Home / Secondo Piano  / Rifiuti, Mucci (Sgb): “Visto l’insuccesso sulla raccolta, chiederemo alle Istituzioni perchè in questi anni non è stata fatta alcuna diffida?”
   

Rifiuti, Mucci (Sgb): “Visto l’insuccesso sulla raccolta, chiederemo alle Istituzioni perchè in questi anni non è stata fatta alcuna diffida?”

 

In data 11 settembre 2021,la scrivente organizzazione sindacale ha indirizzato tramite pec, una nota a tutti i  Consiglieri Comunali  di Agrigento. Nella missiva, abbiamo attenzionato l’attuale gestione disastrosa, della raccolta dei rifiuti nella Città, affidata al Gruppo RTI Capogruppo ISEDA. Una gestione  inadeguata e priva di ogni qualsivoglia logica organizzativa. La Città continua ad essere mortificata e con essa gli agrigentini che puntualmente pagano la tassa sui rifiuti. La Città è in piena emergenza spazzatura, una emergenza che non può essere avvolta nel silenzio, nella indifferenza. I cittadini hanno il diritto di sapere perché  il servizio affidato al Gruppo RTI Capogruppo ISEDA lascia a desiderare. I cittadini hanno il diritto di sapere perchè in tutti questi anni, nessuna diffida è stata mossa nei confronti delle aziende, RTI Capogruppo ISEDA ne irrogazioni di sanzioni pecuniarie previste dal contratto. La scrivente non vuole pensare assolutamente ad un silenzio accondiscendente a quanto avviene nella nostra Città. Se così fosse, questa O.S. è pronta ad una raccolta di firme che consegnerà all’attenzione del Prefetto, del Sindaco e se il caso, all’attenzione della Procura della Repubblica. Gli agrigentini vogliono voltare pagina, non vogliono che si ripetano gli errori del passato. Vogliono l’affidamento del servizio “in house”. Affidamento che genera risparmi per il 30% sulla spesa, rispetto l’affidamento al privato. Una percentuale importante per le tasche dei cittadini ed un miglioramento dell’efficienza del servizio stesso.

1COMMENTO
  • Avatar
    Pietro Tornabene 20 Settembre 2021

    Consiglierei alla organizzazione sindacale oltre a rivolgersi ai consiglieri comunali di rivolgersi anche all’autorità nazionale alla quale con la legge n. 205/2017 è stato demandato anche il compito di vigilanza sui rifiuti e non solo per la tariffa.

POSTA UN COMMENTO