Home / In evidenza  / Lampedusa. grave l’emergenza ambientale per il mancato smaltimento dei barconi dei migranti. Legambiente presenta esposto in procura
   

Lampedusa. grave l’emergenza ambientale per il mancato smaltimento dei barconi dei migranti. Legambiente presenta esposto in procura

 

Legambiente Sicilia, che gestisce la Riserva Naturale Isola di Lampedusa, denuncia che in questi giorni si è aggravata l’emergenza ambientale per il mancato smaltimento dei barconi utilizzati dai migranti e accumulati al porto di Lampedusa: decine di relitti semi affondati, rifiuti sparsi ovunque, un grosso peschereccio in metallo ieri ha rotto gli ormeggi e da stamattina si è arenato nei pressi della spiaggia demaniale di Cala Palme.

Legambiente ricorda che tutto l’ambito marino circostante l’isola, compreso il porto, è vincolato dall’Unione Europea come Zona di Protezione Speciale per l’elevato valore naturalistico e quindi il degrado ambientale che si sta verificando ormai da mesi costituisce anche violazione delle norme comunitarie di protezione dei Siti Natura 2000.

È stato chiesto al Ministero della Transizione Ecologica, alla Prefettura di Agrigento ed alla Guardia Costiera un immediato intervento di rimozione e bonifica e di verifica delle conseguenze ambientali di quanto accaduto.

Ed è stato presentato un esposto anche alla Procura della Repubblica di Agrigento per accertare come mai i barconi non siano stati rimossi per tempo e come mai, successivamente al sequestro, non vengono messi immediatamente in sicurezza almeno con la bonifica dagli idrocarburi e da altri rifiuti e collocando barriere, spanne assorbenti ed altri presidi a fini di prevenzione.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO