Home / In evidenza  / Aldo Mucci (SGB): “Preaccordi, una vergogna. Ridare dignità ai lavoratori AIAS e CSR”
   

Aldo Mucci (SGB): “Preaccordi, una vergogna. Ridare dignità ai lavoratori AIAS e CSR”

 

Quando parliamo di rinnovi contrattuali, viene in mente i “vecchi” Consigli di fabbrica. I lavoratori decidevano  quali erano i propri bisogni e programmi, per poi inviare un delegato che potesse divulgare e perseguire le richieste dei lavoratori. I delegati temporanei venivano eletti tra i lavoratori stessi, potevano  essere immediatamente revocati se infrangevano il loro mandato, e dovevano essere cambiati frequentemente. I delegati agivano come dei messaggeri, portavano e trasmettevano le richieste e le intenzioni dei lavoratori. Si respirava il “profumo” intenso delle discussioni, delle lotte. Ci si “incazzava” ed a volte volava qualche pugno. Alla fine però, si usciva con una linea comune. Oggi ci sono i “famosi” preaccordi , proposti  sempre dall’azienda, discussi e sottoscritti attorno ad un tavolo, dove il lavoratore la fa da fantasma. Preaccordi preconfezionati, da portare poi nelle riunioni, accompagnati da mille pregiudizi, difficoltà, lotte titaniche sostenute da questa o quella sigla sindacale ,la quale paladina dei lavoratori, ha portato a casa un importante risultato. Quello che sta accadendo in questi giorni, è la dimostrazione di quanto il lavoratori, in queste grandi contrattazioni, contino poco.

Mi riferisco ai lavoratori AIAS e CSR dei centri siciliani, i quali attendono il rinnovo contrattuale dal 2012. Una vergogna che si trascina da oltre 10 anni che ancora oggi, continua a  “rubare” ai lavoratori la dignità e i diritti. Lavoratori che dovrebbero avere gli stessi diritti e la stessa articolazione dei loro colleghi della  sanità nazionale e non certamente preaccordi assurdi, dove ad esempio la malattia viene pagata per intero soltanto dal ventiduesimo giorno di assenza consecutiva. Dove i preaccordi prevedono che dal terzo evento di malattia in un anno, i primi tre giorni non verranno più retribuiti. Dove i preaccordi prevedono che  l’infortunio viene  pagato per intero  solo dal quinto giorno. Dove i preaccordi configurano una assurdità : le future mamme, con il nuovo contratto, non avranno più la piena retribuzione nei cinque mesi di congedo obbligatorio, in quanto AIAS non integrerà il 20 per cento della retribuzione.  Va ricordato che per tutto il periodo del congedo per maternità, le lavoratrici hanno diritto ad una indennità giornaliera pari all’80% della retribuzione. Molti orrendi contratti collettivi (da rivedere) pongono a carico del datore di lavoro il pagamento del restante 20%, così da assicurare alla lavoratrice l’intera retribuzione. Inoltre la legge tutela la lavoratrice madre nelle diverse fasi della gravidanza e nei primi anni di vita del bambino. Credo che si sia toccato il fondo, ribadisce Aldo Mucci del direttivo nazionale SGB. Bisogna scendere nelle piazze, per rivendicare e riconquistare il sacrosanto diritto alla dignità lavorativa.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO