Home / Attualità  / Le commoventi parole di Livia Sassoli al suo amato padre durante il funerale di Stato
   

Le commoventi parole di Livia Sassoli al suo amato padre durante il funerale di Stato

 

Livia Sassoli commossa e vestita di azzurro e compostezza, dote che apparteneva anche a suo papà David, legge durante il funerale di Stato  il contenuto di un messaggio, uno degli ultimi del Presidente del Parlamento Europeo

 

Abbiamo costruito una nuova solidarietà perché nessuno è al sicuro da solo. 
Abbiamo visto nuovi muri e i nostri confini in alcuni casi sono diventati confini tra morale e immorale, tra umanità e disumanità, muri eretti contro persone che chiedono riparo dal freddo, dalla fame, dalla guerra, dalla povertà.  Abbiamo lottato accanto a chi chiede più democrazia, più libertà, accanto alle donne che chiedono diritti e tutele. A chi chiede di proteggere il proprio pensiero, accanto a coloro che continuano a chiedere un’informazione libera e indipendente. Abbiamo finalmente realizzato, dopo anni di crudele egoismo, che la disuguaglianza non è più né tollerabile, né accettabile e che vivere nella precarietà non è umano e che la povertà è una realtà che non va nascosta ma che deve essere combattuta e sconfitta. Il dovere delle istituzioni europee di proteggere il più debole e di abbandonare l’indifferenza, è la nostra sfida, quella dei un mondo nuovo che rispetta le persone, la natura e crede in una nuova economia basata non solo sul profitto di pochi ,a sul benessere di tutti.

Il periodo del Natale è il periodo della nascita della speranza e la speranza siamo noi quando non chiudiamo gli occhi davanti a chi ha bisogno, quando non alziamo muri ai nostri confini, quando combattiamo ogni forma di ingiustizia.

Auguri a noi e auguri alla nostra speranza. Grazie papà, buona strada. 

 

E poi la moglie di Sassoli, Alessandra Vittorini, anch’essa commossa nel silenzio che regnava, ha parlato al suo adorato marito, conosciuto sui banchi di scuola, con il quale aveva costruito una famiglia. E poi racconta di come abbiano sempre dovuto dividerlo con il lavoro, con la politica, e con le tue passioni. “Ma sapevi che eravamo sempre con te” – dice.
C’erano ancora tanti progetti, che avrebbero voluto realizzare insieme, e lui è andato via troppo presto.
Ma poi aggiunge: ” c’è sempre stato tanto amore e l’amore non si divide, ma si moltiplica”.  

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO