Home / 2022 / Luglio (Pagina 26)

2.678 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 17.811 tamponi processati in Sicilia secondo il bollettino odierno. Ieri i nuovi positivi erano 5.127. Il tasso di positività scende al 15%, il giorno precedente era al 18,4%. La Sicilia è al quinto posto per contagi fra le regioni italiane. Gli attuali positivi sono 154.988 con un aumento di 1.326 casi. I guariti sono 2.181 mentre si registrano 19 vittime che portano il totale dei decessi 11.437.  Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 1079, in terapia intensiva sono 47.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Palermo 915 casi, Catania 817, Messina 763, Siracusa 152, Trapani 312, Ragusa 140, Caltanissetta 123, Agrigento 239, Enna 65.

“E’ stato proposto ricorso al TAR Sicilia Palermo avverso la proclamazione degli eletti alle scorse elezioni amministrative del 12.6.2022 del Comune di Campobello di Licata e per l’integrale annullamento delle operazioni elettorali.
Alla base del ricorso la invalidità del procedimento elettorale viziato da irregolarità tali da inficiarne il corretto svolgimento con violazione della libera e consapevole espressione del voto e alterazione dell’esito delle elezioni, con il conseguente interesse dei cittadini in funzione dell’interesse pubblico generale a richiedere l’annullamento delle elezioni per il ripristino delle regole democratiche violate”.
Lo dichiara il candidato sindaco alle scorse amministrative Michele Termine.

La fortuna bacia ancora una volta la provincia di Agrigento. In occasione del concorso del 16 luglio del Superenalotto, è stato infatti centrato un 5 che ha permesso una vincita di 57.601,16 euro. La giocata vincente è stata convalidata nel bar di corso Umberto 13, a Castrofilippo.

Il jackpot, nel frattempo, continua a crescere, e per il prossimo concorso metterà in palio 240,2 milioni di euro.

Venerdì 22 luglio alle ore 19,30, con replica alle 21,45, nella Salina Genna, si terrà il concerto con I Musicanti di Gregorio Caimi, Luana Rondinelli e la Corale Carpe Diem. Nel teatro a mare “Pellegrino 1880” un battesimo artistico nel cuore del Mediterraneo per promuovere una rivoluzione culturale nel segno della bellezza affinché sorga un nuovo umanesimo

Il concerto “La Buona Novella” apre la V rassegna “ ‘a Scurata – Memorial Enrico Russo”, con le parole e le melodie create da Fabrizio De Andrè e la sublime voce di Antonella Ruggero, con I Musicanti di Gregorio Caimi, Luana Rondinelli e la “sacralità” della Corale Carpe Diem diretta da Fabio Gandolfo. Venerdì 22 luglio, nell’antica Salina Genna, nella riserva naturale dello Stagnone di Marsala, alle ore 19,30, con replica alle 21,45, prenderà il via la kermesse che si protrarrà fino al 30 agosto.

La manifestazione ideata e organizzata dal Movimento artistico culturale città di Marsala – M.A.C., giunta alla V edizione, si terrà nel teatro a mare “Pellegrino 1880”che prende il nome dalle Cantine Pellegrino, main sponsor della rassegna. Un luogo unico al mondo, un teatro assolutamente ecosostenibile che sorge all’interno di una vasca dell’antica Salina Genna, e che è completamente fatto di tufi, senza malte, né agglomeranti di alcun tipo, con sedute di legno e su un luminoso pavimento di sale. Dove gli artisti si esibiscono a pelo d’acqua e gli spettatori (in emiciclo) abbracciano le performance camminando sull’oro bianco che è il nostro sale, in un viaggio di luce che inizia dai passi per estendersi nella magnificenza del tramonto sulla riserva naturale dello Stagnone – ritenuto il quarto più bello al mondo –, che diviene scenario e spettacolo naturale al tempo stesso.

Il concerto “La Buona Novella” di Fabrizio De André in apertura della rassegna – spiega il direttore artistico Gregorio Caimi, che ha curato anche gli arrangiamenti – ha un valore fortemente simbolico. De André parlò del più grande rivoluzionario di tutti i tempi, Gesù Cristo, per riportare all’attenzione i valori delle rivoluzioni del ’68 e mantenerli vivi, per dare un senso che fosse sociale, culturale, capace di operare trasformazioni. Qui, Antonella Ruggiero, I Musicanti, Luana Rondinelli e la Corale Carpe Diem riportano quegli stessi valori nel cuore del Mediterraneo, in un luogo che è trionfo di bellezza, emblema della sinergia tra opera umana e natura: la salina. La rivoluzione è necessaria all’indomani (forse) di una pandemia e in un tempo funestato dalla guerra in Europa. Abbiamo bisogno di una “Buona Novella” che sia culturale e bellissima, che sia prossima al mare, inteso come “acqua che salva”. Un battesimo artistico per l’inizio di un nuovo capitolo dell’umanità. Un nuovo anno zero che passi dalla musica che è linguaggio universale”.

Biglietti per “La Buona Novella” solo su ciaotickets e presso “I viaggi dello Stagnone”. Posto unico € 25,00 + dp https://www.scurata.it/la-buona-novella-di-f-de-andre-22-luglio/

Il concerto sarà preceduto, alle ore 18,30, da una “Degustazione emozionale”: Giacomo Frazzitta – con Aldo Bertolino alla tromba e Franz Rallo al pianoforte – narrerà le meraviglie, le sensazioni e i sentimenti, ma anche le storie che si custodiscono dentro ad un calice dei pregiati vini delle Cantine Pellegrino. Per le degustazioni (le successive saranno il 2, il 4 e il 9 settembre) l’ingresso è su prenotazione. Per info telefonare al: 360656053

La kermesse si avvale del patrocinio del Comune di Marsala e dell’Assemblea regionale siciliana, e conta anche sull’apporto degli altri sponsor – oltre a Cantine Pellegrino – ossia Zicaffè, Medipower e Imera Imballaggi.

La rassegna intera è dedicata all’indimenticabile Enrico Russo che ha dato un eccezionale e ancora fruttuoso contributo alla crescita della cultura dell’arte e soprattutto del teatro nel nostro territorio.

Di seguito tutti gli spettacoli in cartellone:

29.07.22       MITA MEDICI In ELENA o della passione amorosa – h. 19,30 – biglietto 20 euro

Mita Medici sarà Elena, grande personaggio del mito greco, dopo averla interpretata in un film nel 2007, con Franco Nero, sempre con la regia di Salvo Bitonti, in una edizione pensata per il teatro sull’acqua delle Saline di Marsala. Nell’adattamento teatrale di Bitonti dall’originale di Euripide con echi da Ritsos, Elena, ormai dimenticata, vive in un grande teatro abbandonato dove compie un viaggio introspettivo. Gli eroismi, i sacrifici, le sconfitte e la stessa incomprensibilità della guerra sembrano non aver senso. Musiche a cura di Dario Arcidiacono. Scena: Scuola di Scenografia Accademia Albertina di Torino.

02.08.22       Osvaldo Lo Iacono con Antonino Saladino al violoncello e Giuseppe Zito keys – h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

Le note della chitarra elettrica di Osvaldo Lo Iacono – chitarrista siciliano da anni al fianco ad artisti quali Amii Stewart, Antonella Ruggiero e altri –  si fondono con le magiche sonorità del violoncello, tra suoni moderni e classici, atmosfere rarefatte e “liquide”.  Elementi naturali come pioggia e fuoco, prendono vita in un quadro multicolore di echi eterei ed affascinanti. Un viaggio tra composizioni originali, colonne sonore e classici del rock, che conquistano una nuova vita. Con: Osvaldo Lo Iacono – chitarra; Antonino Saladino – violoncello; Giuseppe Sito piano/keys.

05.08.22       Castello delle uova – “L’enigma del capitale” h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

Il castello delle uova nel 2020 pubblica su canali digitali il nuovo concept, L’enigma del capitale, ristampato nel 2021 in edizione limitata su CD per Seahorse Recordings. Dopo Appunti sonori per una cosmogonia caotica (per Ondarock fra i migliori album del 2007), nel 2001 il gruppo sceglie l’”asparizione“. Ora riappare dal vivo per raccontare i bombardamenti di Marsala del 1943, il martirio del sindacalista Vito Pipitone, l’impatto della crisi del 2008 con i musicisti: Abele Gallo batteria, Pietro Li Causi Chitarre, Benny Marano voce recitante, Ambra Rinaldo basso, Salvatore Sinatra piano elettrico e tastiere. Feat. Ninni Arini

08.08.22       Luana Struppa: concerto per Pianoforte “Sussurri al Tramonto” h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

Le note del pianoforte evocano nostalgie, rimpianti, luoghi sconosciuti, mete altrimenti irraggiungibili. Luana Struppa con Il Notturno op.27 n.2 di Chopin creerà un’atmosfera di serenità; con la Ballata op. 47 di Chopin ci porterà con eleganza nella profondità dell’animo umano; con la Barcarolle op. 60 evocherà il canto dei gondolieri veneziani. Eseguirà poi, Mormorii della Foresta e il Sonetto “Pace non trovo” di Listz dai tratti drammatici e appassionati; “Sogno d’Amore”: invito all’amore eterno e ancora brani dallo Schiaccianoci di Ciaikovsky per renderci protagonisti di una favola.

11.08.22       “Over the rainbow….un viaggio da Broadway ad Hollywood” h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

Un viaggio musicale fra le pagine dei più celebri musical della storia, ma anche attraverso brani tratti da altri spettacoli meno famosi eppure decisamente altrettanto interessanti: da Sondhaim a Bernstain, da Webber a Porter e non solo.  Diretto da Giuseppe Li Causi e prodotto dall’Ass. Carpe Diem, “Over The Rainbow” è una macchina musicale del tempo tra luci della ribalta e partiture che sono veri capolavori del genere.

16.08.22       Io Sono Io…Modugno! h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

Un viaggio tra le canzoni di Domenico Modugno che descrive la vita di uno dei tanti giovani di provincia pronti ad affrontare ogni traversia per realizzare il sogno di diventare artista. Spettacolo interpretato dal cantautore Ninni Arini, propone un alternarsi di momenti comici e melanconici, gioiosi e suggestive evocazioni poetiche. Io Sono Io…Modugno! rappresenta chiunque desideri “Volare” ma che non sempre sa di avere le ali. Con Ninni Arini, Giuseppe Angotta, Francesco Virgilio.  Arrangiamenti e direzione musicale di Aldo Bertolino.

19.08.22 Maremostro – Compagnia Teatrale Sipario h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

Con 12 canzoni e la band dal vivo l’Ass. Sipario porta in scena la contrapposizione tra il sereno azzurro marenostro e il MAREMOSTRO al largo di Lampedusa che si trasforma in sterminato cimitero per i fratelli migranti africani. Spettacolo scritto e diretto da Vito Scarpitta, pone il quesito dell’identità del nostro Paese non sempre accogliente; “a causa della crisi della società liberista. E gridiamo disperatamente «dov’è lItalia», quasi stentassimo a trovarla, come i genitori di una fiaba stentano a trovare il figlio in una foresta fitta”.

 

23.08.22       “L’assedio di Ilio” – h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

Replica h. 21,45

Ass. culturale ARCO – Scritto e diretto da Giacomo Frazzitta

Con Chiara Vinci e Federico Caruana e Musiche dal vivo di Dario Silvia

La storia, la poesia di tremila anni fa e le mitiche vicende omeriche si fondono con la libertà della musica Jazz creando un suggestivo ponte che valica tempo e spazio. Ne “L’assedio di Ilio”, scritto e diretto da Giacomo Frazzitta, le gesta degli eroi della conquista di Troia si intrecciano con il centrale ruolo delle donne. “Qui noi aggiungiamo la nostra voce – spiega l’autore –. La scena, dominata da un enorme cavallo, strumento d’inganno e vittoria, ha, come colonna sonora dal vivo, la musica Jazz, simbolo di libertà”. In scena Chiara Vinci e Federico Caruana. Musiche di Dario Silvia.

26.08.22       “…Ed io l’amavo” di Chiara Putaggio con Adriana Parrinello – regia  Francesco Stella – h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B

L’operato, la missione del sindacalista marsalese ucciso dalla mafia nel 1947, Vito Pipitone, ma anche la sua vita personale raccontate dagli occhi di sua moglie, Filippa Di Dia. Un monologo in siciliano, intimo e sincero – scritto da Chiara Putaggio, interpretato da Adriana Parrinello con la regia di Francesco Stella – dove una donna svela cosa c’è dietro il sacrificio di chi crede nella giustizia. Musiche di Gregorio Caimi per cantare l’anima di quella Marsala, all’indomani dalla seconda guerra mondiale e di una famiglia, di una donna, che “amava suo marito”.

30.08.22       Mario Venuti “SOLO” h. 19,30 – biglietto 25 euro

Mario Venuti suona la sua anima “SOLO”, con chitarra e voce. Strumenti che dipingono i 30 anni di carriera dell’artista catanese, di musica italiana che si intinge nel mondo, che con la sua vocalità abbraccia le sonorità brasiliane e sudamericane. Occasione unica di toccare la profonda identità artistica e umana di un musicista secondo cui “il pop è un termine nobile, che unisce Domenico Modugno e Luigi Tenco, Elvis Costello e i Talking Heads, i Beatles e Lucio Battisti”. Immancabili i suoi pezzi storici, ma anche i nuovi successi nell’arrangiamento più puro, quello in cui sono nati, e proporrà inoltre canzoni che del nuovo disco “Tropitalia”.

Biglietti presso I viaggi dello Stagnone via Dei Mille, 45 – Marsala 0923.717973 – 320.8011864 oppure on line su ciaotickets.it

Per maggiori informazioni www.scurata.it

Per video, foto, altri materiali https://www.scurata.it/downloads/

Storia di Chiara, studentessa universitaria. Dopo avere trascorso qualche giorno ad Agrigento, prenota un biglietto per fare rientro a Patti,(ME) con il treno delle ore 15,20. Recatasi – oggi 18 luglio – puntualmente alla Stazione Bassa, viene a conoscenza  ( da un altro paggessero disgraziato)  che il treno è stato soppresso. Qualcuno gli riferisce che si deve recare alla stazione degli autobus di Agrigento, dove è in attesa un Pullman per Palermo. Giunta a Palermo, può prendere il treno per Messina ed arrivare a casa (se Dio vuole) alle 22:00. Sorride Chiara, pensando a quanto letto poco tempo prima, circa il potenziamento della Palermo-Agrigento. Un intervento rilevante per la provincia di Agrigento inserito nel piano industriale 2022-2031 del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che prevede investimenti complessivi per tutto il Paese di oltre 190 miliardi e un impatto sull’economia nazionale stimabile in 2-3 punti percentuali di Pil. Le risorse serviranno a disegnare un rinnovato scenario di mobilità più interconnessa, integrata, sostenibile. Le somme destinate all’Isola – in tutto 19,58 miliardi – saranno principalmente utilizzate per il polo “Infrastrutture”. I 9,3 miliardi destinati al collegamento veloce Palermo-Catania-Messina “risponde alle esigenze di medio e lungo periodo della domanda di trasporto pubblico su ferro. E poi vuoi mettere quanto dichiarato dall’’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti Marco Falcone : “Verranno riavviati i collegamenti sulle tratte più frequentate dai pendolari come la Agrigento-Palermo, entriamo nella FASE 2”. Riaccendiamo così il motore della Sicilia, conclude Falcone.  Forse ci siamo persi la “FASE 1” .I Treni. Che vergogna. Quello che colpisce di più è l’indifferenza degli agrigentini, i quali non trovano mai la forza di protestare.

Il gup del tribunale di Agrigento Francesco Provenzano, accogliendo la richiesta della Procura, ha disposto il rinvio a giudizio nei confronti di Corrado Di Salvo, 58 anni, titolare della Medical Gas Criogenici; Nicolò Falzone, 49 anni di Porto Empedocle, e Giuseppe Campione, 37 anni di Agrigento. La prima udienza del processo si celebrerà il 17 novembre davanti il giudice monocratico Fulvia Veneziano.

La vicenda riguarda la morte dell’operaio Massimo Aliseo, 28enne, dipendente della Medical Gas Criogenici, deceduto in seguito allo scoppio di una bombola di ossigeno il 2 gennaio 2019 nell’azienda che si trova alla zona industriale di Agrigento.

Al titolare della ditta in particolare il fatto di aver impiegato l’operaio come addetto al riempimento delle bombole nonostante la vittima fosse un addetto alla pulizia dei macchinari e di aver affidato a Falzone il compito di occuparsi delle misure di sicurezza nonostante quest’ultimo non avesse una adeguata formazione. A Falzone viene contestato il fatto di non aver comunicato al titolare la presenza di ulteriori utensili e oggetti che avrebbero potuto danneggiare le bombole. Infine a Campione, ex collega della vittima, viene contestato il reato di favoreggiamento perché – secondo l’accusa – avrebbe omesso di raccontare di aver spostato una motocicletta che si trovava all’interno del capannone subito dopo l’esplosione.

Nell’ultimo anno in Italia, secondo l’Istat, il saldo fra assunti e licenziati è in attivo per 670mila nuovi posti di lavoro, ma la prevalenza è di contratti a termine, che in tutto sono 3,1 milioni, il dato più alto dal 1977, e ciò a fronte di 2,7 milioni di disoccupati.
In attesa dei concorsi per il potenziamento dei Centri per l’impiego, il “Pnrr”, con 4,4 miliardi di euro, finanzia il programma “Gol” (Garanzia occupabilità lavoratori) con l’obiettivo di trovare entro il 2025 un lavoro stabile a 3 milioni di soggetti (tra disoccupati, percettori di Reddito di cittadinanza o Naspi e Dis-Coll, cassintegrati, Neet, disabili, giovani e donne over 55) attraverso percorsi pianificati da ciascuna Regione e gestiti in collaborazione fra i servizi pubblici e le Agenzie private di lavoro.
Finora diciassette Regioni hanno definito i Piani di attuazione di “Gol” (Abruzzo, Campania, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto), ma solo Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Toscana, Umbria e Veneto hanno pubblicato i relativi bandi, Abruzzo, Liguria, Puglia e Sicilia si apprestano a farlo.
Dunque, occorre accelerare, anche perché il ritardo di una sola Regione comporterebbe il mancato pagamento delle successive tranche del “Pnrr” da parte dell’Unione europea.
Per questa ragione la Fondazione nazionale Consulenti per il lavoro ha deciso di organizzare un ciclo di eventi in tutta Italia con cui costruire sinergie fra le migliori competenze di Regioni, struttura del “Pnrr”, Anpal, servizi pubblici e i consulenti del lavoro che sono Agenzie private di lavoro. In pratica, una sana collaborazione pubblico-privato con l’obiettivo di favorire l’avvio di “Gol”.
Si parte dalla Sicilia, che presenta la situazione occupazionale più drammatica a livello europeo, con oltre un milione di soggetti da inserire nel mercato del lavoro, secondo i dati Istat e Inps aggiornati allo scorso mese di giugno: 302mila disoccupati, 460mila Neet, 80.790 percettori di Naspi su 364.610 domande presentate, più i cassintegrati con, fra gennaio e maggio, 1,8 milioni di ore di Cig, 1 milione di ore di Cigs e 2 milioni di ore di Cig in deroga. E c’è il dato Anpal relativo al bacino del Reddito di cittadinanza: su 376.226 percettori indirizzati ai servizi per il lavoro, di cui 195.226 tenuti al Patto per il lavoro, 160.484 lo hanno effettivamente sottoscritto, e tra loro 32.280 hanno accettato un impiego.
Il Piano di attuazione di “Gol” della Regione siciliana prevede di spendere quest’anno 98,8 milioni del “Pnrr” per accompagnare al lavoro 66.079 soggetti attraverso percorsi di formazione e riqualificazione.
All’evento siciliano, che si terrà dopodomani, mercoledì 20 luglio, alle ore 9, a Enna, presso l’hotel Federico II, organizzato con la Consulta regionale degli Ordini dei consulenti del lavoro della Sicilia, interverranno Gianni Bocchieri, direttore del Nucleo di coordinamento del “Pnrr” fra Stato e Regioni; Antonio Scavone, assessore regionale al Lavoro; Gaetano Sciacca, dirigente generale del Dipartimento regionale Lavoro; Patrizia Caudullo e Maurizio Lo Piccolo di Anpal Servizi; Fabio Marino, direttore del Ciapi; Vincenzo Silvestri e Enrico Limardo, rispettivamente presidente e direttore della Fondazione nazionale Consulenti per il lavoro; Maurizio Adamo, presidente della Consulta regionale Ordini dei Consulenti del lavoro.

Il deputato nazionale agrigentino del Gruppo Misto alla Camera, Michele Sodano, ha presentato un’interrogazione al ministro della Sanità, Speranza, e al ministro alla Transizione ecologica, Cingolani, a seguito dell’aumento a Montallegro, in provincia di Agrigento, dell’insorgere di patologie tumorali. Sodano afferma: “Rispetto ai dati emersi sul preoccupante numero di morti per patologie tumorali a Montallegro, ho chiesto ai ministri Speranza e Cingolani di avviare subito un’indagine epidemiologica per approfondire le cause dell’aumento del numero di morti per tumore registrate negli ultimi anni, a conferma della relazione esistente tra la presenza di un impianto integrato per il trattamento e recupero di frazione organica da raccolta differenziata a pochi chilometri dal centro abitato, e se, constatata la correlazione tra l’insorgere della patologia e la presenza di inquinanti atmosferici emessi dai depositi di rifiuti urbani come solfuro di idrogeno o gas irritanti, non si ritenga opportuno adottare ogni iniziativa di competenza per individuare una soluzione alternativa alla realizzazione di una nuova discarica in prossimità del Comune di Montallegro. Il silenzio e la mancanza di azione da parte degli Enti regionali è semplicemente preoccupante, anche di fronte alle allarmanti statistiche che raccontano di un territorio in cui non sono mai state rispettate le minime tutele ambientali. Oltre alle attività che saranno svolte dai Ministeri interrogati, è necessario che la politica locale non abbia paura di lottare contro le ecomafie e cominci a spendersi concretamente per la tutela della salute e dell’ecosistema”.

Un incidente stradale mortale è avvenuto poco dopo le ore 7 di oggi lungo l’autostrada A20, nel tratto compreso tra Tusa e Castelbuono, in direzione Palermo. Un camion si è fermato dietro un incolonnamento di mezzi che si è formato perché dall’altra parte della carreggiata si è incendiato un furgone. Ebbene, un automobilista si è schiantato violentemente dietro al camion tamponandolo. La sua auto, una Fiat Punto, si è del tutto incastrata sotto il tir. Anche il tetto è stato squarciato a seguito dell’urto. La vittima è un ingegnere di Tirana, in Albania, Isjan Demko.

L’appello dell’ex ministro Mannino ai centristi siciliani per l’unità in occasione delle prossime competizioni elettorali. Interventi e reazioni.

Calogero Mannino

Sia a Roma che a Palermo, nella prospettiva delle elezioni Regionali e prima o poi delle Nazionali, si riscontra una corsa verso l’occupazione politica del centro. Anche l’ex ministro Dc, Calogero Mannino, ha lanciato un appello all’unità dei partiti centristi siciliani in occasione del voto a novembre per il rinnovo dell’Assemblea regionale e l’elezione del presidente della Regione. Mannino ha inteso soprattutto rivolgersi ai centristi storici quali Raffaele Lombardo, Totò Cuffaro, Saverio Romano e Mimmo Turano. E al momento a condividere pubblicamente tale intento è Totò Cuffaro, che commenta: “L’onorevole Mannino è stato e continua ad essere un buon maestro. La politica deve saper pensare e voler ragionare, e quindi impegnarsi, per dare concretezza e realizzare quello in cui si crede. Oggi purtroppo c’è poca classe dirigente politica che ha voglia di pensare e molta che si fa trascinare dagli eventi. C’è anche di peggio. Ci sono quelli che non solo non ragionano ma urlano e fanno i populisti. Noi della DC vogliamo portare un contributo di idee e di valori ad una politica sempre più dis-ideologizzata e dis-umanizzata, e senza riferimenti valoriali”. Saverio Romano, leader di “Noi con l’Italia”, invece tronca così: “Ci stiamo muovendo su altre direttrici”. Meno troncante ma allo stesso modo perplesso è il segretario regionale dell’Udc, Decio Terrana, che afferma: “Oggi non ci sono le condizioni per un centro così costruito, l’Udc sta lavorando per creare un centro politico”. E poi Terrana coglie l’occasione per replicare alle indiscrezioni sulla possibilità di una lista comune con la Lega alle Regionali già smentita dal coordinatore nazionale, Lorenzo Cesa, e afferma: “Non c’è nessun accordo con Salvini. L’Udc non snatura lo scudo crociato”. Ancora possibilista, oltre Cuffaro, è Giovanni Di Trapani, segretario regionale di “Noi di centro”, creatura dell’ex ministro Mastella, che interviene così: “Ho letto con attenzione l’appello di Calogero Mannino ai referenti di alcuni partiti siciliani, e non, di ispirazione centrista, a riunirsi per superare la soglia di sbarramento alle prossime elezioni regionali siciliane. Ciò eviterebbe, secondo l’ex ministro Mannino, la scomparsa dei democristiani dalla scena politica siciliana”. Tuttavia Di Trapani suggerisce di praticare la formula della federazione, e aggiunge: “Sono pienamente d’accordo, ma si tratterebbe in fin dei conti solamente di un cartello elettorale. Intendo dire che – pur non conoscendo l’idea di Mannino sul nuovo soggetto politico di moderati che potrebbe prendere corpo, a suo avviso, dopo le Regionali – l’unica strada che ritengo percorribile è quella della federazione tra partiti centristi, allargata magari ad altri partiti e movimenti, anche di recente costituzione, che, rifuggendo da sovranismi e populismi, si riconoscono sulle nostre posizioni” – conclude. Infine: no di “Più Europa” e di “Azione”. Silenzio, al momento, da parte degli Autonomisti.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)