Home / Filo di nota  / Quando fare corretta informazione ti punisce. I casi del gruppo familiare Geraldo Alongi e la figlia Claudia, “consigliere comunale”
   

Quando fare corretta informazione ti punisce. I casi del gruppo familiare Geraldo Alongi e la figlia Claudia, “consigliere comunale”

 

Quando fare corretta informazione non solo ti punisce ma devi anche prenderti improperi da mocciosette che ancora pullulano di latte.

I FATTI. Ieri i consiglieri comunali della maggioranza al Civico consesso di Agrigento hanno risposto ad un comunicato stampa diramato il giorno prima da due consigliere di opposizione. Tale Claudia Alongi e la dottoressa Roberta Zicari.

Nel comumicato stampa la maggioranza si è difesa dall’attacco ed ha risposto per le rime. Ha di fatto, con un comunicato stampa, smentito e sbugiardato le consigliere comunali, definendole più o meno Pinocchio, cioè false e bugiarde.

Fin qui nulla di trascendentale. O quasi. Il comunicato della maggioranza non è stato digerito da parte di una delle due consigliere comunali, cioè la tale Claudia Alongi, figlia di Geraldo, medico in pensione e già consigliere comunale di Agrigento.

Pochissimi i quotidiani on line che hanno riportato la notizia. Noi lo abbiammo pubblicato. Nulla di male; un botta e risposta come tante altre miliardi di volte accade quando si parla di politica.

LA REAZIONE SPROPOSITATA DI PAPA’ GERALDO. Quasi per incanto, un “vero e puro caso” il papà della consigliera comunale Claudia Alonge, una consigliera che è famosa per i suoi silenzi che non per altro, pubblica nella propria pagina di facebook il seguente post che potrete leggere accanto.

Una acredine senza precedenti. Il papà Geraldo, insignificante nel suo ruolo di consigliere comunale degli anni passati, ha creduto bene di reagire così per difendere la figlia, un’altra insignificante consigliere comunale, come detto sopra, nota per i suoi silenzi e seduta negli scranni di Aula Sollano solo per dire si o no, a seconda dalle indicazioni che prende dall’alto. Oppure per uscire o entrare a seconda di che votazione trattasi. Insomma, Una soldatessa di tutto rispetto (per evitare incomprensioni sottolineamo dal punto di vista politico).

IL CORTILE SU FACEBOOK. Ovviamente io che sono il Direttore responsabile di questo giornale non ci sto. E replico al Geraldo, anche con una certa fermezza. Lui si sente preso dai turchi, ma subisce e patisce la mie riflessioni. Vuole attaccare, ma ha pochezza di argomenti. E parla, minaccia denunce, sbava. Cosa raccontava Luigi Pirandello?

LA REAZIONE DI CLAUDIA ALONGI, TALE “CONSIGLIERE COMUNALE” AD AGRIGENTO. Diciamo tale perchè nessuno, o molto pochi, la conoscono. Che film ha fatto? Interviene lei a difesa di Geraldo, sottolineando il fatto che sia il padre che la figlia sono stati sempre i primi eletti. Come se questa fosse una etichetta che ti proclama ottimo consigliere. Vabbè, se loro sono convinti così, noi li lasciamo giuggiolare. La loro pochezza attività amministratiova è sotto gli occhi di tutti. E presto vi daremo conto e ragione.

GLI ATTACCHI A LELIO CASTALDO CHE HA AVUTO IL TORTO DI PUBBLICARE UN COMUNICATO STAMPA DA PARTE DELLA MAGGIORANZA CHE ATTACCAVA L’INFANTE DALLA FRANGETTA CARINA CLAUDIA ALONGI. Un casino, un bordello, apriti cielo. Prima le accuse, le ingiurie, le offese da parte del fu (cnsigliere comunale) Geraldo che certamente non ha gradito il mio attaco frontale. E quando la figlia Claudia legge il botta e risposta su fb, entra a gamba tesa e denomina il sottoscritto un grande maleducato. Ovviamente il grande maleducato non può e non deve accettare improperi del genere da una lattante che vuole a tutti i costi difendere il Geraldo. E’ lei la vera e propria maleducata di cui necessita un corso accelerato di scuola serale di bon ton. Una cafoncella di tutto rispetto.

Tra l’altro il papà Geraldo non avrebbe ancora digerito un mio attacco quando era consigliere comunale nei suoi confronti e che per pietà non riportiamo il contenuto.

LE CONCLUSIONI. Ecco un pezzo di Consiglio comunale ad Agrigento. L’infante Claudia che non digerisce gli attacchi non miei ma dell’intera maggioranza. Attacca il sottoscritto e gli da del maleducato, sol perchè lo stesso sottoscritto ha invitato il papà Geraldo a non rompere i coglioni e distrarsi verso altri siti on line.

Ecco tutta la storia. Una verità, un dato certo, un danno drammatico per la città di Agrigento.

N.B. Non posso non sottolineare una impercettibile differenza tra quattro persone: Claudia Alongi è la figlia di Geraldo: la dottoressa Roberta Zicari è figlia del compianto Fabrizio Zicari.

E qui mi fermo.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO