Home / costume e società  / 63ma Settimana Internazionale di Musica Sacra di Monreale: 19 ottobre ore 21 Duomo di Monreale concerto per mandolino ed orchestra
   

63ma Settimana Internazionale di Musica Sacra di Monreale: 19 ottobre ore 21 Duomo di Monreale concerto per mandolino ed orchestra

 

Martedì 19 ottobre presso il Duomo di Monreale alle ore 21:00, verrà eseguito il Concerto in Sol maggiore per Mandolino e Orchestra di Johann Nepomuk Hummel che inaugurerà la 63ma Settimana Internazionale di Musica Sacra di Monreale.

L’interprete solista dell’autorevole Orchestra Sinfonica Siciliana sarà il mandolinista di fama internazionale Carlo Aonzo che affronterà il concerto scritto da Hummel nel 1779 per Bartolomeo Bortolazzi famoso mandolinista che rese questo strumento popolare presso il pubblico della sua epoca. Il Maestro Aonzo arricchirà questo componimento con un’inedita cadenza di sua creazione.

Una ulteriore e prestigiosa collaborazione del Maestro Aonzo in terra di Sicilia in veste di solista con l’Orchestra Sinfonica Siciliana che negli anni ha ospitato maestri solisti del calibro di Uto Ughi, Maurizio Pollini, Salvatore Accardo, Mario Brunello, Daniela Dessì fra gli italiani e Nikita Magaloff, Joshua Bell, Raina Kabaivanska, fra gli stranieri, e che per la prima volta vede come nobile protagonista il mandolino, strumento simbolo del nostro Paese.

Un forte il legame quello fra il mandolinista ligure e la Sicilia, testimoniato anche dall’interessante puntata della serie di documentari “L’Italia dei 1000 Mandolini” (https://youtu.be/Qtap76mrzWI) che Carlo Aonzo ha dedicato all’isola, terra di antiche tradizioni mandolinistiche.

Nell’affascinate contesto del Duomo di Monreale, datato 1174 e iscritto dal 2015 nella lista dei patrimoni dell’Umanità dell’Unesco, si completerà il programma musicale con l’esecuzione della Messa in Do Minore KV427 per soli, coro e orchestra scritta da Wolfgang Amadeus Mozart.

CARLO AONZO
Carlo Aonzo, mandolinista italiano di fama internazionale è nato a Savona dove è cresciuto immerso nella musica; la sua stessa abitazione era sede della Scuola di Musica del Circolo Mandolinistico “G. Verdi”.

Diplomatosi in mandolino col massimo dei voti e lode al Conservatorio di Padova nel 1993, ha collaborato con prestigiose istituzioni come l’Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano, il Maggio Musicale Fiorentino, la Nashville Chamber Orchestra (USA), la McGill Chamber Orchestra di Montreal (Canada), la Philarmonia di San Pietroburgo (Russia), i Solisti da Camera di Minsk (Bielorussia), il Schleswig-Holstein Musik Festival (Germania). Nel 2001, con la sua “Orchestra a Pizzico Ligure” ha suonato in Vaticano per Papa Giovanni Paolo II.

Tra i suoi riconoscimenti si annoverano il Primo Premio assoluto e premio speciale “Vivaldi” al Concorso Internazionale “Pitzianti” di Venezia nel 1993 e il Primo Premio al Walnut Valley National Mandolin Contest a Winfield, Kansas (USA) nel 1997.

Il profondo interesse in attività di promozione e sensibilizzazione focalizzato sul proprio strumento è testimoniato dalle sue innumerevoli collaborazioni con le orchestre mandolinistiche di tutto il mondo: New York, Seattle, Portland, Providence, Pittsburgh, Baltimora, Filadelfia, Denver, Milwaukee, Atlanta, Montreal, Milano, Genova, Lugano, Tokyo, Nagoya, Osaka, Sendai, Saigon, Wuppertal, Berlino, Londra, San Pietroburgo.

E’ spesso invitato come direttore musicale e docente dalle più importanti istituzioni mandolinistiche internazionali quali CMSA (Classical Mandolin Society of America), FAME (Federation of Australasian Mandolin Ensemble), EGMA (European Guitar and Mandolin Association) e convocato nelle giurie di concorsi internazionali: Saigon Guitar Festival (Vietnam), Osaka International Mandolin Competition (Giappone), Yasuo-Kuwahara Competition Schweinfurt (Germania), Concorso Internazionale per Mandolino Solo di Modena.

Insegna in seminari e workshop in tutto il mondo: dal 2000 dirige il corso annuale “Manhattan Mandolin Workshop” a New York (dal 2017 a Milwaukee, Wisconsin) e nel 2006 ha fondato l’Accademia Internazionale di Mandolino di cui è tutt’ora il direttore, un ente in continua espansione con nuove attività e corsi (www.accademiamandolino.com).

I suoi progetti discografici riflettono il suo interesse e talento per i differenti aspetti del repertorio mandolinistico: dalle composizioni originali per mandolino (“Integrale per Amandorlino e Chitarra Francese”), ai virtuosi italiani degli strumenti a corda tra l’800 e il ‘900 (“Serenata” con Beppe Gambetta e “Traversata” con il guru-mandolinista americano David Grisman).

In Duo con chitarra classica, Carlo ha prodotto gli album “Paganini” con René Izquierdo e “Kaze” con Katsumi Nagaoka.

Nel 2016, con il Carlo Aonzo Trio, ha realizzato l’album “A Mandolin Journey” sul repertorio mandolinistico internazionale e nel 2019 “Mandolitaly”, il progetto sulla tradizione musicale iconica italiana rivisitata ed attualizzata. Con l’ensemble barocco “Il Falcone”, ha registrato il ciclo completo delle 4 Stagioni per la prima volta con il mandolino quale strumento solista.

Per l’etichetta americana Mel Bay ha pubblicato il video-concerto “Carlo Aonzo: Classical Mandolin Virtuoso” e libro-CD “Northern Italian & Ticino Region Folk Songs for Mandolin”; per Hal Leonard ha realizzato le raccolte “Bach Two-Parts Inventions” e “Classical Mandolin Solos”.

Come ricercatore ha lavorato sulla storia del proprio strumento e collaborato con il New Grove Dictionary of Music and Musicians. Inoltre, ha presentato conferenze sull’iconografia del mandolino in rinomate istituzioni quali la Waseda University di Tokyo, il Guitar Festival di Panama, il Dartmouth College, la St. John’s University di New York, la Boston University, il New England Conservatory di Boston, il Wisconsin Conservatory of Music di Milwaukee, il Vanderbilt College of Nashville, il Centro di Cultura Italiana di Vancouver (Canada), la Biblioteca Berio di Genova, il Museo Nazionale di Strumenti Musicali di Roma.

Annovera numerose partecipazioni in trasmissioni radiofoniche e televisive nazionali Italiane e straniere tra cui Rai1, Rai3, RaiNews, RadioRai1, Radio3, Rai Radio Live, Radio24; nel 2018 si esibisce per la prima volta alla Carnegie Hall di New York e dall’autunno 2019 a febbraio 2020 effettua tournée in Giappone, Stati Uniti, Australia e India esibendosi tra gli altri al 4th Goa Mand-Fest.

Sempre nel 2020 realizza e produce la serie “L’Italia dei 1000 Mandolini”, nove mini-documentari dedicati al mandolino e all’affascinante mondo che lo circonda, un progetto che trova notevole interesse in varie parti del globo, dall’Australia agli Stati Uniti, al Canada, al Giappone e all’Irlanda.

Dal 2020 è docente presso il “Conservatorio di Musica Girolamo Frescobaldi” di Ferrara.

Il 2021 vede la nascita del “Carlo Aonzo meets Daniele Sepe” un nuovo ambizioso ed originale progetto nel quale uno fra i massimi esponenti dell’arte mandolinistica coinvolge con il suo storico trio, formato con Lorenzo Piccone alla chitarra e Luciano Puppo al contrabbasso, il talentuoso e poliedrico batterista Ruben Bellavia e come ospite speciale l’eclettico sassofonista Daniele Sepe.

NON CI SONO COMMENTI

POSTA UN COMMENTO