusione indagini per 21. Ecco chi sono
   

“Droga”, avviso conclusione indagini per 21. Ecco chi sono

 

Traffico di droga da Palermo e vendita al dettaglio a Canicattì e Favara: la Procura di Agrigento notifica 21 avvisi di conclusione delle indagini preliminari.

La Procura della Repubblica di Agrigento, tramite il titolare dell’inchiesta, il pubblico ministero Chiara Bisso, ha notificato la conclusione delle indagini preliminari (anticamera della richiesta di rinvio a giudizio) a carico di 21 indagati che avrebbero gestito, a vario titolo, un fiorente traffico di droga, soprattutto eroina, venduta al dettaglio ai consumatori di Canicattì a Favara, e ciò a cavallo, in particolare, tra il 2017 e il 2018. Alcuni inquisiti per trasportare lo stupefacente avrebbero a volte ingoiato gli ovuli contenenti l’eroina. La fonte di approvvigionamento sarebbe stata a Palermo. E poi del trasporto verso la provincia agrigentina si sarebbero occupati due corrieri extracomunitari.
Gli indagati sono:
Giuseppina Amato, 37 anni, di Canicattì
Angelo Bordieri, 57 anni, di Siracusa
Francesco Castronovo, 51 anni, di Favara
Mihaela Dana Chita, 28 anni, residente a Canicattì Emanuele Di Dio, 44 anni, di Favara
Lorenzo Di Dio, 31 anni, di Favara
Daniela Di Franco, 38 anni, di Canicattì
Francis Jisquo, 40 anni, del Ghana, residente a Palermo
Francis Mensah, 32 anni, del Togo, residente a Palermo
Sonia Garraffo, 32 anni, di Canicattì
Carmela Lazarevic, 41 anni, di Canicattì
Gianluca Li Calzi, 42 anni, di Canicattì
Roberto Li Calzi, 46 anni, di Canicattì
Salvatore Magri, 41 anni, di Canicattì
Mohamed Musah, 42 anni, del Ghana residente a Palermo
Domenico Noto, 67 anni, di Favara
Giuseppina Noto, 39 anni, di Favara
Antonio Parla, 42 anni, di Canicattì
Maria Grazia Rita Spallino, 40 anni, di Canicattì
Salvatore Stagno, 39 anni, di Favara
Gianluca Trabucchi, 41 anni, residente a Siracusa.
Adesso i 21 indagati entro 20 giorni hanno facoltà di opporre atti e mezzi a difesa, dopodiché la Procura formulerà la richiesta di rinvio a giudizio al Tribunale.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO