Home / Secondo Piano  / L’influenza della religione nella lotta alla mafia: Agrigento ospita il convegno della Dia
   

L’influenza della religione nella lotta alla mafia: Agrigento ospita il convegno della Dia

 

Si è aperto con un minuto di silenzio in memoria dell’assistente capo Sergio Di Loreto, deceduto tragicamente in un incidente all’interno del poligono di tiro di Soddì, il convegno “L’influenza della religione nella lotta alla mafia” organizzato in occasione del trentennale della Direzione Investigativa Antimafia.

Il dibattito si è tenuto nella sala Zeus del museo Pietro Griffo di Agrigento. A moderare il dibattito è il giornalista, inviato de La Sicilia e fondatore di Grandangolo, Franco Castaldo. I relatori sono:  il Direttore della D.I.A,  Maurizio Vallone, l’Arcivescovo di Agrigento, Alessandro Damiano, il Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno, Prefetto Michele Di Bari, il Procuratore Capo della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio, il Presidente della Pontificia Accademia Mariana Internazionale, padre Stefano Cecchin, il Rabbino della Comunità Ebraica di Napoli, Maskil Ariel Finzi, il Segretario Generale della Confederazione Islamica in Italia, Massimo Cozzolino e il vice Direttore Amministrativo della Dia, Generale Antonio Basilicata.

A conclusione della cerimonia il maestro Toraldo ha donato un’opera alla DIA dal titolo ” Identità Antimafia “, opera ispirata che vede raffigurato da un lato il giudice Rosario Livatino e dall’altro Papa Giovanni Paolo II e la Valle di Templi per rievocare il monito “convertitevi”.
NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO