Home / In evidenza  / Hamel e Bongiovì: “Sono passati 365 giorni e il cambio di rotta non è avvenuto”
   

Hamel e Bongiovì: “Sono passati 365 giorni e il cambio di rotta non è avvenuto”

 

I consiglieri comunali Hamel e Bongiovì, infuriati nel vedere la propria città andare sempre più indietro, interrogano il Sindaco e la giunta, sul perché il programma elettorale è rimasto soltanto parole, e no fatti!!!

“Ormai è trascorso un anno dall’insediamento della nuova amministrazione e nessuno degli impegni su cui si è costruita la vittoria elettorale ha avuto concreta realizzazione – affermano Hamel e Bongiovì.

Guardando il programma elettorale del Sindaco in carica si potrà facilmente comprendere che, tranne qualche minimale aspetto, nessuna promessa è stata mantenuta!!!

Nei primi cento giorni, dicono i consiglieri Hamel e Bongiovì, si dovevano realizzare interventi quali il rafforzamento dell’ufficio tecnico, la realizzazione dell’ ufficio progettazione europea, l’avvio del processo di digitalizzazione, l’esternalizzazione del servizio rilascio certificati, la mappatura delle condizioni di sicurezza delle scuole e altri otto punti rimasti ancora lettera morta a 365 giorni dalle elezioni.

Ma oltre le mancate realizzazioni promesse per i primi cento giorni, anche tutte le altre enunciazioni programmatiche sono rimaste sulla carta confermando l’immobilismo ed il vuoto gestionale.

Sul tema dei RIFIUTI, doveva registrarsi un cambio di passo, con i cassonetti a scomparsa, l’ottimizzazione della pulizia delle strade, le tessere magnetiche, la diminuzione della TARI, la realizzazione dei Centri di raccolta, le eco-feste, giornate del riciclo, negozi gratuiti di riuso, etc etc. Di tutto questo NULLA È STATO REALIZZATO, le strade sono sporche, l’erba invade i marciapiedi, l’abbandono dei rifiuto è peggiorato, l’isola ecologica è stata chiusa e riaperta a Fondacazzo in uno stato di bolgia infernale con sporcizia, disservizi, miasmi e pericoli sanitari;

Sul tema del lavori si doveva sostenere l’imprenditoria giovanile e femminile aprendo un ufficio comunale di assistenza e intercettazione di opportunità, si dovevano istituire dei tavoli di confronto con le associazioni di categoria per individuare capitali privati e possibilità di fare impresa, si doveva creare un’Agenzia per il lavoro all’interno degli uffici comunali. NULLA E’ STATO FATTO O AVVIATO ed i giovani sono ancora abbandonati alla loro solitudine;

Sul tema del decoro urbano si sono realizzati interventi minimali con la posa di qualche vaso e la sistemazione di qualche piccola area che interventi ben lontani dalle roboanti promesse di riqualificazione del territorio urbano;

Sul tema del Turismo e della cultura era stato promessa l’istituzione dell’assessorato al turismo con propria struttura operativa, la promozione del lavoro e delle proposte delle associazioni culturali, l’organizzazione di luoghi ed attività per valorizzare i talenti locali, la promozione del turismo ambientale, l’istituzione di un ufficio turistico aperto tutti i giorni, l’apertura continuativa di musei civici e servizi turistici, convenzioni e stabili collaborazioni con altre realtà museali cittadine, istituzione della kerkent card per la fruizione dei servizi gratuiti per i turisti, la convenzione per la realizzazione di un info-point, il calendario unico degli eventi in città. NULLA E’ STATO REALIZZATO O AVVIATO;

Sul tema della sicurezza e legalità si prevedeva il controllo del territorio, l’installazione di telecamere NULLA E’ STATO FATTO;

Sul tema della mobilità urbana NULLA E’ STATO FATTO O AVVIATO (parcheggi di via Gioeni e piazzale Rosselli, rotatoria di piazza Marconi, sbarre con indicatori nei parcheggi esistenti e l’attivazione di Bike Sharing realizzata dalla precedente amministrazione si trova ancora al palo per imperizia e  scarso impegno;

Sul tema delle infrastrutture NULLA E’ STATO FATTO O AVVIATO;

Sul tema del centro storico e della via Atenea nulla è stato fatto per agevolare la sosta e la permanenza delle persone e favorire la viabilità, per valorizzarlo con iniziative culturali e turistiche così come promesso nel programma elettorale;

Sul tema delle attività produttive NULLA E’ STATO FATTO;

Sul tema del Tempo libero è Sport solo aspettative e NULLA DI FATTO;

Sul tema dei quartieri e frazioni era in programma l’avvio di progetti per la cura dei quartieri e la creazione di circoli ricreativi e ambientali per anziani, NULLA E’ STATO FATTO O AVVIATO;

-Concludono i consiglieri Hamel e Bongiovì- L’elenco delle inadempienze e delle promesse mancate (che sarebbe ancora lungo ed articolato) è la dimostrazione che il CAMBIO DI ROTTA non è avvenuto, ma soprattutto è la dimostrazione che questa amministrazione deve darsi una scossa per non riportare la nostra città indietro e sprofondarla nello sconforto della mancanza di ogni prospettiva di riscatto.

Non basta essere brave persone per guidare una città come Agrigento, ma occorre capacità, carisma, spirito di iniziativa, coraggio, fantasia, concretezza e sacrificio.

La “normalità”, auspicata nel programma, non significa immobilismo, staticità, incapacità di dare risposte e mancanza di iniziativa. Al contrario la “normalità” deve essere una rivoluzione culturale che deve abbattere le barriere della rassegnazione sociale, che deve aprire una competizione tra le intelligenze vive e propositive presenti nel nostro territorio, che deve rendere normale la fruizione dei servizi coniugando diritti e doveri nel modo più positivo e concreto.

AD UN ANNO DI DISTANZA IL PROGRAMMA ELETTORALE E’ ANCORA UNA MERA ENUNCIAZIONE ED I CITTADINI DI AGRIGENTO NON MERITANO QUESTA DELUSIONE.”

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO